If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La US NAVY dell’era Trump – parte II

Reading Time: 10 minutes

.

livello medio
.
ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO

AREA: STATI UNITI
parole chiave: USA, Trump, Obama, US Navy

 

Il passato ci ricorda i rischi che corre una nazione marittima in termini di sicurezza e prosperità se la sua Marina non riesce ad adattarsi alle sfide di un ambiente di sfide mutevoli.
Dall’Europa all’Asia, la storia è piena di nazioni che hanno sfiorato il potere globale per poi soccombere per mancanza di potere navale, sia logorate nel tempo sia in scontri decisivi. L’eclissi navale dell’Unione Sovietica ne è un esempio potente. Gli Stati Uniti, come moderna espressione del potere navale, non possono permettersi di perdere il primato, anche se i risultati di alcuni dei più recenti programmi della US Navy, affidati a poderose lobbies (spesso inadeguate ed improvvisate sui programmi navali, per quanto blasonate) non sono stati soddisfacenti, e le feroci critiche del Congresso hanno messo da tempo sotto scacco anche i vertici della US Navy.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è navy-homecoming-flag-3200-1024x683.jpg

La US Navy si è trovata costretta ad inventarsi e prospettare una nuova strategia identificando e contrastando la strategia di espansione e proiezione dei potenziali avversari. Il confronto con la Russia è stato gonfiato ed esacerbato, dai politici e per problemi di politica interna statunitense, al di là della reale minaccia che oggi rappresenta la Russia sulla scena mondiale: le valutazioni sul potenziale navale russo, e più in generale sulle reali capacità russe, sono l’esempio patente dell’arroganza, della miopia e dell’incapacità della politica (non solo estera) che ha attraversato negli ultimi anni l’amministrazione americana.

Non serve una sofisticata rete di intelligence per seguire l’involuzione della Russia come potenza militare, e meno navale, e valutarne oggi la timida ripresa, e le limitate aspirazioni. Dopo la fine della Guerra Fredda, i cantieri russi hanno accusato il colpo della dissoluzione delle industrie statali e del calo di stanziamenti militari, diminuendo decisamente in capacità produttiva e qualità, tanto che ci sono voluti sette anni per ultimare il primo esemplare di fregata della classe Goshkov [5]. Per decenni, sino al 2008 la Voenno-Morskoj Flot, VMF era in pratica una entità nominale, con unità “operative” che mai lasciavano il posto di ormeggio. Grazie al buon andamento dell’economia nazionale che, trainata dall’aumento del prezzo delle materie prime (petrolio in particolare), stava registrando buoni tassi di crescita, da tale anno è stato possibile un aumento degli stanziamenti per le forze armate federali, rendendo così possibile il perseguimento di una “politica di potenza” da parte della Russia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è usvrussia-1024x768.jpg

Dal 2010 la situazione delle FF.AA. della Federazione Russa entrò in una fase di generale miglioramento ed ovviamente, anche la VMF ha beneficiato dell’aumento degli stanziamenti. In particolare si è data importanza all’operatività dei mezzi, “riesumando” navi in riserva più che nuove costruzioni, e le esercitazioni navali fuori area sono riprese coinvolgendo un numero di navi sempre crescente. sono stati Inoltre avviati (o ripresi, dopo anni di sospensione) numerosi programmi navali riguardanti la costruzione di nuove e moderne unità, mentre le attività riguardanti la revisione/riparazione dei mezzi fuori servizio è ripresa o è stata accelerata. Questa fase di ripresa ha però subito una battuta di arresto con la crisi della Crimea del 2014 e i successivi movimenti separatisti del Donetsk.

Alla VMF sono venute a mancare le principali forniture industriali. l’Ucraina ha bloccato la fornitura di materiale militare alla Russia, così come hanno fatto i paesi NATO con un embargo, con una valutazione complessiva di 186 componenti critici che sono venuti a mancare, i più evidenti motori e Turbine a gas. Questo ha influenzato in particolare tutti i programmi di costruzione di superficie mentre i programmi di costruzione di sottomarini sono proseguiti e proseguono senza problemi di capacità produttiva e tecnici, salvo la carenza di fondi. Le turbine a gas che dovevano provenire dall’Ucraina hanno condizionato, dal giugno 2015, la costruzione delle nuove grosse fregate Classe Admiral Gorškov e delle più piccole della classe Admiral Grigorovich, con solo una fregata per classe già varata e in servizio grazie a turbine a gas consegnate prima dell’embargo [5] e cinque unità la cui costruzione ha dovuto essere ritardata.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è gorshkov-fregata-marina-russa-1024x682.jpg

fregata russa Classe Admiral Gorškov

I russi stanno ancora cercando di rimpiazzare il fornitore originale di turbine navali (ucraino) con analoghe unità prodotte dalla società russa Saturn, specialista di motori a reazione aeronautici, ma non è chiaro quanto questo porterà a risultati a breve termine vista le difficoltà produttive delle turbine navali [5]. La separazione dall’ Ucraina e l’embargo hanno riguardato anche la fornitura di motori marini convenzionali (i migliori dei quali erano frutto di licenze), che ha condizionato le nuove costruzioni navali, i tempi di approntamento, le prestazioni, come nel caso della nuova classe di corvette, la classe Gremyashchy, della quale solo due su otto sono state a completate ripiegando su motori russi di diversa origine [5]. Per raggiungere e mantenere una certa credibilità nella sua politica di proiezione, per la prima  volta dopo oltre un secolo la Russia era ricorsa all’ estero perle costruzioni navali, ma questa soluzione (che comportava anche un trasferimento di tecnologie fondamentali per la cantieristica russa) si è arenata con il blocco della fornitura di due grandi unità anfibie della classe Mistral sempre per l’embargo legato alle vicende ucraine. La minaccia russa, per le valutazioni di cui sopra, è ridotta, mentre va riconosciuto che l’intervenzionismo geopolitico russo è cresciuto a livello regionale e solo in questo contesto preoccupa direttamente sia gli Stati Uniti che la NATO, ma a livello navale non è la principale minaccia alla supremazia della US Navy. Per quanto apparentemente considerevole dal punto di vista numerico, la vita media delle unità è molto levata e le unità di recente costruzione solo un’aliquota minore del complesso.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 05russiatartusbase05-696x377.jpg

La Russia non è più (e non ancora) una potenza navale globale ma “solo” una (grande) potenza regionale, complicata dall’accesso e dalle operazioni su quattro mari, distanti, che per il momento tende ad aumentare e consolidare il suo perimetro di sicurezza.
Una potenza con più affinità (e rischi comuni) con la UE ed in parte con gli Sati Uniti di quanto possa sembrare; una (relativamente grande) potenza regionale ma non la minaccia che era l’URSS della Guerra Fredda, e meno la minaccia della Voenno-Morskoj Flot. Una potenza regionale che deve guardarsi da conflitti etnici e religiosi ai propri confini (e spesso all’interno), e molto dall’ espansionismo di un confinante troppo grande (mentre gli USA stanno dall’ altra parte del globo). La VMF, Voenno-Morskoj Flot, numericamente contratta a minimi storici, seppur impegnata nello sviluppo di nuove unità e nuove armi navali e nel ricambio qualitativo e non numerico delle principali linee, mantiene ancora come principale missione quello della deterrenza strategica grazie ai sottomarini nucleari equipaggiati con missili balistici.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alfa-class-russian-submarine-cld-war.jpg

sottomarino classe Alfa

La priorità (a cui corrispondono sufficienti capacità industriali e cantieristiche) è e rimane quella sottomarina, anche se la più recente classe di unità (Lada) non sembra aver dato buoni risultati, mentre quella della ricostruzione e spiegamento operativo della flotta di superficie rimane una sfida, per la stessa amministrazione Putin, difficile e condizionata dalla perdita delle tradizionali fonti e capacità cantieristiche ed industriali. La Russia di Putin è abile nell’ esibizione della muscolatura, e la mobilitazione di unità per la rivista di San Pietroburgo del 30 luglio, per il centenario della VMF, ne è la prova, pur in certi suoi aspetti tecnici non ottimali, e la vena un po’ melanconica e decadente. Com’è noto, la marina russa ha rinunciato a costruire altre portaerei (e si accontenterà di ristrutturare la vecchia Kuznetov) cosi come ha deciso di puntare su unità di medio dislocamento capaci di una certa polivalenza, con spiccate caratteristiche di attacco.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è kuznestov.jpg

la famosa fumata della portaerei russa Admiral Kuznetov in transito nella Manica il 21 ottobre 2016. EPA/Dover Marina.COM / Handout editorial use only 

Un obbiettivo lontano da una competenza a livello globale con l’US Navy, che non va sottovalutato, tenendo presente due aspetti:

– la priorità va sempre agli SSBN, agli SSN e ai battelli convenzionali, anche se i ritardi realizzativi rimangono biblici; tra l’altro, i Lada sono un fallimento e comincia la costruzione del secondo sestetto di Kilo Improved con capacità di lancio di SLCM;

– la flotta di superficie si sta lentamente consolidando attorno a un nucleo di fregate e corvette, tutte con capacità missilistiche; quando e se si risolverà il problema delle TAG (quantità ed affidabilità) certamente si passerà a unità maggiori, ma senza pensare che si sviluppino nuove classi di unità maggiori; se si consoliderà la presenza stabile in Mediterraneo occorrerà pensare forse a unità tipo assalto anfibio, anche come stazionarie.

Malgrado recenti esibizioni in Mediterraneo, la Russia non ha però la stessa incompatibilità di sistema che nei decenni della guerra fredda aveva l’URSS con l’intero mondo occidentale, né gode del patrimonio di logistica e basi, vere o potenziali, che era a disposizione dell’URSS in tutto il mondo.
La Russia dopo anni di crisi, disfacimenti anche territoriali, ha riscoperto l’orgoglio ed il potere militare per raggiungere non solo la propria sicurezza ma anche fini geopolitici, che vanno dalla sua guerra con la Georgia nel 2008, fino all’annessione del Crimea del 2014 e successivo consolidamento militare nella regione del Mar Nero, di cui è parte il suo sostegno militare per il movimento separatista ucraino. Successi geopolitici a metà, a prezzo, come prima descritto, della perdita di notevoli capacità logistiche ed industriali che erano fondamentali per l’efficienza e la credibilità del potenziale militare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è RUSSIAN-SHIP-THE-MOSCOW-TIME.jpg

navi russe in linea di fila durante le prove della parata navale a Sevastopol, Crimea, 24 luglio 2015. REUTERS/Pavel Rebrov

È intervenuta in Siria durante la guerra civile, usando il proprio (ancora limitato) potere di proiezione in numerose occasioni per appoggiare il regime di Assad: è apparsa nuovamente sulla ribalta dei conflitti come interlocutore forse inopportuno ma si è poi trasformata in attore interessato e di successo, assicurandosi per la prima volta una posizione stabile nel Mediterraneo, un Mediterraneo che oggi è nuovamente area di crisi mondiale.

La Russia è in Mediterraneo, attraverso la Siria, per restarci.
Questo il significato della legge di ratifica dell’accordo con la Siria approvata dal presidente russo Vladimir Putin sulla concessione cinquantennale della base area di Hmeimim a Latakia. Non è un caso che la ratifica dell’accordo, firmato a gennaio a Damasco, giunga mentre proseguono le trattative tra il Cremlino e la Casa Bianca sulla de facto spartizione della Siria, enorme dividendo per la Russia a fronte di un investimento relativamente limitato, altro riflesso della ripresa economica della Russia che le permette aspirazioni di proiezione regionale. Dopo aver esibito la vecchia portaerei Kuznetsov, con il successo in Siria punta a un maggior dividendo ed a consolidare un ruolo nel Mediterraneo, tentando di stabilire un collegamento con il generale Haftar (che noi italiani continuiamo a snobbare per ragioni incomprensibili, o fin troppo comprensibili, quali l’improvvida ritirata americana voluta da Obama e alle sue difficoltà di rapporti con Siria ed Egitto). Una presenza che non sarà certamente con unità navali maggiori ma richiederà lo sviluppo di nuove classi. 

Certamente la distrazione strategica americana ha riaperto i giochi per il controllo del Mediterraneo, favorendo Il ritorno della Russia, ma su questo mare va considerata anche la scommessa commerciale cinese e la nuova partita energetica del Levante. Il Mediterraneo misura ciò che l’Italia potrebbe essere, fu, ma non è, un mare che eufemisticamente non bagna l’Italia, un mare di migrazioni dove l’Italia si sta giocando la sua sovranità.

 

Fine parte II – continua 

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

Riferimenti
(1) Laura Canali “http://www.limesonline.com – contenimento Cina
(2) Giorgio Cuscito, L’Attivismo navale della Cina, China Geopolitics
(3) Mediterranei – Editoriale del numero di Limes 6/17
(4) Laura Canali – cartina da Limes – ://www.limesonline.com
(5) United States Department of Defense. Annual Report To Congress: Military and Security Developments Involving the People’s Republic of China 2010 (PDF) (Report). pp. 3 (pp12 of PDF).
(6) Fisher, Richard D, Jr. (19 April 2015). “US upgrades assessment of China’s Type 094 SSBN fleet”. IHS Jane’s 360.
(7) United States Office of Naval Intelligence. The PLA Navy: New Capabilities and Missions for the 21st Century (PDF) (Report). p. 20.
(8) news.usni.org/2014/06/09/chinese-weapons-worry-pentagon
(9) Kristensen, Hans M. (5 July 2007). “New Chinese Ballistic Missile Submarine Spotted”. fas.org. Federation of American Scientists.
(10) Kristensen, Hans M. (4 October 2007). “Two More Chinese SSBNs Spotted”. fas.org. Federation of American Scientists.
(11) United States Department of Defense (May 2013). Annual Report To Congress: Military and Security Developments Involving the People’s Republic of China 2013 (PDF) (Report). pp. 6 (pp14 of PDF).
(12) “Does China have an effective sea-based nuclear deterrent?” China PowerCSIS.
(13) Fisher, Richard D., Jr. (16 December 2015). “China advances sea- and land-based nuclear deterrent capabilities”. Jane’s Defence Weekly. Surrey, UK: Jane’s Information Group. 53 (6). ISSN 0265-3818.
(14) National Air and Space Intelligence Center (2016). Ballistic & Cruise Missile Threat (PDF)
(15) www.globalsecurity.org/wmd/world/china/jl-2.htm
(16) Military Power of the People’s Republic of China ” (PDF). Office of the Secretary of Defense (PDF).
(17) Pike, John, ed. (20 January 2015). “Type 094 Jin-class Ballistic Missile Submarine”. globalsecurity.org.
(18) Pike, John, ed. (20 March 2014). “JL-2 (CSS-NX-14)”.
(19) www,globalsecurity.org
(20) Thomas, Brendan; Medcalf, Rory (September 2015). Nuclear-armed submarines in Indo-Pacific Asia: Stabiliser or menace? (PDF) (Report). Lowy Institute for International Policy.
(21) Office of Naval Intelligence (2009 to 2016). The People’s Liberation Army Navy,
(22) ONI report on a Modern Navy with Chinese Characteristics (PDF)
(23) Novichkov, Nikolai “Russia’s new maritime doctrine”. IHS Jane’s.
(24) Fisher, Richard D, Jr. (15 July 2016). “Images show possible new variant of China’s Type 094 SSBN”. IHS Jane’s 360.
(25) U.S. Navy | 2017 Index of U.S. Military Strengt http://index.heritage.org/military/2017/
(26) Kristensen, Hans M. (4 October 2007). “Two More Chinese SSBNs Spotted”. fas.org. Federation of American Scientists.
(27) United States Department of Defense (May 2013). Annual Report To Congress: Military and Security Developments Involving the People’s Republic of China 2013 (PDF) (Report). pp. 6 (pp14 of PDF).
(28) Pike, John, ed. (20 January 2015). “Type 094 Jin-class Ballistic Missile Submarine”. globalsecurity.org
(29) Pike, John, ed. (20 March 2014). “JL-2 (CSS-NX-14)”
(30) http://news.usni. Navy Faces Surface Modernization Delays Without Ukrainian Engines,
(31) www.globalsecurity.org/wmd/world/china/jl-2.htm
(32) Military Power of the People’s Republic of China ” (PDF). Office of the Secretary of Defense (PDF)
(33) Pike, John, ed. (20 January 2015). “Type 094 Jin-class Ballistic Missile Submarine”. globalsecurity.org.
(34) Pike, John, ed. (20 March 2014). “JL-2 (CSS-NX-14)”.
(35) www,globalsecurity.org
(36) Thomas, Brendan; Medcalf, Rory (September 2015). Nuclear-armed submarines in Indo-Pacific Asia: Stabiliser or  menace? (PDF) (Report). Lowy Institute for International Policy.
(37) Office of Naval Intelligence (2009 to 2016). The People’s Liberation Army Navy
(38) Kristensen, Hans M. (4 October 2007). “Two More Chinese SSBNs Spotted”. fas. org. Federation of American Scientists
(39) United States Department of Defense (May 2013). Annual Report To Congress: Military and Security Developments Involving the People’s Republic of China 2013 (PDF) (Report). pp. 6 (pp14 of PDF).
(40) Pike, John, ed. (20 March 2014). “JL-2 (CSS-NX-14)”

.

PAGINA PRINCIPALE

 

PARTE I
PARTE II
PARTE III
PARTE IV.
PARTE V
PARTE VI.

 

print
(Visited 198 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

22 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »