If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Roma sul mare: la flotta militare romana, strumento di potenza e deterrenza

Reading Time: 6 minutes


livello elementare
,

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: VIII SECOLO a.C. – V SECOLO d.C.  
AREA: MARE MEDITERRANEO 
parole chiave: Roma, potere marittimo romano
.

Le operazioni militari
Sebbene le fonti storiche citino l’utilizzo di navi armate per contrastare i pirati, Roma si trovò, nella sua fase di espansione nella penisola, impreparata per combattere la potenza marittima più importante, se non l’unica, del Mar Mediterraneo, Cartagine.

In seguito, come spesso avviene nella storia, passato il pericolo, l’interesse politico scemò per poi riavviarsi quando, nel I secolo a. C., i Pirati misero in pericolo le rotte commerciali fondamentali per la sopravvivenza di Roma. Quindi per necessità più che per convinzione il Senato ordinò ad un suo grande generale, Gneo Pompeo di eradicare la minaccia dei pirati nel Mediterraneo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è gneo-pompeo.jpg

Gneo Pompeo

Gneo Pompeo organizzò la flotta creando divisioni navali e suddividendo il Mediterraneo in regioni da controllare. La sua azione fu tanto efficace che i pirati non solo furono battuti in mare ma anche inseguiti nelle loro basi e distrutti.

Un impegno importante della flotta romana avvenne durante la battaglia di Azio, 31 a.C., tra Ottaviano e Marco Antonio e Cleopatra, che portò alla fine della Repubblica, aprendo la strada al Principato. Di questa battaglia che cambiò la connotazione politica di Roma, passando da una Repubblica ormai stanca e decadente all’Impero, potrete leggere un articolo dedicato.

Con l’istituzione dell’Impero, Ottaviano ora Augusto, divenne imperatore e garante della pace. Roma non aveva più nemici sul mare e, negli anni seguenti, le attività marittime militari divennero per lo più di pattugliamento navale nei mari e nei fiumi dell’Impero anche se, nel III e IV secolo non mancarono situazioni di crisi specialmente nei mari del Nord.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è trireme.jpg

Trireme

Come erano fatte le navi militari?
Abbiamo visto nella prima parte che le navi militari avevano strutture diverse legate al loro impiego. Nonostante fossero dotate di vela, le navi della flotta da guerra in battaglia erano solitamente azionate da remi, riservando l’uso della vela solo durante i trasferimenti. La necessità di impiegare i remi comportava ovviamente equipaggi più numerosi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è rostro-nave-romana1.jpg

rostro della battaglia delle Egadi scoperto da Sebastiano Tusa

Una caratteristica delle navi militari era la presenza del rostro (rostrum), uno sperone in bronzo inserito tra la parte finale prodiera della chiglia e la parte più bassa del dritto di prua usato per sfondare lo scafo delle navi avversarie o rompere i remi. Secondo Plinio il Vecchio, il rostro sarebbe stato inventato dall’etrusco Piseo figlio di Tirreno. Non a caso con il nome di Tirreni erano chiamati i pirati etruschi che imperversavano tra la Toscana e la Sardegna. Numerosi esemplari di rostri romani e punici sono stati recuperati alle isole Egadi dalla Sovrintendenza archeologica subacquea guidata da Sebastiano Tusa.

Sotto un certo aspetto, i primi marines li inventarono i Romani
Oltre ai marinai imbarcavano anche fanti di marina (miles classiari) per il combattimento corpo a corpo durante gli abbordaggi. Essi erano dotati di un armamento più leggero per facilitare i movimenti. La presenza di equipaggi più numerosi comportava esigenze logistiche maggiori non solo per l’alloggio ma anche per le necessità in termini di cibo e acqua.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è miles-classiarii-672x1024.jpg

miles classiari fante di marina

Dopo la conquista della Grecia e degli altri territori orientali i Romani acquisirono cantieri navali e navi di altre flotte straniere. I costruttori romani seppero apprendere da quei popoli le conoscenze tecniche e professionali necessarie per sviluppare in proprio le loro navi. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è porti-e-distretti-marittimi-romani-1024x706.png

Una costola dell’esercito ma con una sua autonomia
La Marina militare romana (classis) era posta sotto la supervisione dell’esercito ma utilizzava ufficiali e equipaggi propri. Su ogni nave imbarcava un trierarchus come comandante che si avvaleva di un beneficiarus, il comandante in seconda, ed un centurione. L’equipaggio era costituito principalmente da cittadini o da liberti arruolati come soldati in diverse e specifiche mansioni. La fanteria di marina (Classiarii) erano parte integrante della componente navale ed operavano sia negli scontri navali sia nelle operazioni anfibie.

Una curiosità: la maggior parte dei fanti di marina provenivano da Province non italiche e potevano acquisire (come anche per i marinai) la cittadinanza dopo 26 anni di servizio. Il loro armamento prevedeva lance falcate, particolarmente idonee per tagliare le cime nemiche, asce e spade di abbordaggio.

Non ultimo, a bordo esistevano anche medici, detti medici dupliciarii perché percepivano una retribuzione doppia, forse per invogliarli ad imbarcare. Peccato che questa norma non sia più stata applicata nelle marine moderne, sicuramente avrebbe risolto il problema cronico della loro mancanza. Secondo Gabriele Campagnano forse ce n’era uno per ciascuna trireme, mentre i vascelli di maggiori dimensioni potevano imbarcarne anche di più.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è organizzazione-di-unaTrireme-remi-1024x680.png

possibile disposizione dei rematori di una trireme

Una vasta tipologia di unità combattenti
La tipologia della navi della marina da guerra era molto vasta. In generale si passava da unità navali con una fila di remi fino ai giganti dell’epoca, le esareme che, in epoca imperiale, raggiungevano i 70 metri di lunghezza e 8 di larghezza. Queste ultime erano usate come navi comando anche se, a volte, potevano partecipare alla battaglia. In generale, le navi militari erano più lunghe e affusolate rispetto a quelle onerarie per essere più maneggevoli in combattimento. I rematori erano disposti in genere su due file appaiate o tre sovrapposte su piani sfalsati al di sotto del ponte.

Nelle navi con maggiori ordini di remi, come le quadriremi e quinqueremi, la disposizione dei rematori cambiava.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è quinquireme.png

ipotesi di schema dell disposizione dei rematori in una quinquireme

Un cenno particolare alle liburne che influenzarono l’architettura navale nei secoli a seguire. La liburna prese il nome dai pirati dalmati Liburni che operavano principalmente in Adriatico, attaccando e derubando le navi commerciali in transito. La struttura leggera di queste navi gli permetteva di avvicinarsi molto alla costa sia per attaccare che per ridossarsi. In alcuni casi, grazie al basso pescaggio potevano risalire anche i fiumi per potersi meglio nascondere. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è liburna.jpg

Liburna

Vennero impiegate nella battaglia di Azio, ma fu Ottaviano che, consigliato da Agrippa, decise di impiegarle stabilmente nella flotta, facendone un modello che durò per 4 secoli. Queste naves longae avevano una carenatura stretta, che comportava una grande manovrabilità e velocità. Nel tempo ne vennero costruiti diversi modelli a più ordini di remi. 

Un ultimo cenno sulle navi imperiali, usate dagli imperatori per i loro viaggi di piacere. Erano unità di grandi dimensioni, poco marinaresche e maneggevoli ma molto confortevoli, delle vere navi da crociera del mondo romano.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è navi-di-caligula.jpg

disegno pittorico, anche se poco probabile, di una nave imperiale

Torneremo a conoscere meglio le navi militari romane con articoli dedicati.

Andrea Mucedola

.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.

PAGINA PRINCIPALE

.

PARTE I
PARTE II
PARTE III

print
(Visited 206 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »