If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

I palombari della Regia Marina e le procedure d’immersione nella seconda metà dell’Ottocento e primi anni del Novecento – III Parte di Fabio Vitale

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA DELLA SUBACQUEA
PERIODO: DALLE ORIGINI AL XIX SECOLO
AREA: PALOMBARI
parole chiave: palombari, scafandri, tecniche, metodologia

 

L’inizio del novecento

Nei primi anni del Novecento troviamo nel golfo di La Spezia la “R.N. Trinacria” che fa da nave scuola agli allievi palombari. Il corso durava circa otto mesi ed era molto impegnativo.

cache_2431318771

elmo Zannoni, 1905 circa

Dal punto di vista tecnico compare un primo tipo di apparecchiatura da palombaro, progettato dall’Arsenale di La Spezia, con un elmo, denominato Modello 1905, prodotto dalla ditta Italo Zannoni di La Spezia, accoppiato a delle pompe Siebe & Gorman. Nel 1905, tra le altre cose, si era alle prese con una nuova ristrutturazione di tutta la scuola torpedinieri e diversi cambiamenti furono apportati anche alle norme che regolavano il servizio da palombaro. Questo fu legato probabilmente all’uso delle prime mine navali chiamate torpedini. Furono definite le mansioni che il minatore-palombaro doveva eseguire, oltre quelle specifiche subacquee:

  • coadiuvare i siluristi nel servizio e nella manutenzione dei siluri, dei lanciasiluri e del materiale per aria compressa;
  • coadiuvare i torpedinieri elettricisti nel servizio dei proiettori.

Nel reclutamento dei minatori-palombari furono rivisitate le caratteristiche fisiche che portavano alla esclusione dei candidati durante la visita medica preliminare. Il nuovo regolamento, in merito alla selezione, prevedeva che erano da escludersi i candidati con:

–  perimetro toracico inferiore a metri 0.90 e di statura superiore a m. 1.7;

– qualche difetto, anche minimo, negli apparati circolatorio e respiratorio;

– il cavo rino-faringeo e la faringe affetti da qualsiasi alterazione, con carattere di cronicità; 

– quelli che non siano immuni da malattie croniche della pelle e da difetti anche lievi degli organi dei sensi e soprattutto della vista e dell’udito;

– quelli che siano stati soggetti, anche in epoche lontane, a convulsioni istero-epilettiche, a contagio celtico o a reumatismo articolare anche leggero;

che abitualmente eccedono nell’uso del vino e delle bevande alcoliche.

varignano 1900

Una foto del 1900 della struttura del Varignano, ex lazzaretto. In basso a sinistra la banchina da dove i palombari partivano per le loro esercitazioni

Nel 1909 la scuola torpedinieri si insedia sulla “R. N. Italia” ma dal 1° novembre del 1910 fu trasferita presso la struttura del Varignano (La Spezia) dove, a parte una pausa intorno agli anni Trenta/Quaranta, è ancora oggi ubicata. Fu proprio in questo luogo, grazie a una disposizione logistica meno precaria, che la scuola palombari cominciò a vivere la metamorfosi più importante che la portò nell’era moderna. Alla scuola del Varignano fu assegnato un organico permanente per le attività di istruzione e, oltre ai corsi per il certificato da palombaro, vennero previste attività di studio e sperimentazione. Saranno anche aumentate le dotazioni di attrezzature tra cui sei lance da palombaro.

foto_1

foto 1

foto_2

foto 2

Foto 1-2-3  Sequenza di immagini che ritraggono un palombaro della Regia Marina che si appresta ad effettuare un’immersione. Siamo nel 1917, in un posto non ben identificato. Il palombaro deve essere molto giovane, con un fisico che probabilmente era ai limiti dell’ammissione, visti la magrezza e l’altezza.

foto_3

foto 3

Fa una certa impressione vedere questo viso di ragazzino in tenuta da palombaro inquadrato tra i due visi molto vissuti delle sue guide. Il palombaro indossa un elmo della ditta Zannoni, fornitrice all’epoca della Marina Italiana (Archivio Ufficio Storico Marina Militare).

Ditta Italo Zannoni
E’ la più antica ditta italiana di cui si conosca l’esistenza. Fu fondata nel 1901 con sede a La Spezia in Piazza Vittorio Emanuele 6. Agli inizi, fu agente generale per l’Italia della inglese Siebe & Gorman per poi trasformarsi in azienda costruttrice di scafandri. La collaborazione con la Siebe & Gorman continuò fino agli inizi degli anni Trenta quando venivano ancora costruiti in Italia, su licenza della ditta inglese, i respiratori subacquei Davis per la fuoriuscita di emergenza dai sommergibili. L’attività della ditta Italo Zannoni terminò completamente (sia come produzione sia come commercializzazione) il primo ottobre del 1934. 

Requisiti per il corso  palombari
Per l’ammissione al corso non veniva solo richiesta una “generica intelligenza” e l’esenzione da difetti fisici così come previsto dalla norma ma si cominciarono a richiedere delle prove pratiche come:

  • saper leggere correntemente e scrivere sotto dettatura senza gravi errori d’ortografia; 
  • saper leggere e scrivere i numeri

foto_4Ci fu un altro cambiamento relativo all’aspetto sanitario.
Le istruzioni in materia sanitaria avvenivano anche verso la fine del secolo precedente ma ora si giunse ad una maggiore organizzazione, prevedendo un programma strutturato sul pronto soccorso al palombaro in caso di asfissia o annegamento oltre a nozioni di igiene. In più un ufficiale medico presenziava sempre alle immersioni dei palombari.

cassetta pronto soccorso ai palombari – da www.divinghelmetitaly.com

 

fine terza parte  

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE PARTE I PARTE II


fabio vitaleFabio Vitale
studioso di storia della subacquea 

 

 

 

 

 

print
(Visited 523 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share