If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Roma sul mare: la flotta mercantile romana

Reading Time: 5 minutes


livello elementare
,

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: VIII SECOLO a.C. – V SECOLO d.C.  
AREA: MARE MEDITERRANEO 
parole chiave: Roma, potere marittimo romano, architettura navale

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è relitto-romano-mar-nero.png

relitto romano del I secolo fotografato negli abissi del mar Nero

In un precedente articolo abbiamo visto come Roma consolidò il suo impero adottando un’organizzazione pragmatica, basata su un sistema amministrativo suddiviso in numerosi uffici, regolati da procedure unificate. Questo sistema si affermò in epoca imperiale nel I secolo d.C. e tolse lentamente potere al Senato, rappresentando una vera rivoluzione concettuale. Un potere formalmente subordinato a quello imperiale, ma continuamente favorito dalla proliferazione di leggi e regolamenti che confluirono nel Corpus Iuris sul quale si basò il diritto europeo sino agli inizi del XIX secolo. Norme e codici furono tramandati grazie all’immensa mole di documenti che gli amministratori ma anche gli uomini comuni del tempo ci hanno lasciato. Un’importante flotta mercantile solcava un mare ormai pacificato da ogni pericolo, acquistando merci che venivano poi rivendute nei mercati delle Province.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è rotte-romane-navali-romane.jpg

L’importanza economica
A Roma si diceva che un viaggio in mare poteva rendere un uomo ricco. Q. Orazio Flacco, nei Sermones, scrisse ” … il soldato e i marinai che in ogni dove percorrono audaci il mare, a sentir loro si sobbarcano a tante fatiche con l’intenzione in vecchiaia di ritirarsi a riposare in pace, una volta messo da parte il necessario“. Un lavoro non facile che gli faceva dire … ” Fortunati i mercanti”, esclama il soldato oppresso dagli anni e con le membra rotte da tanta fatica … “Meglio la vita militare” ribatte il mercante sulla nave in balia dei venti … “. Entrambi solcavano il mare alla ricerca di fortuna ma anche per il benessere e la gloria di Roma.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nave-commerciale-romana.jpg

Le Navi mercantili romane
Le navi commerciali, essenzialmente a vela,  non avevano bisogno di molti membri di equipaggi e spesso bastava un equipaggio di quattro o cinque persone per poterla manovrare. Esse erano le più adatte per il trasporto di merci sulle rotte dell’Impero perché erano economiche da gestire e avevano un rapporto costo/efficacia favorevole. Nello stesso tempo potevano godere di una certa sicurezza grazie al capillare controllo delle rotte da parte della flotta. Certo c’era sempre l’incognita delle tempeste ma faceva parte del gioco.   

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nave-romana-vela.jpg

Avevano nomi diversi: corbita, gaulus, ponto, cladivata, etc., che variavano a seconda della loro origine geografica e della forma dello scafo e, naturalmente, per il loro uso. 

Tra le categorie più famose:

naves bestiariae o cercuri adibite al trasporto del bestiame ma anche agli animali richiesti dai circhi, dotate di grandi portelli laterali e poppieri per agevolare l’imbarco e lo sbarco degli animali.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nave-romana.jpg

naves lapidariae, adibite al trasporto dei marmi. Erano di notevole grandezza e spesso, dopo essere state utilizzate per il trasporto dei loro carichi “eccezionali”, non potevano essere impiegate.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nave-lapidaria-ii-secolo-dc-fondali-di-kamarina.jpg

relitto di nave lapidaria del II secolo d.C. a Kamarina

naves vinariae, adibite al trasporto di anfore contenenti prodotti di ogni tipo, famose sono quella di Albenga e quella fluviale, detta del vino di Trier, Germania.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nave-albenga.jpg

ricostruzione pittorica della nave di Albenga

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nave-trier-del-vino-romana.jpg

la nave del vino di Treviri (odierna Trier, Germania)

naves granariae, adibite all’approvvigionamento alimentare dell’Impero. Al tempo del proprio splendore Roma giunse ad importare 3,5 milioni di quintali di frumento. necessari per rifornire Roma e le legioni di stanza ai confini (annona militaris). Le campagne contro i pirati di Pompeo e di Cesare furono condotte proprio per mantenere sicure le rotte di approvvigionamento di grano dal mediterraneo orientale. Sebbene il grano fosse importato da Roma da diverse Provincie (Sicilia, Sardegna, medio oriente e africane), la maggior parte arrivava dall’Egitto. Non a caso, Ottaviano dopo aver sconfitto Cleopatra e Marco Antonio, salvaguardò gli interessi romani nell’area e assoggettò l’Egitto al ruolo annonario del futuro, amministrato da un suo funzionario di rango equestre, il prefetto d’Egitto. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nave-annonaria-1-1024x768.jpg

Sebbene una parte del rifornimento di grano per Roma era ottenuto attraverso il mercato libero (una fonte non indifferente di guadagni per i mercanti), grossi quantitativi di frumento arrivavano anche dalle imposte in natura. Parte di questo grano veniva distribuito ai funzionari ed ai soldati e parte veniva venduto a prezzo di mercato.

Le campagne contro i pirati di Pompeo e di Cesare erano state necessarie proprio per mantenere libero il rifornimento di grano dal mar mediterraneo orientale. Le navi impegnate nel trasporto di grano per l’annona trasportavano un minimo di 50.000 modii (340 tonnellate), ma  venivano utilizzate navi con una maggiore capacità di carico, fino a 1200 tonnellate.

Ma come venivano protette? Ne parleremo nel prossimo articolo.


fine parte II  – continua

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

PARTE I
PARTE II
PARTE III

 

print
(Visited 236 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »