Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Sulle onde della storia romana: Pale a prora!

Reading Time: 7 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA ROMANA
PERIODO: CLASSICO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: navigazione, rematori, cultura romana

 

Con questo primo articolo l’ammiraglio Domenico Carro, studioso di storia romana a livello internazionale, inizia una serie di scritti che illustreranno alcuni aspetti particolari delle attività navali e marittime dei Romani, mettendo a fuoco aspetti poco noti, a volte addirittura travisati, sulla cultura e storia romana.

Quando si pensa all’antica Roma, c’è sempre il rischio di essere fuorviati da una lunga serie di stereotipi alquanto fasulli, originati da ricostruzioni storiche sbrigative o sensazionalistiche, come quelle dei kolossal della cinematografia hollywoodiana, oppure anche dall’interpretazione troppo letterale e seriosa di certi scritti degli stessi Romani, che amavano scherzare su tutto ed irridere i potenti, pur mantenendosi normalmente fedeli al loro innato buon senso. Sta di fatto che non riusciamo a pensare a Caligola senza ricordare che nominò console o senatore il suo cavallo, né a Nerone senza raffigurarci la faccia di Peter Ustinov mentre canta stupidamente al cospetto dell’incendio di Roma. Naturalmente si tratta di fatti irreali: non ci sono mai stati cavalli nei fasti consolari né nella Curia del Senato, e Nerone non è certo stato un distruttore, ma anzi uno dei più poderosi costruttori.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è onde01_navig_mista-1024x487.jpg

Rematori in azione su di una nave da guerra romana (Museo Archeologico di Baia)

Se quanto è avvenuto sotto gli occhi di tutti permane oggetto di distorsioni ed ingannevoli interpretazioni, questo fenomeno si verifica a maggior ragione per tutto ciò che riguarda le navi e l’ambiente marittimo, poiché i relativi eventi accadono per lo più fuori vista, nella solitudine della navigazione, e comunque secondo logiche e modalità generalmente poco conosciute.

Ne abbiamo pertanto pochissime testimonianze dirette, mentre ogni altra descrizione risulta in gran parte invalidata da errori derivanti dalla limitata competenza o da preconcetti fuorvianti. Ad esempio, tornando a riferirci al cinema, l’ultima grande scena di battaglia navale romana rappresentata sugli schermi è ancora quella di Ben Hur (1959), in cui abbiamo visto l’immaginario console Quinto Arrio, comandante della flotta, naufrago ed afflitto perché convinto di essere stato sconfitto in mare dalle navi dei pirati macedoni (immaginari anch’essi). Egli vorrebbe allora togliersi la vita, ma ne viene pietosamente distolto dal nobile e compassionevole Ben Hur, fortunosamente salvatosi anche lui sebbene fosse stato fino all’ultimo impegnato a liberare i suoi compagni rematori, incatenati ai banchi della nave ammiraglia speronata ed in procinto di affondare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ben-hur-battaglia.jpg

Dato Bakhtadze recita la parte di Hortator nella riedizione del 2016 di Ben-Hur della Paramount Pictures e Metro-Goldwyn-Mayer Pictures – ancora una volta un film che non rappresenta la realtà storica navale romana

Sopraggiunge poi una trireme romana che accoglie a bordo i due naufraghi, annunciando lietamente che la battaglia navale era stata vinta, ancorché all’insaputa dell’ignaro e frastornato comandante in capo della flotta romana.  Anche in questo caso, come nel Quo vadis (1951) con Peter Ustinov, sono stati mostrati svariati elementi incoerenti con il quadro storico, ma destinati ad essere egualmente assunti dagli spettatori come verità incontrovertibili ed incancellabili, poiché ciò che si è visto con i propri occhi (anche su di uno schermo) viene impresso nella memoria con una vivezza equivalente alle esperienze personalmente vissute. Fra gli elementi irrealistici della predetta scena, oltre alla pietosa incompetenza navale del console Arrio, vincitore casuale di una battaglia in mare che temeva di aver perduto contro dei pirati ampiamente più deboli, spiccano soprattutto le catene dei rematori.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ben-hur.jpeg

scena di rematori dal film Ben Hur originale

Nella nostra analisi storica, iniziamo proprio dai rematori, in modo da avviare la nostra navigazione nel mondo romano con il vigoroso impulso della loro voga. Innanzi tutto, facciamo subito scomparire quelle indegne catene. I galeotti condannati a remare sulle galee, incatenati al proprio banco e crudelmente frustati, non esistevano nell’antichità romana. Medievali erano le galee e medievali furono quei galeotti. A bordo delle navi da guerra dell’antica Roma non c’erano condannati ai lavori forzati o prigionieri nemici ridotti in schiavitù e costretti a vogare sotto lo stimolo e la costante minaccia dell’aguzzino. C’era solo e semplicemente, come accade tutt’oggi, un fiero equipaggio di uomini liberi. Questo equipaggio era suddiviso in tre grandi categorie: i marinai, i classiari ed i rematori. Rispetto alle prime due, di cui ci occuperemo nei prossimi numeri, la categoria dei rematori era evidentemente quella cui veniva richiesto l’impegno più gravoso in termini di sforzo fisico. Si trattava dunque del personale proveniente dalle fasce più umili e bisognose della società, e pertanto disposto ad accettare dei sacrifici maggiori. Questo non vuol dire ch’essi venissero guardati con disprezzo o maltrattati. Al contrario, essi fruivano di adeguati turni di riposo e di un vitto sempre abbondante, giacché dal loro vigore e dalla loro resistenza poteva dipendere la salvezza o la perdita della nave.

Bisogna anche dire che, nel corso di una missione in mare di una nave da guerra, i periodi in cui si rendeva necessario ricorrere alla propulsione remiera erano abbastanza limitati, poiché le navigazioni più lunghe, per trasferimento, erano di solito effettuate a vela. Qualche limitato tratto di un trasferimento poteva talvolta essere percorso a remi – oppure anche in navigazione mista: vela e remi – quando vi erano particolari motivi di urgenza ed un vento troppo debole o contrario. Quindi i rematori erano normalmente chiamati a vogare solo per l’entrata e l’uscita dai porti, per qualche altra manovra che richiedeva una navigazione di precisione, per brevi tratti di trasferimento e, soprattutto, per i combattimenti navali: in tale ambito, infatti, solo l’uso dei remi poteva assicurare alla nave le evoluzioni più strette e repentine, nonché le potenti accelerazioni necessarie per assalire efficacemente le unità nemiche ed eluderne gli attacchi. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Comacchio_Scafo-della-Nave-romana-fine-I-sec-a.C.-nave-romana-ritrovata-a-Comacchio-nel-1981-completa-del-carico-commerciale.jpg

Scafo di nave romana ritrovata a Comacchio della fine del I secolo a.C.

Quando non erano impegnati ai remi, i rematori venivano verosimilmente occupati assegnando loro dei compiti secondari (da che mondo è mondo, sulle navi si evita di lasciare a lungo il personale in ozio), per contribuire con la loro potenza muscolare agli interventi delle squadre di manovra alla vela, per la pulizia della nave e per la manutenzione dell’attrezzatura. Si trattava d’altronde di personale privo di particolari specializzazioni ed il cui specifico addestramento alla voga richiedeva un tempo abbastanza breve. Ciò semplificava il loro reclutamento, visto che non dovevano necessariamente avere un’esperienza pregressa a bordo delle navi.

In certe circostanze belliche, per motivi di urgenza erano anche presi dei legionari e messi al remo. Solo in un caso furono presi addirittura degli schiavi quando, per armare in breve tempo la nuova grande flotta creata da Ottaviano ed Agrippa per la guerra Sicula, non essendoci uomini a sufficienza.

In quel caso, tuttavia, quegli schiavi furono prima affrancati e poi arruolati e mandati sulle navi, per non infrangere il principio secondo cui gli equipaggi delle navi da guerra romane dovevano essere costituiti esclusivamente da uomini liberi. Non si trattò certo di una finzione giuridica: al termine del loro servizio a bordo, quei rematori poterono pienamente fruire della loro acquisita libertà.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è onde01_portisculus1.jpg

Nave “actuaria” romana con la rappresentazione del capo-ciurma che brandisce il suo martello (particolare del mosaico navale di Altiburo, in Tunisia)

Non essendovi né l’aguzzino, né le catene, né la frusta, come si faceva ad indurre i rematori a vogare a tempo?
Né più né meno come si fa al giorno d’oggi per un armo di regata, che riceve gli ordini di voga dal timoniere (se c’è) o dal capovoga: “Pale a prora! Voga!” seguito dai cadenzati incitamenti con la voce, per scandire come un metronomo il ritmo di vogata. Analogamente, a bordo delle navi romane c’era un ufficiale capo-ciurma, chiamato celeustes (o anche portisculus), che impartiva gli ordini di voga con la voce, mentre regolava il ritmo di vogata battendo con il suo martello (il portisculus) ed aiutandosi con il canto, cui contribuivano coralmente tutti i rematori.

Questo è davvero l’aspetto più sorprendente e luminoso dell’oscura componente remiera degli equipaggi navali romani: nel momento dello sforzo più arduo e stremante, quei rudi e nerboruti vogatori non gemevano, né imprecavano, ma cantavano. Al passaggio delle liburne, delle triremi, delle quadriremi e delle quinqueremi romane in navigazione a remi, il mare risuonava del canto ritmato dei rematori, il Celeuma, che accompagnava come una cantilena ogni vogata, assecondandone il poderoso impulso e la cadenza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è onde01_rematori.jpg

Nave da guerra romana in navigazione mista: vela e remi (Museo Archeologico Nazionale di Napoli)

Tale usanza ebbe una durata estremamente lunga, perlomeno quanto l’intera estensione dell’epoca imperiale, visto che venne citata nella letteratura latina nell’arco di oltre cinque secoli: a partire dall’alto Impero (Ovidio, Marziale, Frontone, Censorino) fino agli anni della decadenza (Rutilio Namaziano e Luttazio Placido). Ci è anche pervenuta una poesia di epoca altomedievale intitolata Celeuma che riproduce evidentemente lo spirito e la metrica dei canti dei rematori, pur con evidenti arricchimenti letterari. Ne viene qui trascritta la quarta ed ultima strofa (il cui primo verso è identico a quello delle tre strofe precedenti):

Heia, viri, nostrum reboans echo sonet heia!    

Aequoreos volvens fluctus ratis audiat heia!

Convulsum remis spumet mare, nos tamen heia!

Vocibus adsiduis litus reduci sonet heia!

Heia, uomini, come l’eco rimbombante suoni il nostro heia!    

Travolgendo i flutti del mare la nave senta heia!

Spumeggi il mare sconvolto dai remi; e noi ancora heia!

Il lido, per le voci ritmate, al reduce risuoni heia!

traduzione parzialmente tratta da Umberto Maria Milizia

Domenico Carro

 

in anteprima particolare di due rematori intenti alla voga e il relativo ufficiale, a bordo di una nave in navigazione mista (Musei Capitolini)

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 369 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »