If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Che cosa comporterà lo scioglimento delle calotte glaciali per il Pianeta?

Reading Time: 6 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: OCEANOGRAFIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
.parole chiave: calotte polari, cambiamenti climatici

.
Solo nel 2019 a causa dell’innalzamento delle temperature la calotta glaciale della Groenlandia ha perso un milione di tonnellate di ghiaccio al minuto e molti si domandano che cosa comporterà per il clima del Pianeta.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è scioglimento-dei-ghiacci-groenlandia-1024x683.jpg

lo scioglimento dei ghiacci in Groenlandia

Il fatto che le calotte si riducano è normale, quello che invece non è normale è il gradiente di diminuzione delle stesse che può innescare un certo numero di conseguenze per il Pianeta. Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Communications Earth & Environment la calotta dei ghiacci della Groenlandia si è ridotta con una velocità mai osservata negli ultimi secoli. Questa situazione è stata valutata grazie ai satelliti GRACE della NASA, che hanno permesso di effettuare misurazioni della gravità talmente precise da poter valutare la massa dei ghiacci presenti in Groenlandia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è calotta-groenlandia-ricerca-2019.jpg

Che cos’è una calotta di ghiaccio?
Le calotte sono essenzialmente delle enormi masse di ghiaccio che attualmente coprono la maggior parte della Groenlandia e dell’Antartide. Durante l’ultima era glaciale, esse si estendevano a gran parte del Nord America e della Scandinavia ma, a seguito del riscaldamento post glaciale, si ritirarono nelle attuali regioni. Sono aree enormi, basti pensare che insieme le calotte glaciali dell’Antartico e della Groenlandia, contengono oltre il 99 percento del ghiaccio d’acqua dolce sulla Terra. La calotta antartica si estende per quasi 14 milioni di chilometri quadrati (5,4 milioni di miglia quadrate), un’area grande quanto gli Stati Uniti e il Messico che contiene 30 milioni di chilometri cubi di ghiaccio. Quella della Groenlandia ha invece dimensioni minori e si estende per circa 1,7 milioni di chilometri quadrati (656.000 miglia quadrate), coprendo la maggior parte della Groenlandia.eguito del riscaldamento post glaciale, si ritirarono nelle attuali regioni. Sono aree enormi, basti pensare che insieme le calotte glaciali dell’Antartico e della Groenlandia, contengono oltre il 99 percento del ghiaccio d’acqua dolce sulla Terra. La calotta antartica si estende per quasi 14 milioni di chilometri quadrati (5,4 milioni di miglia quadrate), un’area grande quanto gli Stati Uniti e il Messico che contiene 30 milioni di chilometri cubi di ghiaccio. Quella della Groenlandia ha invece dimensioni minori e si estende per circa 1,7 milioni di chilometri quadrati (656.000 miglia quadrate), coprendo la maggior parte della Groenlandia.

Come si formarono?
Le calotte glaciali si formarono a seguito della caduta delle precipitazioni nevose nelle zone in cui la neve permaneva in parte anche durante l’estate. Nel corso di decine di migliaia di anni, gli strati di neve si accumularono in spesse masse di ghiaccio, compresse man mano dal peso della neve fresca sugli strati di ghiaccio più vecchi. Queste grandi masse non sono statiche ma si muovono lentamente scivolando sotto il loro stesso peso verso il basso fino ad arrivare alle linee di costa dove finiscono in mare. Ovviamente fino a quando la massa di neve che si accumula è equivalente a quella persa, la sua dimensione non cambia. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è antartide-formazione-dei-ghiacciai.png

il ciclo di formazione delle calotte

Una diminuzione in corso
In questi ultimi anni si è notato ritiro dei ghiacciai ed una riduzione delle calotte glaciali. Ad esempio, dalle immagini satellitari è emerso che, solo nel 2019, la calotta glaciale della Groenlandia ha perso una quantità di ghiaccio equivalente ad un milione di tonnellate al minuto. Dalle misure effettuate, è emerso che l’Artico stia subendo un riscaldamento ad una velocità doppia rispetto alle latitudini più basse. Ciò ha comportato che la calotta glaciale si è ridotta di 532 miliardi di tonnellate anche a causa dello scivolamento nell’oceano dei blocchi di ghiaccio, stimati in oltre 250 miliardi di tonnellate mediamente all’anno. Gli scienziati hanno valutato che la perdita dei ghiacci groenlandesi sia aumentata negli ultimi decenni, stima confermata dai dati satellitari che sono ora in grado di valutare l’impatto delle nuove nevicate sullo scioglimento e di calcolare la perdita netta.

Cosa succederebbe se le calotte glaciali della Groenlandia si sciogliessero completamente?
Se la calotta glaciale della Groenlandia si sciogliesse del tutto, gli scienziati hanno valutato avverrebbe un aumento medio il livello del mare di circa 6 metri. Nel caso dello scioglimento della calotta antartica il livello del mare aumenterebbe di circa 60 metri. Lo scioglimento influenzerebbe il tempo meteorologico e il clima del pianeta in quanto verrebbe a mancare la funzione di raffreddamento delle masse d’aria procurata dai grandi altopiani d’alta quota. Questo farebbe alterare le direzioni delle tempeste, creando venti freddi in discesa vicino alla superficie del ghiaccio. Il disgelo dell’acqua dolce andrebbe a diluire il contenuto di sale degli oceani circostanti, contribuendo a rallentare il sistema di scambio termico della corrente del Golfo. Sebbene la fusione dei ghiacci della Groenlandia durante l’ultimo periodo estivo sia stata ben al di sopra della media del trentennio 1981-2010, essa appare al di sotto dei livelli di molte estati precedenti dell’ultimo decennio. Inoltre, lo scioglimento non è stato uniforme: le aree nord-est e sud-ovest della calotta glaciale si sono sciolte significativamente più della media, mentre sulle coste sud-est e nord-ovest è stato inferiore. Il numero massimo di giorni di scioglimento si è verificato in due aree, lungo il bordo sud-ovest e l’angolo nord-est della calotta glaciale, circa 65 giorni su 123, dal 1 aprile al 1 agosto 2020, con picchi elevati come, ad esempio, il 10 luglio quando si sciolse il 34% della superficie della calotta glaciale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è groenlandia-2020-1024x413.jpg

Estensione dello scioglimento di ghiacci della Groenlandia, 2020, fonte citata

Alcuni dati
Secondo il National Snow and Ice Data center, l’estensione totale dello scioglimento della superficie fino al 1 agosto 2020 è stata comunque ben al di sopra della media 1981-2010, e stimata a 18,6 milioni di chilometri quadrati per il 2020 contro i 14,4 milioni di chilometri quadrati per la media dal 1981 al 2010. Quasi il 96% dei punti della calotta glaciale ha subito lo scioglimento nel 2019, rispetto a una media del 64% tra il 1981 e il 2010. Questo è stato attribuito dagli scienziati a “modelli di blocco” del tempo meteorologico che hanno mantenuto l’aria calda sulla Groenlandia per periodi più lunghi, con una conseguente minore quantità di nevicate.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Figure1-groenlandia-678x1024.png

La mappa in alto a sinistra della calotta glaciale della Groenlandia mostra il numero totale di giorni di scioglimento superficiale dal 1 gennaio al 6 agosto 2020. La mappa in alto a destra mostra la differenza tra i giorni di scioglimento totali del 2020 e il numero di giorni di scioglimento medio dal 1981 al 2010 da giugno Dal 21 al 1 agosto. Il grafico inferiore mostra l’area giornaliera in chilometri quadrati di fusione superficiale dal 21 giugno al 1 agosto 2020, con le tendenze giornaliere dell’estensione della fusione per i quattro anni precedenti. Credito: National Snow and Ice Data Center / T. Mote, Università della Georgia

Un’ulteriore preoccupazione sono i meccanismi di feedback che aumentano la perdita di ghiaccio, inclusa l’acqua di disgelo che indebolisce la calotta glaciale e ne accelera lo scivolamento nell’oceano. Temperature più elevate attaccano gli strati superficiali che sciogliendosi rivelano il ghiaccio più scuro posto al di sotto. Questo, essendo meno chiaro, assorbe più energia termica solare, andando ad incrementare lo scioglimento.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è temperature-medie-groenlnadia.jpg

Il grafico in alto mostra la temperatura dell’aria come differenza dalla media, relativa al periodo 1981-2010, per il periodo dal 21 giugno al 1 ° agosto 2020, in gradi Celsius. Il grafico in basso mostra la differenza di pressione atmosferica dalla media, relativa al periodo 1981-2010. Questa è mostrata come la differenza di altezza dalla media del livello di pressione di 700 mb (circa 10.000 piedi), in metri. Credito: dati di rianalisi dei centri nazionali per la previsione ambientale (NCEP), centro nazionale per la ricerca atmosferica

Una situazione senza speranza?
In realtà la calotta glaciale della Groenlandia non è necessariamente destinata a sciogliersi completamente in quanto i ghiacciai, ritirandosi, alla lunga perderebbero il contatto con le acque oceaniche più calde e quindi tenderebbero a sciogliersi sempre meno. I tempi sarebbero comunque molto lunghi, dell’ordine di secoli, per cui l’aumento delle temperature globali potrebbe essere invertito dal mutare della situazione astronomica e dalla nostra capacità di ridurre i livelli di CO2. Parliamo sempre di tempi molto lunghi se raffrontati alla nostra vita umana e trascurabili a fronte delle ere geologiche.

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 56 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share