If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Le isole Eolie diventano Hope Spot

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: CONSERVAZIONE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Eolie, Hope Spot

 

Bella notizia … si, ma cosa sono gli Hope Spot, i siti della speranza?
Si tratta di aree marine individuate come scientificamente fondamentali per la salute degli oceani. L’iniziativa si deve alla fondazione Mission Blue di Sylvia Earle, la più importante oceanografa del mondo che, da più di 50 anni, si batte per la difesa degli oceani, perché, vale la pena ricordarlo, proprio dagli oceani dipende gran parte della vita sulla terra.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è earle-DSC_0081-1024x1015.jpg

Silvie Earle ha ricevuto nel 2017 il tridente d’oro dall’Accademia Internazionale delle Scienze e Tecniche Subacquee per il suo impegno per la protezione degli oceani, sullo sfondo il celebre documentarista Pippo Cappellano

I criteri di individuazione sono diversi e vanno dalla ricchezza della biodiversità e degli ecosistemi, alle capacità di rigenerarsi dai danni derivanti dall’impatto delle attività umane, ma anche all’importanza economica che rivestono per le comunità. Aree per l’appunto, in grado di dare speranza ai nostri mari, e alle popolazioni che di mare vivono.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è earle.jpg

Le isole Eolie sono state aggiunte al centinaio di siti sparsi per il mondo, un arcipelago nel Mar Tirreno, a nord della Sicilia, formato da sette isole vulcaniche che prendono il nome da Eolo, Dio greco dei venti. Le Eolie,  che per inciso sono patrimonio mondiale dell’UNESCO, sono riconosciute per la loro attività vulcanica unica: tre isole sono ancora vulcani attivi e le restanti quattro isole presentano fenomeni vulcanici secondari.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è eolie-isola-di-vulcano.jpg

Le Isole Eolie e le acque circostanti ospitano una straordinaria biodiversità, fatta di una moltitudine di specie che va dalle cernie alle aragoste ed ai polpi. Ad abbracciare le coste rocciose delle isole ci sono praterie di posidonia oceanica che forniscono importanti habitat per i pesci giovanili. E ancora, grotte sommerse e montagne sottomarine offrono rifugio a grandi pesci pelagici come ricciole, tonno rosso, barracuda e caponi. Ma basta allontanarsi dalla costa per avvistare capodogli, delfini e tartarughe marine che attraversano le isole per la migrazione e l’accoppiamento.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Healthy-seas-nets-recovery-Carmelo-Isgro.jpg

recupero di una rete da parte dei volontari di Healthy seas © Carmelo Isgro

Tuttavia negli ultimi anni non sono mancati i problemi di tutela ambientale. Il sovrasfruttamento ittico, l’uso di attrezzi da pesca poco sostenibili e l’assenza di adeguate misure di gestione delle risorse marine hanno impoverito il mare. I pescatori artigianali si sono rimboccati le maniche per difendere non solo l’equilibrio ambientale ma anche la loro fonte di sostentamento.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ghost-net-Danny-Copeland-1024x683.jpg

© Danny Copeland

Un gruppo di oltre trenta tra loro, supportato da Blue Marine Foundation, lavora per promuovere una pesca a basso impatto, sostenibile e responsabile. I piccoli pescatori hanno sviluppato volontariamente un “Codice di buona condotta” centrato sulla pesca responsabile. Fra le iniziative anche il recupero di reti fantasma, abbandonate cioè perché impigliate o danneggiate, e quindi estremamente pericolose per le specie marine. Insieme ai subacquei locali e in collaborazione con la Healthy Seas, i pescatori hanno recuperato venti tonnellate di reti in due anni. Le isole hanno inoltre visto un aumento dell’inquinamento da plastica.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Fishermen-©-Danny-Copeland--1024x575.jpg

© Danny Copeland

Grazie alle amministrazioni locali che hanno previsto specifiche ordinanze per ridurre il consumo di plastica monouso, le Isole Eolie sono oggi plastic free. Fondamentale il lavoro svolto dall’Aeolian Islands Preservation Foundation e dai suoi partner nella promozione di pratiche di pesca e turismo sostenibili, attività di ricerca scientifica su numerose specie in via di estinzione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è eolian-reserve.pngTutto questo ha portato alla designazione per l’arcipelago del titolo di Hope Spot. Le parole della dottoressa Sylvia Earle, fondatrice di Mission Blue: “Plaudo al lavoro dell’Aeolian Islands Preservation Foundation (AIPF) e dei suoi partner per quello che stanno facendo per proteggere questo arcipelago coinvolgendo la comunità, con l’obiettivo di sensibilizzare sull’importanza di convivere pacificamente con la natura. Questo è il momento di agire. Grazie per aver dato voce a coloro che non possono parlare: le tartarughe marine, gli squali e le cernie. Sono sicura che se potessero parlare vi ringrazierebbero”.

Certo da sola la speranza non basta, e allora da oggi riparte con forza la campagna per la designazione delle isole Eolie come area marina protetta. Un modello che, dall’istituzione della prima ad Ustica nel 1986, ha dimostrato quali e quanti benefici ne tragga il mare, chi di mare vive e tutti noi che ogni due respiri che facciamo, uno lo dobbiamo al mare.

Alessandro Filippini

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 328 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »