Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà


Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Reportage: il fallimento non è un opzione, cronistoria di un salvataggio al limite dell’impossibile di Giorgio Caramanna

tempo di lettura: 5 minuti

.
livello elementare

.
ARGOMENTO: REPORTAGE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: THAILANDIA
parole chiave: salvataggio, grotta, speleo
.

Nel famoso film “Apollo 13”, che descrive gli eventi di quella infausta missione spaziale, il direttore di volo Jene Kranz pronuncia la fatidica frase “il fallimento non è un’opzione” riferita al fatto che bisogna riuscire a riportare vivi a terra i tre astronauti dopo che un’esplosione aveva seriamente danneggiato il modulo lunare. Il team della NASA riuscirà nell’impresa entrando nella storia delle operazioni di soccorso ai limiti dell’impossibile.

Quasi 50 anni dopo un’altra missione di soccorso entra nella leggenda; questa volta bisogna riportare sulla “terra” non i tre super-preparati astronauti dell’Apollo ma dodici ragazzi spauriti ed il loro allenatore rimasti intrappolati negli anfratti di una grotta allagata.

Tham Luang Nang Non” (la grande grotta della signora che dorme) è il suggestivo nome di un sistema di cunicoli carsici che si sviluppa per quasi dieci chilometri nelle montagne calcaree della Tailandia. La sua bellezza però nasconde un grave pericolo rappresentato dal fatto che le piogge monsoniche, che caratterizzano il clima della zona, possono rapidamente trasformare i tranquilli ambienti ipogei in una trappola di acqua e fango con correnti così forti da strappare la maschera dal viso di chi tentasse di immergersi.

Una gita folle
Il 23 giugno del 2018, per motivi mai totalmente chiariti, un gruppo di dodici ragazzi,  giocatori della locale squadra di calcio giovanile, ed il loro allenatore decidono di entrare nella grotta. Lo fanno forse per celebrare un compleanno o forse per meditare come parte del loro allenamento. Qualunque sia stato il motivo si ritrovano presto in un incubo. 

Sebbene manchi ancora quasi un mese all’inizio della stagione dei monsoni una serie di piogge anticipate satura la roccia calcarea delle montagne ed innesca un veloce allagamento della grotta. Per sfuggire alle acque che risalgono rapidamente il gruppo si rifugia in una zona più elevata del sistema carsico a quasi quattro chilometri dall’entrata. Sono in trappola, tagliati fuori dal resto del pianeta da chilometri di meandri oramai percorribili solo dai subacquei. E’ l’inizio di una mobilitazione internazionale senza precedenti nel campo del soccorso speleo-subacqueo; cento subacquei, personale tecnico e logistico di oltre cento agenzie governative, duemila militari, oltre novecento agenti di polizia e migliaia di volontari si uniscono nel disperato tentativo di localizzare e recuperare il gruppo disperso. In totale, si ritiene che quasi diecimila persone contribuiranno alle operazioni.

i due speleosub John Volanthen e Rick Stanton

Sono due tra i migliori speleo subacquei del mondo, i Britannici John Volanthen e Rick Stanton, a localizzare i ragazzi dopo oltre una settimana di ricerca. Sono per fortuna tutti vivi, certo denutriti ma in discrete condizioni di salute. Scarsa visibilità, detriti e  fredde temperature sono i maggiori ostacoli che si pongono davanti ai soccorritori. Volanthen pone delle linee guida nella caverna per aiutare gli altri nella navigazione verso i dispersi.  Lui e Stanton non hanno cibo da offrire alla squadra ma lasciano loro una sorgente luminosa. Quando li lasciano, Volanthen promette che sarebbe tornato, ma ora inizia la parte più difficile: definire un piano per portarli fuori.

 I soccorritori tailandesi ed i funzionari del parco all’esterno della grotta di Tham Luang Nang Non, durante le operazioni di ricerca dei dispersi, intrappolati nella grotta di Tham Luang Nang Non nel distretto di Mae Sai, provincia di Chiang Rai , Thailandia settentrionale, il 25 giugno 2018. EPA / CHAICHAN CHAIMUN

Dopo aver vagliato una serie di proposte si decide di organizzare l’estrazione del gruppo usando tecniche di soccorso speleo subacqueo. Il problema è che non solo i ragazzi non hanno alcuna esperienza subacquea ma molti non sanno neanche nuotare. Per ridurre il rischio che possano entrare in panico, mettendo a repentaglio la loro vita e quella dei soccorritori, i ragazzi verranno parzialmente sedati, dotati di una maschera gran-facciale (che copre tutto il viso e consente di respirare attraverso il naso), imbracati su delle apposite lettighe e trasportati attraverso una serie di passaggi incredibilmente stretti, alcuni larghi meno di 50 cm, immersi in un’acqua melmosa che le idrovore, appositamente installate, riescono solo in parte a contenere. Per rendere possibile questa operazione i soccorritori devono per prima cosa “attrezzare”la grotta predisponendo linee guida lungo il percorso e garantendo un’adeguata scorta d’aria per le quasi tre ore di trasporto.

La logistica è affidata principalmente ai sommozzatori della Marina Tailandese; oltre 700 bombole vengono preparate e deposte lungo i chilometri di gallerie.

Saman Kunan, un ex sommozzatore della Marina Thailandese, volontario durante le operazioni di soccorso, perse la vita nella lotta contro il tempo per salvare i ragazzi

Durante queste operazioni un terribile incidente; un ex-sommozzatore della Marina Tailandese, Saman Kunan che partecipava come volontario, purtroppo perde la vita nei cunicoli. La sua morte commuove tutti ed il Comandante Generale della Marina Tailandese lo promuoverà alla memoria al grado di Comandante mentre il Re della Tailandia gli conferirà postuma una delle più alte onorificenze del Paese. Il tempo stringe anche perché le condizioni ambientali nella grotta dove si trovano i ragazzi si stanno deteriorando con la percentuale di ossigeno sempre più bassa e vicina alla soglia pericolosamente ipossica del 12%. Finalmente, domenica 8 luglio 2018, un team di diciotto speleo subacquei inizia ad estrarre i ragazzi. Tre subacquei accompagneranno ogni barella ad intervalli di 45 minuti in gruppi di 3 o 4 per ogni giorno. Ci vorranno tre giorni per evacuare tutto il gruppo.

Sebbene, per stessa dichiarazione dei soccorritori, la fortuna è stata sicuramente benigna il successo delle operazioni è principalmente legato ad una pianificazione attenta e meticolosa, allo sforzo sinergico di esperti internazionali ed al coraggio di professionisti capaci e dedicati.

Le difficoltà tecniche che i soccorritori hanno dovuto affrontare sono state enormi e sicuramente questa operazione rimarrà negli annali della speleologia subacquea come massimo esempio di inventiva, abilità e forza di volontà. Un plauso finale va anche ai militari ed al governo della Tailandia che hanno avuto l’intelligenza e l’umiltà di chiedere prontamente aiuto agli esperti internazionali in una missione al di là del possibile.
.

Giorgio Caramanna

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 577 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

1 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
1 visitatori online
1 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 17 alle 12:32 am
Mese in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x