If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

U-537, il sommergibile tedesco che sbarcò “pacificamente” sul continente nord americano

Reading Time: 9 minutes

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: ARTICO

parole chiave: U 537, U-Boot, WFL 26, Stazione meteorologica

 

L’analisi delle condizioni meteorologiche e la possibilità di fare delle previsioni è sempre stato un asso nella manica dei combattenti. Durante la seconda guerra mondiale fu inevitabile che gli Alleati avessero un certo vantaggio sull’Asse, grazie alla possibilità di avere stazioni meteorologiche in ambedue le parti dell’Atlantico, fattore che consentiva di pianificare in modo più efficiente il movimento dei convogli. Al contrario, la marina tedesca non godeva di tale vantaggio poiché i suoi meteorologi non potevano operare più a ovest della costa francese del Golfo di Biscaglia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è u-boot-tempesta.jpg

In realtà, durante i primi anni della guerra, gli U-Boot della Kriegsmarine avevano la possibilità di trasmettere informazioni meteorologiche alle basi navali a terra ma, quando la capacità operativa antisommergibili dell’Alleanza migliorò, favorita anche dalla perdita di efficienza della componente sommergibili tedesca, avere la possibilità di fare delle previsioni meteorologiche marine divenne strategico. Questa lacuna capacitiva fu valutata seriamente dalla Kriegsmarine che studiò la possibilità di creare delle stazioni autonome meteorologiche collocate nel continente nordamericano. Questo portò a sviluppare, durante la seconda metà del 1943, il progetto di una stazione meteorologica nelle remote isole artiche che fu chiamata WFL 26.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è wfl-26-progetto-683x1024.jpg

Wetter-Funkgerät (WFL) numero 26 (il sesto di una serie di 21 di tali stazioni) prodotto dalla Siemens Corporation. Consisteva in vari strumenti di misura, un trasmettitore tipo Lorenz 150 FK da 150 watt e dieci contenitori con batterie ad alto voltaggio al nichel-cadmio e a celle a secco

Prodotta dalla Siemens Corporation, la stazione WFL 26 era completamente automatizzata, trasportatile ed in grado di essere imbarcata in moduli anche attraverso gli stretti portelli di un U-Boat. Dopo che i test del prototipo ebbero successo, fu deciso che il dispositivo sarebbe stato installato in un’area remota del Canada settentrionale. Questa missione fu assegnata all’U-537.

Questa è la sua storia, quella di un valente comandante e dei suoi uomini che, attraversando l’Atlantico, entrarono nel mare Artico, in zone inospitali e sconosciute per installare una stazione meteorologica.

Dopo aver fatto un breve scalo in Norvegia, a Bergen, l’U-Boat partì il 9 ottobre e proseguì verso la costa del Labrador. A causa delle estreme condizioni stagionali, fu valutato che l’installazione sarebbe dovuta essere completata a fine di ottobre, ovvero fino a quando i fiordi nei pressi di Cape Chidley rimanevano liberi dai ghiacci. Dopo l’installazione, tutta l’area si sarebbe ghiacciata, rendendo improbabile che le autorità canadesi localizzassero o tentassero di smantellare la stazione.  

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è u-537-fig-1.jpg

L’U-537 all’ancora il 23 ottobre 1943 a Martin Bay sulla costa del Labrador di Terranova, venti miglia a sud di Cape Chidley

Perchè la baia di Hutton?
L’area scelta per la stazione meteorologica tedesca era stata rilevata solo nel 1931 quando la National Geographic Society lanciò un programma per studiare il Labrador costiero per testare un nuovo metodo di produzione di mappe topografiche da fotografie aeree oblique. Utilizzando un idrovolante Fairchild equipaggiato con le più moderne fotocamere disponibili all’epoca e una nave di ricerca di supporto, la squadra di rilevamento iniziò a mappare le terre sconosciute ogni stagione estiva ovvero con il tempo favorevole. Procedendo verso nord, ogni nuova stagione, arrivarono all’isola di Killiniq, dove il mare del Labrador incontra la baia di Ungava, una costa orientale della penisola frastagliata da centinaia di fiordi, insenature e banchi insidiosi, in cui svettava Cape Chidley.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Cape-Chidley-labrador.png

Nel 1934, un capitano di una nave aveva ancorato in un porto naturale che aveva definito eccellente, per cui il team di National Geographic aveva anche l’obiettivo di individuare e mappare quel porto perché poteva fungere da ancoraggio sicuro per il traffico marittimo regolare che viaggiava tra il fiume St. Lawrence ed i mercati commerciali dell’Europa. Così, nel 1935, il gruppo di ricerca esplorò e cartografò l’area vicino a Rowland Point, la penisola di Hutton e la foce del fiordo di Ikkudliayuk. Fu rilevato un ancoraggio con una profondità di circa14 metri tra la costa orientale della penisola di Hutton e il ridosso dell’isola di Oo-olilik o Martin Bay. Quel “porto eccellente e probabilmente finora inesplorato” fu quindi scelto come destinazione dell’U-537.

Il sommergibile U 537
L’U 537 era un sommergibile tipo IXC/40 al comando del Kapitänleutnant zur See Peter Schrewe con un equipaggio di 48 uomini. Un battello di nuova costruzione costruito dalla Deutsche Werft AG ad Amburgo tra l’aprile 1942 e il gennaio 1943.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è u-537-comandante.jpg

Kapitan-Leutnant zur See (KptLtzS.) Peter Schrewe sulla torretta dell’U-537

Faceva parte di una classe di 87 U-Boat IXC/40 commissionati alla Kriegsmarine che rappresentavano un miglioramento rispetto al tipo IXC, in particolare con una maggiore capacità di trasporto del carburante (che aveva aumentato l’autonomia complessiva di crociera a circa 13.850 miglia nautiche) e il potenziamento dell’armamento antiaereo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è flak-38-quad.jpg

Oltre al Flugabwehrkanone Tipo 30 a montaggio singolo da 20mm (cannone antiaereo o “FLAK”) sulla sovrastruttura della torre, la classe IXC/40 era stata armati con una piattaforma a poppa della torretta che ospitava un Flakvierling 38, un cannone antiaereo quadruplo da 20mm che raddoppiava la capacità di difendersi dalle minacce aerea, con una velocità di fuoco ciclica di oltre 800 colpi al minuto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è u-537-fig-2.jpg

Membro dell’equipaggio sul ponte e sulla torretta dell’U-537 a Martin Bay, all’arrivo lungo la costa del Labrador di Terranova

L’U-537, dopo aver lasciato le acque norvegesi, fece rotta verso ovest, attraverso il Mare del Nord, al di sopra delle isole inglesi. Quindi si diresse tra le Isole Faroe e l’Islanda, nei tratti settentrionali dell’Oceano Atlantico, una rotta molto meno battuta e più sicura rispetto alle rotte di navigazione meridionali, frequentate dai convogli e quindi più pattugliate.

Alle 20:48 del 7 ottobre, l’U-537 trasmise un messaggio al quartier generale degli U-boot tedeschi (il Befehlshaber der Unterseeboote o “BdU”), annunciando di aver attraversato il 20°W. Un messaggio che venne decifrato dai criptoanalisti di Bletchley Park. Il pomeriggio seguente ricevette l’ordine di “proseguire il passaggio secondo il compito speciale” ovvero il battello doveva continuare la rotta verso il Canada. Sebbene i Britannici avessero intercettato e decifrato il messaggio, non sapevano però  quale fosse il “compito speciale”. Intanto il sommergibile si infilò in un’area di bassa pressione con vento forte, pioggia e temperature estremamente fredde. Una situazione poco confortevole per il battello che avanzava in superficie per mantenere cariche le batterie che ne rallentò l’avanzamento.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è u-537-fig-3.jpg

I membri dell’equipaggio dell’U-537 approntano le zattere che utilizzeranno per prendere terra sulla penisola di Hutton, venti miglia a sud di Cape Chidley, sulla costa del Labrador di Terranova il 23 ottobre 1943. A causa del mare il sistema Flakvierling 38 antiaereo quadruplo era stato perso in mare

Il 12 ottobre alle 18:36, il comandante Schrewe ricevette l’ordine di “simulare un gruppo di battaglia” in un’area specifica, emergendo in punti diversi e inviando bollettini meteorologici giornalieri. Questo per ingannare i Britannici, dando l’illusione che una task force tedesca fosse nell’area. Un compito certo non facile per il sommergibile a causa delle avverse condizioni meteo, con grandi onde che sbattevano sullo scafo facendolo imbardare violentemente. Una di quelle onde colpì tale violenza la torretta che il Flakvierling 38, un’arma da 3.300 libbre, fu strappata dai suoi supporti e gettata in mare. Sembra che quando il comandante riferì l’accaduto, l’Alto Comando tedesco si preoccupò se … l’arma fosse stata rizzata propriamente. Tutto il flusso dei messaggi fu intercettato dai Britannici che ora erano al corrente che l’U-537 era nel Nord Atlantico per un “compito speciale” e che aveva appena perso il suo cannone antiaereo principale.

La sera presto del 22 ottobre 1943, l’U-537 si ancorò finalmente a Martin Bay e Schrewe inviò immediatamente una squadra a terra per posizionare una postazione di vedetta ed esplorare un sito dove installare la stazione meteorologica.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è u-537-fig-1.jpg

Fu identificata la sommità di una collina alta 170 piedi a circa 400 metri nell’entroterra dalla spiaggia. Inoltre, sebbene l’area fosse relativamente sicura, il comandante fece posizionare delle vedette ed una mitragliatrice M 15 sulle alture che dominano la baia. Per il sito della stazione fu selezionato un punto sulla costa che fu denominato Kurt, dal nome del suo progettista Kurt Sommermeyer, che era presente a bordo del sommergibile.

All’alba del 23 ottobre iniziò il processo di installazione della stazione che durò un giorno intero. La stazione consisteva in diversi parti: un albero alto 10 metri che montava un anemometro mantenuto da un treppiede e dieci cilindri contenenti altri strumenti meteorologici, nonché un trasmettitore da 150 watt e batterie ad alta tensione a celle a secco. Una volta assemblato, Kurt registrava i dati di temperatura, umidità, pressione atmosferica, velocità e direzione del vento e trasmetteva tali informazioni alle stazioni riceventi nel nord Europa ogni tre ore sulla frequenza di 3940 kHz. Fu un lavoro duro tenendo conto del peso dei componenti (i cilindri pesavano oltre 100 chilogrammi l’uno) che dovevano essere spostati da bordo fino a terra e dalla spiaggia alla posizione di installazione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è u-537-vedette-1.jpg

L’equipaggio dell’U-boat dell’U-537 di vedetta durante l’installazione della stazione meteorologica sulla penisola di Hutton vicino a Cape Chidley sulla costa del Labrador di Terranova il 23 ottobre 1943

A termine, il professor Sommermeyer ed il suo assistente passarono il resto della giornata a testarlo. Una cosa curiosa era che ciascuno dei pezzi della stazione (denominata WFL-26) era contrassegnato con la scritta “Canadian Weather Service”, un ente governativo di fatto inesistente. Ultimato il suo compito, l’U-537 levò l’ancora ponendo fine all’unica invasione tedesca del  continente nordamericano.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è u-537-nella-baia-di-martin-bay.jpg

L’U-537 quindi navigò in mare abbastanza al largo da immergersi completamente e comunicò al BdU di aver terminato la missione. Dopo due giorni, la stazione smise però di funzionare.  L’U 537 emerse  più volte nella speranza di poter ricevere i dati, senza risultato. Cosa era successo non lo sparemo mai. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è u-537-wfl-26-completata.jpg

Una foto della stazione meteorologica Wetter-Funkgerät Land-26 (WFL-26) il giorno della sua installazione – 23 ottobre 1943

La stagione successiva un secondo “Kurt” fu imbarcato a bordo dell’U-867, all’inizio di settembre 1944, con l’ordine di installarlo nella stessa zona del primo Kurt. Il fato volle che l’U 867 non raggiunse mai la sua destinazione: un bombardiere B-24 Liberator dello squadrone RAF 224 lo affondò a nord-ovest di Bergen, in Norvegia, il 18 settembre 1944.

Cosa successe alla stazione?
La stazione meteorologica Kurt rimase dimenticata su quella altura esposta agli elementi. Nel 1952 l’area fu studiata per installare dei siti radar di allerta ma nei rapporti non vi fu alcuna notazione della scoperta. Nel 1977, una squadra di geologi si imbattè per caso nei contenitori ma, credendo che fossero degli artefatti di una stazione meteorologica canadese abbandonata (ricordate la scritta su di essi), non diedero importanza alla scoperta.

La storia fu resuscitata alcuni anni dopo, in Germania, da un ingegnere in pensione, Franz Selinger, che iniziò una ricerca sulla storia della Siemens e si imbatté per caso in alcuni documenti di Kurt Sommermeyer, che contenevano delle foto dell’U 537 a Martin Bay.  Dopo aver condiviso le sue informazioni con i canadesi, Selinger partecipò ad una missione del Canadian Coast Guard Heavy Arctic Icebreaker Louis S. St-Laurent che,, dopo aver raggiunto la penisola di Hutton, ritrovò la stazione meteorologica WFL 26 proprio nelle coordinate dove l’U 537 l’aveva installata 38 anni prima. Tutti i suoi componenti erano ancora presenti e fu recuperata e trasferita a bordo del rompighiaccio tramite l’elicottero di bordo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è WFL-26-al-museo-di-ottawa.jpeg

la WFL esposta al Museo di Ottawa

Dopo il suo restauro, la stazione meteorologica tedesca è ora in mostra al Musée Canadien de la Guerre di Ottawa.

Andrea Mucedola

 

Riferimenti
Helgason, Guðmundur. “War Patrols by German U-boat U-537”. U-boat patrols – uboat.net. Retrieved 1 March 2010

Thorne, R.G. (2004). A Cherished Past: Newfoundland’s Front Row Seat to History. St. John’s, NL/Thorton Publishing Ltd. (pp. 82-88)

Marty Morgan U-537, Cape Chidley & The Secret Weather Station WFL-26 (warhistoryonline.com)

David Stubblebine, Weather Station Kurt, 22 October1943 – 23 October 1943 da https://ww2db.com/

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

 

print
(Visited 1.006 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »