Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

La Pax Augusta e la costruzione dell’Impero – Parte I

tempo di lettura: 3 minuti

.

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE 
PERIODO: I SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: pax augusta, Ottaviano Augusto, geopolitica mondo romano, Romanae spatium est Urbis et orbis idem, Ovidio. fast. 2,684
.

Sull’onda della vittoria navale di Azio, avendo stabilito la pace sulla terra e sul mare, Augusto poté progressivamente estendere il dominio di Roma – l’orbis Romanus – fino a lambire i limiti del mondo conosciuto – l’orbis terrarum – perlomeno per quanto concerneva le terre abitabili ed i mari navigabili.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è augusto-vittoria-su-prua-.jpg

Ciò secondo le enunciazioni coeve, ovviamente basate sulle percezioni dell’orbe terracqueo tipiche dell’antichità classica. In quell’epoca, infatti, agli occhi delle popolazioni del Mediterraneo, assuefatte ai propri privilegi climatici, risulta-vano praticamente inabitabili sia le terre gelide settentrionali, sia quelle torride meridionali, corrispondenti alla fascia desertica sahariana, libico-nubiana ed arabica. Ad occidente, le province romane erano affacciate direttamente sull’Oceano, mentre ad oriente esse non si spingevano molto in profondità oltre la sponda siriaca del Mediterraneo; al di là, tuttavia, si estendeva un mondo troppo lontano, che era stato solo marginalmente penetrato dall’effimera invasione di Alessandro Magno, permanendo invece escluso da ogni ipotesi di conquista da parte dei Romani, bloccati in quella direzione dalla coriacea presenza dei Parti. Tralasciando pertanto l’inviolabile Oriente, l’ecumene non appariva molto più estesa dell’Impero romano, così come questo era stato concepito, assemblato ed ordinato da Augusto.
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ottaviano-augusto.jpgQuel risultato non era affatto già acquisito quando venne conclusa la guerra aziaca. Alla chiusura del tempio di Giano, infatti, l’Impero romano, pur avendo una considerevole estensione, era tutt’altro che geograficamente coeso e difendibile, poiché si era formato durante la Repubblica in seguito ad una serie di eventi occasionali, perlopiù in assenza di un deliberato e razionale disegno espansionistico. Esso risultava inoltre alquanto indebolito dalle guerre civili, soprattutto nel bacino orientale del Mediterraneo, le cui popolazioni avevano sostenuto per molti anni la causa della sedizione di Bruto e Cassio (impossessatisi arbitrariamente delle province balcaniche ed asiatiche) ed avevano poi aderito alla vasta coalizione levantina radunata da Antonio e Cleopatra in aperta ostilità contro la volontà del senato di Roma.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Impero_romano_sotto_Ottaviano_Augusto_30aC_-_6dC-wikimedia-commons.jpg

L’Impero romano sotto Ottaviano Augusto allo scoppio della rivolta pannonica (6-9 d.C.) e prima del disastro di Teutoburgo in Germania (9 d.C.) – autore Cristiano64 Impero romano sotto Ottaviano Augusto 30aC – 6dC.jpg – Wikimedia Commons

In quella situazione di perdurante vulnerabilità alle minacce interne ed esterne, le esigenze di sicurezza richiedevano, da un lato, la pronta disponibilità di un apparato militare robusto ed efficiente e, dall’altro, una nutrita serie di importanti interventi idonei a rendere l’Impero sufficientemente sicuro. Per poter tempestivamente disporre dello strumento militare in caso di necessità, Augusto istituì le forze armate permanenti, per la prima volta nella storia di Roma, dopo oltre sette secoli di ininterrotte guerre combattute dai Romani con legioni e flotte costituite di volta in volta e dalla vita limitata alla specifica esigenza. Tale innovazione, lucidamente concepita proprio dopo aver solennemente stabilito la pace su tutta la terra e su tutti i mari, era destinata a rimanere in vigore per l’intera durata dell’Impero.

Torneremo ad occuparcene con qualche maggior dettaglio, limitatamente alle forze marittime, nelle prossime parti dei questa trattazione. Soffermiamoci, per ora, ad esaminare le principali misure adottate da Augusto per conferire all’Impero un miglior assetto territoriale. Il Mare nostrum, innanzi tutto, non poteva ancora essere considerato un bacino interno dell’Impero, anche se l’annessione dell’Egitto dopo il suicidio di Cleopatra aveva già fornito uno dei contributi di maggior pregio all’esigenza di dare continuità al dominio romano lungo tutte le sponde del Mediterraneo. A tal fine occorreva ancora sanare varie altre potenziali fratture, soprattutto in corrispondenza di quei regni cui era già stato riconosciuto lo status di amici populi Romani, ma in cui non vi era un sovrano nominato dall’imperatore.
Fine I parte – continua
Domenico Carro
.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.

.
PARTE I PARTE II PARTE III

PARTE IV PARTE V PARTE VI

.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
.

Loading

(Visited 82 times, 1 visits today)
Share
5 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
7 visitatori online
7 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 20 alle 12:08 am
Mese in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Anno in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x