If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Le correnti marine di Andrea Mucedola

Reading Time: 5 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: OCEANOGRAFIA
PERIODO: na
AREA: DIDATTICA
parole chiave: correnti marine

 

Giganteschi movimenti di acque attraversano gli oceani, trasportando acque con diverse caratteristiche chimico fisiche che regolano il clima del pianeta. Sono le grandi correnti marine oceaniche che, trasportando acqua calda dalle basse alle alte latitudini, innalzano la temperatura dell’atmosfera alla quale cedono parte del loro calore. Un compito importantissimo che ci permette di vivere sul nostro pianeta. Questi flussi dinamici si distinguono dalle correnti di marea per la loro costanza nel tempo che li rende permanenti nella circolazione degli oceani.


Da cosa sono formate?

La genesi delle correnti è legata alle variazioni della forza di gravità che agisce su masse d’acqua contigue di diversa densità. Poiché l’acqua fredda e salata è più densa, e perciò più pesante di quella più calda e meno salata, tende a sprofondare ed a scorrere sotto quella più leggera: i movimenti delle masse d’acqua di questo tipo sono chiamati correnti di gradiente Altro tipo di correnti sono quelle di deriva e sono dipendenti dall’azione del vento sulle superfici. Le scopriremo fra poco. Verticalmente le correnti marine si suddividono in superficiali, interne e di fondo. Le superficiali sono dovute all’effetto combinato delle correnti di gradiente e di deriva mentre quelle interne sono dovute alle variazioni fisiche di pressione e di densità delle masse d’acqua. Le ultime, le correnti di fondo, sono legate prevalentemente all’andamento morfologiche dei fondali e di gradiente. Matematicamente possono essere rappresentate con un vettore direzione e forza che, come vedremo, dipendono da un certo numero di fattori.
 

Principalmente, la direzione delle correnti marine è suggerita dalla Forza di Coriolis, che, come ricorderete, è legata alla rotazione del nostro pianeta. Questa forza tende a far deviare la corrente verso destra (in senso orario) nell’emisfero Nord o verso sinistra (senso antiorario) in quello meridionale. Gli effetti aumentano dall’Equatore verso i Poli e dalla superficie verso il fondo del mare. Considerando la variabilità dei fattori che ho elencato, le correnti marine possono avere intensità e direzioni molto diverse e variabili nel tempo.


Le correnti di gradiente

Quando una pressione (rapporto del modulo ortogonale di un forza su una superficie) si distribuisce su una superficie irregolare, se il mezzo su cui agisce ha densità diverse, si possono generare dei movimenti dei fluidi sottoposti a queste forze. Se poi questa variabilità viene accentuata da variazioni atmosferiche e idrostatiche questi movimenti creano delle correnti di gradiente.

Per poter  meglio visualizzare questo fenomeno, pensate ad una teglia piena d’acqua che viene inclinata da un lato. Le particelle d’acqua, in presenza di un flusso d’aria,  si spostano da una parte all’altra generando un movimento di particelle da un lato all’altro. Questo vale anche nei grandi bacini marini dove, all’azione meccanica causata dal vento, si sommano le variazioni legate alle interazioni di masse d’acqua di diversa salinità e temperatura. In alto mare gli effetti possono essere trascurabili ma diventano importanti in prossimità della corsa dove, venti forti e perpendicolari alla linea di spiaggia possono spostare grandi masse d’acqua che possono dare origine a correnti parallele alla costa stessa. Quando  queste variazioni dipendono da variazioni di temperatura ci troviamo di fronte a correnti termiche, se invece entra in gioco la salinità parliamo di correnti aline.

La corrente del Golfo

Una massa meno densa (più calda o meno salata) ha uno spessore minore rispetto ad un corpo più freddo o può salato.  Questo ci fa comprendere come gli spessori delle masse d’acqua in particolari situazioni possano essere molto variabili a seconda della latitudine.
Un caso interessante sono i bacini marini di ugual salinità. Quando riscaldati dalle radiazioni solari, si generano dei livelli diversi (acque più calde in superficie e più fredde in profondità). In caso di raffreddamento superficiale (dovuto ad esempio al vento o alle escursioni termiche) le acque più dense tendono ad affondare creando correnti termiche verticali discendenti fredde.  Nello stesso tempo, nello spostamento si generano correnti di acque più calde verso la superficie. Questo tipo di correnti, essendo innescate da variazioni termiche, sono ovviamente più superficiali.


Nel caso di variazioni della salinità (estuari di fiumi o aree di scioglimento di ghiacci) si generano delle correnti aline che possono avere carattere superficiale o di profondità. Esse sono modeste in bacini aperti ma più importanti nelle baie chiuse o dove, per motivi morfologici, gli scambi sono minori o più lenti. Interessante il caso dei Tropici dove si ha un aumento della salinità ed una diminuzione della temperatura delle masse d’acqua. All’Equatore avviene esattamente il contrario.

Questo comporta che nella fascia di latitudini tra i Tropici e l’Equatore si vengono a generare correnti di gradiente termo-aline che portano in superficie acque meno dense dall’Equatore verso i Tropici. A latitudini maggiori, con l’abbassamento delle temperature e della salinità, le correnti diventano meno intense. Esempi importanti di correnti di gradiente sono la corrente del Golfo, del Labrador e del Kuroshio. Tutte meritano una trattazione a parte e le conosceremo in un altro articolo

Le correnti di deriva
Esse sono dovute all’azione del vento sulle superfici marine che ne provoca lo spostamento delle masse d’acqua (drifting). Venti come gli Alisei ed i Monsoni sono i principali responsabili di queste correnti marine. Le masse d’acqua superficiali, soggette al vento, si spostano nella stessa direzione con una velocità dipendente dal tempo di applicazione. Un elemento di valutazione importante per valutare la magnitudine del fenomeno è la superficie battuta dal vento (detta fetch) ovvero lo specchio di mare “libero da ostacoli” che viene sottoposto all’azione continuativa del vento. Questo parametro è dii particolare interesse per i naviganti perché maggiore è il fetch, maggiore sarà la forza del mare di corrente e di vento che si genererà.

In superficie, la direzione delle correnti marine generate dall’effetto del vento segue la legge di Coriolis ma essa varia, scendendo in profondità, seguendo una figura geometrica chiamata spirale di Elkman.  Ad una certa profondità, detta di attrito, la corrente di deriva si muove in direzione opposta rispetto alla superficiale con un velocità ridotta a 1/23 dell’iniziale fino a scomparire intorno ai 200-500 metri.

Le correnti di deriva e di gradiente danno origine ad una complessa circolazione che interessa tutti gli oceani maggiori, ma di questo parleremo in un prossimo articolo.
.

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.

 


PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 1.082 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share