Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Metabolismo basale

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: FITNESS
PERIODO: XXI SECOLO 
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Metabolismo basale, training
.

Acquisiti ora i concetti relativi all’allenamento anerobico e anaerobico, torniamo al “punto di riflessione” iniziale che riguardava la perdita del grasso corporeo. Voglio sottolineare che non si tratta solo di un aspetto estetico ma di salute generale. Il sovrappeso deve essere evitato tenendo conto che il tessuto adiposo è composto per circa l’87% da grasso vero e che influisce su molteplici condizioni: cardiopatia ipertensiva, cardiomegalia, diabete ed obesità. Per poter valutare il nostro peso corporeo si applica un valore di facile calcolo, il Body Mass Index (BMI) o Indice di Massa Corporea (IMC), un parametro comunemente utilizzato per ottenere una valutazione indicativa del nostro stato. Il BMI si ricava mettendo in relazione l’altezza con il peso del soggetto, ovvero dividendo il peso in Kg del soggetto con il quadrato dell’altezza espressa in metri. Ci torneremo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è calculate-body-mass-index-bmi-calculator-ireland-e1542038017641.png

Volete sapere qual è il vostro indice di masa corporea? Semplice … se siete alti 171 cm il vostro peso è di 72 chilogrammi sarete in una fascia verde ovvero ottimale; se invece il vostro peso è di 77 chilogrammi sarete sovrappeso, oltre gli 86 chilogrammi obesi … in pratica andando verso sinistra il vostro rischio di salute aumenta. Attenzione, essere nella fascia azzurra non va bene lo stesso perché in quella fascia sarete sottopeso, una condizione altrettanto non corretta per la vostra salute e forma fisica. Per quanto sopra, cercate di rimanere con il vostro peso sempre nei valori della fascia verde riferiti alla vostra altezza.

Come ricorderete avevo accennato che per perdere peso occorre bruciare calorie; un proponimento facile a dirsi ma non sempre altrettanto facile da ottenere.
Dato che la ripartizione dei consumi energetici giornalieri è data al 65% dal Metabolismo Basale, al 20% dall’attività fisica che effettuiamo e al 15% Effetto termogenico dei cibi, dovremo valutare dove sarà più opportuno andare ad agire non solo per perdere peso ma per ottimizzare la perdita muscolare, limitando quindi i possibili effetti negativi di un allenamento troppo intensivo.

Con il suo 65% il Metabolismo Basale è l’elemento dell’equazione che ha più peso sul totale e merita quindi la nostra attenzione.

Torniamo per un attimo a considerare il nostro organismo come un’auto. Di logica un’autovettura avrà dei consumi medi tanto più elevati quanto più grande e potente sarà il suo motore. Il motore del nostro corpo, responsabile della produzione di potenza e movimento è ovviamente il nostro apparato muscolare. Analogamente alle quattro ruote, maggiore sarà la potenza e la quantità dei nostri muscoli, tanto maggiore sarà il consumo di calorie da parte del Metabolismo Basale (MB).

Per fare un esempio, un individuo medio “non atleta” ha un Metabolismo Basale che si aggira sulle 1500Kcal, mentre un atleta medio di powerlifting (sollevamento pesi) può superare le 2500Kcal. Questo comporta che un atleta brucerà 1000 Kcal in più anche a riposo, ovvero senza far nulla; un budget calorico che per essere consumato dall’individuo “non atleta” richiederebbe almeno due ore di corsa mantenendo una media di 10 Km/h.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Metabolismo-Anaerobico-Lattacido-1024x614.jpg

Da qui possiamo fare due considerazioni che ci aiutano a decidere “come” ci dobbiamo muovere per perdere peso, restando in salute, e per mantenere l’efficienza fisica il più a lungo possibile. La prima è che L’allenamento in “zona Aerobica”, se ben calibrato, ci aiuta a bruciare i grassi ma, come ricorderete in caso di eccessi, ci fa anche consumare un pò di massa muscolare, con la spiacevole conseguenza che diminuisce la dimensione del nostro “motore” e quindi del vantaggioso consumo a riposo che si aggiungeva al metabolismo basale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è femal-training-water.jpg

La seconda considerazione è che integrando il nostro allenamento con un’attività di tipo anaerobico, aumentiamo la forza e la densità del nostro apparato muscolare, andando ad arginare la perdita provocata dal catabolismo dovuto sia allo sconfinamento del metabolismo aerobico sia ai processi degenerativi dovuti all’età (sarcopenia), che abbiamo accennato nel precedente articolo.

Quindi la risposta alla domanda “che tipo di attività è meglio fare per dimagrire” è “ENTRAMBE”.

Il discorso vale anche per ottimizzare l’allenamento nella propria specialità. Infatti il corridore di fondo si allenerà sfruttando il sistema aerobico per migliorare il sistema cardiovascolare e quindi la resistenza e la capacità polmonare ma non deve disdegnare sedute di allenamento muscolare con carichi, quindi anaerobico, per migliorare l’apparato muscolare e reintegrare le perdite.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è old-age-fitness-1024x643.jpg

L’atleta di powerlifting si allenerà principalmente nella sua zona anaerobica per sviluppare sempre di più forza e potenza, integrando anche con qualche seduta aerobica per mantenere e migliorare l’efficienza del sistema cardiocircolatorio che è il motore principale di rifornimento dell’apparato muscolare. Il rinforzo della forza e della potenza è importante anche per i subacquei, sia per l’attività in acqua sia al di fuori, facilitando il trasporto delle sempre più pesanti attrezzature.

Per affrontare l’argomento “perdita di peso” ovviamente non è sufficiente soffermarsi soltanto sull’effetto dell’attività fisica, in quanto essa ne è responsabile sono per una esigua percentuale, ma bisogna agire in maniera preponderante sulla Nutrizione, e questo sarà uno dei prossimi argomenti che tratteremo.

È ormai consolidata l’affermazione in campo nutrizionale e sportivo che la perdita salutare di peso corporeo è causata per l’80% dalla Nutrizione e per il 20% dall’esercizio fisico. Il movimento e l’attività fisica permettono di mantenere i tessuti muscolari tonici, di far percepire controllo e forza nel corpo, regolare il funzionamento del Metabolismo Basale. Ma se l’obiettivo è perdere peso, ovvero grasso in eccesso, l’attenzione deve necessariamente orientarsi alla creazione di un piano alimentare che faciliti il percorso da intraprendere.

Roberto Polini

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 165 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »