Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

Bermeja, l’isola che non c’è o … non c’è mai stata

tempo di lettura: 4 minuti

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: Isla Bermeja, ZEE, Messico, Stati Uniti

 

 “Seconda stella a destra questo è il cammino e poi dritto, fino al mattino … non ti puoi sbagliare perché, quella è l’isola che non c’è
Chissà se seguendo le indicazioni della celebre canzone di Edoardo Bennato, potremmo essere in grado di trovare l’ormai mitica isla Bermeja nel golfo del Messico, una striscia di sabbia riportata sulle carte nautiche fin dal XVI secolo. Secondo le fonti cartografiche l’isola doveva il suo nome alla parola spagnola Bermeja, ovvero di un colore rosso acceso. Cosa ha di speciale? Non si trova più.
.

Le fonti
Una prima menzione dell’isla di Bermeja risale al XVI secolo, rappresentata nella mappa di Gaspar Viegas disegnata nell’anno 1539, ed oggi conservata nell’Archivio di Stato di Firenze, Italia. Una delle tante isole nel mare dei Caraibi riportata nel El Yucatán e Islas Adyacentes: Islario general de todas las islas del mundo, di Alonso de Santa Cruz, stampato in Madrid in 1539 che afferma che “… dallo stesso vento di venti leghe c’è un’altra (isola) chiamata Bermeja“. Un riferimento si ritrova anche in Espejo de Navegantes, di Alonso de Chaves, che la posizionava al largo dello  Yucatan, a 23º gradi Nord, al quarto ovest al nord-ovest di Capo di San Anton, distante 14 leghe, a 55 leghe a ovest-nordovest degli Alacranes,  118 leghe da NE  al quarto est di Villa Rica.

“Desde punta Estéril hasta cabo Redondo o la Desconocida va la costa casi toda al oeste, hay de camino 70 leguas; hace la costa un poco de arco hacia el norte. En este paraje son los Alacranes, e islas de Arenas y Bermeja. Corren las aguas en toda esta costa al oeste”.
“Bermeja, isla en término del Yucatán, está en 23º grados (de latitud
norte). Está al oeste cuarta al noroeste de cabo de San Antón, dista 14 leguas. Está al oeste-noroeste de los Alacranes, dista 55 leguas. Está al nordeste cuarta al este de Villa Rica, dista 118 leguas. Esta es una isleta pequeña y que de lejos se ve bermeja”.

“From Point Estéril to Round Cape or The Unknown, the coast is almost entirely to the west, there are 70 leagues; the coast arcs a bit to the north. In this place are the Alacranes, and the islands of Arenas and Bermeja. All the waters along this coast run to the west.” “Bermeja, an island in the Yucatan term, is at 23º degrees (north latitude). It is to the west quarter to the northwest of the Cape of San Antón, 14 leagues away. It is to the west-northwest of the Alacranes, 55 leagues away. It is to the northeastern quarter to the east of Villa Rica, 118 leagues away. This is a small island and looks red from a distance.”

Nel 1544, l’isola appariva in una mappa di Sebastián Caboto, insieme alle isole Triángulo, Arenas, Negrillos e Arrecife Alacranes. Nel 1564 il cartografo Abraham Ortelius la inserì nella sua lettera intitolata Latin, America Nova Mundo Nova descriptio.  La rappresentazione cartografica dell’isola ha continuato a persistere per centinaia di anni, a volte con il nome di Vermeja Island o Vermejo Islet sulle mappe. Nel diciannovesimo e all’inizio del ventesimo secolo, veniva mostrata in mappe ufficiali (senza però alcuna verifica idrografica marittima). L’isola fu registrata (1864) nella Carta Etnografica del Messico, edizione governativa, e anche nel libro “Isole messicane” collocata a 22º33′ di latitudine nord e 91º22′ Ovest.

Ma perché un’isola sperduta suscita così tanto interesse?
Per colpa dei confini marittimi previsti dal Diritto internazionale che consentono ai paesi di rivendicare il diritto sovrano per la gestione delle risorse naturali, e tanto altro [1], in una fascia di mare nota come zona economica esclusiva (ZEE). Il caso vuole che nel Golfo del Messico siano presenti grandi giacimenti sottomarini di idrocarburi ed i potersi allargare, sfruttando le linee di base può fare la differenza. Attualmente, le isole Alacranes del Messico sono i punti di terra più lontani dalla costa messicana che si estendono nel Golfo del Messico. L’esistenza dell’isola di Bermeja, qualora esistesse, essendo geograficamente più lontana delle Alacranes, in base al Diritto Internazionale, consentirebbe al Messico di “allargare” di circa il 15% la zona esclusiva messicana inglobando un’area ricca di petrolio. Non c’è da meravigliarsi quindi l’accanimento per la ricerca di quest’isola che se ritrovata metterebbe in discussione gli accordi di perforazione con gli Stati Uniti previsti dal Trattato messico-statunitense firmato nel 1978. Non esistendo l’isla Bermeja, l’agreement si basa su un punto equidistante tra le Isole Dernieres degli Stati Uniti e le Isole Alacranes del Messico. Va compreso che, a seguito degli accordi Clinton-Zedillo del 9 giugno 2000, il confine adottato ha assegnato agli Stati Uniti la maggior parte dell’enorme giacimento petrolifero di Hoyo de Dona, stimato in 22 miliardi di barili. Cosa che non ha fatto contenti i Messicani.

Una ricerca inutile
Di fatto i numerosi sforzi esplorativi effettuati negli anni ’90 dal governo messicano per ritrovare Bermeja, non sono serviti e l’isola, quando mai fosse esistita, è attualmente scomparsa. L’ultima survey idrografica, effettuata dalla nave oceanografica Onjuku nel settembre 1997, sulla posizione geografica di latitudine 22°33′ N – longitudine 091º22’W riportata sulle antiche carte ed allargata in un intorno di 322,5 miglia nautiche quadrate, ha avuto esito negativo. Dal rapporto si evince che nella zona è stata misurata “una profondità di 1.472 metri con un fondo piatto” per cui non c’è “traccia dell’isola nell’area …“, questo, secondo un’analisi dell’età approssimativa della superficie del fondale marino, almeno negli ultimi 5.300 anni. A questo punto l’unica ipotesi attendibile è che il cartografo, che per primo la riportò su una mappa, avesse commesso un madornale errore di posizionamento, poi ricopiato senza controllo dai cartografi successivi che avevano continuato ad inserire quella striscia di sabbia vermiglia nelle loro carte.  

Andrea Mucedola

 

[1] Secondo  UNCLOS i Paesi possono esercitare il diritto sovrano per la gestione delle risorse naturali, nonché la giurisdizione in materia di installazione e uso di strutture artificiali o fisse, di ricerca scientifica, protezione e conservazione dell’ambiente marino fino a 200 miglia nautiche dalle linee di base (baseline),  in una fascia di mare nota come zona economica esclusiva (ZEE).

in anteprima: Vecchia mappa che mostra l’isola fantasma messicana di Bermeja autore Tanner, Henry File:Bermeja.jpg – Wikimedia Commons

.

Riferimenti
Garcia Sanchez, G. J., & McLaughlin, R. J. (2015). The 2012 Agreement on the Exploitation of Transboundary Hydrocarbon Resources in the Gulf of Mexico: Confirmation of the Rule or Emergence of a New Practice. Hous. J. Int’l L., 37, 681. 

Nah, V. E. M. Y., & Cacciafoco, F. P. (2018). Ex-isles: Islands that disappeared. Review of Historical Geography and Toponomastics, 25(XIII), 31-58.

Méndez, Enrique; Garduño, Roberto (2009-06-24). “No encuentran la Isla Bermeja” (in Spanish) – La Jornada

wikipedia

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

Loading

(Visited 289 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

Chi c'é online

1 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
1 visitatori online
1 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 16 alle 12:24 am
Mese in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Anno in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x