Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

La genesi del siluro a lunga corsa raccontata da Elios Toschi – parte II

tempo di lettura: 7 minuti

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: DIDATTICA

parole chiave: genesi del siluro a lunga corsa
.

Sono passati dieci anni dal loro primo incontro in Accademia Navale e Tesei e Toschi sono entrambi diventati ufficiali del Genio Navale, imbarcati sui sommergibili. Amici da sempre si incontrano alla sera alla banchina sommergibili di La Spezia per raccontarsi le cose di tutti i giorni ma anche i loro sogni e le loro idee. Fra di esse la realizzazione di un nuovo mezzo di assalto, concettualmente innovativo, diventa per l’amico Tesei sempre più un’ossessione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è b30e4e21-4806-4ef3-bfb3-f32925fa22ba1.jpg

Toschi scrive: “Ormai l’idea del nuovo mezzo d’attacco subacqueo va sempre più precisandosi nei nostri schemi, nelle nostre discussioni. Proviamo dapprima a disegnarne più esemplari, ciascuno per proprio conto, e ne discutiamo insieme a sera i vantaggi e gli svantaggi. Ci riuniamo a turno di notte o nella camera di Teseo o nella mia, presi sempre più dalla frenesia di giungere al più presto ad una conclusione. Io avrei bisogno qualche sera della mia libertà, ma Tesei mi si mette alle costole fin dalle sei del pomeriggio e fa di tutto per scombinarmi appuntamenti, per farmi rimandare gli impegni già presi. «Telefono io alla tua ragazza » mi dice spesso: « le dirò che sei partito e che tornerai fra una settimana » Riesce quasi sempre a spuntarla perché anch’io, sempre più preso dall’entusiasmo, non oppongo più molta resistenza. Passiamo dal progetto generico ai disegni dettagliati, ai calcoli. Spesso arriviamo alle tre, alle quattro del mattino. Fumiamo un numero enorme di sigarette, beviamo anche tanti caffè, ed ogni tanto, per distrarci e non perdere l’abitudine, imbastiamo una delle nostre solite discussioni politiche, filosofiche, tecniche. I nostri punti di vista sono spesso molto vicini, specialmente nelle premesse; più lontani quando vogliamo giungere alle estreme conseguenze. A questo punto il suo assolutismo nel voler pagare sempre di persona, lo fa giungere al paradosso ideale della rinuncia al successo pratico purché ci sia il sacrificio.



Questo articolo ti interessa? Su OCEAN4FUTURE, il portale del Mare e della Marittimità, troverai numerosi articoli sulla storia dei mezzi di assalto della Regia Marina italiana e dei loro eredi (Com.Sub.In.) con molte foto provenienti da archivi privati dei loro eredi per meglio comprendere il loro valore ed importanza. Se hai suggerimenti o domande puoi lasciare un commento o una tua domanda in calce all’articolo oppure scriverci alla nostra mail: infoocean4future@gmail.com

Questa parte è molto interessante e descrive quella che sarà la differenza fra i due: una visione più radicale, fino all’estremo per Tesei, più moderata per Toschi, l’unico che l’elbano ascolta. “Mi accanisco talvolta per ore; alla fine egli mi dà un pò di ragione, mi ascolta. Sono forse l’unico che egli ascolti su questo punto”.

Ma il loro duro lavoro incomincia a portare i primi frutti. I primi disegni del nuovo mezzo sono pronti, i calcoli teorici sono a buon punto e si sentono abbastanza tranquilli per l’effettuazione delle prove in vasca.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Siluro_a_lenta_corsa_maiale_II.png

Gli manca solo nome: “Dobbiamo battezzare il nostro strano apparecchio. Come chiamarlo? Torpedine semovente, siluro umano, siluro di lunga corsa? Finiamo per preferire il nome più tecnico e meno altisonante: «siluro di lunga corsa » o meglio la sua sigla riassuntiva: « S.L.C. ». In realtà il nuovo mezzo navale è qualcosa che sta a metà fra il sommergibile ed un piccolo aereo sottomarino. Come sommergibile ha la strabiliante novità che l’equipaggio, invece di star rinserrato, rinchiuso, ed in certo senso impotente, all’interno dello scafo, sta all’esterno. Gli uomini risentono così della pressione, della temperatura, del flusso dell’acqua e ne devono sopportare i conseguenti disagi, fatiche, rischi, però sono liberi di vedere, sentire direttamente senza doversi servire di apparecchi spesso imperfetti e non sempre funzionali. Sono liberi soprattutto di muoversi, di scendere e salire sull’apparecchio, di camminare sul fondo marino e di nuotare in superficie, di essere invisibili e irraggiungibili, per le piccole dimensioni dello scafo, agli strumenti di ricerca ultracustici. “.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SLC-CLOCHE.png

Di fatto il nuovo mezzo ha molte più similitudini con un aereo, solo che viaggia sott’acqua. Come gli aerei ha una «cloche» che gli consente di comandare il timone di direzione e degli alettoni di quota; ha una carlinga in miniatura che protegge l’equipaggio dal flusso dell’acqua, può infine salire e scende verso  il fondo marino. Come un aereo ha una sua consolle con gli strumenti di navigazione, compresa una bussola, fosforescente per poter essere vista “anche nel buio più fitto della notte nelle profondità marine”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è il-maiale-di-Tesei-e-Pedretti-conservato-al-COM.SUB_.IN_.--1024x616.png

particolare del siluro a lenta corsa utilizzato da Tesei e Pedretti a Gibilterra 30 ottobre 1940 – oggi conservato nella base del Varignano, La Spezia

Toschi continua la sua descrizione: “La sua prua, facilmente smontabile, è una enorme carica d’esplosivo; una seconda prua, in tutto identica alla prima, resta al posto di quella allorché la carica sia stata attaccata all’obbiettivo. L’azione d’attacco alle basi nemiche, secondo i nostri piani, deve essere condotta da più torpedini semoventi simultaneamente, partendo da un punto già molto vicino alla base stessa. Il trasporto vicino all’ingresso potrà essere fatto a mezzo di un sommergibile o di un idrovolante. Messi in mare, i mezzi, con un equipaggio di due uomini, compiono la navigazione di avvicinamento semisommersi a « quota occhiali », cioè con sola metà testa del pilota fuori acqua. Giunti sulle ostruzioni mobili e fisse che sempre chiudono le basi navali, gli uomini posano sul fondo il piccolo sottomarino e lo fanno passare sotto le ostruzioni sollevandole con apposito apparecchio ad aria compressa. Superate le ostruzioni essi riaffiorano all’interno del porto, sempre a quota occhiali; rilevano a vista il proprio bersaglio ormai abbastanza vicino e immergendosi a quota di sicurezza e d’impatto con il bersaglio, puntano direttamente su di esso.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 190215-procedure-of-slc-maiale-attack.jpg

L’operazione si svolge naturalmente di notte, nel buio più completo: gli strumenti fosforescenti del quadro, compreso il cronometro, consentono al pilota di condurre una navigazione stimata sufficientemente precisa. Al momento stabilito l’urto contro lo scafo nemico avverte l’equipaggio che l’obbiettivo è raggiunto. I due uomini procedono allora al distacco della testa esplosiva fissandola sotto la carena con un cavetto d’acciaio ancorato alle alette di rollio. Ultima operazione: la spolettatura a tempo che determinerà l’esplosione nell’intervallo di minuti prestabilito. Ora l’equipaggio può prendere la via del ritorno, ma non può più ritornare al sommergibile, sia per l’autonomia insufficiente sia per l’estrema difficoltà di ritrovare al buio il punto esatto di partenza. Non resta quindi che affondare il siluro, innescarne la carica autodistruttiva e cercare di sfuggire alla cattura da parte del nemico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è claudus-maiali.jpg

In queste frasi Elios Toschi riassume un nuovo concetto operativo: l’incursione navale di uomini che attaccano grandi bersagli navali, un concetto rivoluzionario, senza precedenti che cambierà la guerra in mare. Ancora oggi, in tempi di satelliti, sorveglianza elettronica, l’attività incursionistica, anche solo mirata alla raccolta intelligence, si basa sul pensiero di questi due uomini, sviluppato nel lontano 1935. Possiamo immaginarci i loro dubbi, le loro paure, la loro eccitazione … il loro siluro avrebbe funzionato? La strada non sarà facile, come vedremo nel prossimo articolo.

Fine II parte – continua

Andrea Mucedola

in anteprima S.L.C. e il suo contenitore da H.I. Sutton

 

@ copyright del testo dell’autore andrea mucedola

immagini, se non diversamente attribuite,  @Ufficio storico della Marina Militare

 


Ti è piaciuto questo articolo? Se sì, puoi fare una piccola donazione (anche un euro) per sostenere il nostro portale. Basta poco, per aiutarci a sostenere le spese di OCEAN4FUTURE, il portale del Mare e della Marittimità. La donazione può essere singola o puoi decidere di renderla automatica ogni mese. Per donare in sicurezza, Clicca sul link DONAZIONE oppure Scrivici per aiuto alla mail: infoocean4future@gmail.com.


Bibliografia
Beppe Pegolotti, Uomini contro navi, Vallecchi, 1959
Elios Toschi, Tesei e i Cavalieri subacquei, Giovanni Volpe Editore, 1967, Roma
Elios Toschi, In Fuga oltre l’Himalaya, Edizione EDIF, 1968
Ghetti, Storia della Marina italiana nella seconda guerra mondiale, De Vecchi Editore, 1968
Luis de la Sierra, Gli assaltatori del mare, Mursia, 1971
Alfredo Brauzzi, I mezzi di assalto della Marina Militare, supplemento alla Rivista Marittima, 1991
Junio Valerio Borghese, Sea Devils, Italian Commandos in WWII, Naval Institute Press, Annapolis, Maryland 1995
Alessandro Turrini, Una breve storia dei siluri a lenta corsa e della X MAS, Supplemento alla Rivista Marittima, 2000
Carlo De Risio, Ufficio storico della Marina Militare, La marina italiana nella seconda guerra mondiale Volume XIV / I mezzi di assalto
Documenti ed immagini Ufficio Storico della Marina Militare

.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

,

PAGINA PRINCIPALE

.

PARTE I PARTE II PARTE III

PARTE IV PARTE V PARTE VI

PARTE VII PARTE VIII PARTE IX

PARTE X PARTE XI




Loading

(Visited 1.052 times, 1 visits today)
Share
5 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

30 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
30 visitatori online
30 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 45 alle 03:29 pm
Mese in corso: 65 alle 12-05--2024 04:06 pm
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x