Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Sulle onde della storia romana: all’arrembaggio

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA ROMANA
PERIODO: CLASSICO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: classiarii, flotta romana

 

Sono purtroppo balzati agli onori della cronaca, per la pretestuosa ed illegale detenzione cui furono sottoposti in India, due Sottufficiali Fucilieri di Marina del Reggimento S. Marco che facevano parte dei nuclei di protezione che la Marina Militare italiana aveva imbarcato sulle navi mercantili italiane in navigazione nell’Oceano Indiano per porle al riparo da ogni tentativo di assalto da parte dei pirati, la cui dolorosa faccenda si è risolta solo recentemente. Ma chi sono questi sorprendenti militari, che si sono imposti all’attenzione dell’opinione pubblica nazionale per la loro fiera e composta imperturbabilità nonostante l’interminabile protrarsi dell’incertezza sulla loro sorte?

Molti pensano che si tratti di una sottospecie di marines, come se il loro Reggimento fosse una pallida scimmiottatura italica del corpo statunitense. In realtà è avvenuto l’esatto contrario: se l’origine dei marines americani viene fatta risalire al 1775, ad imitazione dell’analogo corpo britannico fondato venti anni prima, in Italia la formale istituzione della fanteria di marina è avvenuta fra il 1550 (i Fanti da Mar della Serenissima) ed il 1713 (il Reggimento La Marina in Sicilia) essendo stata preceduta dal reggimento costituito dal doge Enrico Dandolo all’epoca della quarta crociata ed impiegato per gli sbarchi navali a Costantinopoli (1203-1204).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è onde02_nave_napoli-1024x605.jpg

Anche questa è storia recente, perché i veri inventori della fanteria di marina sono stati gli antichi Romani. Prima di essi, le maggiori potenze navali del mondo antico concepivano i combattimenti in mare come delle azioni essenzialmente finalizzate alla distruzione delle navi avversarie mediante lo speronamento. In tale ottica, l’arte della battaglia navale si basava sull’abilità dei comandanti nel far compiere alla propria nave delle repentine evoluzioni tali da schivare i rostri altrui e da portare invece la propria prora rostrata a speronare con la massima possibile potenza la fiancata di una nave nemica. Per tale motivo, le navi da guerra dovevano essere soprattutto veloci e molto manovriere, due qualità che potevano essere ottenute solo con un drastico contenimento dei pesi. Per gli equipaggi, in particolare, non essendo ovviamente possibile rinunciare ad imbarcare tutto il personale necessario per azionare i remi e per le manovre marinaresche, veniva ridotta allo stretto indispensabile la presenza degli uomini armati. Questi ultimi avevano peraltro dei compiti piuttosto limitati, dovendo provvedere al servizio d’ordine in porto ed in navigazione, nonché a fronteggiare qualche improbabile esigenza di difesa in caso di abbordaggio nemico. Coerentemente, solo pochissime decine di fanti (con armatura pesante, come gli opliti dei Greci) venivano imbarcati sulle navi da guerra operanti nel Mediterraneo prima dell’arrivo dei Romani.

Ben diverso fu l’approccio romano alle questioni navali: un approccio saldamente pragmatico, refrattario al futile fascino delle eleganti schermaglie in cui eccellevano i comandanti tradizionali, che combattevano in mare con l’impegno agonistico di un fiorettista in una sfida all’ultimo sangue.

Per i Romani le navi non erano affatto un’arma da duello utilizzabile per esibire la propria superiore abilità nei confronti di un nemico da affondare o da mettere in fuga; le navi erano invece il mezzo indispensabile per affermare la potenza di Roma sul mare ed oltremare. L’obiettivo era quindi il dominio del mare (imperium maris), poiché questo consentiva di inibire gli attacchi nemici contro le proprie coste, di assicurare il regolare afflusso dei rifornimenti vitali trasportati lungo le rotte del traffico marittimo, e di mantenere sempre aperta la possibilità di effettuare degli interventi sulle altre coste ed isole del Mediterraneo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 067_Conrad_Cichorius_Die_Reliefs_der_Traianssaule_Tafel_LXVII-1024x610.jpg

fanteria di marina … Classiarii al lavoro durante la conquista della Dacia (colonna di Traiano, scena 67)

Per ottenere questo risultato, le navi da guerra dovevano disporre di un robusto contingente di uomini armati pronti al combattimento, sia in mare, contro il naviglio nemico, sia sulle coste ove si rendesse necessario uno sbarco romano. Questi reparti imbarcati potevano essere prelevati direttamente dalle legioni, in mancanza di alternative, ma risultava preferibile ch’essi fossero costituiti prioritariamente da combattenti particolarmente adatti ad operare a bordo in modo protratto e disagiato, anche in condizioni meteomarine alquanto severe. Per tale motivo, nella primissima flotta romana, ingranditasi nel IV secolo a.C. in seguito alla cattura delle navi di Anzio, vennero imbarcati dei fanti forniti dalle alleate città costiere della Campania, cioè da uomini che possedevano fin dall’infanzia una naturale familiarità con il mare e con le navi. Questa scelta estremamente razionale (tanto che un analogo criterio venne seguito fino a pochi anni fa per la nostra leva di mare) si riflesse sull’iniziale denominazione dei combattenti imbarcati sulle navi romane: socii navales, ovvero gli alleati navali.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è onde02_classiari_palestrina-1024x610.jpg

Va anche detto che questi alleati, pur avendo l’indispensabile “piede marino”, non poterono subito recepire adeguatamente i dettami della disciplina romana.

È perlomeno quanto appare dal grottesco epilogo di un’azione dimostrativa condotta nel Golfo di Napoli nel 311 a.C. da parte di una flotta romana comandata dal duumviro navale Publio Cornelio. Sbarcati a Pompei per compiere un’incursione nel territorio di Nocera, i socii navales si dispersero disordinatamente nelle campagne per trarne delle prede, ma vennero poi assaliti dai contadini mentre tornavano indietro alla spicciolata, salvandosi solo in parte dopo una precipitosa fuga fino alle navi.

La fanteria di marina romana assunse una consistenza di rilievo ed una spiccata efficienza da quando i Romani dovettero armare la loro prima grande flotta di quinqueremi nei primi anni della prima guerra Punica. Su ogni quinquereme imbarcava infatti un manipolo (pari a due centurie) di fanti, chiamati da quel momento in poi milites navales, anche se l’antica denominazione continuò ad essere utilizzata come sinonimo, prescindendo dal suo significato anacronistico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è onde02_classiario.jpg

Con questi uomini a bordo, le flotte romane hanno vinto tutte le loro battaglie navali, ad eccezione di una sola (quella persa nel 249 a.C. nelle acque di Trapani per un errore di valutazione del console). Per dare una spiegazione ai perentori successi conseguiti in mare dai Romani contro le flotte delle più esperte potenze navali dell’epoca, gli storici antichi – ad iniziare da quelli greci, che amavano apparire esperti di cose navali – hanno ripetuto fino alla noia che, per compensare la loro scarsa destrezza in mare, gli stessi Romani avevano “trasformato le battaglie navali in battaglie terrestri”: un paradosso che, nonostante la sua fuorviante assurdità, continua ad essere bovinamente ripetuto ancor oggi, come se l’ampio e stabile scenario delle manovre campali delle legioni avesse realmente potuto essere riprodotto sugli angusti tavolati dei ponti di coperta di navi che manovravano freneticamente, rollando e beccheggiando, sferzate dagli spruzzi di mare e lambite dalle fiamme dei principi d’incendio provocati dai proiettili incendiari.

In realtà i Romani non poterono ricorrere a nessun trucco scenico, dovendo inevitabilmente adattarsi alle peculiari caratteristiche dell’ambiente navale ed all’indomabile potenza degli elementi nell’ambiente marittimo. Essi ebbero semplicemente una spiccata propensione per l’arrembaggio, cioè per una delle azioni più marinaresche che si possano effettuare in mare contro un’unità nemica. La manovra, in effetti, era tutt’altro che semplice, poiché occorreva prima di tutto schivare gli attacchi dei rostri nemici, poi portarsi ad affiancare l’unità prescelta, il cui comandante non attendava certo passivamente il tentativo di abbordaggio, ma manovrava violentemente per allontanarsi al più presto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è miles-classiarii-672x1024.jpg

Essendo comunque riusciti ad affiancare la nave nemica, mentre saettavano i dardi e gli altri proiettili scagliati da entrambe le parti, i Romani lanciavano i loro grappini d’abbordaggio, chiamati manus ferreae (mani di ferro), per agganciarli ai bastingaggi ed alarsi sotto fino al completo contatto fra le due fiancate. A quel punto i militi navali balzavano sul ponte di coperta dei nemici ed andavano rapidamente a neutralizzare ogni resistenza fino ad assumere il pieno controllo della nave arrembata, catturandola insieme al relativo equipaggio ed ai beni trasportati. Si trattava, nel complesso, di un bottino di elevato valore, che giustificava ampiamente la predilezione romana per l’arrembaggio rispetto allo speronamento.

Tale era dunque, in poche parole, il ruolo principale dei militi navali romani nella fase più calda di una battaglia navale. Questi uomini avevano comunque molti altri compiti, sia a bordo (ove erano addetti a tutte le armi, alle macchine belliche ed alle torri di combattimento), sia negli sbarchi navali e nelle susseguenti azioni terresti. Ma le loro operazioni anfibie e sulla terraferma saranno oggetto di uno dei successivi articoli.

Questo dovrebbe bastare per introdurre l’argomento, mostrando come questi reparti di milites navales (che saranno poi chiamati classiarii in epoca imperiale) siano stati in tutto e per tutto la prima vera e propria fanteria di marina, intesa in senso moderno, e quanto essi abbiano contribuito alle plurisecolari vittorie navali di Roma.

Domenico Carro

.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 135 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »