Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Una notizia curiosa: perché i serpenti di mare sembrano essere attratti dalle parti intime?

Reading Time: 8 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: BIOLOGIA MARINA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Serpenti marini

 

I ricercatori dell’area indopacifica hanno ricevuto delle segnalazioni su un comportamento quanto meno anomalo dei serpenti marini maschi. Sembrerebbe che, nella stagione degli amori, si avvicinino particolarmente ai costumi da bagno dei bagnanti. Questa notizia curiosa ci dà lo spunto per parlare di questi particolari rettili marini che, circa quindici milioni di anni fa, si adattarono ad una vita completamente acquatica.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Pelamis-platurus.jpg

serpente di mare dal ventre giallo (Pelamis platurus)

Serpenti marini
Gli appassionati dei mari orientali ricorderanno di averli visti nuotare in superficie nelle calde acque costiere orientali, a volte intrecciati fra di loro durante la stagione degli accoppiamenti.  I serpenti marini sono confinati negli oceani tropicali, principalmente nell’Oceano Indiano e nell’Oceano Pacifico occidentale. Alcune specie, come il serpente di mare dal ventre giallo (Pelamis platurus), sono presenti fino al Pacifico orientale, prediligendo le acque pelagiche (ovvero in mare aperto) piuttosto che quelle adiacenti alla terraferma o le acque interne. In alcune occasioni sono visti “galleggiare” in gruppi di centinaia di individui, specialmente nella stagione della riproduzione. Ma esistono anche specie costiere. Ad esempio, il serpente di mare oliva (Aipysurus laevis) tende a vivere nei pressi delle scogliere dove può trovare maggiori prede. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Aipysurus-laevis.jpg

serpente di mare oliva (Aipysurus laevis)

Un’origine terrestre
I serpenti marini appartengono alla famiglia degli Elapidae, la stessa dei serpenti cobra. Non a caso la maggior parte dei serpenti marini è velenosa (fa eccezione solo il genere Emydocephalus).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è serpenti-di-mare-tassonomia.jpg

I serpenti di mare appartengono agli Elapidae che si suddivide in Cobra (terrestri) e nei Hydrophiinae (acquatici) a loro volta suddivisi nei sea krait e negli altri serpenti marini

La loro fama sinistra è legata al loro veleno, tra i più potenti di tutti i serpenti, essendo strettamente imparentati con i serpenti cobra. Il loro veleno contiene alcune sostanze chimiche che si trovano anche in quello dei loro parenti terrestri ma in quantità molto più concentrata. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è le-fauci.jpg

le fauci di un serpente di mare dal ventre giallo (Pelamis platurus)

Nonostante ciò, il loro potenziale pericolo per gli Umani va ridimensionato. Questi serpenti non sono particolarmente aggressivi e mordono solo quando provocati, per cui in genere la maggior parte di loro mantiene un comportamento distaccato o al più difensivo. 

I subacquei sanno che sono animali molto curiosi che tendono a rimanere affascinati dagli oggetti allungati, come ad esempio i tubi ad alta pressione, che confondono per altri serpenti durante la stagione riproduttiva. Ricercatori australiani, che lavorano sulla Grande Barriera Corallina meridionale, hanno scoperto che i serpenti marini d’oliva, in particolare i maschi, si avvicinavano ripetutamente ai subacquei, avvolgendosi attorno alle pinne, con movimenti rapidi a scatti. Questo avviene durante la stagione della riproduzione ma le loro intenzioni non sono aggressive e sono legate semplicemente alla ricerca di … compagnia.

Descrizione
I serpenti marini sono moderatamente grandi e raramente superano i due metri di lunghezza (a parte la specie Hydrophis spiralis, che può raggiungere i tre metri). Nella loro evoluzione la coda ha assunto la forma di una pagaia e molti hanno corpi compressi lateralmente, cosa che gli conferisce un aspetto simile alle anguille.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Hydrophis-spiralis-1024x642.jpg

Hydrophis spiralis, comunemente noto come serpente di mare giallo si nutre principalmente di anguille e si trova nei fondali oceanici fangosi e sabbiosi

A differenza dei pesci non hanno pinne e non hanno branchie per cui devono affiorare regolarmente per respirare attraverso la pelle. Oltre il 90 percento dell’anidride carbonica di scarto e il 33 percento del loro fabbisogno di ossigeno possono essere trasportati attraverso la respirazione cutanea.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Black-banded-sea-krait-1024x677.jpg

Il krait di mare dalle bande nere è un serpente velenoso che si trova nella maggior parte delle calde acque dell’Oceano Pacifico occidentale. Ha una testa corta, un tronco spesso e un collo non facilmente distinguibile. La coda è largamente allargata come una pinna e non supportata da alcuna sporgenza ossea dalla colonna vertebrale

Solo il genere Laticauda (che comprende il Black Banded Sea Krait) ha le tipiche scaglie ventrali dei serpenti ed è considerato il meno evoluto dei serpenti marini. I serpenti marini amano le acque calde e tropicali, tuttavia, quando l’acqua diventa troppo calda, si immergono in profondità o dove possono trovare temperature più fresche.

Attraverso il monitoraggio con trasmettitori, i biologi marini hanno valutato che alcuni serpenti, come i Pelamis platurus, possono immergersi fino a circa 50 metri di profondità, rimanendo sott’acqua per più di tre ore. Sono dotati di “valvole” sulle narici che si chiudono ogni volta che il serpente si immerge. Come altri animali che si sono adattati alla vita in un ambiente marino, i serpenti marini ingeriscono molto più sale rispetto ai loro parenti terrestri attraverso la loro dieta. Per questo motivo ha necessità di regolare la concentrazione di sale nel sangue. Ciò viene fatto attraverso delle ghiandole sublinguali posteriori, situate sotto e intorno alla guaina della lingua, che consentono ai serpenti di espellere il sale con l’azione della lingua. In altre parole, ogni volta che un serpente di mare muove la sua lingua, espelle sale nell’acqua. I serpenti marini si nutrono di pesci (comprese le anguille) e crostacei ma vi sono specie che si sono specializzate nel mangiare uova di pesce (genere Emydocephalus).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Emydocephalus-annulatus.jpg

Emydocephalus annulatus, un caratteristico serpente marino mangiatore di uova, non ha denti sulle ossa dentaria e palatina e manca di veleno, cosa che li rende gli unici elapidi non velenosi

A differenza dei serpenti terrestri che impiegano la vista e l’udito per cacciare, questi sensi sono poco efficienti in acqua a causa della scarsa visibilità, e della difficoltà a percepire vibrazioni.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Acalyptophis-peronii.jpg

Acalyptophis peronii detto comunemente serpente di mare dalla testa spinosa o cornuto., vive nel golfo del Siam in Thailandia, Vietnam, nel mare Cinese, Nuova Guinea, Isole del mare dei Coralli, fino all’Australia

Per quanto concerne la vista, uno studio sui fotorecettori retinici dei serpenti marini (Lapemis curtus, Acalyptophis peronii) ha scoperto tre classi di pigmenti visivi, tutte provenienti da cellule coniche. Nonostante l’effettiva assenza di bastoncelli nei loro occhi, si è scoperto che i geni delle cellule dei bastoncelli (rh1) sono ancora esistenti per cui si presume che alcuni coni potrebbero essere dei bastoncelli trasmutati. Un sensore interessante è stato scoperto nel serpente di mare oliva, Aipysurus laevis, che possiede dei fotorecettori nella pelle della coda che gli consentono di rilevare la luce.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Aipysurus-laevis-2-1024x682.jpg

Apisurus laevis, ha un corpo grande e spesso, a disegno variabile con due forme principali, forma orientale grigio scuro screziato con testa più scura, forme settentrionale e occidentale grigio chiaro con dorso scuro interrotto da scaglie grigio chiaro, in entrambe le forme ha la testa di color marrone oliva. Velenoso anche se non aggressivo, è un animale curioso, spesso si avvicina e si attorciglia attorno ai subacquei

Maggiore importanza si dà alle vibrazioni sonore e alla capacità di chemiocezione. Uno studio ha identificato la presenza di piccoli organi sensoriali sulla testa dei Lapemis curtus, simili ai meccanocettori degli alligatori, usati per percepire il movimento delle prede dei pesci.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Lapemis-curtus.jpg

Lapemis curtus (Photo credit Dr Mark O’Shea)

Per quanto riguarda la chemiocezione, apro una breve parentesi. Tutti gli organismi animali, compresi noi Umani, riceviamo informazioni su alcune sostanze con cui veniamo in contatto tramite i chemiorecettori, cellule specializzate della membrana plasmatica in grado di reagire con alcune sostanze presenti nell’ambiente, innescando risposte automatiche. Tipici esempi sono le cellule olfattive e le cellule gustative. Oltre alla reazione ad odori e sapori, esistono in alcune specie animali la capacità di percepire sostanze che possono indicare la presenza di animali di sesso opposto disponibili per la riproduzione. Nel caso dei serpenti di mare, vista la difficoltà ad identificarsi visivamente, sembrerebbe che la produzione di secrezioni cutanee (feromoni) nella specie Emydocephalus annulatus, possa aiutare ad identificare ed attrarre possibili partner. Questo spiegherebbe la “voglia” di vicinanza di questi serpenti nella stagione dell’accoppiamento.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Hydrophis-Belcheri-1-768x512-1.jpg

L’Hydrophis belcheri, conosciuto come faint-banded sea snake, è un serpente marino molto velenoso. Nella lingua italiana il suo nome può essere tradotto in serpente marino di Belcher. Fortunatamente si tratta di un animale molto docile che difficilmente attacca un essere umano. Per mordere deve proprio essere provocato pesantemente. Inoltre, anche quando morde, inietta solo una parte del veleno.

Riproduzione
Fatta eccezione per un singolo genere, tutti i serpenti marini sono ovovivipari (ovvero le uova rimangono all’interno del corpo della madre fino a quando non si schiudono o stanno per schiudersi).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è sea-snake-mating.jpg

accoppiamento di due serpenti marini dalla fascia nera

I piccoli nascono quindi vivi in acqua dove vivono tutto il loro ciclo vitale. In alcune specie, i giovani sono abbastanza grandi, a volte lunghi fino alla metà della loro madre. L’unica eccezione è il genere Laticauda, che è oviparo ovvero le uova dono depositate all’esterno. 

Quanto sono pericolosi?
Dopo le premesse iniziali questa domanda sorge spontanea. Un loro morso potrebbe essere infatti mortale. È comunque opinione comune che la pericolosità debba essere rivista. In particolare, i subacquei non devono preoccuparsi di essere attaccati mentre nuotano in prossimità di questi serpenti marini.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è serpente-di-mare-1024x410.jpg

Secondo Rick Shine, un biologo esperto in rettili marini del Macquarie University, Australia, “Pochissimi utenti ricreativi dell’oceano vengono morsi dai serpenti marini, quindi il pericolo è basso” … “La maggior parte dei morsi, compresi quelli fatali, sono subiti dai pescatori …” quando cercano di estrarre i rettili dalle reti. Sono eventi rari ed il caso di decesso più recente è stato segnalato a seguito del morso di un serpente krait dagli anelli neri (Laticauda semifasciata) che era stato catturato in una rete da un peschereccio al largo della costa settentrionale dell’Australia nel 2018.

Inoltre, la presenza di guanti e mute in neoprene può proteggere da un morso accidentale in quanto la lunghezza dei loro denti raramente supera i 4 mm.

Recentemente sono apparse delle segnalazioni di serpenti maschi che si avvicinavano particolarmente ai costumi da bagno dei bagnanti. Questo comportamento è stato legato al periodo dell’amore, quando i maschi, in frenesia sessuale, ricercano le femmine. Vista la loro vista non ottimale cercano di percepire gli odori (per scoprire possibili compagne) per cui si avvicinano anche alle parti intime “annusandole”. Nulla di pericoloso anche se, possiamo immaginarci, non è un’esperienza esaltante.  

In sintesi, in caso di incontri, valgono sempre le solite regole: restate calmi, godetevi l’immersione e rispettate le altre forme di vita.

 

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 177 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »