If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

I tesori della città sottomarina di Thonis-Heracleion

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA

parole chiave: Egizio, Heracleion, Goddio
.

La città perduta di Thonis-Heracleion, un tempo il più grande porto d’Egitto, fu distrutta da cataclismi naturali. Nel 2000 è stata riscoperta da una spedizione di ricercatori subacquei, dopo più di due millenni. Una scoperta straordinaria che ci rivela i fasti di una città che si credeva perduta.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Osirian-figures-heracleion-underwater-credit-Christoph-gerigk-copyright-franck-goddio-hilti-foundation-jpg-e1625217465213.jpg

Statuette osiriane di dei e dee trovate in situ sul fondo del mare nell’antica Heracleion da Franck Goddio. Photo credit: Saint Louis Art Museum.org/ Christoph Gerigk ©Franck Goddio/Hilti Foundation

Potremmo andare indietro al XII secolo a.C. quando questa città egizia sul Mediterraneo aveva già molti legami con le città dell’antica Grecia. Heracleion, meglio conosciuta con il suo nome originale egizio di Thonis, è chiamata, forse più correttamente, Thonis – Heracleion. La città era un porto fiorente già dai tempi dei faraoni, ma fu colpita nel tempo da una combinazione di terremoti, tsunami e dall’innalzamento del livello del mare.

Alla fine del II secolo avanti Cristo, molto probabilmente dopo una grande alluvione, gli edifici monumentali di Heracleion collassarono nelle acque trascinando molti dei suoi tesori nei fondali. La distruzione fu tale che solo alcuni dei suoi abitanti rimasero in ciò che restava della città durante l’epoca romana e l’inizio della dominazione araba, ma alla fine dell’VIII secolo dopo Cristo, anche le ultime strutture di quella che era Heracleion sprofondò nel Mediterraneo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Statue-Heracleion-franck-goddio-credit-facebook-contemporary-explorations-in-mythology-jpg.jpg

L’esploratore subacqueo Franck Goddio scopre una statua nascosta nei fondali da più di 1200 anni nella città sommersa di Heracleion. Photo Credit: Christoph Gerigk /Facebook / Contemporary Explorations in Mythology LLC

Ora, molti dei suoi incalcolabili tesori sono stati riportati alla luce dalle profondità del mare ed è finalmente possibile ammirare nuovamente questi capolavori del mondo antico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è archaeologists-discovered-herakleion-1024x576.jpg

©Franck Goddio/Hilti Foundation

Abbiamo spesso descritto l’importanza del Mar Mediterraneo per lo sviluppo delle civiltà, favorendo lo scambio commerciale e culturale. Thonis-Heracleion era un’antica città portuale egizia situata a circa 32 km a nord-est di Alessandria sul Mar Mediterraneo. I suoi resti si trovano nella baia di Abu Qir.

La baia di Abu Qir
Questo nome vi dovrebbe ricordare qualcosa … Ad Abu Qir si svolsero tre battaglie relative alla Campagna d’Egitto di Napoleone Bonaparte, una navale e due terrestri. Nella sua baia, il 1º agosto 1798, la flotta francese agli ordini dell’ammiraglio Brueys fu sorpresa, dopo che aveva sbarcato il corpo di spedizione francese in Egitto comandato dal Napoleone, dalla flotta inglese di Horatio Nelson e distrutta. Quasi un anno dopo, il 25 luglio 1799, Napoleone attaccò i Turchi dell’armata di Rodi comandati da Mustafà pascià, sbarcati dalla flotta della squadra navale inglese, comandata dal contrammiraglio William Sidney Smith, e li sbaragliò nonostante una decisa inferiorità numerica.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è abu-qir-battaglia-nelson.jpg

Nella baia di Abu Qir, il 1º agosto 1798, la flotta francese dell’ammiraglio Brueys fu sorpresa, dopo aver sbarcato il corpo di spedizione francese in Egitto di Napoleone, dalla flotta inglese di Horatio Nelson e distrutta.

Infine l’8 marzo 1801 nella stessa baia sbarcò un corpo di spedizione inglese agli ordini del generale Sir Ralph Abercromby sotto il fuoco delle truppe francesi agli ordini del generale Jacques François Menou. Lo scontro fu durissimo e vinsero gli Inglesi che, con questo combattimento, costrinsero il generale Menou a ritirarsi con le truppe rimastegli in Alessandria dove capitolerà cinque mesi dopo. In pratica, ponendo fine all’avventura napoleonica in Egitto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Herakleion-3-statua-bronzo.png Statuetta bronzea di un faraone, Thonis-Heracleion, baia di Abu Qir, Egitto, 30th-26th dinastia, altezza 8-1/16 pollici (SCA 1305) – ©Franck Goddio/Hilti Foundation

Non c’è da meravigliarsi se in quelle acque, così ricche di storia, si sia concentrato da tempo un grande interesse archeologico. Le scoperte del suo antico passato hanno restituito, in meno di 10 metri (30 piedi) di acqua numerose statue. Quello che colpisce sono le steli che ci raccontano la storia di un’unica città conosciuta sia con il nome egiziano che con quello greco. Prima che la città di Alessandria fosse realizzata da Alessandro Magno, Thonis Heracleion era di fatto il principale porto commerciale di ingresso nell’antico Egitto per tutte le numerose navi che arrivavano da tutto il mondo mediterraneo e, in particolare, greco.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è heracleion-3.png

©Franck Goddio/Hilti Foundation

La città egizia di Thonis fu originariamente costruita su alcune isole adiacenti al delta del Nilo. Questo consentiva di usufruire di canali naturali con una serie di porti ed ancoraggi separati. I suoi moli, i fantastici templi e le case-torri erano collegate tramite dei traghetti; inoltre, ponti e pontoni venivano usati per il trasporto delle derrate e delle merci. La città era di fatto un grande emporio commerciale, e nel tardo periodo dell’antico Egitto divenne il principale porto del paese per il commercio internazionale … e la riscossione delle tasse.

Thonis aveva un grande tempio dedicato a Khonsou, figlio di Amon, che era noto ai Greci come Eracle (Ercole). Durante il periodo in cui la città fu al suo apice, tra il VI e il IV secolo a.C., al centro della città si trovava un grande tempio dedicato ad Amon-Gereb, il dio supremo dell’Egitto dell’epoca. Il faraone Nectanebo I fece molte aggiunte al tempio nel IV secolo a.C. portandolo ad una grande magnificenza. I santuari di Heracleion, dedicati a Osiride e agli altri dei egizi, erano famosi per le guarigioni miracolose e attiravano quindi pellegrini da tutto l’Egitto. Cerimonie religiose spettacolari, tenute in templi al cospetto di sculture monumentali, culminavano con la celebrazione dei “Misteri di Osiride“, svolta ogni anno durante il mese di Khoiak, il quarto mese dei calendari egizio (circa dicembre) e poi copto. Durante queste cerimonie spettacolari una statua del dio veniva trasportata nella sua barca cerimoniale fino al tempio di Amon nella vicina Canopo. Durante il II secolo a.C., la città fu colpita da molteplici disastri naturali e la città di Alessandria, che era stata fondata da Alessandro Magno, sostituì Heracleion come porto principale dell’Egitto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è heracleion.png

©Franck Goddio/Hilti Foundation

Arriviamo ai giorni nostri, l’esploratore subacqueo Franck Goddio e il suo team dell’Istituto europeo di archeologia subacquea, IEASM, con la collaborazione del Consiglio Supremo egiziano, hanno riscoperto la città di Thonis-Heracleion. Fin dalla sua fondazione, l’Istituto è stato diretto da Franck Goddio che si dedica interamente all’archeologia subacquea e alla diffusione delle conoscenze acquisite attraverso queste scoperte attraverso la pubblicazione di libri e articoli, nonché l’organizzazione di mostre. Grazie alle sue ricerche, Goddio ha anche risolto un enigma storico che aveva lasciato perplessi gli egittologi nel corso degli anni: il materiale archeologico ritrovato, tra cui una stele, ha rivelato che Heracleion e Thonis erano in realtà la stessa città con due nomi: Heracleion per i greci e Thonis per gli Egizi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è heracleion-4.png

©Franck Goddio/Hilti Foundation

Gli oggetti recuperati dagli scavi lasciano senza fiato ed illustrano la bellezza e magnificenza dei grandi templi che vi erano stati costruiti. “L’abbondanza di testimonianze storiche: statue colossali, iscrizioni ed elementi architettonici, gioielli e monete, oggetti rituali e ceramiche, raccontano una civiltà congelata nel tempo … ” dice Goddio. Tutti i tesori ritrovati sono ora stati trasferiti nel Grande Museo Egizio del Cairo, la cui nuova apertura è prevista entro la fine di quest’anno 2021.

Una ragione di più per visitare l’Egitto e le sue ricchezze archeologiche.

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

.
Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
.
.
PAGINA PRINCIPALE


print
(Visited 172 times, 1 visits today)
Share

1 commento

  1. 02/07/2021    

    Articolo molto interessante e affascinante. Le cause che hanno portato alla sommersione di Heracleion sono dovute alla subsidenza del terreno su cui è stata fondata la città. Ancora oggi la costa di Alessandria si “abbassa” anche di alcuni cm all’anno causando danni alle costruzioni. Oltre a questo, il maremoto del 365 d.C. causò forti danni sulla costa egiziana sul mediterraneo, contribuendo alla distruzione della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »