If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Briefing e de-briefing

Reading Time: 5 minutes

livello elementare
.
ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: NA
AREA: NA
parole chiave: metodo, didattica

 

Un corretto scambio di informazioni tra persone si basa sul presupposto che tutti gli attori coinvolti ricevano lo stesso messaggio e siano in grado di comprenderlo in maniera esaustiva. Sembra una banalità ma il successo di una attività subacquea dipende in gran parte dalla preparazione precedente e dal controllo pre-immersione. Esistono un certo numero di fatti (interferenze) che possono deteriorare la qualità del messaggio causando la perdita di importanti informazioni.

Queste “interferenze” possono essere causate da una serie di diversi fattori che includono:

Situazione ambientale: ad esempio in ambienti rumorosi può essere difficile capire cosa l’altra persona stia dicendo
Barriere linguistiche: trasmettere, o ricevere, informazioni in una lingua diversa da quella nativa può essere difficile a causa di differenza di accenti, pronuncia etc.
Barriere culturali e di genere: modi di dire, espressioni ed atteggiamenti differiscono tra culture diverse e possono essere facilmente fraintesi portando ad errori interpretativi del messaggio
Distrazione: sia chi trasmette che chi riceve un determinato messaggio deve rimanere concentrato per evitare di omettere, o non prestare attenzione alle informazioni importanti
Preconcetti personali: per quanto possa sembrare strano, a volte si capisce ciò che ci si aspetta piuttosto che quello che è stato detto realmente.

Un corretto scambio di informazioni diviene ancora più importante in ambito lavorativo; queste sono necessarie per garantire il successo delle operazioni e la sicurezza degli operatori. Il diver supervisor/leader ha quindi un compito essenziale che non può essere improvvisato ma richiede una preparazione pregressa per trasmettere ai sommozzatori le informazioni necessarie.

Briefing
Nell’ambito delle attività subacquee un momento critico è il briefing pre-immersione. E’ in questa fase infatti che i membri del team hanno l’opportunità di condividere le necessarie indicazioni per un corretto e sicuro svolgimento dell’immersione.

Per prima cosa bisogna identificare il momento ed il luogo più adatti per lo svolgimento del briefing.
Il livello di complessità delle operazioni determina il momento del briefing. Se le informazioni da scambiare sono molte il briefing dovrebbe avvenire con largo anticipo rispetto al momento dell’immersione in modo da dare tempo a tutti di elaborare ed assorbire le indicazioni ricevute. In alcuni casi i membri del team devono avere diverse riunioni (a partire da giorni o mesi) prima di operazioni molto complesse, al fine di analizzare in dettaglio le risorse necessarie e definire le procedure più adatte.

Subito prima dell’immersione è opportuno avere un briefing finale nel quale riepilogare le fasi chiave delle operazioni, i ruoli dei subacquei coinvolti e le procedure di emergenza. In questa fase potrebbe essere necessario coinvolgere anche elementi esterni al team subacqueo, come ad esempio l’equipaggio della barca appoggio.

Per quanto riguarda il luogo del briefing la scelta deve mirare ad ottenere un ambiente il più possibile privo di distrazioni. Nel caso di immersioni da una barca il team potrebbe riunirsi sul ponte di comando con il duplice vantaggio di avere un ambiente protetto e di poter condividere informazioni importanti con il comandante.
Se il numero di subacquei coinvolti è elevato, come nel caso delle immersioni didattiche in occasione dei corsi o ricreative, è opportuno dividere i partecipanti in gruppi non troppo numerosi (ogni didattica fissa un numero massimo) ed effettuare per ognuno una sequenza dei briefing consistente con il momento dell’ingresso in acqua previsto.

Per assicurarsi che tutti i subacquei abbiano compreso correttamente le informazioni fornite nel briefing, una procedura consigliata è quella di far ripetere, con parole proprie, i punti essenziali. In questo modo si ha il duplice vantaggio di verificare che tutti abbiano effettivamente capito e, al contempo, confermare che le necessarie informazioni siano state fornite in modo chiaro ed esaustivo.

In alcune situazioni il briefing deve essere integrato dall’uso di checklist per controllare che tutti abbiano la necessaria attrezzatura personale e di lavoro.

I punti essenziali da trattare durante il briefing sono:

Identificazione della missione o attività
Stato di salute dei subacquei: accertarsi che tutti siano in condizioni di immergersi sia dal punto di vista fisiologico che psicologico
Rivedere gli obbiettivi: confermare gli obbiettivi previsti dell’immersione
Controllo del rischio: verificare che i potenziali rischi siano ben compresi e che adeguate procedure di mitigazione siano in atto
Condizioni ambientali: confermare che le condizioni meteo marine del luogo di immersione siano quelle previste
Materiali e procedure: confermare che le necessarie attrezzature siano disponibili e che i subacquei abbiano ben chiare le procedure da adottare
Profilo d’immersione: confermare massima profondità pianificata, tempo di immersione previsto, tipo di gas respiratorio e riserva minima
Emergenze: rivedere le procedure d’emergenza sia con i subacquei che con eventuali team di supporto
Ruoli: definire chiaramente i diversi ruoli nel team subacqueo
Discussione finale: incoraggiare tutti ad esprimere idee, commenti e, soprattutto, perplessità

 

Debriefing
La fase del de-briefing è non meno importante di quella del briefing pre-immersione perché consente di rielaborare i punti salienti delle operazioni per discutere i risultati ottenuti e valutare eventuali correzioni alle procedure effettuate. In questa fase avviene anche il controllo della restituzione dei materiali di lavoro, al fine di evitare che vadano perduti. 

In sintesi, le fasi di briefing e de-briefing sono fondamentali per migliorare la sicurezza e l’efficacia delle attività subacquee sia a livello individuale che di gruppo. Sebbene esistano procedure consolidate, il conferenziere (briefer) dovrà sempre essere in grado di adattarle alle diverse circostanze per massimizzare i risultati.

 

Giorgio Caramanna
Geologo oceanografo – Geoaqua Consulting
è un geologo italiano specializzato in idrogeologia e geochimica, con oltre quindici anni di esperienza come subacqueo scientifico in una varietà di ambienti e attività di ricerca. Svolge anche il ruolo di delegato nel Comitato europeo di immersioni subacquee. Ha lavorato come ricercatore presso molte istituzioni internazionali e ha esperienza multidisciplinare in diverse università. Ha fondato nel 2015 GeoAqua Consulting con il desiderio di condividere la sua esperienza di ricercatore e subacqueo scientifico con il desiderio di sensibilizzare l’opinione pubblica sui principali problemi ambientali. È autore di oltre cinquanta articoli ed è revisore per riviste internazionali. Giorgio Caramanna, dal 2015, è anche collaboratore ed inviato dagli Stati Uniti di Ocean4future. Nel 2018 ha ricevuto il Tridente d’oro dell’Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 330 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »