Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

I Fenici a Tharros, una panoramica degli insediamenti nel Mediterraneo – Phoenicians in the Med Sea: Tharros site

tempo di lettura: 4 minuti

 

.livello elementare

ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA
PERIODO: IX – VI SECOLO a.C.
AREA: SARDEGNA

parole chiave: Tharros, Fenici, Chia

Intorno al IX secolo a.C. il Mediterraneo era già interessato da intensi scambi commerciali. Tra i protagonisti vi erano le popolazioni che provenivano da alcune città-stato dell’attuale Libano: i Fenici.

Guida-di-Tharros-37-1140x530

La presenza dei Fenici a Tharros è attestata da alcuni importanti ritrovamenti. Non molti in realtà, ma di sicuro di grande interesse. Ci riferiamo soprattutto al tofet, santuario a cielo aperto, la cui area avremo modo di visitare insieme. Sorto sui resti delle capanne nuragiche della collina di Su Murru Mannu, il santuario ospitava circa 5000 pentole contenenti i corpi dei defunti cremati, e il loro corredo. Allo stesso periodo, intorno al 650/625 a.C., appartengono anche le prime sepolture delle due aree cimiteriali fenicio-puniche messe in luce a Torre Vecchia (a sud) e a Santu Marcu – San Giovanni di Sinis (a nord).

Tipi_tombali_e_pratiche_funerarie_nella-9-768x507

La necropoli di San Giovanni (Fonte: Del Vais e Fariselli 2010: 11)

I Fenici nella Penisola del Sinis
Ma alcuni ritrovamenti fatti in diversi punti della Penisola del Sinis lasciano supporre che le relazioni tra le popolazioni nuragiche e i fenici siano iniziate ancora prima rispetto alla datazione delle necropoli. La natura dei contatti e la collocazione dei primi insediamenti fenici sono ancora al vaglio degli studiosi. Di certo sappiamo che i mercanti semiti trovarono nel Sinis un ambiente a loro congeniale: una penisola affacciata su due mari (uno aperto “biu“, e uno più riparato “mortu“) con possibili punti di approdo su entrambi i lati.

DSCN5367-1-768x576

Tharros e la Penisola del Sinis: a destra il Golfo di Oristano e a sinistra il mare aperto.

I più importanti centri fenici nel Mediterraneo

fenici

Esempi di centri fenici costruiti su penisole, isolotti o comunque zone caratterizzate da punti di facile attracco sono presenti in tutto il Mediterraneo. Non possiamo non citare Sulky a Sant’Antioco, Bithia a Chia, Nora a Pula (in Sardegna), Mozia a Marsala (Sicilia), Cartagine a Tunisi (Tunisia) e Cadice (Spagna).

Si tratta di modelli insediativi, ovvero probabili consuetudini abitative che ritroviamo anche nel loro principale territorio di provenienza, l’attuale Libano, in particolare a Tiro.

claudia sannaClaudia Sanna
Archeologa e guida turistica, appassionata del suo lavoro, attiva nella comunicazione e promozione del patrimonio culturale.

Principale


info@marecalmo.org
articolo pubblicato su www.marecalmo.org

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

Courtesy English translation by OCEAN4FUTURE

tharros

Around the 9th century BC,  Mediterranean Sea was already interested by intense trades Among the protagonists were  populations coming from some of the city-states of present-day Lebanon: the Phoenicians. The presence of the Phoenicians at Tharros is attested by some important finds. Not many, but certainly of great interest. We refer mainly to the tofet, an open-air sanctuary, whose area we will visit together. Located on the remains of Nuragic huts in the hill of Su Murru Mannu, the sanctuary hosted about 5000 pots containing bodies of cremated deceased and their funeral offerings. At the same time, around 650/625 BC, there are also the first burials of the two Phoenician-Punic  cemetery areas founded in Torre Vecchia (South) and Santu Marcu-San Giovanni di Sinis (North).

tharros-fenicio-punico-22-necropoli-settentr-1However some finds at different locations in the Sinis Peninsula suggest that relationships between nuragic populations and Phoenicians were started earlier than the dating of the necropolis. The nature of the contacts and the location of the early Phoenician settlements are still under scrutiny. Certainly we know that Semitic merchants found a congenial environment in Sinis: a peninsula overlooking two seas (one open “biu”, and one more sheltered “mortu”) with possible landing sites on both sides.

The most important Phoenician centers in the Mediterranean

129199-004-7C458BB3

Examples of Phoenician centers built on peninsulas, islets, or areas characterized by easy landing sites,  are present throughout the Mediterranean. We should mention Sulky at Sant’Antioco, Bithia at Chia, Nora at Pula (in Sardinia), Mozia at Marsala (Sicily), Carthage in Tunis (Tunisia) and Cadiz (Spain). These are settlement patterns, or probable common living customs  founded in their main territory of origin, the present Lebanon, particularly in Tire.

claudia sannaClaudia Sanna 
Archeology and tourist guide, passionate about his work, active in communication and promotion of cultural heritage.
https://www.marecalmo.org
info@marecalmo.org

post previously published at www.marecalmo.org

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

Loading

(Visited 612 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

30 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia Contemporanea
Storia contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
30 visitatori online
30 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 30 alle 06:40 pm
Mese in corso: 65 alle 05-07--2024 10:16 am
Anno in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x