Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Quale attività fisica per i Subacquei?

Reading Time: 7 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: FITNESS
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: subacquea, fitness

 

L’esercizio fisico come supporto alle attività ricreative e agli hobby?
Molti di noi hanno hobby e passioni che portano avanti magari da anni anche se in maniera non proprio costante e continuativa, ma che non abbandonano. Spesso si perde di vista il fatto che queste passioni per alcuni sono professioni vere e proprie e per altri anche sport, e come tali impegnano il nostro sistema cardiovascolare e muscoloscheletrico anche in maniera importante. Trascurare questo particolare può diventare problematico specialmente andando avanti con l’età e spesso è causa di abbandono forzato per il sopraggiungere di qualche impedimento fisico che diventa un limite invalicabile per il proseguimento dell’attività.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è DSC04585-1024x768.jpg

Prendiamo le immersioni subacquee. Quanti hanno trascorso una vacanza in qualche località paradisiaca di mare dove hanno provato ad immergersi per ammirare le bellezze dei fondali marini, conseguendo durante la vacanza anche il primo brevetto subacqueo Open Water Diver con un rapido corso della durata di uno o due … fine settimana? Al ritorno, frequentano i Diving Centre nei fine settimana oppure si organizzano con gli amici. Conosco molti subacquei di questa tipologia, e se gli chiedo se si stanno preoccupando di tenersi in forma per continuare il loro hobby in sicurezza, quasi tutti rispondono che vanno a correre o fanno altre attività aerobiche per mantenere “il fiato”.

È un approccio giusto?
È vero che il sistema cardio‐vascolare è importantissimo e va mantenuto al massimo dell’efficienza per poter proseguire nell’attività subacquea, ma non è sufficiente! Spesso ci si dimentica dell’impalcatura e dei tiranti e cavi che ci tengono insieme, delle leve e dei paranchi che ci consentono di contrastare la forza di gravità e di sollevare e spostare carichi, insomma del nostro sistema muscolo‐scheletrico. Lo trascuriamo almeno fino a che, ahimè, non ce lo ricorda lui.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è runner-beach-1.jpg

L’attività aerobica per un subacqueo è sicuramente importante
In particolare, la corsa, oltre a mantenere sano ed efficiente il sistema cardiovascolare, mantiene tonica e forte la parte inferiore del nostro corpo, le gambe, i glutei come deputati della spinta. Il problema è che si occupa in maniera molto leggera e superficiale della parte muscolare superiore che spesso viene penalizzata dai processi biochimici, specialmente se si eccede nella corsa. Avete notato come i corridori a lunga percorrenza come maratoneti e marciatori siano esili nella parte superiore del corpo, quasi scheletrici? Questo avviene (oltre che per volontà loro: pochi muscoli dove “non servono” significa maggior leggerezza e quindi minor dispendio energetico nella corsa) anche per un processo biochimico che si chiama catabolismo muscolare.

Dobbiamo immaginare il nostro corpo come una macchina perfetta ed estremamente economica che sfrutta ogni possibile strategia per limitare i consumi e migliorare l’efficienza. Se usiamo prevalentemente e intensamente i muscoli delle gambe, diamo al nostro cervello il messaggio che abbiamo bisogno di più energia e più forza in quel distretto e gli chiediamo in continuazione di implementarlo. 

Il carburante e la materia plastica necessaria per soddisfare questa richiesta, viene fornita con la nutrizione che spesso, se la richiesta è alta, non è sufficiente.

In questo caso il nostro cervello fa una rapida ricognizione “delle scorte” per trovare materiale energetico e da costruzione presso altri distretti a cui non servono perché non richiesti. Quindi comincia a “demolire” il tessuto muscolare di questi distretti trasformandoli in aminoacidi (proteine) da inviare là dove vi è stata richiesta elevata. Questo è più o meno ciò che succede, detto in modo molto semplificato naturalmente.

Ora tornando al nostro “subacqueo”, la corsa lo avrà sicuramente aiutato consentendogli una buona spinta con le pinne e una migliore gestione dell’erogatore per l’ottima capacità ed efficienza polmonare. Ma il sistema muscolo-scheletrico della parte superiore, quanto lavoro dovrà sostenere prima e dopo l’immersione?

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2018-maggio-GOZO-3-768x1024.jpg

Non sottovalutiamo il sollevare le bombole, caricarle sulla barca, fissarle al GAV e poi caricarsele sulla schiena, ripetendo alla fine tutto il lavoro in senso inverso. Facciamo due conti approssimati:

bombola in acciaio da 18 litri 20 kg
gruppo erogatori completo, la maschera e pinne 7 kg
muta sub 7 mm 4 kg
zavorra 6 kg

Per un totale di circa 37 kg da sommare al nostro peso che in acqua non sentiamo ma fuori dell’acqua sono un bel carico che la nostra colonna vertebrale deve sostenere e che i nostri muscoli devono sollevare e spostare, far salire e scendere da una scaletta o trasportare, camminando dalla spiaggia verso l’acqua profonda. Questo peso aumenta in relazione all’attrezzatura … ad esempio, indossando una muta stagna, un subacqueo di 75 gg di peso, avrà almeno 10 kg di zavorra che, sommati all’attrezzatura standard, gli fanno superare i 100 Kg. Una contrattura, una piccola lesione, uno strappo muscolare ed ecco che siamo fermi per settimane, senza parlare della vacanza di immersioni tanto sognata ai tropici, irrimediabilmente interrotte in quei giorni, che si riduce a far da tappezzeria sulla spiaggia.

Ma non è finita
La ridotta muscolazione e tonicità del busto comporta seri problemi all’apparato osteo‐articolare con un eccessivo consumo delle cartilagini, infiammazioni delle borse, compressione dei dischi intervertebrali, e qui incominciano i guai seri! La nostra cassa toracica, oltre ad essere un grande contenitore dei nostri organi vitali, è completamente ricoperta da più strati di muscoli che oltre alle funzioni di movimento e supporto alla respirazione, hanno il compito di sostenere, stabilizzare e compensare durante gli spostamenti del baricentro, di contrastare la forza di gravità e compiere le contrazioni per avvicinare o allontanare carichi dal nostro centro.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mal-di-schiena.jpg

La muscolatura
Frequentando molto le palestre, sia da utente che da istruttore, mi sono reso conto nel tempo che la maggior parte degli avventori inesperti è più propensa a considerare importanti i gruppi muscolari della parte anteriore del tronco come gli addominali, i pettorali, della parte superiore si limita ai deltoidi (le spalle) e per la parte posteriore forse solo il gran dorsale perché piace avere quella bella forma a V della schiena.

Ma vi è un infinito numero di piccoli importantissimi muscoli negli strati inferiori che sono deputati a tutte quelle azioni involontarie che abbiamo citato sopra e senza i quali ci afflosceremo come un sacchetto vuoto, e sono quelli appartenenti agli anelli più bassi della catena cinetica che quando cedono o subiscono traumi ci invalidano al punto di non poter proseguire neanche nelle più comuni azioni quotidiane fino alla guarigione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è muscoli-schiena-894x1024.gif

Vediamo alcuni di questi attori fra i più importanti e meno noti dei fratelli più grandi degli strati superiori. Se solleviamo il Trapezio e il Gran Dorsale, troviamo in alto il Romboide, che ha la funzione di far aderire strettamente la scapola al torace, la eleva, la ruota internamente e la adduce. Se diventa particolarmente debole può favorire il distacco della scapola dalla gabbia toracica determinando il fenomeno conosciuto come delle scapole alate.
In basso abbiamo il Dentato che con la sua azione abbassa le costole, interviene nell’espirazione forzata e estende e inclina lateralmente il tronco (tratto dorsale inferiore). Immaginate quando vi inclinate lateralmente per afferrare e trasportare la bombola o la borsa del materiale. Ecco, nella catena cinetica interessata al movimento c’è anche lui a svolgere una parte primaria del lavoro.

Nello strato immediatamente inferiore troviamo i lunghi muscoli ileo-costali lombari e dorsali. La loro funzione è quella di flettere lateralmente la colonna se contratto unilateralmente, mentre estende l’intero rachide se contratto bilateralmente; inoltre interviene nei movimenti di torsione della colonna vertebrale. Immaginate quante volte vi inclinate lateralmente o in avanti portando dei pesi con le mani o avendo le bombole sulle spalle.
Andando ancora più in profondità troviamo il Quadrato dei Lombi e un grandissimo numero di piccoli fasci muscolari chiamati Multifidi o Paraspinali importantissimi, anzi essenziali per la stabilità della colonna vertebrale. Essi fanno sì che ogni vertebra sia sempre allineata con quella superiore e inferiore e ne mantengono la corretta tensione per la salvaguardia del disco intervertebrale e del forame dal quale passano tutti i nervi che andranno a trasmettere e ricevere informazioni vitali da e per organi interni e tutto il sistema sensoriale che comunica con l’esterno. Un’occhiatina anche alla spalla a questo punto è d’obbligo. Oltre al Deltoide più conosciuto per la forma possente e tondeggiante che conferisce alla spalla, troviamo negli strati inferiori gli importantissimi muscoli appartenenti alla nota “cuffia dei rotatori” che mantengono la testa dell’omero stabilmente a contatto con la sua sede articolare nella scapola.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è muscoli-spalla-1024x926.jpg

Fra questi, quelli sottoposti a maggior sollecitazione esterna sono il Sovraspinato che oltre alla sua funzione di stabilizzazione della spalla, interviene anche nei movimenti di abduzione ed extra rotazione dell’omero, e l’Infraspinato, anch’esso stabilizzatore e co‐protagonista in vari movimenti del braccio in particolare, contraendosi, ruota all’esterno il braccio.

Infine, ma non sarebbe certo finita qui, vi cito solo l’ultima coppia per non annoiare troppo con l’anatomia, che sono il Piccolo e Grande Rotondo, la cui azione principale è quella di addurre, estendere ed intra ruotare l’omero; lavora in sinergia con il muscolo gran dorsale e svolge un’azione importante nella retroversione del braccio, oltre naturalmente alla sua funzione di stabilizzazione dell’articolazione scapolo-omerale. Diventa più facile forse ora cogliere l’importanza di impegnarsi a curare la salute e l’efficienza anche dell’apparato muscolare della parte superiore del corpo, con particolar riferimento a quella posteriore dove quell’elemento importantissimo della nostra “impalcatura” che è la colonna vertebrale, troneggia ed è più esposto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è allenamento-anaerobico-830x625-1.jpg

Il mio consiglio è di inserire almeno un paio di volte a settimana, anche solo una mezz’ora di esercizi di potenziamento muscolare dedicati al tronco, specialmente quando l’età “avanza” e la perdita di tessuto muscolare aumenta fisiologicamente. Andare in palestra e magari farsi seguire da un professionista sarebbe l’ideale, specialmente per un neofita la sala pesi di una palestra offre molteplici alternative tra macchine isotoniche che sono l’ideale per l’isolamento muscolare, che manubri e bilancieri se usati in maniera corretta e non improvvisata. Vi sono comunque anche molti esercizi semplici che si possono fare anche a casa e senza bisogno di particolari attrezzature che tratteremo in un prossimo articolo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è modella-sub.jpg

L’unica attrezzatura indispensabile è la volontà e la costanza. Un corretto stile di vita organizzato con una regolare attività fisica orientata alle nostre passioni e una nutrizione sana e bilanciata, può permetterci di praticare le nostre passioni molto più a lungo e con più soddisfazione.

Roberto Polini

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 361 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

6 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »