If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Reportage: Il relitto dell’Anna Bianca, isola di Giannutri

Reading Time: 4 minutes

 

livello elementare
.
ARGOMENTO: RELITTI
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Giannutri

 

L’isola di Giannutri ci regala sempre sorprese e, anche in presenza di tempo inclemente le immersioni non mancano, basta cambiare lato. Oggi parliamo del relitto della Anna Bianca, una bella immersione piena di spunti per subacquei e fotografi subacquei. Il suo relitto si trova a circa cento metri dalla costa, all’interno della parte nord di Cala Ischiaiola su un fondo sabbioso.

giannutri

Certo è un’immersione non per tutti, viste le profondità in gioco che raggiungono nel lato più distante da terra ad oltre i 45 metri. Quello che inganna i visitatori è la visibilità subacquea che spesso è maggiore di 30 metri ed invita all’esplorazione dello scafo. Il subacqueo poco accorto si potrebbe trovare facilmente oltre la curva e nel caso dovrà affrontare lunghi minuti di decompressione. Come sempre la pianificazione è essenziale ma ne vale la pena. Per il supporto di superficie, si consiglia di rivolgersi a diving professionali (noi ci siamo serviti dell’ottimo Diving Il Nostromo di Porto Santo Stefano).

Scendiamo lungo la cima dell’ancora, sulla verticale della poppa del relitto che si presenta in più tronconi, partendo dai circa 35 metri della poppa fino ad oltre i 50 metri della prua. Immergendosi, il primo troncone del relitto che troveremo è quello di poppa che prosegue verso sud ad una profondità di circa 35 metri. Le infrastrutture del mercantile sono ancora ben visibili e abitate da diverse forme viventi: all’interno della sala macchine osserviamo grandi scorfani rossi, eleganti musdee e molti gronghi. Uno in particolare è noto a tutti i suoi subacquei anche per il suo carattere un po’ … irascibile. Vedere ma non toccare … non provate ad accarezzarlo se non si vogliono portare in superficie i segni dei suoi denti. Non è raro incontrare anche grandi aragoste, astici nella parte più profonda e qualche pesce di passo. Ci passano vicino due grossi dentici che provocano la fuga in tutte le direzioni di un branco di castagnole. Sono predatori temibili, piuttosto frequenti sul relitto.

Lungo la poppa osserviamo varie tubolature sulle quali fanno capolino alcune murene Helena incuriosite dal nostro arrivo e molti spirografi di grandi dimensioni.  La tentazione di penetrare nel suo interno non manca ma la presenza di numerosi cavi ci fa cambiare idea. Il pericolo di restare intrappolati non vale la candela. Procedendo verso la prua della nave, può essere osservato il punto in cui avvenne lo spezzamento del relitto, e si riscontrano sul fondale alcune lamiere e parti della prua che troveremo più avanti ad una profondità di circa 52 metri.

207 07 17 cala ischiola (119m)Decidiamo di tornare verso la costa con il fondale che risale fino ad una zona di coralligeno ricca di cavità geologiche vivamente popolate da castagnole rosse, ricca di biodiversità animali e vegetali … se vogliamo è anche un modo per scaricare l’azoto accumulato ed osservare begli esemplari di gorgonia bianca (Eunicella stricta) e spirografi di notevoli dimensioni.

In sintesi, un’immersione che fa la gioia dei fotografi subacquei che hanno modo di sbizzarrirsi, nell’ultima parte dell’immersione, in acque relativamente basse con molti soggetti interessanti con un’ottima visibilità.

Una storia mai completamente chiarita
Come spesso accade per i relitti, la storia legata al loro affondamento è avvolta nel mistero o, meglio dire, in fatti mai completamente chiariti. Era il 3 aprile 1971, quando la Anna Bianca urtò contro la scogliera di Giannutri ed affondò, spezzandosi in due.

Anna B_foto

C’e chi dice che il mare fosse calmo, altri che un forte vento la aveva spinta sugli scogli. Gli abitanti raccontano che la mattina seguente la scogliera era completamente ricoperta di polvere bianca. La leggenda dice che i locali pensarono si trattasse di droga in realtà era la polvere della pietra pomice che il cargo trasportava. Non si sa se la nave fu affondata dall’equipaggio per ottenere un lauto rimborso dalla compagnia assicuratrice o se il disastro fu dovuto alle pessime condizioni meteorologiche marine, di fatto avvenne una esplosione che divise in due il mercantile facendolo affondare in pochi minuti. Ora giace sul fondo del mare, offrendo alle creature marine riparo e protezione ed ai subacquei un bel punto di immersione.

Su Youtube abbiamo trovato questo bel video e prima di lasciarvi, vi auguriamo una buona visione.


sui relitti italiani:

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 1.577 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »