If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Vasa, storia del più grande galeone che navigò solo per poche miglia di Andrea Mucedola

 livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVII SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: Vasa

  ucha_vasa_simulation

.
Il Vasa, uno dei più fastosi e imponenti galeoni del XVII secolo, passò alla storia non per le sue battaglie o avventurosi viaggi in mare ma per aver navigato solo poche miglia prima di scomparire nelle fredde acque del Baltico. Scopriamo la sua storia che ha dell’incredibile. Il galeone affondò nel suo viaggio inaugurale, il 10 agosto 1628, dopo essere stato “colpito” da forti venti che ne avevano causato un forte sbandamento e allagamento dei compartimenti interni. Il naufragio avvenne a meno di un miglio dal porto nel suo viaggio inaugurale e causò un grande imbarazzo per l’allora re, Gustavo di Svezia. Il nome stesso del vascello, Regalskeppet Vasa, derivava dall’omonimo casato dei Vasa, che governava la Svezia all’epoca della costruzione del vascello e significa “Nave di Sua MaestàVasa (per Regia Nave Vasa), secondo una nomenclatura spesso usata da varie marine militari come la Royal Navy inglese. Quella nave, che doveva essere l’orgoglio della Marina svedese, non vide però nessuna battaglia ma affondò per un banale errore di costruzione. 

Al re non si comanda
La sua costruzione fu afflitta da frequenti “interferenze” da parte del re. Poco dopo l’impostazione della chiglia, il re fece forti pressioni perché la nave fosse modificata, allungandola significativamente. Il mastro carpentiere, che aveva supervisionato fino ad allora la costruzione, si ammalò e morì lasciando ai suoi inesperti apprendisti, la responsabilità di proseguire pur non avendo specifiche conoscenze tecniche. Re Gustavo mirava ad ottenere la nave più potente del mondo dell’epoca, e fece installare un secondo ponte di cannoni. E’ il caso di dirlo … ognuno deve fare il suo mestiere … ed in questo caso il re avrebbe fatto meglio a restare a governare il suo … regno. Il vascello divenne troppo lungo e soprattutto troppo alto rispetto alla larghezza causando uno spostamento del baricentro che lo rese pericolosamente instabile. Nulla valse l’aumento della zavorra che di fatto non fece che abbassare ulteriormente la linea dell’opera morta favorendo l’imbarco di acqua. Curioso fu il metodo scelto per collaudare la nave:  fu ordinato a trenta marinai da un lato all’altro della nave per farla rollare facendo. L’ammiraglio Clas Fleming, osservando il pericoloso sbandamento, ordinò di interrompere immediatamente il test ma ciò non bastò a bloccare il progetto. Al Re non si comanda e la nave fu dichiarata pronta per solcare il mare.

L’inaugurazione e il disastro
Il 10 agosto 1628 il grande galeone issò le vele per il suo viaggio inaugurale poco al largo del porto di Stoccolma dove era stato costruito ed allestito. 

Sinking of the Vasa

Appena fuori dal porto, dopo poche miglia di percorso, una folata di vento lo fece inclinare fortemente su di un lato e nemmeno la perizia del timoniere riuscì a raddrizzarlo. Una seconda raffica di vento lo inclinò nuovamente e l’acqua iniziò a penetrare nello scafo attraverso i portelli dei cannoni. La nave si allagò immediatamente ed affondò sotto gli occhi di tutti a poche centinaia di metri dalla costa, dopo aver percorso meno di un miglio marino. Il maestoso vascello, orgoglio del Re di Svezia, affondò quasi verticalmente adagiandosi sul basso fondale fangoso. Circa quaranta delle centotrenta persone dell’equipaggio perirono nel naufragio.

Immediatamente il Re pretese l’istituzione di una commissione d’inchiesta per chiarire le colpe del disastro; inutile dire che la commissione, non raggiunse mai alcun risultato. Si racconta che un notabile fu maliziosamente interpellato da un diplomatico straniero sulle cause del disastro e pare che, imbarazzato rispose: «Solo Dio … ed il Re, possono conoscerne le cause … ».

Francesco Negri era nato a Ravenna, unico figlio di una famiglia benestante. Di carattere avventuroso, aveva studiato le scienze e le lingue. Dopo aver completato i suoi studi si era unito all’ordine francescano ed aveva lavorato come sacerdote. Quindi viaggiò di nuovo verso Stoccolma dove venne ingaggiato per il recupero di parti del relitto del Vasa. In seguito Negri continuò il suo viaggio solitario in barca o in carrozza ed alla fine riusci’ ad arrivare a Capo Nord.  Durante il suo viaggio, Negri fece ampi appunti e schizzi sulla topografia e sulla vita della popolazione locale descrivendo la fauna locale terrestre e marina. Ritornato in Italia, raccolse in un manoscritto il suo diario di viaggio. Il suo libro fu pubblicato postumo nel 1700.

Nell’ottobre del 1663, una buona parte dei cannoni in bronzo era stata già recuperata grazie ad una magistrale opera di ingegneria idraulica diretta dall’italiano Francesco Negri, con l’uso di una campana subacquea.

Perché questo sacerdote francescano ravennate, appassionato  esploratore, si trovava in Svezia? Francesco Negri era molto interessato a quei paesi settentrionali, ancora in gran parte inesplorati. In particolare era stupito che vivessero popolazioni in regioni così fredde dove l’agricoltura non era possibile. Durante i suoi viaggi nel Nord, effettuati in solitaria, giunse fino a Stoccolma dove venne ingaggiato per il recupero di alcune parti nobili del relitto del Vasa tramite una campana subacquea di sua invenzione. Lo strumento poteva contenere solo un operaio che veniva ammainato per raggiungere il ponte del vascello sottostante e lavorare su di esso anche se per un limitatissimo periodo di tempo.

Alcuni scritti dell’epoca ricordano che quegli uomini potevano resistere non più di quindici minuti a causa della bassa temperatura dell’acqua che li portava in ipotermia. Gli studi di Negri  sull’uso della campana subacquea per i salvataggi marittimi permisero agli svedesi di operare comunque sullo scafo della grande nave. L’accesso ai cannoni rese però necessaria la demolizione di ponti e delle strutture sovrastanti; la complessa e laboriosa operazione fu descritta dettagliatamente da Francesco Negri nel suo ” Viaggio Settentrionale “.  

Nei secoli seguenti, la posizione del relitto fu dimenticata fino al 1956 quando  Anders Franzén, un tecnico della Marina svedese appassionato di archeologia marina, ebbe l’idea di recuperare il relitto. La Marina, dotata di moderne tecnologie di ricerca subacquea, non faticò a ritrovarlo e lo scafo apparve in eccellenti condizioni. Questo grazie alla bassissima salinità di quelle acque che non permette la vita delle teredini (Teredo navalis), vermi marini ben tristemente noti sin dall’antichità per la pessima abitudine di divorare in maniera devastante il legno dei fasciami delle navi.

teredo-navalis

Teredo navalis

Inoltre,  la rigida temperatura dell’acqua del mare (costantemente vicina ai 5 gradi C°), la quasi totale mancanza di ossigeno nel fango che di fatto isolò lo scafo e l’ottimo e massiccio legno di rovere impiegato per la costruzione del vascello (ricco di sostanze tanniche) ne favorirono la conservazione regalando ai posteri questo gioiello navale.  

Il Vasa fu ritrovato in posizione pressoché eretta ad una profondità di trentadue metri di profondità. Il relitto fu quindi sollevato dal fondo del mare, scavando inizialmente sei tunnel sotto lo scafo; in seguito vi vennero fatti passare dei cavi d’acciaio collegati a delle chiatte per il sollevamento. Un metodo rischioso ma ben conosciuto dagli architetti navali impegnati nei recuperi delle navi affondate.

vasa-sul-pomtone

Finalmente il 24 aprile 1961, il relitto del vascello venne  lentamente sollevato dal fondo, posto su una grande piattaforma  e quindi  trasportato fino al luogo dove era stato preparato un cantiere laboratorio ad hoc per la riparazione e ricostruzione del relitto. Quello stesso laboratorio divenne in seguito l’attuale museo. 

vasa-in-gallegiamento

il relitto al suo arrivo in porto per il restauro.

Un museo tutto per lui
Con oltre il 95 percento dei suoi componenti originali conservati, e le sue centinaia di sculture, il Vasa è un tesoro artistico straordinario e può essere considerato una delle bellezze storiche più importanti al mondo. E’ oggi conservato nel sito che fu impiegato per il suo restauro poi trasformato nel Vasa museum, sull’isola di Djurgården, che può essere raggiunto all’indirizzo Galärvarvsvägen 14,  Stoccolma. 

vasa-stockholm-vasashipback

Il Vasa è divenuto una nota attrazione turistica svedese che ha ricevuto oltre 22 milioni di visitatori fino ad oggi. Ricostruito fedelmente sulla base dei disegni dell’epoca, purtroppo, nel 2000, ha mostrato segni di deterioramento sullo scafo a causa di degrado delle fibre strutturali del legno. Il legno del Vasa è di circa il 40 per cento più debole del legno di quercia regolare ed è diventato nel tempo molto acido con una grande diminuzione della resistenza meccanica. Sebbene la causa del decadimento sia ancora in discussione, una teoria suggerisce che il ferro degli infissi metallici inseriti negli anni ’60 per consolidare lo scafo della nave potrebbe essersi combinato con l’ossigeno dell’aria creando una sostanza altamente reattiva che sta erodendo la cellulosa del legno. Gli studi procedono e gli scienziati sono ottimisti di poter evitare un secondo naufragio della sfortunata nave reale.

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 5.177 times, 3 visits today)
Share

2 commenti

  1. Luigi Migliozzi Luigi Migliozzi
    12/08/2018    

    Ho avuto modo di ammirare un modello in scala molto ben rifinito, di dimensioni notevoli, credo che lo scafo sia stato di circa 3/4 metri di lunghezza: sono rimasto affascinato ed ho chiesto notizie sull’originale,e così , per caso, pur non essendo appassionato di modellismo .mi sono lasciato ammaliare da quella che doveva essere i simbolo del re di Svezia.

    • charles hinton charles hinton
      07/09/2019    

      Ho visitato il museo…..E’ straordinario! Per gli appassionati di storia navale è la cosa più bella del mondo! Stockholm vale la pena di visitare ma i contanti non usano più ….solo carte bancarie anche per un bottiglia di acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

8 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share