If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Macro o Ambiente? Piccole pillole di fotografia subacquea di Fabio Carnovale

Reading Time: 4 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: FOTOGRAFIA
PERIODO: XX – XXI SECOLO
AREA: NA
parole chiave: fotografia subacquea, didattica

carnovale 5

Foto M. Saglio

Macro o ambiente?
Questa è la classica domanda che molti fanno a noi fotografi subacquei sulla barca quando vedono il nostro armamentario, ma non è così semplice. Andiamo per ordine. La macro fotografia subacquea è la branca della fotografia subacquea che più si avvicina alla fotografia terrestre: in effetti, se siamo in grado di produrre buoni scatti macro a terra, in linea di massima possiamo farlo anche sott’acqua.

carnovale 2

foto ravvicinata con 60mm d300s APSC – foto Fabio Carnovale

Normalmente nei diving e sulle barche si parla di “macro” non per la sua definizione ufficiale (fotografia con rapporto di ingrandimento su piano pellicola o sensore 24 x 36 di 1:1) ma per tutto quello che non è “grandangolare” ovvero si assimila alla macro quello che più correttamente dovrebbe essere definito “ravvicinato”. La macro è quella branca della fotografia subacquea forse più facile ed alla portata delle attrezzature più economiche non necessitando di flash particolarmente potenti.

carnovale 3

Con un rapporto di ingrandimento macro si possono decontestualizzare i soggetti (vedi foto incluse nell’articolo di Fabio Carnovale). In questo caso, il diaframma sarà chiuso ma non troppo, non più di 16 o 22, questo per non incorrere nella famigerata “diffrazione” che, a fronte di un minimo di profondità di campo in più, riduce sensibilmente la qualità dell’immagine.

Gli obiettivi saranno quelli classici per la macro fotografia terrestre; il 100 mm o 105 mm sono i più usati, con un occhio di riguardo per il 60 mm, che sebbene fa avvicinare di più il fotografo al soggetto per ottenere lo stesso rapporto di ingrandimento, permette di fotografare soggetti più grandi e con maggior profondità di campo. Non ultimo vantaggio per il 60 mm è quello di poter produrre immagini anche di soggetti grandi, pesci o persone, che può essere utile vista l’impossibilità di cambiare le ottiche sott’acqua. L’oblò da impiegarsi sarà generalmente e quasi sempre quello piano.

carnovale 4

Al limite tra macro e ravvicinato D300s APSC con 60 mm, notate la ridotta profondità di campo – foto di Fabio Carnovale

carnovael 5

Ravvicinato, D810 full frame con Tokina 17-35 a 35 leggero crop, si ottiene una foto assimilabile al macro – Foto di Fabio Carnovale

Le accortezze per la fotografia subacquea in macro sono le stesse della fotografia subacquea ovvero evitare la sospensione,  angolando il (o i flash) per contrastare gli effetti di back scattering. Le regole compositive che seguiremo sono simili a quelle impiegate della fotografia normale. E’ possibile ottenere foto simili alle macro o fortemente ravvicinate anche con obiettivi non specifici come il 35 mm o lenti zoom che arrivino almeno a questa focale.
lente-macro-subsee-magnifier-5Infine, non ultimo in ordine di importanza, accenno l’impiego delle lenti addizionali. Esse si possono inserire e disinserire in immersione e permettono di variare il rapporto di ingrandimento in funzione del soggetto da riprendere.

Le compatte
Le fotocamere compatte normalmente offrono la funzione macro ad una distanza molto ravvicinata, anzi spesso questa caratteristica viene decantata come un vantaggio; in realtà questo può rappresentare una limitazione. Gli animali da fotografare spesso non gradiscono essere avvicinati più di tanto e scappano. Inoltre spesso la caratteristica macro delle compatte è data alla focale più corta dell’obiettivo; ciò fa sì che la profondità di campo sia moltissima, se talvolta questo può essere una caratteristica favorevole, in altri casi, quando vorremmo sfocare lo sfondo per meglio evidenziare il soggetto, esso rappresenta un handicap. Comunque, non c’è dubbio che avere la possibilità di fare tutto con un’unica lente, con quegli zoom tutto-fare delle compatte,  può essere vantaggioso specialmente quando non si sa cosa si troverà da fotografare e si è  … alle prime armi.

 

Fabio Carnovale

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

:

print

(Visited 502 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »