If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Le attività marittime della civiltà della valle dell’Indo e degli antichi regni tamil

Reading Time: 6 minuteslivello elementare

.

ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA 
PERIODO: 4 – 2 millennio a. C.
AREA: OCEANO INDIANO
parole chiave: Civiltà della Valle dell’Indo, Civiltà di Harappa, Tamil, Cholas

,

La Civiltà della Valle dell’Indo, nota anche come Civiltà di Harappa, prosperò dal 2.600 al 1.900 a.C. in un’area dal Mar Arabico al Gange, su quello che oggi è il Pakistan, l’India e l’Afghanistan e fu una delle tre prime civiltà insieme all’antico Egitto e alla Mesopotamia. Si pensa che nell’età del bronzo si diffuse fino all’odierno Pakistan e nell’India nord-occidentale e, al suo apice, raggiunse cinque milioni di persone che vivevano principalmente nelle città costruite lungo il bacino del sistema fluviale Ghaggar-Hakra. La loro ricchezza, derivata dalla grande fertilità dei terreni e lo sviluppo di linee commerciali organizzate, sia via terra che via mare, portarono questa civiltà tutt’altro che primitiva a fiorire in parallelo a quella degli antichi Egizi.

Intorno al II millennio a. C., in relativamente poco tempo, una grave crisi portò al crollo delle economie locali. Una teoria ipotizza che fu dovuta ad un improvviso cambiamento del clima che indebolì la struttura politico economica, portando al collasso quella civiltà. I climatologi ritengono che circa 4000 anni fa avvenne una improvvisa e critica siccità, seguita da un deciso raffreddamento delle temperature, che segnò l’inizio dell’attuale fase dell’Olocene. Le conseguenze furono gravissime, sia dal punto di vista economico che politico. All’indebolimento della governance seguì un lento sfaldamento del controllo statale e, forse, l’invasione di un popolo proveniente da Ovest, gli Arii, ma questa è un’altra storia.

ricostruzione di una nave del regno tamil di Cholas ricostruita dall’Archaeological Survey of India (ASI).
Ubicazione: Government Museum, Tirunelveli, Tamil Nadu state, India

Come fu possibile un crollo così repentino?
Innanzitutto cerchiamo di capire quale fu l’impatto che causò la caduta di una civiltà così avanzata. Geograficamente parlando il sistema fluviale del Ghaggar-Hakra è alimentato dalle piogge monsoniche,  per cui la prosperità delle aree agricole dipende dalle periodiche inondazioni. Intorno  al 1800 a.C. il clima della Valle dell’Indo divenne significativamente più freddo e secco intorno, a causa di un indebolimento dei monsoni. Questo portò a inondazioni irregolari e meno estese che resero le coltivazioni agricole meno sostenibili. La rapida aridificazione dei terreni causò la fine della Civiltà della valle dell’indo, disperdendo la sua popolazione verso oriente, che in parte si spinse verso il Tamilakam.

I regni del Tamilakam
Nella parte meridionale dell’India si trovava il Tamilakam, una regione abitata dall’antico popolo Tamil distribuito su su diversi territori. Le fonti storiche li descrissero come un’unica area culturale, dove il tamil era la lingua principale. Il Tamilakam era diviso in regni di cui i più noti erano i Cheras, Cholas, Pandyans e Pallavas. Durante il periodo Sangam, la cultura Tamil iniziò a diffondersi anche al di fuori del Tamilakam in Sri Lanka e alle Maldive (Giravarus).

Dal IV secolo a.C. in poi, l’urbanizzazione e l’attività mercantile lungo le coste occidentali e orientali portarono allo sviluppo di quei quattro regni Tamil, spesso in guerra tra di loro per il dominio del vasto territorio ma anche delle rotte dove, fiorirono prospere attività testimoniate nel Tolkappiyam, un antica opera letteraria tamil. L’inizio delle loro attività marittime potrebbe essere datato intorno al 3.500 a.C.,  sviluppandosi nel tempo con un picco dal 2.250 al 1.950 a.C..

La marittimità nei regni dell’India risale ad oltre 3 millenni fa. In questa moneta emessa durante il regno del re Satavahana Vashishthiputra Shri Pulumavi (130 d.C. – 150 d.C.) viene raffigurata una nave con due alberi. Ubicazione: British Museum, London, United Kingdom.

Una curiosità: questa marineria asiatica ha lasciato tracce anche ai giorni nostri. Pensiamo alla parola catamarano, che viene dal tamil kaööa-maram, “albero legato”, e indicava una specie di zattera a remi e vela triangolare, usata nell’India fino all’Oceania per traversare le barre degli atolli e raggiungere l’alto mare.

Il dominio dei mari da parte dei Tamil durò fino a quando gli Arabi iniziarono a prendere il controllo a Ovest ed i Cinesi a Est della penisola indiana.

catamarano tamil

La marittimità Tamil
Oltre 4000 anni fa, nell’area dell’Oceano Indiano, esisteva quindi una vasta rete commerciale marittima che operava tra le civiltà Harappa e Mesopotamica con gran parte del commercio gestito da intermediari, i mercanti Dilmun, antichi abitanti degli attuali Bahrain e Failaka (un isola di fronte al Kuwait) nel Golfo Persico. Tale commercio marittimo a lunga distanza divenne fattibile con lo sviluppo di imbarcazioni costruite con lunghe assi, dotate di un unico albero centrale che supportava una vela di giunchi intrecciati o di stoffa.

Manama National Museum, oltre 4000 anni fa, il Bahrain era già un importante hub commerciale che agiva da intermediario con i regni della regione

Si ritiene che il commercio tra la Valle dell’Indo ed i vicini occidentali avveniva lungo il Golfo Persico anziché via terra. Ciò è stato provato dalla distribuzione di manufatti della Valle dell’Indo ritrovati nella penisola dell’Oman, in Bahrain e nella Mesopotamia meridionale che rende quindi plausibile l’ipotesi che gli antichi mercanti effettuassero una serie di tappe marittime dai porti indiani fino alla regione del Golfo. Negli anni ’80 importanti scoperte archeologiche fatte a Ras al-Jinz (Oman) confermarono l’esistenza di collegamenti marittimi della Valle dell’Indo con la penisola arabica.

sigillo epoca Dilmun

Le capacità marittime degli antichi Tamil
Per correlare le testimonianze archeologiche degli antichi Tamil con la Civilizzazione della Valle dell’Indo, vanno considerate le fonti letterarie antiche, poiché le testimonianze archeologiche esistenti non vanno oltre il 2000 a.C. fino al periodo storico al VI secolo a. C.. Degna di nota è una composizione scritta del periodo Sangam, presentata dal dottor Rama Krishna Rao all’International Symposium on Indus Civilization and Tamil Language di Chennai nel 2007. Nel racconto viene descritto con pregevoli dettagli il viaggio di una di quelle antiche navi commerciali.

Dal documento ho estratto alcuni punti (prima colonna) esplicitati nella seconda colonna. Dalla loro lettura si comprende quanto fosse sviluppata la marittimità in quelle terre lontane.

antica nave indiana

Dall’analisi di queste descrizioni si comprende che gli antichi Tamil, forse 4000 anni fa, erano già in possesso di conoscenze avanzate di navigazione e di tecniche di costruzione navale. Le prove archeologiche sono ancora limitate ma studiosi della Tamil University hanno ritrovato ancore di pietra nelle aree costiere dell’India meridionale del III secolo a.C.. e qualche rappresentazione delle loro navi sui templi e su qualche moneta.

Dwaraka, resti del porto

ancora in pietra, Dwaraka

Importante è stata la scoperta di un porto sommerso a Dwaraka, nell’oceano indiano occidentale. Il porto fu probabilmente un centro importante per i commerci verso il mare arabico ma fu distrutto da un cataclisma 5000 anni fa. Dwaraka ha ora incominciato a restituire degli artefatti comprese delle antiche ancore in pietra ma è ancora troppo poco per comprendere le conoscenze di questi antichi marinai che, oltre quattro millenni fa, solcavano i mari orientali, sfidando monsoni e tifoni. C’è ancora molto da scoprire e chissà che il ritrovamento di qualche relitto ci aiuti a conoscerli meglio.

 

.

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 81 times, 1 visits today)
Share

2 commenti

  1. Liliana Romagna Liliana Romagna
    17/11/2020    

    Molto interessante, non potevo immaginare che questi indiani fossero tanto esperti da navigare con le loro imbarcazioni nell’oceano, cosa non facile !

    • 17/11/2020    

      In realtà questo ci fa comprendere che la lancetta della storia dovrebbe essere messa indietro di almeno duemila anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share