Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

L’età dell’oro delle scienze nautiche nel mondo musulmano

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: SCIENZE NAUTICHE
PERIODO: MEDIOEVO
AREA: IMPERO OTTOMANO
parole chiave: Arabi, Ottomani, navigazione, Piri Reis

 

Nella nostra visione occidentale, l’Oriente è sempre stato visto con un certo distacco; una regione geografica separata dall’Europa dal Medio Oriente, che spesso non comprendiamo perché cerchiamo di valutare con le nostre metriche. Eppure ci furono tempi in cui i commerci e gli scambi culturali fra questi due mondi furono molto vivi e favorirono il progresso delle nostre rispettive civiltà. Forse l’impero a cui dobbiamo molte delle nostre conoscenze scientifiche, e nello specifico, nel campo della navigazione fu quello Ottomano, un grande dominio che in alcuni periodi fu in grado di creare un ambiente culturale straordinario dove arte e scienza fiorirono in maniera armonica a vantaggio di tutta l’Umanità.

In realtà questo processo di integrazione culturale iniziò in medio oriente molti secoli prima, con i primi scambi commerciali tra i Babilonesi e gli Egizi. Fu però grazie alle spedizioni di Alessandro Magno che avvenne il primo processo di fusione culturale del mondo ellenistico e semitico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alessandro-magno-bodley.jpg

abituati a vedere la figura di Alessandro Magno come quella di un grande conquistatore, si può perdere la sua visione per le scienze e per le arti. Si tramanda che, incuriosito dagli abissi si fece calare all’interno di una botte da una barca per osservare la vita marina.

Dopo l’espansione dell’Islam nella regione, l’influenza della cultura e della cultura indiana, attraverso la Persia, proliferò attraverso i circoli accademici del mondo arabo, in particolare nel periodo abbaside. Gli Abbàsidi furono una grande dinastia califfale musulmana che governò il mondo islamico dal 750 al 1258, e poi parte di esso tra il 1261 e il 1517.

Fu proprio durante il tardo periodo abbaside che le culture ellenistica e araba interagirono da Baghdad, il maggiore centro di potere e culturale, fino alle ex aree bizantine, formando una società multiculturale, composta da studiosi di origine ebraica, persiana, indiana e bizantina ovvero cristiana; in altre parole una fucina culturale che solo nel Rinascimento italiano avrebbe raggiunto un qualcosa di simile.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è VOL_I_ABBASIDE_CALIFFATO-1024x583.jpg

califfato Abbaside sorgente Treccani

In particolare, grazie alla disponibilità della carta, le cui tecniche di produzione erano state portate a Samarcanda dalla Cina attraverso l’India, permise di trascrivere in lingua araba tutto lo scibile dell’epoca. Si pensi che all’inizio del XII secolo, le traduzioni in arabo di opere greche erano quasi del tutto completate, permettendo così la disseminazione della cultura ellenistica in tutto il mondo musulmano. In particolare, i testi di matematica greci e indiani sanscriti che contribuirono allo sviluppo di tutte le scienze.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è manoscritto-astronomico-arabo.jpg

Manoscritto astronomico (Taweel Alesharh Tmsel Alebarh) datato 933 (1527 AD) Nord Africa, Maghreb, XVI secolo

La fusione delle scienze matematiche ellenistiche e indiane permisero quindi agli scienziati arabi e turchi di sviluppare, esplorare e progredire in nuovi campi come l’astronomia nautica. Fu grazie a questi straordinari progressi che si sviluppò la cartografia per la creazione delle mappe necessarie ai navigatori marittimi.

Sebbene la cartografia astronomica, in lingua araba “Surat al-Ard“, fosse stata studiata inizialmente per motivi funzionali alla religione musulmana, ovvero per poter consentire ai pellegrini di raggiungere la città santa della Mecca durante l’Hajj, l’utilizzo di un sistema cartografico basato su principi matematici permise di effettuare un passo avanti notevole nelle scienze nautiche, correggendo il sistema di Tolomeo, fino allora predominante nel mondo pre-musulmano. Va sottolineato che questo non si sarebbe realizzare senza l’apporto delle conoscenze di geometria sferica indiane, che portò ad una visione cartografica basata su una rappresentazione sferica della Terra.

Il primo mappamondo conosciuto fu costruito dai musulmani nell’anno 1279, anni prima che il concetto di terra rotonda fosse ampiamente accettato in Occidente. Quando, nel XII secolo, Ruggero II cercò di creare un atlante del Mediterraneo, allo scopo di espandere il commercio nel suo dominio, invitò i principali cartografi musulmani alla sua corte. Tra di essi Abū ‘Abd Allāh Muhammad ibn Muhammad ibn ‘Abd Allah ibn Idrīs al-Ṣabti più conosciuto come Al Idrisi, che divenne il principale cartografo musulmano alla corte di Ruggero. Idrisi utilizzò il sistema di mappatura astronomica e zodiacale prevalente nel mondo musulmano come base per le mappe per la navigazione da impiegare nei viaggi marittimi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è tabula-rogeriana.jpg

Tabula Rogeriana disegnata sugli studi di Idrisi

Queste conoscenze divennero patrimonio culturale nella Turchia ottomana, che comprese l’importanza di possedere mappe accurate, affidabili e soprattutto sistematiche per l’amministrazione imperiale sia in campo civile che militare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1280px-Piri_Reis_map_of_Europe_and_the_Mediterranean_Sea-1024x704.jpg

mappa di Piri Re’is

Fra i diversi ammiragli turchi, voglio ricordare Piri Ibn Haji Mehmed, in seguito conosciuto con il suo titolo navale di Piri Re’is. Nato tra il 1465 e il 1470 nella città di Gelibolu, Piri Re’is divenne ammiraglio della flotta turca, sconfiggendo i Portoghesi nel Mar Rosso, vittoria che permise di riaprire la rotta marittima che dall’Egitto ottomano arrivava ai porti indiani. Nel 1513 Piri Re’is produsse il Kitabi Bahriye, o Libro della navigazione, un portolano che descriveva, in grande dettaglio, coste, porti, secche, correnti e venti prevalenti del Mediterraneo e nel Mar Egeo. La sua posizione gli consentiva l’accesso alle biblioteche fornendogli una quantità pregevole di materiale su cui elaborare le sue carte. La mappa più conosciuta, se non altro per la presenza di continenti all’epoca ancora non del tutto conosciuti, è conosciuta oggi come la mappa di Piri Re’is, un portolano dell’intera Terra che include le coste delle Americhe e, ancora inspiegabilmente quelle dell’Antartico. La precisa accuratezza della mappa illustra il livello di perfezione ottenuto sia da Piri Re’is che dalla cartografia turca.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è PiriReis_1513.jpg

mappa dell’oceano atlantico attribuita a Piri Re’is, 1513 circa

Questo spinse i navigatori musulmani a viaggiare ed esplorare il mondo, spingendosi in tutta l’Asia orientale e nell’Oceano Indiano, esplorazioni confermate dalla presenza ragionevolmente corretta nelle loro mappe di territori come la Cina, la Corea, il Giappone ma anche territori dell’Africa sub sahariana. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è balestriglia-astrolabio-1024x682.jpg

Le conoscenze nautiche arrivarono al mondo occidentale che ne fece tesoro, alimentando il periodo aureo del Rinascimento ma anche creando le basi di una competizione culturale, religiosa e politico-militare che insanguinò il Mediterraneo per parecchi secoli.

La visione del mondo musulmana era, a causa dei lunghi viaggi, molto più completa di quella degli Europei all’alba dell’era della scoperta, poiché i musulmani furono i primi a rompere con la rigida stagnazione del sistema geografico tolemaico che dominava lo studio della geografia in Occidente.

Ironia della sorte, fu in seguito alla scoperta cristiana della cultura musulmana, che avrebbe aiutato ad inaugurare il Rinascimento in Europa, che iniziò il declino del potere dell’Impero ottomano. Ma questa è un’altra storia.

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 64 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »