If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Lo Spinosauro, il primo dinosauro in grado di nuotare identificato al mondo

Reading Time: 6 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: PALEONTOLOGIA
PERIODO: CRETACEO
AREA: NORD AFRICA
parole chiave: dinosauri anfibi

 

Immaginate un grosso dinosauro carnivoro di nove tonnellate, con un cranio lungo quasi due metri dalla forma affilata ed allungata come quella di un coccodrillo, le cui potenti mascelle mostravano una dentatura spaventosa con denti conici e appuntiti. Immaginate questo grande rettile, camminare sugli arti posteriori ed afferrare con quelli anteriori i malcapitati che gli si presentavano davanti. Immaginatelo ancora aggirarsi lungo le sponde dei proto mari per poi immergersi nelle acque dei fiumi e dei laghi per predare, nuotando agilmente grazie alla sua lunga coda.

Questo animale, dall’aspetto terrificante e maestoso, era chiamato spinosauro (nome per rettile con le spine), un dinosauro ben più grande di un tirannosauro e certamente non meno feroce.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Spinosaurus-cretaceo.jpg

ricostruzione dello scheletro di un Spinosaurus, Palazzo Dugnani, Milano

Scopriamolo insieme
Questo grande dinosauro visse tra il Cretaceo inferiore e il Cretaceo superiore (circa 112-97 milioni di anni fa), in territori oggi corrispondenti al Nord Africa, dall’Egitto al Marocco. I primi resti di Spinosaurus furono scoperti in Egitto dal paleontologo tedesco Ernst Stromer von Reichenbach poco prima della prima guerra mondiale. In realtà oggi se ne conoscono due specie, lo Spinosaurus aegyptiacus, che venne descritto nel 1915 da Stromer, e lo Spinosaurus maroccanus, scoperto più recentemente, nel 1996, da Russel in Marocco. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Foto_03_cr_M_Auditore-1024x768.jpg

I paleontologi David Martill, Nizar Ibrahim, Paul Sereno e Cristiano Dal Sasso alla ricerca dei fossili in Marocco. © Cristiano Dal Sasso

Le ossa ritrovate da Stromer furono conservate nel Deutsches Museum di Monaco, ma vennero distrutte da un bombardamento alleato nel 1944. Da allora la storia dello Spinosauro fu caratterizzata da sporadici ritrovamenti, tra cui un cranio, ora conservato al Museo di Storia Naturale di Milano. I sporadici ritrovamenti non permettevano di ricostruire lo scheletro e quindi di trovare risposte alle innumerevoli domande relative alle abitudini di vita di questo predatore. Solo nel 2008 furono ritrovate, clandestinamente, delle ossa appartenenti ad uno Spinosauro in numero tale da ricostruire lo scheletro di questo gigante del passato.

I ricercatori, Nizar Ibrahim e gli italiani Cristiano Dal Sasso e Simone Maganuco, sono riusciti a comprendere dall’analisi del suo cranio allungato, dei denti, della vela e delle zampe che lo Spinosauro era un predatore che si cibava prevalentemente di animali acquatici, stando immerso nell’acqua. 

In particolare, hanno scoperto che le sue caratteristiche fisiche si prestavano maggiormente ad una vita acquatica. Ad esempio, il posizionamento delle narici verso il centro, piuttosto che all’estremità, del suo cranio, il piccolo bacino e le zampe posteriori relativamente corte. Non ultime le sue vertebre vagamente collegate nella sua coda e diverse stranezze anatomiche come le alte spine dorsali che probabilmente servivano da sostegno ad una sorta di vela. Altro fatto interessante, le sue ossa non erano cave, come quelle dei teropodi, ma come quelle degli antichi antenati delle balene, dense e piene.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è spinosaurus-dinosaur-hunting-1024x576.jpg

Parliamo della vela, una bizzarra caratteristica la cui esatta funzione è ancora un mistero. Non era semplicemente un’escrescenza piatta e sovradimensionata di pelle ma una struttura sviluppatasi su un’impalcatura di “spine neurali”; delle lunghe e sottili proiezioni di ossa, che potevano  raggiungere una lunghezza di quasi due metri, ed erano attaccate alle vertebre della spina dorsale. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Reproduction_of_Stromers_Spinosaurus_Display-Ryan-Somma-1024x683.jpg

Come pottee vedere dalla foto, molte delle spine dorsali dello Spinosaurus si estendevano in altezza, costituendo la base della “vela“. Questi processi spinosi potevano diventare circa dieci volte più lunghi del diametro delle vertebre da cui sporgevano, arrivando ad una lunghezza di ben 1,65 metri. In particolare le spine neurali anteriori erano leggermente più lunghe di quelle posteriori.

La lunghezza stimata dello Spinosauro è di circa 15 metri, ma solo il ritrovamento di più esemplari completi potrà stabilire con esattezza le sue reali  dimensioni. Ma veniamo ad una caratteristica decisamente mostruosa,  il cranio dello Spinosaurus. Come abbiamo detto, era lungo e stretto come quello di un coccodrillo, corredato da denti relativamente corti ma molto affilati che potevano facilmente cacciare pesci e rettili marini nell’acqua.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Foto_07_cr_Rebecca_Hale-683x1024.jpg

Le sue dimensioni, di quasi due metri, consentivano di afferrare nelle sue fauci anche esemplari interi. Interessante la sua dentatura. Lo Spinosaurus, sebbene simile ad un coccodrillo, aveva un complicato assortimento di denti: due canini giganti che sporgevano dalla mascella superiore anteriore, alcuni più grandi posizionati più indietro nel cranio e una varietà di denti dritti, conici, che digrignavano nel mezzo, una caratteristica degli Spinosaurinae che condividevano questi denti dritti, serrati e distanziati tra loro, nella misura di dodici su ogni lato della mascella.

Molto probabilmente, questo era un riflesso evolutivo della sua dieta, che includeva non solo pesci ma occasionalmente uccelli, mammiferi e forse … anche altri dinosauri. Terribili a terra come in acqua. Dall’esame delle sue falangi, larghe e poco incurvate, si ritiene che consentissero all’animale di muoversi su terreni fangosi e nuotare. Insomma era un personaggio che era meglio non incontrare.

Ma non era solo
Lo spinosauro viveva nell’Africa settentrionale, in quelli che adesso sono chiamati letti del Kem Kem, dove un tempo c’era un grande sistema fluviale, esteso dal Marocco all’Egitto. condividendo il loro habitat con il Sarcosuchus, un coccodrillo preistorico lungo oltre dodici metri e del peso di dieci tonnellate. Un terribile avversario nella lotta per la sopravvivenza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Sarcosuchus-dinosaurs-aquatic.jpg

Sarcosuchus

Sul pianeta vivevano altri Spinosauridi come il Suchomimus e l’Irritator challengeri dal Brasile che, pur assomigliando entrambi allo Spinosauro, erano di dimensioni decisamente ridotte.  Uno stretto contemporaneo dello Spinosauro era l’Ouranosauro, un adrosauro nord africano (dinosauro dal becco d’anatra) dotato di una vera vela, forse  una spessa e grassa gobba di tessuto che usava per immagazzinare grassi e liquidi (come un cammello moderno).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ouranosaurus.png

Ouranosaurus nigeriensis visse verso la fine del Cretaceo inferiore nella regione attualmente occupata dal deserto del Niger, era un ornitischio ornitopode appartenente agli iguanodonti.

Tassonomia
Lo Spinosaurus dà il nome alla famiglia degli Spinosauridae, una famiglia di dinosauri teropodi ovvero rettili di dimensioni gigantesche, ad andatura bipede, con zampe anteriori corte e dita provviste di artigli, coda lunga e robusta, che furono i carnivori dominanti nell’era mesozoica. Gli Spinosauridae comprendono due sottofamiglie: i Baryonychinae e gli Spinosaurinae. I primi comprendono il Baryonyx walkeri del sud dell’Inghilterra ed il Suchomimus tenerensis dal Niger, che viveva in Niger, nel centro dell’Africa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è tassonomia-spinosaurinidi.jpg

La sottofamiglia dei Spinosaurinae comprende diversi generi tra cui l’Ichthyovenator, l’Irritator challengeri, l’Oxalaia quilombensis e gli Spinosaurini come lo Spinosaurus aegyptiacus. La differenza principale tra la sottofamiglia Spinosaurinae e quella dei Baryonychinae è la presenza di processi spinali maggiori, un cranio più compatto e il fatto che era dotata di una rosetta molto più vistosa e larga.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Suchomimus_on_beach_1280-1024x768.jpg

Suchomimus tenerensis è un genere estinto di spinosauride vissuto nel Cretaceo inferiore, circa 125-112 milioni di anni fa in quello che oggi è il Niger.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è irritator-challengeri-_sergey_krasovskiy-1024x683.jpg

Irritator challengeri è un genere estinto di spinosauride vissuto Cretaceo inferiore, circa 110 milioni di anni fa, in quella che oggi è la Formazione Santana, in Brasile.

Anche lo spinosauro come tanti dinosauri scomparve, si pensa circa 97 milioni di anni fa. Di fatto, per le sue straordinarie caratteristiche, i paleontologi lo considerano il più evoluto dei dinosauri e l’ultimo della sua famiglia … ma la ricerca continua.

.
.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 133 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

19 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »