If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Emergenze ambientali: Plastiche in mare … finalmente qualcosa si muove

Reading Time: 6 minutes

livello elementare 
.
ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: ODIERNO
AREA: OVUNQUE
parole chiave: plastiche, decreto Salva mare

 

il mare restituisce la nostra inciviltà – foto Andrea Mucedola


Gli oceani
sono diventati un ricettacolo di rifiuti per ogni tipo di plastica. I problemi ambientali e di salute associati all’inquinamento plastico sono un problema internazionale riconosciuto da lungo tempo. Circa l’80% dei rifiuti che si accumulano su terra, litorale, le superfici oceaniche fino ai più profondi fondali marini è composto da plastica. Come sappiamo le materie plastiche hanno dalla loro parte una serie di proprietà davvero uniche: sono economiche, leggere, resistenti, resistenti alla corrosione e con elevate proprietà di isolamento termico ed elettrico. Caratteristiche che le rendono, per ora insostituibili. Questa versatilità di manipolazione ha di fatto rivoluzionato le nostre vite. Non esiste un campo in cui le plastiche non vengono utilizzate: dalla tecnologia dell’informazione alle dotazioni sanitarie, dagli imballaggi ai trasporti. 

vaste regioni del mondo sono diventate discariche a cielo aperto … e non è solo un problema di pulizia … a causa della loro porosità, questi rifiuti plastici divengono ricettacoli di veleni e tossine pericolosissime per la nostra salute

Non sorprende che, con una popolazione mondiale in continua espansione e con standard di vita in continuo miglioramento, la produzione di questi materiali sia aumentata da 0,5 a 260 milioni di tonnellate all’anno dal 1950, rappresentando oggi oltre l’8% dei derivati dalla produzione mondiale di petrolio.

Antropocene vs Plastocene
Si parla molto dell’entrata della Terra in una nuova epoca geologica. Alcuni dicono che Antropocene non rappresenti più pienamente l’Era in cui i processi che hanno plasmato la Terra sono sempre più influenzati dall’Homo sapiens. Grazie alle nuove tecnologie, il mondo circostante diventa sempre legato alle plastiche al punto che l’Era nella quale stiamo vivendo potrebbe essere definita più propriamente Plastocene.

Purtroppo, non ne possiamo fare a meno ed è diventata parte della nostra esistenza quotidiana. Basta guardarvi intorno, siamo tutti circondati da plastiche di caratteristiche diverse: da quelle dure dei contenitori agli imballaggi degli alimenti, fino alle nanoplastiche contenute nei filtri delle sigarette che penetrano nel terreno raggiungendo le falde acquifere da cui attingiamo le nostre acque. Possiamo dire che siamo affogati in un mondo di plastica che produce rifiuti purtroppo spesso duraturi e che esisteranno ancora fra migliaia di anni. Un pensiero terrificante se consideriamo che negli anni ’60 meno dell’1% dei nostri rifiuti era composto da questi materiali ed ora siamo oltre l’80% in molti Paesi del mondo.

Il mare restituisce sui litorali i segni della nostra inciviltà

Uno dei problemi maggiori  è che una parte importante della plastica prodotta ogni anno viene ancora utilizzata per realizzare articoli monouso o comunque a vita breve. Buste non degradabili sono ancora disperse nell’ambiente insieme a detriti di plastiche di forme e colori diversi.  I vantaggi maggiori che la hanno resa così popolare sono in realtà la fonte maggiore di problemi. Leggerezza, malleabilità e durabilità sono ottenuti aggiungendo sostanze chimiche tossiche per l’ambiente che vengono poi rilasciate ed entrano nella nostra catena alimentare e nelle falde acquifere. 

la frammentazione delle plastiche

Anche gli oggetti in plastica che galleggiano diventano involontari portatori di sostanze nocive. La lenta fotodegradazione e l’abrasione ne provoca la rottura in miriadi di pezzi  sempre più piccoli così “che possono essere consumati dal più piccolo animale marino alla base della rete alimentare “, secondo un rapporto del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP 2009).

Per la serie tutto finisce in mare
Gli ambienti marini salini e l’effetto di raffreddamento della temperature delle acque  fanno sì che il degrado richieda tempi di esposizione molto lunghi. La persistenza di detriti di plastica è fortemente dimostrata dal ritrovamento in fosse abissali di plastiche del secolo scorso. Fece scalpore la scoperta nello stomaco di un uccello marino di plastica originata da un aereo abbattuto 60 anni prima a circa 9.600 km di distanza.

La loro galleggiabilità comporta che possono diventare preda delle correnti  oceaniche in vortici infernali di sempre maggiori dimensioni, che le raccolgono e trasportano attraverso i bacini oceanici. Ma la contaminazione non si estende solo alle coste e si spinge nel blu, verso le zone più profonde del mare, dai poli all’equatore ed alle isole più remote. Il numero crescente di segnalazioni di detriti di plastica galleggianti e sommersi aiuta a comprendere la magnitudine del problema significando che questi vortici non si limitano agli oceani ma si originano anche in mari relativamente chiusi come il Mediterraneo.

Un passo avanti per salvare il mare
Iniziative di contrasto al fenomeno sono dilagate in questi ultimi anni in tutto il mondo; da campagne di raccolta e pulizia dei litorali al monitoraggio delle superfici marine. In Italia, il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare Sergio Costa, ha approvato un disegno di legge che introduce disposizioni per la promozione del recupero dei rifiuti in mare e per l’economia circolare. Il testo ha l’obiettivo di contribuire al risanamento dell’ecosistema marino e alla promozione dell’economia circolare, favorire il recupero dei rifiuti accidentalmente pescati dai pescatori, incentivare campagne volontarie di pulizia del mare e sensibilizzare la collettività per la diffusione di modelli comportamentali virtuosi rivolti alla prevenzione del fenomeno dell’abbandono dei rifiuti negli ecosistemi marini e alla corretta gestione degli stessi.

vecchie reti, lenze e materiali plastici divengono trappole mortali per gli animali marini

In particolare, questo disegno di legge disciplina la gestione e il riciclo dei rifiuti accidentalmente raccolti in mare a mezzo delle reti durante le operazioni di pesca e dei rifiuti volontariamente raccolti. Tali rifiuti, un tempo ributtati in mare, potranno essere quindi recuperati e gestiti al rientro in porto senza gravare sui raccoglitori, tramite strumenti di servizio le cui spese saranno coperte da una specifica componente della tassa sui rifiuti. Inoltre, al fine di diffondere modelli comportamentali virtuosi rivolti alla prevenzione del fenomeno dell’abbandono dei rifiuti nell’ecosistema marino e alla loro corretta gestione, si prevede l’attribuzione di una certificazione ambientale agli imprenditori ittici che si impegnino a utilizzare materiali a ridotto impatto ambientale, partecipino a campagne di pulizia del mare o conferiscano rifiuti accidentalmente pescati.

 

i pescatori recuperano nelle loro rete molti materiali inquinanti che possono poi essere smaltiti in porto … non lasciamoli soli 

Un passo avanti importante per la lotta alle plastiche in mare che, ci auspichiamo, venga seguito dal ritorno dell’obbligo di insegnamento nelle scuole dell’educazione ambientale. Questo fattore è considerato assolutamente necessario per forgiare nuove generazioni eco consapevoli in grado di mitigare con il loro comportamento l’afflusso di questi rifiuti in mare. Tanto si è fatto … ma tanto c’è ancora da fare per il nostro futuro.

abbandonati su una spiaggia, in zona archeologica … è questa la nostra civiltà? – foto Andrea Mucedola

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 105 times, 1 visits today)
Share

1 commento

  1. Bruno Cammarota Bruno Cammarota
    10/04/2019    

    Molto bene, congratulazioni Andrea. Quello che particolarmente condivido è il tuo stile documentaristico. E’ importante l’informazione scientifica coerente, proposta con grande capacità di comunicazione del suo “core” che arriva al grande pubblico. Altro aspetto importante è riunire anche altro alle immagini drammatiche della violenza sulla vita delle specie e sull’ambiente, azione da decerebrati che ci allarma sulla possibile regressione da Homo sapiens sapiens ad Homo non sapiens non sapiens. Qualcosa sta cambiando dici bene e a tratti con una accelerazione SORPRENDENTE (vedi Puglia Comune di Napoli etc…) vedi normativa europea protezionistica. Importante comunicare anche il valore dei piccoli gesti individuali. Ho avuto modo di indicare come l’appartenenza alla CE ci imponga di osservarne le direttive ma non ci impedisce di anticiparle quando sono virtuose e questo ne è un caso. Credo che il Disegno di legge proposto dal Ministro Costa sia un eccellente passo ma possa prevedere strumenti più efficaci per retribuire i pescatori che recuperano la plastica e indicare obiettivo di ricerca applicata e prioritaria sul ricondizionamento delle plastiche pescate per introdurle correttamente in filiera di riciclo. Mi fermo per ora. ciò che fai è esattamente ciò che dobbiamo e chi ha esperienza e conoscenza la metta come te a disposizione della popolazione, grazie Andrea, sei una specie di Marsili ma in senso buono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »