Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Uno strano incontro: le uova del calamaro rombo

tempo di lettura: 4 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: BIOLOGIA E ECOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: calamari, uova

 

C’è da ammettere che guardando queste foto si ha un senso di disagio. Quello strano tubo traslucido e luminescente non è un misterioso alieno degli abissi ma una stringa di uova di calamaro, ha detto Rebecca Helm, una biologa marina presso l’Istituto oceanografico di Woods Hole (WHOI) nel Massachusetts, USA..

thysanteutis r

Credit: Jay Wink/Abc Scuba Diving Port Douglas

Secondo la ricercatrice si tratta delle uova di un Thysanoteuthis rhombus, un calamaro presente in tutti gli oceani. La scoperta non è eccezionale in quanto questi strani tubi organici sono relativamente comuni, ma questo incontro ci da oggi la possibilità di parlare di questi strani agglomerati di uova.

Osservando questo video si osserva che la massa non ha un aspetto solido ma è incredibilmente trasparente, composta da lunghe corde color rosa perlaceo, che rassomigliano a dei tendaggi in rilievo. In realtà “Quelle macchie rosa brillante sono uova di calamari”, ha detto Rebecca Helm, “ …  ogni subacqueo di fronte a questa “creatura” dovrebbe essere eccitato  visto che una tale massa è un evento ultra raro” … La specie che è stata pubblicata è il rombo di Thysanoteuthis, ma è difficile saperlo per certo“, ha detto Helm a Live Science.

Identificare le uova di calamaro non è sempre semplice
Secondo uno studio del Journal of Plankton Research di aprile del 2002, sono state descritte in letteratura solo otto masse di uova planctoniche di questo animale, osservate dal 1995 al 2000. Quattro sono stati ritrovate nel Mediterraneo occidentale e le altre alle Isole Canarie. Le masse di uova scoperte nelle acque delle isole Canarie sono state tra le prime registrate nell’Atlantico orientale. Tutti questi ammassi sono stati osservati vicino alla superficie alla fine dell’estate ed all’inizio dell’autunno. Esse hanno la forma di cilindri allungati densi ed elastici con punte arrotondate che vanno da 80 a 130 cm di lunghezza e tra i 15 ai 20 cm di diametro. Le dimensioni delle uova variano da 2,8 a 3,4 millimetri. Queste creature del mare possono deporre ammassi di uova lunghi fino a due metri con un numero di uova compreso tra 24.100 e 43.800. Alcuni caratteri, che potrebbero aiutare l’identificazione dei paralarvae, sono la presenza di una membrana a forma di chiglia ed il tipo e modello di cromatoforo.

paralarva Thysanoteuthis rhombus

paralarva di Thysanoteuthis rhombus

Le paralarvae sono osservate solo in esemplari dell’ordine degli Octopodi (come i polpi) e dei Teuthida (calamari). Si tratta di uno stadio di crescita dei giovani cefalopodi nello stadio planctonico compreso tra la schiusa delle uova e la fase sub adulta. Non sono ancora chiari i fattori ecologici ed i meccanismi della loro presenza e distribuzione nei mari.

Thysanoteuthis rhombus

Thysanoteuthis rhombus

Il calamaro a forma di rombo (Thysanoteuthis rhombus) è una creatura marina di discrete dimensioni che può raggiungere la lunghezza di un metro e pesare fino a trenta chilogrammi (66 libre). La specie ha la forma di un aquilone con lunghi tentacoli con due file di ventose. I calamari sembrano vivere in coppia maschio-femmina (circa un anno) fino alla schiusa delle uova. Le uova fecondate sono racchiuse in un contenitore  gelatinoso e di solito sono deposte in mare aperto. Una volta rilasciate, esse galleggiano nell’oceano trascinate dalle correnti. Non è probabile che i genitori restino nei paraggi anche se è noto che alcune femmine di calamari si prendono cura delle loro uova e le tengono vicino durante lo sviluppo.

diamond-squid-thysanoteuthis-rhombus-eggs

Non è chiara l’origine del bagliore rosa ed il colore delle uova. Secondo lo studio del Journal of Plankton Research, la ricerca effettuata sulle larve di questi calamari in laboratorio ha rivelato che sono costellate di linee di cromatofori rossastri e gialli, probabilmente cellule contenenti dei pigmenti che danno quindi quel colore.

thysanoteuthis

Varie visioni ventrali dello stato giovanile, grandezza circa 2-3 cm. Le fotografie sono state scattate in situ  durante un’immersione notturna presso la Kona coast delle Hawaii © 2013 Masa Ushioda, CoolWaterPhoto.com

In particolare, le paralarvae presentano due tipi di cromatofori: il primo, grande e rossastro densamente concentrato sui lati dorsali, laterali e ventrali del mantello ed il secondo di colore giallo sui lati dorsali dei tentacoli.

La ricerca continua.

 

.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 1.853 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

20 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia Contemporanea
Storia contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
20 visitatori online
20 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 36 alle 06:47 pm
Mese in corso: 65 alle 05-07--2024 10:16 am
Anno in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x