If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Brindisi capitale d’Italia

Reading Time: 7 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: DIDATTICA

parole chiave: Brindisi, II guerra mondiale
.

Brindisi, città antica, crocevia di traffici marittimi, ma anche capitale di Italia … con questo breve articolo il professor Gianfranco Perri ci racconta oggi quel periodo storico che seguì  i drammatici giorni dopo l’8 settembre 1943.
.

L’arrivo dei regnanti a Brindisi
Firmato l’armistizio l’8 settembre del 1943, il re Vittorio Emanuele III e il generale Pietro Badoglio, capo del governo, la sera del 9 settembre abbandonarono nottetempo Roma e si diressero a Pescara dove s’imbarcarono sulla nave militare “Baionetta” dirigendosi a Sud, con a bordo la regina Elena, il principe ereditario Umberto ed un buon numero di alti funzionari del regno, militari e civili, mentre tutti i ministri del governo, a eccezione di quello della marina e quello dell’aeronautica, rimasero a Roma, ignari di quella partenza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è R.N._corvetta_baionetta-arrivo-a-brindisi-1024x685.png

la Regia corvetta Baionetta al suo arrivo a Brindisi con a bordo i Reali e parte del nuovo Governo

Il pomeriggio di venerdì 10 settembre 1943 il comandante della piazza marittima di Brindisi, ammiraglio Luigi Rubartelli, ricevette, via radio e rocambolescamente, la notizia dell’arrivo della regia nave Baionetta con il suo regio carico. I Tedeschi avevano lasciato Brindisi la sera prima, diretti verso Nord, mentre non erano ancora giunti in città militari delle forze alleate e così, il re decise di sbarcare a Brindisi e alloggiò con la sua famiglia nella palazzina dell’ammiragliato.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è re-a-brindisi-ammiraglio-rubartelli.jpg

Brindisi 1943. Vittorio Emanuele III, nel cortile del Comando Marina, riceve il saluto dell’Ammiraglio Luigi Rubartelli

La mattina del giorno seguente, 11 settembre, il re dispose che il governo dovesse rimanere a Brindisi e convocò una sua prima riunione formale nella stessa palazzina dell’ammiragliato. I sovrani trovarono una città quasi deserta, dove le condizioni di vita erano molto difficili. Mancava tutto e tra i pochi abitanti rimasti, ve ne erano molti che finanche soffrivano la fame. Oltre la metà dei Brindisini, infatti, era ormai da tempo sfollata nei vari paesi della provincia per timore dei bombardamenti che avevano colpito e distrutto le case, le strade e molte chiese, edificazioni simbolo prescelte -si disse- per così fiaccare il morale della popolazione, mentre avevano stranamente risparmiato i tanti obiettivi militari presenti in zona. In quell’atmosfera, durante la sua permanenza a Brindisi, il re rimase quasi sempre nel castello, uscendo raramente, sempre in auto, ospite presso alcune famiglie nobili della zona, dando così l’impressione che non volesse avere contatti con la popolazione brindisina. Alcune testimonianze dirette ricordano quel re come una persona molto triste, preoccupata, probabilmente illusa di poter rientrare presto a Roma. La regina Elena invece, ebbe un atteggiamento di maggior interesse verso la popolazione brindisina e partecipò in più occasioni a iniziative di beneficenza. Solo in occasione della sua partecipazione a una messa celebrata in aeroporto, il re ebbe modo di incontrare la gente di Brindisi. Poiché quasi tutti i ministri erano rimasti a Roma, si pensò di ricostituire il Consiglio dei Ministri con sottosegretari plenipotenziari e così, il 13 novembre si poté annunciare la costituzione del nuovo governo, la cui composizione fu pubblicata il 18 novembre 1943 sul primo numero della “Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia–Serie Speciale” stampata a Brindisi nella Tipografia Ragione.

Il nuovo governo, composto da 12 ministri, s’istallò nei locali della prefettura, in piazza Dante, in cui tenne la sua prima riunione ufficiale il 24 novembre 1943. E così, l’attività amministrativa del governo, dopo un inizio con logistica critica, riprese lentamente a funzionare. Da Brindisi si cercò anche di ricomporre l’ormai sfaldato esercito italiano, che da quel re era stato lasciato ignobilmente senza ordini e completamente allo sbando, partendo dalle divisioni militari che in quella fatidica data si trovarono dislocate nella provincia di Brindisi e Taranto, perché poste a difesa delle basi navali.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Re_brindisi.jpg

il re passa in rassegna un reparto dell’Esercito,  il I Raggruppamento Motorizzato at Trani, ottobre 1943. © Vincenzo Dapino

A Brindisi, il 28 settembre 1943 fu costituito il Raggruppamento Motorizzato, composto di tre battaglioni e comandato dal generale Vincenzo Dapino. A Brindisi si trasferì anche la Reale Accademia Navale, giungendovi da Venezia a bordo della nave Saturnia il 12 settembre del 1943 e prendendo sede nel Collegio Navale. Il 14 settembre arrivarono a Brindisi anche le due navi scuola, Americo Vespucci e Cristoforo Colombo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è brindisi-regia-accademia.jpg

Il Collegio Navale di Brindisi dove si insediò la Regia Accademia Navale dal 13 settembre 1943

La Regia Accademia Navale rimase a Brindisi, nella sede del Collegio navale, fino al rientro nella sua sede storica di Livorno, il 20 luglio del 1946. Inizialmente, il territorio su cui il nuovo governo poté estendere i suoi poteri, si limitò alle province di Brindisi Lecce Taranto e Bari e a tutta l’isola della Sardegna, dando così inizio al Regno del Sud, che visse all’ombra dell’occupazione militare alleata, costantemente e strettamente supervisionato dalla Allied Military Mission che fin dal primo giorno dopo l’arrivo del re a Brindisi, giunse in città e s’istallò nell’Hotel Internazionale.

Poi, l’11 febbraio 1944, gli Alleati consentirono finalmente il trasferimento dei territori meridionali occupati, Sicilia, Calabria, Basilicata e la provincia di Salerno, al Regno del Sud e così, dopo cinque mesi a Brindisi -per l’esattezza 154 giorni- il re e il governo di Badoglio si trasferirono a Salerno. Si chiuse così una parentesi d’indubbia risonanza nel contesto della storia della città: Brindisi fu capitale d’Italia. Un fatto storico destinato però a essere formalmente controverso. Da una parte coloro i quali ne sostengono, oltre alla storicità, anche la piena legalità, e dall’altra parte coloro che, ufficialmente i più, al contrario non la sostengono.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è brindisi_vedette.jpg

S. Barbara (4 dicembre 1943 ) – Giuramento del Corso Vedette della Regia Accademia Navale (1943-1946) a Brindisi

Questi alcuni degli argomenti a sostegno delle due tesi opposte:
Rosario Jurlaro: “Brindisi può essere considerata capitale del regno a tutti gli effetti, anche se di una nazione divisa in due parti. Furono aperte le sedi dei ministeri in alcuni edifici del centro storico e presso la Tipografia Ragione furono stampati alcuni numeri della Gazzetta Ufficiale, firmata da Vittorio Emanuele III, con in calce scritto Brindisi. A Brindisi il governo prese decisioni importanti, e tra queste la dichiarazione di guerra alla Germania. In sostanza, Brindisi svolse in quella fase tutte le funzioni fondamentali di capitale del regno…”.

Roberto Piliego:Brindisi è stata solo la sede casuale di un governo molto precario, privo di un’effettiva sovranità, perché sotto il diretto controllo delle forze militari angloamericane. La fiducia degli ex nemici nel re e nel capo del governo Badoglio era assai limitata, per non dire inesistente ed entrambi erano considerati puramente strumentali alla buona riuscita del piano alleato d’invasione dell’Italia. Non è esatto, quindi, parlare di Brindisi capitale d’Italia, e neppure del cosiddetto Regno del Sud. La scelta di una capitale può avvenire soltanto in piena liberta, senza costrizioni o condizionamenti di alcun genere, con un atto ufficiale del governo e del parlamento…”.

Giuseppe Teodoro Andriani:Brindisi è stata capitale d’Italia, come lo dimostra non solo la presenza di un governo, ma anche quella del re. La partenza precipitosa da Roma di Vittorio Emanuele III è da intendersi come un’esigenza nazionale per mettere in salvo la monarchia, evitando la cattura del sovrano, che sarebbe diventato ostaggio in mano alle truppe tedesche. Pertanto si può parlare di un trasferimento delle massime cariche dello Stato al fine di assicurarne lo svolgimento delle funzioni e la continuità legale, salvando la persona del re e nominando nuovi ministri di un governo che venne riconosciuto, come lo dimostra ‘invio d’ambasciatori dalla Russia e poi dal Regno Unito e gli Stati Uniti…”.

Più recentemente, il professor Antonio M. Caputo, con un suo libro su questa vicenda storica, ha voluto dare risalto all’impegno e alla funzione che la città e il suo circondario svolsero effettivamente nei mesi in cui Brindisi fu capitale d’Italia, segnalando come quell’evento non costituì per Brindisi un semplice ricovero di fortuna, scelto a caso.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è vespucci-e-colombo-in-porto-a-Brindisi-dopo-larmistizio-1024x653.jpg

Le regie navi Vespucci e Colombo in porto a Brindisi dopo l’armistizio

Da Brindisi ripartì lo Stato, si risvegliò l’orgoglio nazionale che la dittatura e la disastrosa guerra avevano disperso. Anche se non era certamente a Brindisi, o comunque in Italia, che si decidevano le sorti della guerra, però da Brindisi a quegli eventi si partecipava di fatto, garantendo collegamenti e supporti fondamentali alle unità combattenti, oppure assistendovi impotenti, anche per le pesanti condizioni imposte a chi era uscito sconfitto dalla guerra, come fu per la tragedia patita dai nostri militari nelle isole greche.

Gianfranco Perri

 

immagine di anteprima Regie Navi Zara, Fiume e Pola a Brindisi
.

Bibliografia
– 1943 Brindisi … Persino Capitale,  A.M. Caputo – 2015
– Brindisi Capitale. Parlano gli storici,  G. Membola – 2013
– Gianfranco Perri racconta 50 foto di Brindisini la mia gente, G. Perri – 2013
– Brindisi da capoluogo di provincia a capitale del Regno del Sud, G. Andriani – 2000

 

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 222 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

9 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »