Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Un astrolabio ci racconta un tempo in cui ebrei, musulmani e cristiani studiavano insieme nuovi metodi scientifici per migliorare la navigazione guardando le stelle

tempo di lettura: 5 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: STRUMENTAZIONE NAUTICA
PERIODO: X-XI SECOLO
AREA: CARTOGRAFIA
parole chiave: astrolabio, proiezioni geografiche
.

Circa un anno fa, la dottoressa Federica Gigante, ricercatrice associata presso la facoltà di storia dell’Università di Cambridge ed ex curatrice degli strumenti scientifici islamici conservati presso il Museo di Storia della Scienza dell’Università di Oxford, stava preparando una conferenza, ricercando su Internet un ritratto di un nobile collezionista italiano del XVII secolo, Ludovico Moscardo.

Nella sua ricerca trovò una cosa che la incuriosì, la fotografia di un antico strumento nautico, un astrolabio conservato nel museo di Verona della Fondazione Museo Miniscalchi-Erizzo che ospitava il dipinto del Moscardo. Si recò quindi al Museo per osservare da vicino quell’antico strumento astronomico. Al di là della fattura, la cosa che attrasse la sua attenzione furono però degli strani grafi sullo strumento, non causati da un uso umano, ma che sembravano frutto della costruzione originale fatta dall’artigiano. La dottoressa Gigante ha pubblicato un interessante articolo sul ritrovamento che ho riassunto nella seconda parte dell’articolo. Ma, come sempre, andiamo per ordine.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 18253911_039_01_s009_i0008.png

l’astrolabio di Verona – Citation: Nuncius 39, 1 (2024); 10.1163/18253911-bja10095

Che cos’è un astrolabio?

Si tratta di uno strumento astronomico tramite il quale è possibile localizzare o calcolare ad una certa ora, data  e latitudine la posizione del Sole e delle stelle; la sua scoperta concettuale viene attribuita a Ipparco di Nicea (II secolo a.C.), uno dei massimi astronomi dell’antichità che per primo intuì la possibilità di disegnare su un piano la superficie di una sfera, utilizzando come “punto di proiezione” un punto della stessa. Come ricorderete da altri articoli, questo metodo viene chiamato “proiezione stereografica” e consente di proiettare in un certo istante tutti i punti della sfera celeste (stelle e pianeti) su un piano, offrendo due grandi vantaggi: la possibilità di disegnare le posizioni su un piano (usando riga e compasso) conservando le misure angolari (cosa non trascurabile per un navigatore). Questa proiezione fu impiegata da Claudio Tolomeo per il disegno del suo Planisfero dove, utilizzando le osservazioni astronomiche determinò la “latitudine” e la “longitudine” delle località e creò un reticolato geografico. Un passo da gigante nella cartografia. L’inventore dello strumento astrolabio fu invece il matematico Teone di Alessandria, vissuto nel IV secolo, che compose un trattato detto «piccolo astrolabio» per distinguerlo dal «grande astrolabio» ovvero la sfera armillare, un modello della sfera celeste inventato da Eratostene nel 255 a.C. Il suo nome derivava dagli anelli, detti armille, ciascuno dei quali rappresenta uno dei “circoli” della sfera celeste. In pratica si trattava di una “primitiva” riproduzione tridimensionale della sfera celeste.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Giovanni_Maccari_Sfera_armillare_1673_Museo_Civico_di_Modena-736x1024.png

Sfera armillare Giovanni Maccari, Sfera armillare, 1673, Museo civico di Modena
Giovanni Maccari, Sfera armillare, 1673, Museo Civico di Modena.png – Wikimedia Commons

La descrizione dell’astrolabio fu tramandata nei secoli e, a metà dell’VIII secolo, gli Arabi, in Siria settentrionale, entrarono in contatto con questi strumenti, comprendendone immediatamente la validità come possibili sistemi di orientamento. Sebbene l’astrolabio fosse diffuso nell’Occidente greco e latino, i modelli realizzati nel mondo islamico rimasero per molto tempo i più avanzati dal punto di vista tecnologico fino a tutto il XV secolo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 18253911_039_01_s009_i0002.png

dischi madre di un astrolabio di Ibrāhīm ibn Saʿīd al-Sahlī, Toledo,  460 AH (AD 1068). History of Science Museum, Oxford (HSM), inv. 55331 – Citation: Nuncius 39, 1 (2024) ; 10.1163/18253911-bja10095 da studio citato

Nel mondo islamico, gli astrolabi furono sviluppati per calcolare il tempo dell’alba o del tramonto delle cosiddette “stelle fisse”, al fine di poter eseguire co grande precisione le preghiere canoniche della giornata (all’alba ṣalāt al-ṣubḥ e al tramonto ṣalāt al-maghrib) e per orientarsi con precisione verso la Mecca. L’importanza rituale favorì quindi gli studi per ottimizzarne l’uso e, nel X secolo, al-Sufi fu il primo a descrivere più di 1000 differenti usi dell’astrolabio in astronomia, astrologia, navigazione marina e terrestre e per il calcolo del tempo. Nel XI secolo, i contatti tra il mondo musulmano e cristiano portarono a conoscenze comuni e, dal XIII secolo, si svilupparono scuole di costruzione degli astrolabi anche in Europa. Nel XVII secolo gli europei iniziarono ad abbandonare gli astrolabi, preferendo sviluppare strumenti come il telescopio, mentre nei paesi musulmani si continuarono a produrre astrolabi fino al XIX secolo.

Torniamo ora alla recente scoperta. Sebbene arabi e occidentali utilizzassero comunemente questo strumento, la scoperta della studiosa italiana ci racconta qualcosa di più. Analizzando attentamente lo strumento ritrovato nel museo di Verona, sono stati scoperti dei grafi in caratteri arabi ed ebraici che testimoniano come la conoscenza tecnologica dell’epoca era condivisa da studiosi islamici ed ebrei che vivevano e lavoravano insieme ad al-Andalus, l’area governata dai musulmani nella penisola iberica.
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 18253911_039_01_s009_i0001.png

The Verona astrolabe Citation: Nuncius 39, 1 (2024) ; 10.1163/18253911-bja10095  da studio citato

Ma non solo. Oltre ai caratteri ebraici (che traducevano i nomi arabi originali dei segni zodiacali sull’astrolabio) sono state scoperte alcune scritte latine che indicano due città ispaniche, Toledo e Córdoba, che potrebbero identificare la località di costruzione originale. Secondo la studiosa lo strumento, la cui costruzione è ipotizzabile nell’XI secolo, riporta incise le latitudini del Nord Africa, cosa che fa presupporre fosse impiegato in quelle regioni del Mediterraneo. Il proprietario potrebbe essere stato un ebreo in quanto riporta una dedica o una firma aggiuntiva che recita: ‘Per Isacco, l’opera di Giona’”, nomi chiaramente ebraici.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 18253911_039_01_s009_i0004.png

Particolare dei numeri occidentali graffiti e dell’iscrizione ebraica sulla tavola 1a – Citation: Nuncius 39, 1 (2024); da studio citato10.1163/18253911-bja10095

Non ultimo, su questo straordinario strumento vi è un’ultima serie di incisioni, in numeri occidentali, che potrebbe essere stata eseguita da un proprietario di lingua latina.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 18253911_039_01_s009_i0007.png

Particolare della traduzione ebraica sulla fascia eclittica Citazione: Nuncius 39, 1 (2024);  10.1163/18253911-bja10095

Secondo la dottoressa Gigante l’astrolabio nel tempo potrebbe essere entrato a far parte della collezione di Moscardo e poi alla famiglia Miniscalchi che, nel 1990, creò la Fondazione Museo Miniscalchi Erizzo per preservare le collezioni.

Uno strumento che, oltre all’importanza scientifica, testimonia come nell’XI nella Spagna islamica ebrei, musulmani e cristiani impiegavano strumenti simili. Ma non solo, applicavano e studiavano nuovi metodi scientifici per migliorare la navigazione, guardando insieme le stelle senza essere divisi da interessi politici o religiosi.

Andrea Mucedola

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.

 

Loading

(Visited 75 times, 1 visits today)
Share
5 2 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

6 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
5 visitatori online
5 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 16 alle 12:17 am
Mese in corso: 65 alle 12-05--2024 04:06 pm
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x