If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Storia dell’Accademia Navale di Livorno, casa madre di generazioni di ufficiali di Marina

Reading Time: 5 minutes

.
livello elementare 
.

ARGOMENTO: MARINA MILITARE
PERIODO: XIX – XXI SECOLO
AREA: LIVORNO
parole chiave: Accademia Navale

 

Esiste un luogo magico, in cui da oltre un secolo tradizione ed innovazione si susseguono: l’Accademia Navale di Livorno. In quell’Istituto che si affaccia sul mare, dal 1881, anno della sua inaugurazione, vengono formati gli Ufficiali, prima della Regia Marina ed oggi della Marina Militare italiana.

La sua storia, come molte delle sue tradizioni arrivate intatte fino ai giorni nostri, è stata scritta non solo dagli Uomini che scrissero pagine di valore della nostra storia navale  ma anche dai tanti Uomini ed oggi Donne che silenziosamente, come nello stile della Forza Armata, operano in mare e dal mare per il nostro Paese.

Questa è forse la magia di questo Istituto universitario, austero e d’élite, dove gli allievi e gli ufficiali che frequentano i corsi interni sono sottoposti da sempre a ritmi intensi dove studio, sport e addestramento militare si conciliano con lo scopo di creare Ufficiali in grado di rappresentare con onore per mare e per terra il nostro Paese. Certo non è una scelta per tutti; ci vuole molta volontà e soprattutto motivazione per mantenere accesa quella fiamma accesa fra quelle mura antiche durante la carriera. I venti di terra come quelli di mare soffiano violenti e molti si perdono per strada. Per questo motivo l’Accademia, possiamo dire storicamente, ha sempre preferito selezionare con cura il proprio personale nella consapevolezza delle prove che i suoi figli avrebbero dovuto sostenere per mare  e per terra nella loro vita.

Una lunga storia
La Marina del Regno di Italia, per opera del Ministro Camillo Benso Conte di Cavour, incominciò ad organizzarsi  prima del 17 marzo 1861, data in cui il Re Vittorio Emanuele assunse il titolo di Re d’Italia.

Nel gennaio 1861, Cavour creò il Ministero della Marina separandolo da quello della Guerra. Sebbene Presidente del Consiglio fu lui il primo ministro della Marina, nella consapevolezza dell’importanza di creare uno strumento navale importante per il prestigio del nuovo Regno. La sfida maggiore fu quella di integrare delle realtà totalmente diverse: la piccola Marina Sarda rinforzata dal naviglio borbonico, siciliano e toscano, una flotta eterogenea di navi ad elica ed a vela. L’unificazione degli Ufficiali non fu facile. Molti Ufficiali della Marina napoletana si rifiutarono di aderire alla nuova Marina, sebbene gli fosse stato concesso di mantenere il loro rango ed anzianità. Problema ancor più complesso fu l’integrazione degli Ufficiali della Marina dittatoriale siciliana, per lo più irregolari arruolatisi nell’esercito di Garibaldi che comprendevano ex ufficiali della Marina Sarda ma anche borbonici e austroungarici  che erano stati cacciati da Venezia dopo i moti del 1848.

Benedetto Brin

A seguito dell’Unità d’Italia la scuola di marineria fu fondata su iniziativa dell’allora ministro della Marina, l’Ispettore Generale del Genio Navale Benedetto Brin che riunì in questa istituzione le due precedenti scuole la Regia scuola di marina” del Regno di Sardegna”, che aveva sede a Genova, e “la Real Accademia di Marina borbonica”, di Napoli. Due mondi professionalmente diversi, con approcci differenti in un’Italia appena nata in cui convivevano di fatto tre marine, la Sarda, la Borbonica e quella siciliana. Dopo aver analizzato molte ipotesi, tra cui il Lazzaretto del Varignano, fu il Conte Camillo Benso di Cavour a proporre che essa nascesse a Livorno, un pò perché in posizione centrale rispetto alle precedenti, ma anche perché ben raggiungibile.

La zona dove fu realizzata la scuola ospitava dal 1640 il Lazzeretto di San Jacopo, una vera cittadella sul mare, circondata da un fossato ed un’alta muraglia alla quale si accedeva solo da un ponte levatoio che assicurava il dovuto isolamento per la quarantena degli equipaggi delle navi.

Sul grande portale monumentale d’ingresso, sopra l’arco si legge ancora la targa marmorea che commemora l’utilità dell’opera pubblica per la salute e la navigazione: “Petrus Leopuldus Arch. Austr. Hung. Boem. R.P. Magnus Etrur. Dux navigationis et salutis publicae vindex hominibus mercibusque graviore pestilentiae suspicione notatis tutius expurgandis remotiorem hanc insulam et porticus designavit construxit ann. MDCCLXXIII“.

Una partenza in salita
L’unione in un’unica sede delle due scuole, al fine di formare i futuri ufficiali del Regno, non fu facile. Tra i vari aspetti presi in considerazione c’era anche quello della lingua; in Toscana si parlava l’italiano, assunto come lingua ufficiale in un Regno ancora diviso dai dialetti e la scelta di Livorno dava garanzia per una corretta e comune formazione agli allievi. Uno tra i primi a frequentarla, oltre a numerosi Savoia, fu Manlio Garibaldi, l’ultimo figlio maschio di Giuseppe Garibaldi, che acquistò una villa nella zona di Ardenza. La progettazione del complesso di edifici fu affidata al capitano del Genio militare Luigi Pestalozza ed i lavori furono avviati nel 1878 sotto la guida dell’ingegnere livornese Angiolo Badaloni.

Nel 1913 fu poi annessa al complesso dell’Accademia Navale anche l’adiacente area occupata dal preesistente lazzaretto di San Leopoldo, dove ora si ritrovano le strutture didattiche.

L’Accademia navale ricevette la bandiera d’Istituto nel 1906 dal Re Vittorio Emanuele III che la consegnò nelle mani del Comandante dell’Istituto, incarico ricoperto dall’allora Capitano di vascello Thaon di Revel, che sarebbe stato l’artefice della vittoria sul mare durante il successivo primo conflitto mondiale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è i-corso-areonautico-accademia-a-livorno-corso-aquila-.jpg

corso Aquila I dell’accademia aeronautica svolto a Livorno

Non tutti sanno che gli edifici dell’Accademia Navale di Livorno ospitarono, dal 1923 fino al 1926, anche gli allievi di quella che sarebbe diventata l’Accademia aeronautica. La Regia aeronautica, istituita come forza armata autonoma, utilizzò questa sistemazione provvisoria per i propri allievi ufficiali in attesa di dotarsi di una propria accademia. 

Nel corso della seconda guerra mondiale, a causa dei bombardamenti, che colpirono Livorno tra il 1943 e il ’44, l’Accademia fu costretta a trasferirsi a Venezia e, successivamente, dopo soli due mesi, a Brindisi, presso le strutture del Collegio navale “Niccolò Tommaseo” della GIL, dove rimase fino al 5 giugno 1946, data in cui l’Istituto fece finalmente rientro a Livorno.

Le strutture che ospitavano l’Accademia avevano subito forti danni a causa dei bombardamenti e fu necessario intraprendere, nel primo dopoguerra, una sostanziale opera di ricostruzione e di potenziamento delle infrastrutture che durò vent’anni e che vide, nel 1966, la consegna del moderno “Palazzo Studi“, attuale sede dei laboratori e aule didattiche specialistiche.


Dopo aver raccontato anche se brevemente  la sua lunga storia, in un prossimo articolo visiteremo la casa madre di tanti Ufficiali di Marina.

Andrea Mucedola


,

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 547 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »