Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Sani come pesci ma con una corretta alimentazione

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: SALUTE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: dieta, seafood

 

Il pesce è tra i protagonisti dei secondi piatti della dieta mediterranea, ormai considerata universalmente foriera di salute e longevità. Oltre alla grande varietà ittica, l’aggiunta di frutti di mare e crostacei alla nostra dieta può essere molto utile, perché frutti di mare e crostacei ci offrono una varietà di nutrienti e proteine ​​che sono di particolare importanza per una dieta sana. Questi animali marini, spesso chiamati con il termine generico anglosassone seafood, sono notevolmente diversi sia dal punto di vista biologico che nutrizionale ma possono offrire ai consumatori elementi preziosi per una dieta equilibrata.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è salmone.jpg

Molti nutrizionisti consigliano di introdurre nella dieta settimanale almeno due/tre porzioni di pesce. Almeno una di queste porzioni dovrebbe essere di pesce azzurro. Inoltre pesci grassi come il salmone, le sardine e la trota che contengono acidi grassi omega-3 a catena lunga, che appartengono al gruppo nutrizionale dei LIPIDI. In particolare, si tratta di acidi grassi , ovvero catene carboniose che si legano ad un alcol per strutturare molecole più articolate. Queste, se composte solo da 1, 2 o 3 acidi grassi, vengono chiamate rispettivamente mono-, di- o i più noti trigliceridi che compongono la nostra più grossa riserva energetica, ovvero il tessuto adiposo.

Gli acidi grassi NON sono però tutti uguali in quanto ogni tipo di acido grasso presenta caratteristiche chimiche, fisiche e di impatto sul nostro metabolismo diverso.

Gli omega 3 (come gli omega 6) sono detti acidi grassi essenziali che non possono essere prodotti dall’organismo che non è in grado di produrli autonomamente. Come tutti gli acidi grassi, possono essere ossidati nelle cellule per la produzione di energia, fornendo 9kcal/grammi e, se sintetizzati in trigliceridi, compongono il tessuto adiposo che costituisce una fonte importante di riserva dell’organismo. Inoltre, costituendo i fosfolipidi nelle membrane cellulari sono responsabili della loro fluidità. Non ultimo hanno anche un impatto metabolico decisamente rilevante facendo parte del contenuto dei grassi nel sangue, diminuiscono significativamente i trigliceridi e (sebbene meno efficacemente) il colesterolo totale aumentando quello buono ovvero l’HDL. Gli omega 3 hanno quindi una spiccata funzione di prevenzione o di rallentamento della formazione delle placche aterosclerotiche all’interno dei vasi arteriosi e intervengono positivamente sulla pressione sanguigna riducendo quella arteriosa. In estrema sintesi, il consumo di seafood costituisce un sistema piacevole, preventivo e terapeutico molto efficace nella lotta alle patologie cerebro e cardio vascolari.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è omega-3-food.jpg

Nutrizione e benefici per la salute
I molluschi hanno proprietà nutrizionali specifiche che possono avere un impatto sulla salute in diversi modi. Sono alimenti ad alto contenuto proteico ed a basso contenuto calorico. Uno dei migliori benefici per la salute dei crostacei è che sono una buona fonte di proteine ​​magre, facili da digerire rispetto ad altri alimenti. Assumere abbastanza proteine ​​è essenziale per la crescita e riparazione muscolare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è vongole.jpg

Una porzione di vongole di 85 grammi fornisce circa 20 grammi di proteine ​(più del 40% dell’assunzione giornaliera raccomandata per una dieta da 2.000 calorie). Una porzione ha solo 126 calorie e meno di 2 grammi di grassi. Anche i crostacei sono ricchi di proteine ​​e poveri di grassi e calorie e possono aiutarci anche a perdere peso. Volendo fare una comparazione una porzione da 100 grammi di vongole ha solo 53 calorie, una di mitili (cozze) ne ha 74 calorie contro le 129 calorie di una porzione di manzo da 100 grammi di carne di manzo.

Un ulteriore vantaggio è il numero di vitamine e minerali con proprietà antiossidanti, ottime fonti di Vitamina E, Vitamina B6, niacina, Fosforo, Magnesio, Vitamina B12, Rame, Potassio, Zinco, riboflavina, Ferro, Selenio e Iodio. In particolare, il selenio può aiutare a prevenire il danno cellulare,  Il ferro è fondamentale per la vita (serve per il trasporto dell’ossigeno nel sangue, per tenerlo depositato nei muscoli, per l’attività respiratoria cellulare, per la replicazione cellulare e per costruire la struttura di tessuti e organi), lo iodio aiuta la funzione tiroidea  e lo zinco è un importante elemento nella stabilizzazione dei livelli di glucosio in circolo, essendo un componente dell’insulina e ne regola la secrezione e l’attività a livello cellulare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è sgombro-1024x539.jpg

Le migliori fonti di acidi grassi omega-3 sono i pesci “grassi” ovvero con un valore lipidico superiore al 10% come lo sgombro, l’aringa, il salmone e l’anguilla. Anche se considerati grassi, questi pesci non sono da eliminare dalla dieta dato che contengono un’elevata percentuale di acidi grassi polinsaturi, come gli Omega-3. Buone quantità di Omega 3 si ritrovano nei mitili, granchi, calamari e ostriche.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è calamari-1024x683.jpg

Sebbene alcune varietà magre hanno meno di 60 milligrammi, altri crostacei come gamberi hanno livelli più elevati di colesterolo, per cui il loro consumo non deve essere eccessivo.

Di massima il contenuto di omega-tre è generalmente superiore nel pesce grasso rispetto a quello magro, nel pesce di mare rispetto a quello di acqua dolce, nel pesce di altura rispetto a quello di allevamento e nel pesce che vive in acque fredde rispetto a quello che soggiorna in acque calde.

Di contro, la maggiore percentuale lipidica li rende più difficili da digerire, meno conservabili e talvolta più calorici rispetto agli altri; la digeribilità diminuisce insieme ad altre qualità nutrizionali nel caso in cui il pesce grasso sia poco fresco o conservato sott’olio. Negli esemplari ittici di maggiori dimensioni e negli animali filtratori, nel caso in cui abbia vissuto in acque contaminate, è maggiore anche il rischio che abbiano accumulato nelle lor carne sostanze tossiche liposolubili, come la diossina, o le nano e microplastiche. Per questo motivo è sempre preferibile consumare pesci di piccola taglia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cozze.jpg

Per quanto riguarda i molluschi l’alto contenuto di ferro, superiore a quello della carne di manzo, li rende adatti in presenza di anemia sideropenica, e sono anche ricchissimi di zinco, un potente antiossidante. Di contro, se mangiati crudi, i molluschi bivalvi, essendo animali filtratori possono procurare gravi infezioni quali tifo, paratifo ed epatite virale. Purtroppo non basta il limone e l’unico modo è la cottura che attenua (non sempre elimina) il rischio di infezione. E’ importante la fonte di approvvigionamento, che dev’essere certificata e ufficiale da siti dove i bivalvi vengono stabulati prima della vendita.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è plastic-sushi.jpg

La presenza di micro e nano plastiche è stata provata ma il loro effetto sull’organismo non è ancora certo. Un altro problema legato al consumo eccessivo di molluschi bivalvi è il contenuto importante di sodio per cui se ne consiglia un consumo moderato.

In conclusione, consumate il seafood ogni settimana ma con moderazione. Le linee guida suggeriscono di mangiare tre porzioni da 150 grammi di pesce a settimana, quantità che preserva anche dall’accumulo di mercurio presente in particolare nei pesci di grossa taglia come tonno, pesce spada o verdesca, privilegiando quelli di taglia piccola come sgombri, orate, branzino, sardine, triglie e alici ma anche crostacei e bivalvi, sempre con moderazione. Questo se vogliamo restare “sani” come pesci.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 39 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

29 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »