Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

La danza dei poli magnetici, cause ed effetti – parte I

tempo di lettura: 6 minuti

.
livello elementare 

.
ARGOMENTO: NAUTICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: magnetismo terrestre, poli, navigazione
.

Quattro miliardi di anni fa la Terra sviluppò il suo campo magnetico. Abituati a valutare quello che percepiamo con i nostri sensi, noi Umani non realizziamo la sua importanza se non attraverso degli strumenti di misurazione, considerando la sua presenza un semplice fatto fisico. Eppure la sua conoscenza è fondamentale in molti campi applicativi, ci protegge dalle radiazioni cosmiche e, non ultimo, da circa un millennio di anni ci consente di navigare. Dall’analisi di alcuni dei più antichi minerali sulla Terra, gli zirconi di Jack Hills (Australia), è stato scoperto che il campo magnetico si formò oltre 4 miliardi di anni fa ovvero, si fa per dire, solo poche centinaia di milioni di anni dopo la formazione del pianeta. Questo potrebbe significare che la tettonica a placche iniziò molto prima di quanto pensassimo e che, grazie a quel campo invisibile, intorno al nostro pianeta si formò quello scudo che da allora ci protegge dalle radiazioni cosmiche.

Gli scienziati hanno utilizzato un magnetometro ad alta risoluzione per misurare i deboli segnali magnetici dei minerali ferrosi intrappolati all’interno degli zirconi. La cosa straordinaria è che questi segnali ci indicano la forza e la direzione del campo magnetico terrestre fotografati al momento della formazione di questi cristalli ovvero 4 miliardi di anni fa. Gli zirconi di Jack Hills hanno rivelato che il campo magnetico fluttuò in forza da un valore simile agli odierni, circa 25 microtesla,  a circa il 12% di quello attuale. Il valore misurato non è costante ma i due zirconi più antichi ritrovati hanno rivelato che il campo magnetico era già esistente 4,2 miliardi di anni fa. 

La presenza di un così antico campo magnetico terrestre suggerisce che la tettonica delle placche iniziò quindi più di 4 miliardi di anni fa, avviando un fenomeno fisico di convezione che favorì la perdita di calore nello spazio e lo sviluppo della vita.
.

Conosciamo il campo magnetico terrestre
Il campo geomagnetico è un fenomeno fisico naturale che possiamo visualizzare come quello di un dipolo magnetico (ovvero un magnete) con poli non coincidenti con quelli geografici e con un asse inclinato di circa 11,30° rispetto all’asse di rotazione terrestre.

Il campo magnetico terrestre si estende per migliaia di chilometri nello spazio, formando una zona chiamata magnetosfera, una sorta di “scudo” elettromagnetico che devia i raggi cosmici e tutte le particelle cariche, riducendo la quantità che raggiunge il suolo. Le sue linee di forza perdono, già a qualche raggio terrestre di quota la simmetria planetaria e risultano schiacciate nella direzione del Sole ed allungate nella direzione opposta fino alla distanza di circa 190 raggi terrestri.

La magnetosfera terrestre ha origine nel nucleo esterno fluido del pianeta ad una profondità di circa 3000÷5000 km. L’instabilità delle correnti magneto-fluidodinamiche causa le inversioni di polarità del campo geomagnetico dovute alla non omogeneità elettromagnetica delle placche tettoniche nel nucleo terrestre.

Sebbene il campo magnetico non sia evidenziabile se non con strumentazioni scientifiche, alle alte latitudini crea effetti spettacolari come l’aurora polare, generata dall’interazione tra il vento solare e la magnetosfera.

Campo magnetico terrestre
Immaginiamo che un dipolo magnetico sia ora posto nel nucleo esterno terrestre, con una direzione coincidente con l’asse del dipolo. Per convenzione, le linee di forza del campo magnetico terrestre entrano nell’emisfero nord (emisfero boreale) ed escono dall’emisfero sud (emisfero australe). Probabilmente tutti avrete fatto a scuola l’esperimento con la limatura di ferro posta su un foglio appoggiato su una calamita (che fungeva da magnete). Avvicinando il magnete al foglio si notava che la limatura di ferro si disponeva su delle linee immaginarie tra il polo positivo e quello negativo, evidenziando le linee di forza di quel campo magnetico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Magnetosphere_rendition-wikipedia-1024x560.jpg

Immagini in anteprima il campo magnetico terrestre fa da scudo alla superficie della Terra dalle particelle cariche del vento solare. È compresso dal lato del giorno (ovvero del Sole) a causa della forza delle particelle in avvicinamento, mentre è esteso dal lato della notte – autore NASA – https://www.esa.int/./The_Sun-Earth_connection File:Magnetosphere rendition.jpg – Wikimedia Commons

Il campo magnetico e la navigazione
La bussola magnetica utilizza lo stesso principio ovvero l’ago magnetico indica sempre il polo nord magnetico e consente di orientarci ovvero di seguire delle direzioni costanti nel nostro movimento sulla Terra oppure di determinare posizioni geografiche attraverso più rilevamenti di oggetti fissi lungo il nostro percorso.

Questa caratteristica fisica era già nota ai Cinesi (nell’VIII secolo) e fu poi appresa dagli Arabi nell’XI secolo. La prima descrizione di una bussola si deve invece ad un francese, Peter Peregrinus,  che diede alle due estremità dell’ago magnetico il nome di polo nord e polo sud. Come sappiamo, lo strumento fu poi perfezionato da Flavio Gioia che ne intravide un uso nautico e fu così adottato dagli Amalfitani nel XIV secolo. 

Asse terrestre ed asse magnetico
Premesso questo dobbiamo dare alcune definizioni ch eci serviranno come base per i nostri approfondimenti di navigazione. Iniziamo con l’asse terrestre, una linea immaginaria che congiunge i due poli geografici terrestri e attorno al quale la Terra compie il suo moto di rotazione. Sfortunatamente l’asse magnetico, che congiunge i due poli magnetici, non è coincidente con l’asse terrestre. Questo comporta che per poter correlare il polo nord magnetico con quello geografico va apportata una  correzione chiamata declinazione magnetica (d)

Vediamo cosa comporta
Volendo mettere su una carta geografica una posizione, in assenza di altri strumenti, possiamo utilizzare l’intersezione di più rilevamenti angolari ottenuti con una bussola magnetica. Non coincidendo i due assi, dovremo per forza considerare il valore di declinazione magnetica d. Ogni carta nautica riporta una rosa graduata sulla carta. Nel cartiglio troviamo il valore di declinazione magnetica ad un certo anno specificando se tale valore aumenta o diminuisce col tempo. 

Il valore di declinazione magnetica d va sempre attualizzato, considerando che la correzione annua può essere positiva o negativa e il calcolo deve tenere conto dell’ultimo valore di riferimento calcolato in un anno di riferimento.

Ad esempio se trovate scritto:
Declinazione 1° 24′ Est (2004) con variazione annua 7′ Est significa che il valore di declinazione (d) dovrà essere aggiornato di 7′ verso Est per ogni anno dopo il 2004. 

 

Vediamo subito una applicazione nautica
Immaginiamo di prendere un rilevamento con la bussola (RLVm) di un punto noto sulla costa. Se lo mettessimo direttamente sulla carta geografica commetteremo un errore a causa della declinazione magnetica locale. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è pv-pb-pm-carte-cartografia-rv-rm-rb-mucedola-1024x571.png

@ disegno andrea mucedola

Per cui per ottenere il RLV  dovremo correggere il valore applicando questa formuletta:

RLV geografico = RLV magnetico  + d   dove d è il valore della declinazione magnetica attualizzato ovvero calcolato al momento dell’osservazione 

Va da se che quando parliamo di navigazione parleremo di Prore per cui avremo la Prora vera (PV), Prora magnetica (Pm) e Prora bussola (Pb).

Ma non è finita qui
Per completezza, essendo la bussola magnetica sensibile ai campi ferrosi circostanti, qualora si effettui la misura da un’imbarcazione in ferro, dovrete applicare anche un’altra correzione chiamata deviazione magnetica, che viene indicata con la lettera greca  δ.

Questi valori si ritrovano in tabelle specifiche calcolate per ogni imbarcazione, attraverso i giri di bussola. Essa viene determinata eseguendo i “giri di bussola“, ovvero dopo aver ormeggiato la nave  ad una boa viene misurata con precisione la differenza tra il valore della Prua magnetica conosciuta e l’indicazione della bussola. Alla fine viene compilata una tabellina simile a quella della figura a lato, in cui viene riportato il valore di Prua da mantenere per ottenere le prue magnetiche indicate Non vi preoccupate, ne parleremo un’altra volta; per ora sappiate che a bordo troverete queste tabelline che per ogni rilevamento vi daranno il valore di δ relativo da applicare per le correzioni. 

Nota bene
I valori della d e della δ sono sempre da applicare con il proprio segno

Prima di iniziare la vostra navigazione dovrete tracciare sulla carta la rotta vera (prora vera) che volete seguire. Dovendo trasformare la prora vera in prora bussola (dato che seguirete in realtà la bussola) dovrete applicare queste semplicissime formule. 

Pv= Pb+d+δ dove Pv è la rotta disegnata sulla carta nautica

Pb= Pv-d-δ   dove Pb è la rotta da seguire con la bussola di bordo

Prora vera
Pv
declinazione
d
deviazione
δ
Prora bussola
Pb
057° 4° E (+) + 3 050°
057° 4° W (-) + 3 058°
057° 4° E (+) – 3 056°
057° 4° W (-) – 3 064°

Semplice vero? Buon vento e buon mare.

A

Immagini in anteprima il campo magnetico terrestre fa da scudo alla superficie della Terra dalle particelle cariche del vento solare. È compresso dal lato del giorno (ovvero del Sole) a causa della forza delle particelle in avvicinamento, mentre è esteso dal lato della notte – autore NASA –
https://www.esa.int/ESA_Multimedia/Images/2007/10/The_Sun-Earth_connection File:Magnetosphere rendition.jpg – Wikimedia Commons

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

PARTE I PARTE II

Loading

(Visited 614 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

47 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
47 visitatori online
47 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 56 alle 03:12 pm
Mese in corso: 65 alle 05-07--2024 10:16 am
Anno in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x