If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La ZEE italiana, un’opportunità mediterranea per la crescita economica, l’inclusione sociale e la tutela dell’ambiente parte I

Reading Time: 5 minutes

.
livello elementare

.

ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MAR  MEDITERRANEO
parole chiave: ZEE

.

Il Mar Mediterraneo è un mare intercontinentale situato tra Europa, Asia e Africa, si estende per una superficie pari a 2.969.000 Kmq e rappresenta solo lo 0,82% della superficie complessiva dei mari e degli oceani. Il clima mite della regione mediterranea consente l’allevamento di numerose specie e la coltivazione di numerosissime produzioni tipiche, le acque del Mar Mediterraneo ospitano specie molto pregiate ed apprezzate dai consumatori di tutto il mondo. Al suo interno si affacciano 21 paesi, le cui economie dipendono tutt’oggi dall’ utilizzo delle risorse marittime in un contesto geopolitico caratterizzato da rapidi cambiamenti e profondi contrasti. Il nodo principale rimane la mira espansionistica di alcuni paesi mediterranei e la loro rivendicazione ad accaparrarsi diritti esclusivi di pesca e non solo, basti pensare ad esempio alla più recente disputa tra Grecia e Turchia circa la delimitazione dei rispettivi confini marittimi a seguito dei ritrovamenti di idrocarburi in un’area marittima compresa tra Cipro, Grecia ed Egitto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è italia-from-sapce-satellte-1024x592.png

Seppur in una posizione declinata rispetto al passato, soprattutto a causa delle vicende libiche, l’Italia continua ad essere la cerniera geografica, culturale e politica tra l’Europa l’Area Mediterranea.

Il nostro Paese non può più rimandare l’assunzione di ruolo di importanza marittima nel contesto globale. Per assumere tale ruolo servono ingenti risorse economiche che l’Italia post pandemia non è in grado di sostenere. Rimarrebbe un percorso più sostenibile che potrebbe essere perseguito in periodi diversi. Nel breve periodo l’Italia continuerà a seguire i principali interessi dell’area mediterranea che rimangono la sicurezza, la stabilità geopolitica, l’economia energetica, l’economia ittica, utilizzando i principali strumenti a disposizione ovvero: la diplomazia energetica, la cooperazione (soprattutto a livello regionale), i propri valori di solidarietà e umanità, la tutela ambientale ed il raggiungimento dello “sviluppo blu”. Nel lungo periodo invece, emerge l’importanza di investire per una portualità ed una logistica efficiente ed integrata con le reti infrastrutturali e tecnologiche europee e globali.

Una ZEE italiana 
L’andamento dell’attività di pesca non è determinato esclusivamente da elementi e considerazioni di carattere giuridico o ambientale. Entrano in gioco molte altre variabili, economiche, sociali, culturali, antropologiche, scientifiche, tecnologiche e persino politiche, alcune delle quali non molto vistose ma neppur meno influenti; variabili che vanno riconosciute e studiate in maniera attenta, informata e consapevole, partendo dall’assunto che la parola libertà nel mare appare oggi come l’espressione di un principio, da tempo superato, che si traduce nell’esercizio arbitrario di qualsiasi attività di pesca.

Alcuni paesi frontalieri che hanno istituito unilateralmente “zone economiche esclusive” (ZEE) e la mancanza di regolamentazione nei paesi terzi del Mediterraneo, in netta contrapposizione con le articolate normative europee, fanno crescere la concorrenza del versante orientale e meridionale del Mare Nostrum in particolare dell’Egitto, Libia, Tunisia e Turchia.

Lo scorso 9 giugno è stata approvata la legge per l’istituzione della Zona Economica Esclusiva Italiana. Per la sua definizione sarà necessario avviare un dialogo con gli altri Paesi rivieraschi in particolare bisogna far fronte alle rivendicazioni di pesca di Libia e Tunisia. I continui ritardi nell’approvazione di una nostra ZEE, hanno posto l’Italia in una posizione di svantaggio rispetto a quei paesi che si sono adoperati ad istituire la propria ZEE per tempo. Seppur in ritardo, l’approvazione di una ZEE (si spera) consentirà comunque all’Italia di intavolare delle trattative. [1]

Che cos’è una zona economica esclusiva (ZEE)? 
In base alla Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (“United Nations Convention on the Law of the Sea”, “UNCLOS”), la ZEE può estendersi fino a 200 miglia dalle linee di base (baseline) dalle quali viene misurata l’entità delle acque territoriali (territorial waters). Nel caso in cui l’ampiezza delle acque territoriali fosse di 12 miglia, la ZEE potrebbe avere l’estensione massima di 188 miglia. Come è previsto per la “zona contigua” che, allorché esista, è compresa all’interno della ZEE.

La ZEE, perché diventi effettiva, deve essere proclamata formalmente nei confronti della comunità internazionale. La ZEE ha valore meramente funzionale e assegna soltanto in esclusiva allo Stato rivierasco il diritto di sfruttare le risorse della colonna d’acqua sovrastante il fondale marino, non contemplando invece gli altri numerosi diritti spettanti al mare territoriale. Per quanto concerne le risorse del fondo e del sottosuolo marino la UNCLOS definisce l’istituto della Piattaforma continentale. [2]

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è pesca-altura-e1628337298278.jpg

ZEE: l’origine del problema  
Per lungo tempo la pesca è stata considerata quasi esclusivamente su un piano strettamente privatistico, quale libera estrinsecazione delle facoltà umane. Ciò anche in ragione del fatto che tale attività, anche se esercitata professionalmente, veniva considerata come scarsamente redditizia ed assai poco influente sul piano dell’economia nazionale. Tuttavia nel corso degli anni si è assistito ad un vero e proprio stravolgimento del modo di concepire la pesca ed anche lo sfruttamento delle altre risorse marittime. Soprattutto a partire dal secondo dopoguerra il settore è stato oggetto di una crescente attenzione e di una puntuale e specifica disciplina, sia a livello nazionale che internazionale. In particolare, si è registrata una significativa riduzione della sfera di libertà del privato nei riguardi dell’attività di pesca dovuta, essenzialmente, a due principali ordini di ragioni: l’importanza crescente delle risorse ittiche per l’alimentazione umana, unitamente alla consequenziale importanza economica ad esse così attribuita, e la preoccupazione del deterioramento irreversibile delle risorse ittiche stesse, dovuto sia a fenomeni di sovra sfruttamento che a fenomeni di inquinamento delle aree marine, con l’allarmante conseguenza dell’estinzione di alcune specie ittiche. Questi fenomeni si sono mostrati con particolare evidenza soprattutto con il passaggio dalla pesca artigianale alla pesca industriale, caratterizzata dalla meccanizzazione delle reti, dalla motorizzazione delle imbarcazioni, da moderni sistemi di conservazione a bordo del pescato e dall’utilizzo di apparecchiature per l’individuazione delle zone di pesca. Si è così avuto un notevole incremento della produzione mondiale in questo settore. La prima e più evidente conseguenza dell’incontrollato sviluppo della produzione è stato un impoverimento generalizzato delle risorse biologiche del mare che, già evidente sul finire degli anni ‘60 ha provocato una brusca flessione della produzione nel successivo decennio ‘70.  

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è haven-large-1-1024x638.jpg

l’incidente della Haven

Anche le esigenze di tutela del mare dai fenomeni di inquinamento hanno assunto particolare rilievo a partire dai primi anni ‘70, soprattutto in seguito ad una serie di incidenti che hanno portato la soglia dell’inquinamento marino a livelli mai raggiunti prima, causando in tal modo danni irreversibili. 

Fine I parte – continua

Pietro Minei
.

Note

[1] https://it.insideover.com/politica/la-battaglia-delle-zee-nel-mediterraneo.html

[2] Dalla regola delle tre miglia alle Convenzioni ONU sulle leggi del mare • Ocean 4 Future

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

,

PAGINA PRINCIPALE

.

PARTE I

PARTE II

print

(Visited 281 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

9 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »