Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Finding Nemo, il pesce pagliaccio questo sconosciuto

tempo di lettura: 4 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: BIOLOGIA E ECOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Pomacentridae
,

Ricorderete tutti il simpatico e curioso pesciolino Nemo del film della Walt Disney “Finding Nemo”. Nella storia il piccolo pesciolino viene catturato da un amatore per essere poi conservato in un acquario, cosa che purtroppo avviene nel mondo reale molto spesso. Nemo è un Pesce pagliaccio, o anemone fish, un pesce della sottofamiglia degli Amphiprioninae appartenente alla famiglia dei Pomacentridae, la stessa dei Chromis chromis mediterranei. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Amphiprioninae_distribution_map-blank.svg-wikipedia-1024x512.png

distribuzione geografica degli Amphiprioninae da NGDC GSHHS – autore © Sémhur https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/deed http://rspb.royalsocietypublishing.org Amphiprioninae distribution map-blank.svg – Wikimedia Commons

Tassonomicamente i Pomacentridi sono  suddivisi in quattro sottofamiglie: gli Amphiprioninae, i Chrominae, i Lepidozyginae ed i Pomacentrinae. Tra i Chrominae, il pesce forse più conosciuto è il Chromis chromis, conosciuto comunemente come castagnola, unico rappresentante dei Pomacentridi nel Mediterraneo.

La castagnola (Chromis chromis) popola i fondali rocciosi poco profondi dove, da adulta, vive in banchi numerosi sparsi a mezz’acqua. Si può spesso osservare anche sulle praterie di Posidonia oceanica. Gli esemplari giovanili delle castagnole possiedono una bellissima livrea blu e si possono osservare spesso in prossimità di cavità, crepacci ed altri ambienti ombreggiati che prediligono essendo infastiditi dalla luce.

Habitat
Ma torniamo a Nemo. I pesci pagliaccio sono nativi delle calde acque degli oceani Indiano e Pacifico, tra cui la Grande Barriera Corallina ed il Mar Rosso. Vivono sul fondali poco profondi e protetti come le lagune e gli atolli. Non sono presenti in Atlantico. I Pesci pagliaccio sono onnivori e occasionalmente possono nutrirsi anche del cibo non digerito dagli anemoni. Sebbene forse non si possa parlare di una vera e propria simbiosi, i due animali hanno vantaggi reciproci.  Si è notato, ad esempio,  che la materia fecale dei pesciolini nutre gli anemoni e l’azoto prodotto aumenta la quantità di alghe locali, aiutando l’anemone nella crescita dei tessuti e nella sua rigenerazione. Inoltre, il combattivo pesce pagliaccio difende l’anemone dai suoi predatori e uccide i parassiti. In cambio, l’anemone viene utilizzato dai pesci pagliaccio come nido sicuro per le loro uova in quanto difficilmente altri pesci si avventurano tra i tentacoli. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1280px-Amphiprion_bicinctus_Marsa_Alam-wikipedia-1024x698.jpeg

un esemplare di Red Sea Clownfish (Amphiprion bicinctus) fotografato a Marsa Alam, Egitto, nuota indenne tra i tentacoli dell’anemone magnifica (Heteractis magnifica) – autore Magnus KjaergaardAmphiprion bicinctus Marsa Alam 3.JPG – Wikimedia Commons

Ma come fa il pesce ad essere immune dal veleno dell’anemone?
Ci sono diverse teorie su come possano sopravvivere; ad esempio si pensa che il rivestimento di muco del pesce potrebbe essere basato su zuccheri piuttosto che proteine. Ciò significa che anemoni potrebbero non riuscire a riconoscere il pesce come una potenziale fonte di cibo e non sparano le loro nematocisti. Un’altra teoria è che l’evoluzione delle specie ha favorito l’acquisizione di una immunità alle nematocisti e le tossine prodotte dall’anemone. La sperimentazione ha mostrato che un tipo di pesce pagliaccio, l’Amphiprion percula può sviluppare resistenza alla tossina da Heteractis magnifica ma … non ne è totalmente protetto in quanto, in caso sia privo di muco può essere colpito dalle  nematocisti del suo ospite.

La vita sociale
Interessante la sua vita sociale: in un gruppo di pesci pagliacci si genera una gerarchia di dominanza piuttosto rigida. La femmina più grande e più aggressiva si colloca al primo posto. Solo un maschio ed una femmina del gruppo si riproducono attraverso la fecondazione esterna. Pesce pagliaccio sono ermafroditi sequenziali, il che significa che si sviluppano prima come maschi, e, in maturità diventano femmine. Se la femmina è rimossa dal gruppo o muore, il maschio di dimensioni maggiori diventerà una femmina. Bizzarro ma non raro in natura.

Un’altra cosa interessante è legata al ciclo riproduttivo che è spesso correlato con il ciclo lunare. E’ stato scoperto che i tassi di deposizione delle uova  presentano un picco nel  primo e terzo trimestre della Luna. La tempistica di questa progenie significa che le uova si schiudono intorno alla luna piena ovvero nei periodi di luna nuova. Una spiegazione di questo orologio lunare è che le maree primaverili producono le maree più alte durante la luna piena. La schiusa avviene in ore notturne, durante l’alta marea che può ridurre la predazione da parte di altri pesci, consentendo una maggiore capacità di fuga nel momento  più delicato.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1280px-Tomato_clownfish_Amphiprion_frenatus-wikipedia-1024x730.jpg

Tomato clownfish, Amphiprion frenatus – autore Brian Gratwicke – https://www.flickr.com/photos/19731486@N07Tomato clownfish, Amphiprion frenatus.jpg – Wikimedia Commons

.
Il nido viene attentamente vigilato e chiunque si avvicini (ed i subacquei lo sanno molto bene) viene incoraggiato ad allontanarsi. Sempre i sub avranno sperimentato le beccatine non molto amichevoli contro la maschera. La fecondità delle femmine varia da 600 a 1500 uova, a seconda delle loro dimensioni. Contrariamente alla maggior parte delle specie animali, la femmina prende solo occasionalmente responsabilità per le uova che è quindi a cura dei maschi. Il genitore maschio custodisce le uova fino alla schiusa che avviene circa dieci giorni più tardi. 

 

immagine in anteprima: Amphiprion ocellaris (Clown anemonefish) – autore Nick Hobgood Amphiprion ocellaris (Clown anemonefish) Nemo.jpg – Wikimedia Commons

 

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

Loading

(Visited 2.858 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
18 visitatori online
18 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 28 alle 09:57 am
Mese in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x