Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Il Wanikan-Ryu Karate, uno stile nato per i marinai – parte I

tempo di lettura: 7 minuti

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: MARINE MILITARI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: FORZE SPECIALI
parole chiave: arti marziali, forze speciali

 

Agli inizi del 1900 le arti marziali orientali pervennero nei Paesi occidentali grazie alle attività d’oltremare effettuate dalle varie marine militari operanti in Estremo Oriente, in quello che a quei tempi veniva chiamato Sud-Est Asiatico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Vesuvio-judo.gif

marinai sulla regia nave Vesuvio praticano tecniche di Judo

Non è quindi un caso che le prime cinture nere italiane di Judo (ma anche di Ju-Jitsu) furono dei sottufficiali della Regia Marina di stanza in Cina sulla Regia Nave Vesuvio, a Tientsin e successivamente a Shanghai, subito dopo la cosiddetta “Rivolta dei Boxer” (1899); una rivolta che venne alimentata e sostenuta da molte scuole di Kung-Fu (più propriamente di “Wushu”), impropriamente chiamate di “pugili” (in inglese dei “boxer” da cui il nome). Tra le tante cose, va ricordato che anche la prima cintura nera italiana di Karate fu un marinaio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Oletti.gif Nel settembre 1907 a bordo del RN Vesuvio si disputarono le gare semestrali imposte dal Ministero della Marina per mantenere in allenamento gli equipaggi. La gara di jujitsu fu vinta dal sottocapo cannoniere Raffaele Piazzolla di Trani sul cannoniere scelto Carlo Oletti, diciannovenne torinese destinato però a lasciare un segno profondo nella storia della disciplina in Italia. Favorevolmente impressionato dagli «esercizi di scherma di bastone in vigore sulle navi giapponesi», nel settembre 1907 il comandante del Vesuvio Eugenio Bollati introdusse a bordo anche un corso di kenjitsu («arte della spada») che riteneva «utilissimo, col jujitsu, per sviluppare l’ardire e la forza dei nostri equipaggi». Sul finire del 1921, sempre un marinaio, il capo cannoniere di prima classe Carlo Oletti, fu chiamato a dirigere i corsi di jujitsu introdotti alla Scuola Centrale Militare di Educazione Fisica a Roma.

Esiste tuttora un legame tra le varie marine militari e lo sviluppo, nel loro ambito, di determinati “Stili” o “Sistemi di Combattimento Militari” particolarmente idonei per essere impiegati in ambienti angusti, limitati e ristretti come possono essere le strutture di una nave o in quelle situazioni operative in cui possono essere coinvolti, a vario titolo, dei reparti di Marina. In tale ambito si può citare un particolare e poco conosciuto stile di Karate, il Wanikan-Ryu, costituito per uno specifico impiego “navale”. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 15-1024x1024.jpg

Wani. Alligatore, ma anche dragone marino, della tradizione giapponese

Per comprenderne appieno le sfaccettature è opportuno fare diverse considerazioni
In termini generali, chiunque abbia studiato e praticato una disciplina di combattimento, ha chiaramente in mente il fatto che ognuna ha una sua propria origine storica e culturale, ha le proprie regole etiche, i propri concetti, il proprio bagaglio di conoscenze ed esperienze tecniche.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è samurai-arrembaggio-Mokoshuraiekotoba-1024x497.jpg

Samurai giapponesi arrembano delle navi mongole nel 1281. Mōko Shūrai Ekotoba (蒙古襲来絵詞), 1293 circa

In tutto il mondo, dall’antichità sino ai giorni nostri, in particolare tenendo presente le diversità tra Occidente e Oriente, gli approcci alle discipline di combattimento sono stati molto differenti, in particolare in Giappone. Molti aspetti della vita e della cultura giapponese sono infatti soggetti a regole molto severe, devono rispondere a rigorosi codici comportamentali o devono seguire strettamente delle specifiche procedure…. basti pensare al Chado (la cerimonia del Tè), allo Shodo (l’arte dello scrivere con il pennello sulla carta di riso), all’Ikebana (l’arte di disporre i fiori), l’Origami (l’arte di piegare la carta), al Bonsai (l’arte di coltivare alberi in miniatura), al Karesansui (l’arte di disporre le rocce e rastrellare il giardino Zen)…. e, assolutamente non ultime, alle arti marziali giapponesi (Karate-do, Kobudo, Judo, Aikido, Kendo, Kyudo, Iaido).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2.jpg

Combattimento di Karate a pieno contatto

Le arti marziali, come ogni altra forma di arte o disciplina, hanno i loro pilastri nelle radici della tradizione con le loro dottrine, tecniche, terminologie, comportamenti, riti e rituali, ma, contestualmente, sono soggette a continui arricchimenti, sviluppi ed interpretazioni personali che portano ad inevitabili cambiamenti. In pratica, sono anch’esse soggette ad una certa “evoluzione” nel tempo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è antica-scuola-di-Karate-di-okinawa.jpeg

antica scuola di Karate presso il Shuri Castle, Naha (Okinawa),
– Source The Japanese book “空手道大観” (A Broad View of Karate-do)
Autore Nakasone Genwa 

Il Karate, per esempio, ebbe le sue origini nell’isola di Okinawa (con appena quattro scuole ed i relativi stili) e solo successivamente, dopo l’acquisizione di Okinawa (e del suo arcipelago) da parte del Giappone (1879), si sviluppò in Giappone attraverso la creazione e lo sviluppo di ulteriori stili (più o meno una quarantina).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Karate-trdizionale.jpg

Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, a seguito di una volontà politica giapponese, il karate si diffuse grazie all’invio o al trasferimento permanente di maestri giapponesi in tutto il mondo, fatto che consentì un notevole proliferare di stili, alcuni dei quali troppo “occidentalizzati” (secondo l’opinione di molti “puristi”) in quanto alcuni di loro abbandonarono le tradizioni ed i dogmi tecnici dei “padri fondatori” delle scuole di karate.

Attualmente nel mondo ci sono una quarantina di stili tra i più autorevoli o più conosciuti, a fronte di un più ampio numero di circa un centinaio, se non di più, sviluppati in diversi ambiti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è old_style_karate-large.jpg

scuola di Karate in Giappone, 1934

Ma quanti tipi di karate ci sono?
Prima di rispondere a questa domanda, è necessario fare alcune considerazioni in quanto, come usano sovente dire gli orientali, il karate è come un diamante: il nucleo è uno solo ma presenta molte facce tutto attorno. Ci sono alcuni approcci, sia di natura storica che tecnica, che aiutano a fornire una corretta cornice ad ulteriori considerazioni. Esistono infatti vari tipi di approccio iniziale che consentono di classificare il karate in modi differenti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 20.jpg

Gara individuale di kata

Si può procedere a delle classificazioni in base:
alle finalità marziali (concetti di Bugei, Budo e Kakugi);
alle antiche origini (correnti Shorin e Shorei),
alle radici tecniche (scuole e stili del Karate di Okinawa e del Karate Giapponese);
all’addestramento tecnico ed alle regole di combattimento (Karate Tradizionale e Karate Moderno).

Come è ben noto, ognuno degli argomenti citati ha una portata enciclopedica ed è impensabile poterne fare una sintesi in poche righe ed è quindi necessario un approccio abbastanza pragmatico, che non deve essere ritenuto per questo motivo superficiale. Ritengo opportuno evidenziare che gli argomenti che tratterrò sono da sempre stati sorgente di grandi dibattiti, di accese discussioni, sia tra gli storici che tra gli studiosi della materia nonché tra i maestri ed i praticanti di arti marziali (a tutti i livelli).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 19.jpg

karate tradizionale

Concetti di Bugei, Budo and Kakugi
Sono i concetti con i quali una arte marziale viene classificata in relazione alla sua finalità marziale:
Bugei
rappresenta la pratica di un’arte marziale per acquisire capacità offensive e letali per il combattimento bellico, ovvero per sviluppare una disciplina per il campo di battaglia;

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è bugei.jpg

il maestro Jordan Augusto mostra una tecnica di Bugei, l’arte militare giapponese

Budo è la pratica di una arte marziale per raggiungere, per quanto possibile, la perfezione di un proprio equilibrio interiore attraverso una rigorosa disciplina, duro addestramento e condizionamento fisico, al fine di diventare una persona migliore e più forte;

Kakugi è un concetto molto più recente e rappresenta la pratica di una arte marziale solo ed esclusivamente per finalità sportive.

Correnti Shorin e Shorei
Queste due antiche correnti rappresentano probabilmente le origini di due grandi scuole cinesi, già sintesi di molte altre forme di combattimento, che pervennero sull’isola di Okinawa e contribuirono alla creazione di due differenti tipologie di insegnamento e di pratica del karate (con le rispettive scuole e stili):
lo Shorin-Ryu (vedi video), da cui nacquero tutti quei stili di karate che privilegiavano l’agilità e la velocità e lo Shorei-Ryu, da cui nacquero quelli che privilegiavano invece la forza fisica e la potenza muscolare.

In realtà, tutti gli stili di karate presentano sempre una armonica fusione di agilità, velocità, equilibrio, forza, potenza … e molto altro ancora!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è karate-okinawa.jpg

tecniche di karate di Okinawa

Karate di Okinawa e Karate giapponese
Sebbene l’isola di Okinawa sia giapponese da più di un secolo, rimangono tuttora molte differenze tra il karate di Okinawa e quello giapponese. Tutte queste diversità hanno fortemente influenzato le scuole e gli stili discendenti, che riguardano quasi tutti gli aspetti del karate:
il condizionamento fisico;
le “pratiche base tradizionali” (kihon);
i movimenti del corpo:
l’addestramento;
le “forme tradizionali” (kata);
i tipi di respirazione:
lo sviluppo della potenza:
le tecniche di combattimento (kumite):
la terminologia:
e le tattiche di combattimento.

Li vedremo più approfonditamente nella seconda parte.

Fine parte I  – continua

Marco Bandioli

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

PARTE I PARTE II

 

 

Loading

(Visited 475 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
18 visitatori online
18 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 28 alle 09:57 am
Mese in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x