If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

L’attività operativa delle marine minori toscane durante il Risorgimento – Parte III

Reading Time: 8 minutes

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XIX SECOLO
AREA: DIDATTICA

parole chiave: Marina Toscana, Risorgimento

 

Le Marine “minori”
Un breve tratto del litorale versiliese appartenne al Ducato di Lucca, erede dell’antica Repubblica che, a seguito degli accordi presi durante il Congresso di Vienna, dopo un periodo di indipendenza, fu incorporato al Granducato di Toscana nel 1847.

La Duchessa Maria Luisa, che prediligeva Viareggio, a cui diede nel 1823 il rango di città profondendo impegno e denaro nella costruzione di opere pubbliche, nel 1819 vi fece costruire una darsena e nominò Comandante di Marina Ippolito Zibibbi, un vecchio ufficiale napoleonico. La Duchessa coltivò anche l’effimero sogno di avere una piccola flottiglia militare, alla cui costituzione diede inizio  acquistando una goletta e  un modesto bovo da carico. (23). L’iniziativa, anche per motivazioni economiche, non ebbe però seguito.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è LimperatriceMarie-Louise.jpg

Maria Luisa Leopoldina Francesca Teresa Giuseppa Lucia d’Asburgo-Lorena, nota semplicemente come Maria Luisa d’Austria o Maria Luigia di Parma

La bandiera navale lucchese era conosciutissima sull’Atlantico, non certo per la pochezza della sua marineria, ma perché era una specie di “paradiso fiscale” del quale approfittavano gli armatori genovesi  per le navi dirette a Buenos Aires, dove il console concedeva sconti più consistenti rispetto ai diritti pretesi da quello piemontese.

Più a nord, il Ducato di Modena si affacciava sulla costa con i territori di Massa e Carrara acquisiti per successione ereditaria nel 1829, dopo l’estinzione della casa ducale Cybo. A Brugiano, una località di poche case presso Massa, situata alla foce dell’omonimo torrente, era destinato un ufficiale dell’esercito quale Comandante della R. Marina, dalle competenze piuttosto oscure non risultando che il Ducato abbia mai posseduto alcuna imbarcazione militare (24).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Le-bandiere-della-Marina-Militare-Toscana.png

Una spada per tre bandiere
Il più noto marinaio toscano del periodo Risorgimentale fu certamente il conte Carlo Corradino Chigi,  nato a Siena nel 1802. Destinato alla carriera militare navale preferì affrontarla nella Marina del Regno di Sardegna convinto che avrebbe potuto offrirgli sotto l’aspetto professionale qualcosa di più rispetto a quella, modestissima, del Granducato. Entrò quindi nella Scuola di Marina di Genova nel 1818 e nel 1825, con il grado di tenente di vascello, partecipò alle operazioni condotte dalla flotta sarda contro Tripoli.  Si distinse nell’attacco notturno ad alcune navi ormeggiate nel porto nonostante che l’oscurità avesse allontanato due delle tre barche che costituivano la  forza al suo comando e per i brillanti risultati conseguiti venne insignito dal re Carlo Felice della Croce dei Ss. Maurizio e Lazzaro.
Nel 1839 venne promosso capitano di vascello ma, a questo punto, avrebbe dovuto optare per la cittadinanza sarda che rifiutò tornando in Toscana dove gli fu attribuito il grado di capitano di fregata e dove iniziò una lunga carriera politica che lo portò nel tempo a essere Governatore dell’isola d’Elba e poi Gonfaloniere (cioè Sindaco) di Fivizzano e di Siena.

Quando scoppiò la guerra del 1848 e la Toscana mandò un corpo di spedizione in aiuto dei piemontesi assunse la carica di Capo di Stato Maggiore e contemporaneamente i gradi di colonnello effettivo e maggior generale onorario dell’esercito. Assieme alle truppe regolari partecipò alla campagna la Compagnia della Guardia Universitaria formata da tre professori, un assistente e 55 studenti dell’Università di Siena che, assieme agli altri studenti toscani, si distinse a Curtatone e a Montanara. Il 29 maggio 1848 Corradino Chigi li guidò nello scontro di Curtatone.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è carlo-corradino-chigi.jpg

Carlo Corradino Chigi

Durante il combattimento, come racconta egli stesso, il fodero della sciabola si impigliò fra le gambe e, abbassata la mano sinistra per scostarlo, gli venne massacrata da un colpo di mitraglia e all’ospedale da campo il chirurgo fu costretto ad amputargli il braccio. Nacque così la leggenda dell’”eroico mutilato di Curtatone” che avrebbe gridato, incurante della ferita: “Viva l’Italia! Maledizione a coloro che gridano in piazza e non vengono sul campo!“ (25). Rimpatriato, ebbe il comando della Guardia Civica di Siena e poi si ritirò a vita privata ma, nel 1859, gli fu conferita la carica di Comandante Generale Provvisorio della Marina Militare Toscana; venne poi nominato senatore da Vittorio Emanuele II e poco dopo promosso contrammiraglio nella marina Sardo-italiana. Chigi, conscio che era stato troppo tempo lontano dalla vita militare sul mare, dopo un periodo quale giudice del Tribunale Supremo di Guerra di Firenze preferì dare le dimissioni. Più tardi, in qualità di senatore, si trovò a dover giudicare l’ammiraglio Persano inquisito per i fatti di Lissa che era stato suo compagno nella missione di Tripoli del 1825. Si spense a Fivizzano nel 1881.

Progetti di riforma
Basta osservare una carta geografica per rendersi conto che, con lunghi confini marittimi e una molteplicità delle isole, la Toscana avrebbe avuto bisogno di una difesa navale magari contenuta ma comunque adeguata ed è ovvio che la situazione paradossale delle condizioni della Marina non sfuggisse né al Governo, né agli osservatori politici.
… Lo Stato della Chiesa e il Toscano singolarmente sono così disorganizzati nella loro Marina che possono essere considerati inferiori a Tripoli e a Tunisi, piccoli stati barbareschi… (26). Ancora durante il Governo Provvisorio del 1859 c’era chi parlava in termini ironici di formidabile nostra marina militare  (27).

Definendola “quasi che un nome si esprimeva in termini non molto diversi anche il capitano Oreste Brizi, autore di un dettagliato progetto di riforma delle forze armate toscane (28); poiché una ristrutturazione del Corpo sarebbe potuta avvenire soltanto in dipendenza della costruzione di nuove navi da guerra, le cui caratteristiche e il cui numero al momento in cui scriveva non erano ancora state decise, il Brizi si limitava a proporre l’istituzione di un Comando Marina a Livorno e di alcune particolari nuove categorie di marinai: Cannonieri, Fucilieri di Marina e Operai dell’Arsenale di mare. Raccomandava inoltre di svincolarne il comando supremo, anche se solo nominale, dal Governatore di Livorno e di affidarlo all’ufficiale di grado più elevato. 

Ad ogni modo, dopo il 1850, il Governo  cominciò a pensare seriamente alla rifondazione della Marina Militare, programmando interventi nel settore del personale, insufficiente e anziano (29), e del naviglio nel quadro del potenziamento generale delle forze toscane voluto dal comandante dell’Esercito, Federico Ferrari da Grado. Si riteneva necessaria la costruzione di due cannoniere a elica da 3 cannoni, di una corvetta a elica da 18 cannoni e di una nave ausiliaria a ruote da 6 cannoni; le unità dovevano costruirsi a Livorno, la cui cantieristica era sufficientemente sviluppata e moderna.  Motivi economici ed organizzativi fecero slittare nel tempo questo programma, minimale ma ragionevole, che sostanzialmente fu attuato solo dopo la fine del governo Granducale.

Il Governo Provvisorio
Nel 1859, dopo la fuga del Granduca, venne istituito un Governo Provvisorio sotto la presidenza di Bettino Ricasoli, incaricato di preparare l’annessione al Regno di Sardegna. Come l’Esercito anche la Marina – posta sul piede di guerra il 30 giugno 1859 – fu  riorganizzata, anche per quanto riguardava le uniformi, sul modello di quella sarda (30) e il 14 dicembre 1859 venne istituito un Commissariato di Marina a Livorno (31).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Ardita.jpg

pirocannoniera Ardita

Ai sensi del Decreto del 19 dicembre di quello stesso anno la Marina venne strutturata in uno Stato Maggiore, un Corpo Reali Equipaggi e un Corpo delle Escavazioni dei porti e fossi, quest’ultimo dipendente, per il servizio, dal Capitano del porto di Livorno. In quei mesi vi fu un’intensa ripresa delle costruzioni da parte del vecchio cantiere di Luigi Mancini la cui attività era proseguita dal figlio Giuseppe (32): vennero completate due cannoniere Ardita e Veloce, poi armate a Tolone, il Curtatone e il gemello Palestro (varate a luglio del 1860 nell’arsenale di Livorno ma poi allestite nel Cantiere della Foce) e venne impostata la corvetta Magenta.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è magenta-2.jpg

la pirocorvetta Magenta fu progettata dall’ingegner Giuseppe Micheli ed impostata nell’Arsenale Mediceo di Livorno per la Marina del Granducato di Toscana nel settembre 1859, appena tre mesi dopo la Battaglia di Magenta che aveva dato il via all’unificazione nazionale. Pochi mesi dopo, con il dissolvimento del Granducato di Toscana e l’annessione dei suoi territori al Regno di Sardegna, la proprietà della nave in costruzione passò alla Marina del Regno di Sardegna, e poi, dal 17 marzo 1861, alla neocostituita Regia Marina italiana. Il 2 febbraio 1866, al comando del capitano di vascello Vittorio Arminjon, la nave lasciò Rio de Janeiro e iniziò un lungo viaggio, diventando la prima nave da guerra italiana a compiere il giro del mondo, per promuovere e propagandare l’immagine internazionale dell’Italia e stabilire relazioni diplomatiche con l’Estremo Oriente, oltre a compiere rilevazioni scientifiche e naturalistiche per la Reale Società Geografica Italiana

Era anche in programma la costruzione, presumibilmente in sostituzione di quelle esistenti, di due nuove spronare destinate alla repressione del commercio illegale lungo la Costa (33).
Venne istituito un Consiglio sanitario marittimo del quale faceva parte anche il Comandante della Marina. Di fronte al potenziamento del naviglio, proporzionalmente molto sensibile, il personale fu portato a 57 ufficiali ed equiparati e 332 marinai (34). A questo punto la piccola Marina toscana si presentava come una forza limitata, ma finalmente dignitosa, anche se questa profusione di risorse rappresentava solo il contributo delle forze locali in vista della costituzione del Regno d’Italia, con la cui marina venne ben presto fusa.

Guglielmo Evangelista

articolo pubblicato originariamente su La voce del marinaio

.
Note

16) Daniela Manetti Marina Militare e costruzioni navali nel Granducato di Toscana cit. Pagg. 402-403.

17) La pesca e la lavorazione del corallo erano attività economiche importanti per Livorno, benché in decadenza nel XIX secolo.  Nel 1850 erano in attività 21 barche coralline: 17 paranzelle, 3 leuti e una feluca, meno della metà rispetto al 1836. Cfr. Attilio Zuccagni-Orlandini Ricerche statistiche…cit. pag. 307 e Luigi Serristori Statistica dell’Italia. Pag. 183 Stamperia Granducale, Firenze 1842.

18) V. artt. 75-77 e altri del “Regolamento per il porto, la darsena e i fossi di Livorno” del 17 luglio 1840.

19) Infatti il 22 febbraio 1849 Antonio Petracchi aveva scritto al Governatore di Livorno Pigli: … sono a Viareggio: mandate qua subito il Giglio. Laugier ha rotto i ponti. Mandatemelo subito se no non posso passare…In N.N: Collezione storica di tutti gli atti, dibattimenti, sentenze della celebrata causa di lesa maestà contro Francesco Domenico Guerrazzi, Giuseppe Montanelli e Giuseppe Mazzoni. Parte 1, sez 1. Pag. 168.  Ed. in proprio, Firenze 1852.

20) Supra. Parte 2, sez 2. Pagg. 104 e ssgg. Firenze 1853.

21) N.N.: I casi della Toscana nel 1859 e nel 1860. Pag. 162. Salani,  Firenze 1860.

22) George M. Trevelyan: Garibaldi e i Mille. Pag. 286. Zanichelli, Bologna 1907.

23) Michele Rosi: l’Italia Odierna,  cit. vol. I , pag 968 nota 87.

24) Attilio Zuccagni-Orlandini: Corografia fisica…cit. Vol. IX pag. 218.

25 Francesco Piccolomini Bandini: Ricordi militari del contr’ammiraglio senatore Carlo Corradino Chigi, (Tripoli 1825 – Curtatone 1848). L. Lazzeri, Siena 1899.

26) Costantino Mini: Geografia e storia militare dell’Italia. Tomo I pag. 125. Ed. in proprio. Firenze, 1850.

27) N.N.: I casi della Toscana…Cit. Pag.122.

28) Oreste Brizi: Progetto di riorganizzazione permanente dell’Armata Toscana. Pag. 32. Tip. Galileiana, Firenze 1848.

29) E’ molto eloquente l’esempio fatto in una relazione del 1856 da cui risultava che il più giovane dei Sotto Nostromini aveva 56 anni e 30 di servizio. Daniela Manetti Marina Militare e costruzioni navali nel Granducato di Toscana , cit..Pag. 408 nota 120.

30) Decreti del 21 settembre e 22 novembre 1859.

31) Le sue competenza erano le stesse del Corpo di Commissariato della Marina Sarda: era diretto da un Commissario di prima o seconda classe con alle dipendenze sette sotto-commissari delle varie classi e otto subalterni.

32) Per la storia del cantiere v. Vittorio Marchi-Ugo Canessa: 200 anni della Camera di Commercio nella storia di Livorno. Vol. II pagg. 74 e ssgg. Dibatte, Livorno 2001.

33) Cfr. Relazione del Ministro della Guerra al Presidente del Consiglio dei Ministri sul riordinamento dell’armata del 10 gennaio1860. In  Atti e documenti del Governo della Toscana. Parte quarta, pag. 60. Stamperia sulle Logge del Grano, Firenze 1860.

34) Torello Bartalesi:  Biografia del luogotenente generale Raffaele Cadorna. Pag. 42 Barbera, Firenze 1864.

,

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime
.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE
.

PARTE I
PARTE II
PARTE III

print

(Visited 77 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

8 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »