Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Il bassorilievo delle navi del palazzo di Sennacherib a Ninive

tempo di lettura: 6 minuti

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA NAVALE
PERIODO: VIII-VII SECOLO a.C.
AREA: MEDIO ORIENTE
parole chiave: Assiri, Ninive, Fenici

 

E’ ben noto il frammento di bassorilievo ritrovato da H. Layard a Ninive nel palazzo del re assiro Sennacherib (che visse tra il 740 e il 691 a.c) nel corso degli scavi della città che effettuò negli anni ’40 dell’800. Il frammento rappresenta una flotta di navi, alcune con propulsione unicamente remica ed altre con propulsione mista a vela e a remi, alcune sicuramente da guerra, quelle dotate di tagliamare a sperone, e altre probabilmente da carico, quelle con la prua e la poppa di identica forma arrotondata; tutte sono biremi. Nel tempo l’episodio raffigurato è stato variamente interpretato finché, nel 1956, l’esame di un frammento del bassorilievo prima di allora mai studiato né pubblicato consentì ad uno studioso britannico di identificarlo con una quasi assoluta certezza.

Layard, nel descrivere il bassorilievo, sottolineò che faceva parte di una serie che rappresentava la conquista di una nazione marittima e l’assedio e la conquista delle sue città, in particolare l’invasione e la conquista di una parte della nazione fenicia. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è BASSORILIEVO-NINIVE-751x1024.jpg

La parte di bassorilievo del palazzo di Sennacherib maggiormente nota; da Layard, “The Monuments of Nineveh”, tav. 71.

Layard descrisse inoltre un bassorilievo adiacente nel quale un uomo che si trova sulla banchina o un molo di un porto sta passando un bambino ad una donna che è già imbarcata su un bastimento che sta per salpare. Layard identificò i bastimenti del bassorilievo come navi fenicie confrontandole con le navi raffigurate sulle monete, peraltro più tarde, del IV e III secolo a.c., coniate nelle principali città fenicie.

L’elemento comune ai bastimenti raffigurati nel bassorilievo e quelli rappresentati sulle monete è la fila ininterrotta di scudi fissati al bastingaggio del ponte di coperta, cosa che rimase a lungo una caratteristica peculiare dei bastimenti da guerra fenici. L’attendibilità delle rappresentazioni di bastimenti presenti sulla monetazione dell’età classica è testimoniata dai ritrovamenti del rostro di Athlit e di quelli delle isole Egadi che sono risultati esattamente uguali a quelli rappresentati sulle monete. In seguito l’egittologo francese Gaston Maspero nella “Histoire ancienne des peuples de l’Orient classique”, pubblicata nel 1899, sostenne invece che il bassorilievo raffigurava la flotta che Sennacherib fece allestire nel 694 a.c. per la sua spedizione contro il regno di Elam, regno il cui territorio si estendeva ad est del corso inferiore del Tigri e in parte si affacciava sulla costa orientale del Golfo Persico, noto agli assiri come Nar-Marratoum.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è moneta-fenicia-1024x490.jpg

Fenicia. Byblos. Adramelek, circa 380 a.C. Chr. Doppio schekel (13.26 grammi) – sul Verso: nave con tre guerrieri, con al di sotto un mostro alato. Tra due caratteri fenici – sul retro Leone che aggredisce un toro con caratteri in alto – riferimenti BMC; Franke-Hirder 685 (Stl.); HGC 10. 136.

Si deve osservare che poiché i bastimenti discesero il Tigri e l’Eufrate dovevano essere imbarcazioni adatte anche alla navigazione fluviale e quindi di ridotta immersione, mentre i bastimenti raffigurati nel bassorilievo sembrano essere imbarcazioni atte alla navigazione in mare aperto e quindi con una notevole immersione. Pochi anni dopo Henry Lesétre, alla voce “Navire” del quarto volume del “Dictionnaire de la Bible” riprese l’interpretazione di Maspero riconoscendo però che i bastimenti da guerra che vi erano raffigurati erano simili ai bastimenti dotati di sperone dei fenici, cosa che faceva ritenere che essi fossero stati assoldati con le loro navi dal re degli assiri. Nessuno dei due storici fa alcun riferimento all’adiacente bassorilievo nel quale si vede l’uomo che cala un bambino su un bastimento. Nel 1956, Richard D. Barnett, all’epoca curatore del Dipartimento di antichità mediorientali del British Museum, pubblicò sul numero di giugno della rivista Archaeology, bollettino dell’Archaeological Institute of America, un articolo intitolato “Phoenicia and the Ivory Trade”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è BASSORILIEVO-NINIVE-2-1-1024x882.jpg

A sinistra il disegno dal bassorilievo del palazzo di Sennacherib, a destra il frammento disegnato da Layard e riscoperto e studiato da Barnett; da “Phoenicia and the Ivory Trade”, in Archaelogy

Nell’articolo presentò il disegno del frammento del bassorilievo eseguito all’epoca da Layard che fino ad allora non era mai stato pubblicato né tantomeno studiato. Come descritto da Layard, il frammento, che si pone sul lato destro ma non in diretta continuità della parte di bassorilievo già nota, raffigura un uomo, evidentemente un dignitario, che si trova su una banchina adiacente ad un edificio e che sta calando un bambino tra le braccia tese di una donna imbarcata su un bastimento in procinto di salpare. Che il frammento faccia parte del bassorilievo principale è incontrovertibile in quanto il bastimento è identico a quelli raffigurativi ed anche l’ambiente marino è uguale. L’aggiunta del frammento fino ad allora ignorato completò la narrazione contenuta nel bassorilievo e consentì a Barnett di identificare facilmente e correttamente l’episodio comparandolo con gli annali di Senacherib: si trattava della fuga di Lule, re di Sidone e Tiro, da quest’ultima città di fronte all’avanzata dell’armata di Sennacherib. Barnett riporta il racconto contenuto negli annali della terza campagna del re assiro: “… Lule, re di Sidone, aveva paura di combattermi e fuggì a Iadnana [probabilmente Cipro] che si trova nel mezzo del mare…”; in un altro passo gli annali specificano che Lule fuggì da Tiro.

Il frammento riproduce con chiarezza il momento in cui Lule sta imbarcandosi con la sua famiglia su un bastimento prima di abbandonare la città nelle mani degli assiri, mentre apparentemente il grosso della cittadinanza e dei suoi guerrieri si è già imbarcata su altri bastimenti che si stanno allontanando.

Barnett inoltre identifica l’edificio con le due colonne che si trova sopra al porto della città con il Tempio di Melquart di Tiro del quale, tre secoli dopo, Erodoto dice che aveva due colonne gemelle, una d’oro e l’altra di smeraldo che di notte rilucevano. Secondo Barnett, i bastimenti del bassorilievo potrebbero essere le famose “navi di Tarshish” citate numerose volte nell’Antico Testamento che erano navi d’alto mare utilizzate dai fenici per navigazioni su lunghe tratte e particolarmente sulla rotta tra il golfo di Aqaba e l’India, da dove tornavano cariche di ricchezze, similmente agli east-indiamen della Compagnia delle Indie Orientali britannica del sette-ottocento.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MONETE-FENICIE-CON-NAVI-1-630x1024.jpg

Rappresentazione di bastimenti da guerra su alcune monete fenicie del IV secolo a.C.; da Basch, “Phoenician Oared Ships”

L’interpretazione del significato del bassorilievo del palazzo di Sennacherib data da Barnett è stata accettata da tutti i maggiori studiosi della marineria dell’età classica, da Lionel Casson a Lucien Bash a Herman Walinga. Sfortunatamente, il fatto che nei testi anche recenti sia riprodotta solamente la parte principale del bassorilievo e non il frammento riscoperto e studiato da Barnett fa sì che non possa essere riconosciuto l’episodio rappresentato e che esso venga ancora talvolta riferito alla spedizione di Sennacherib contro Elam. Per quanto riguarda la verosimiglianza delle immagini dei bastimenti, si può ritenere che gli artisti assiri, che lavorarono al bassorilievo, abbiano avuto contatti con i Fenici e che quindi abbiano potuto vedere di persona le loro navi oppure che esse gli siano state descritte.

Aldo Antonicelli

.

FONTI
R. D. Barnett, “Phoenicia and the Ivory Trade”, in Archaelogy, giugno 1956, Archaelogical Institute of America, pp 87-97.
L. Basch, “Phoenician Oared Ships”, in Mariner’s Mirror, vol. 55, n° 2, p 144. L. Casson, “Ships and Seamanship in the Ancient World”, Princeton University Press, 1986, pp 56
A. H. Layard, “The Monuments of Nineveh”, Londra, 1849, p 16, tav. 71. H. Lesétre, “Navire”, Dictionnaire de la Bible, vol. IV, 2° parte, Vigouroux, Parigi, 1912,
G. Maspero, “Histoire ancienne des peoples de l’Orient classique, les Empires”, Parigi, 1899, pp 300-302.
H. T. Wallinga, “The Ancestry of the Trireme, 1200-525 a.c.”, in The Age of the Galley, Conway’s History of the Ship, 1995, p 43.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 300 times, 3 visits today)
Share
4.5 4 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

23 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
23 visitatori online
23 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 26 alle 08:59 am
Mese in corso: 65 alle 12-05--2024 04:06 pm
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x