If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Roma sul mare: metodo ed organizzazione, la chiave del successo

Reading Time: 5 minutes

livello elementare

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: VIII SECOLO a.C. – V SECOLO d.C.  
AREA: MARE MEDITERRANEO 
parole chiave: Roma, potere marittimo romano, architettura navale
.

.
La chiave vincente ed innovativa della civiltà romana fu il pragmatismo. I Romani seppero costruire, con metodo ed organizzazione, un vasto Impero ed il mare fu artefice della sua fortuna. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Madrague-de-Giens-relitto-1024x768.jpg

il relitto di Madrague de Giens

Abilità marinaresca
I marinai dell’epoca erano già dei discreti navigatori, conoscevano i venti e li sapevano usare per le loro navigazioni. Dalle fonti sembra emergere che i Romani, almeno nei primi anni non fossero de grandi naviganti e i loro navigatori erano per lo più greci. Ciò nonostante, con l’Impero, queste differenze si assottigliarono ed i comandanti romani raggiungevano le aree più lontane spingendosi fino alle coste dell’India.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nave-romana-vela.jpg

La pax augusta, che durò per molti anni, consentì a quegli indomiti navigatori di prosperare con i loro commerci riportando a Roma merci pregiate, animali esotici e schiavi.

Esperti navigatori
Con un vento favorevole, una nave poteva raggiungere una velocità compresa tra i quattro ed i sei nodi ma se il vento soffiava nella direzione sbagliata, le navi erano costrette a virare di bordo e, solo i migliori, riuscivano a mantenere una rotta controvento con un angolo non superiore a sessanta o settanta gradi. La navigazione nel mondo antico era quindi affidata ai piloti che conoscevano le stelle e i venti nonché le coste lungo il Mediterraneo. La conoscenza dei movimenti delle costellazioni consentiva di potersi orientare di notte fuori dalla vista della linea di costa, quindi senza aver necessità di orientarsi con i primi fari che venivano accesi sulle alture. Arrivati a destinazione, non esistendo ancora carte dettagliate, si affidavano all’esperienza e alle nozioni contenute in libercoli o carte chiamati portolani.

Uno strumento nautico interessante era lo scandaglio, in genere di forma troncoconica con un anello alla sommità per assicurarlo ad una cima. La sua base era invece cava per inserivi del grasso utilizzato per prelevare un campione del fondale. La conoscenza del tipo di sedimento dava un’importante indicazione per l’ormeggio con l’ancora.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è scandaglio-romano.jpg

lo scandaglio

In pratica, tramite sondaggi ripetuti i marinai riuscivano a valutare come la profondità del fondale diminuiva avvicinandosi alle coste, evitando così pericolose secche, ed il punto migliore per dare fondo all’ancora.

L’occhio vigile della flotta
Grazie alla protezione della flotta militare, queste imbarcazioni navigavano con continuità lungo le rotte mediterranee ed esterne al Mediterraneo come testimoniano alcuni scritti che descrivevano viaggi da Alessandria a Marsiglia fino all’India, raggiunta direttamente dall’Africa attraverso l’oceano.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è trireme.jpg

Ad esempio, il commercio dal porto di Myos Hormos si spingeva fino alle coste dell’Oceano Indiano ed è testimoniato nel libretto del Periplus maris erythraei, risalente al I secolo che cita: “Prima viene il porto di Myos Hormos, e poco oltre, dopo 1800 stadi, sulla destra, Berenice. Entrambi i porti si trovano sul Mar Rosso, al confine dell’Egitto”.

Secondo lo storico Strabone, all’epoca dell’imperatore Augusto, oltre 120 navi all’anno, partivano dal porto di Myos Hormos per le coste indiane: “Ad ogni modo, quando Gallo era prefetto d’Egitto, lo accompagnavo su per il fiume Nilo fino alla frontiera con il Regno di Axum, a Assuan, e lì venni a sapere che fino a 120 navi partono regolarmente, per fare commercio con l’India mentre ai tempi della Dinastia tolomaica, solo poche imbarcazioni si attentavano a intraprendere il lungo e pericoloso viaggio verso le coste indiane.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è commerci-roma-i-secolo.jpg

Di fatto i tre principali porti romani da cui partivano le navi verso l’Oriente erano Arsinoe-Clysma (Suez), Berenice e Myos Hormos. Arsinoe fu uno dei primi centri del commercio, ma venne ben presto eclissato dai più accessibili Myos Hormos e Berenice. Sebbene le distanze fossero importanti, quei navigatori conoscevano i monsoni e li sapevano usare per i loro lunghi trasferimenti. D’altronde, a fronte di vie poco sicure per terra, il mare era quindi la principale via di comunicazione e lo sarebbe stato ancora per molto tempo.

Una semplificazione commerciale che favoriva tutti
In epoca augustea, l’Impero Romano si estendeva dalla Britannia alla Mesopotamia ed il traffico commerciale tra le Province era favorito dall’assenza di frontiere, uno Schengen dell’epoca, dalla presenza di un unico sistema monetario e di una sola lingua comune, il latino, che era compresa dai tanti popoli che vivevano in quelle aree.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è porti-e-distretti-marittimi-romani-1024x706.png

L’impero non sarebbe mai potuto sopravvivere senza l’importazione di grano dall’Egitto che arrivavano sulle annonarie nei porti principali per essere trasferito alle città principali e poi a tutto l’impero. Parliamo di migliaia di tonnellate ogni anno di merci preziose che comprendevano metalli preziosi, stoffe e cibarie per le tavole dei Romani. In cambio i Romani portavano vino, olio e ceramiche. Dalla Spagna veniva esportato vino, olio e garum, una colatura di alici di cui i Romani andavano pazzi. Dai lontano nord atlantico arrivava l’ambra usata per i gioielli, mentre dal Golfo Arabico le perle preziose. Come illustrato in una famosa moneta di Nerone, da Ostia le merci venivano trasportate era poi trasportato con le caudicariae, barconi a chiglia piatta trainati dai buoi fino al centro di Roma.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è NERONE-porto-di-Ostia.jpg

Queste navi, ma sarebbe forse più corretto definirle chiatte, avevano una poppa molto rialzata che s’incurvava sopra la postazione del timoniere, che aveva a disposizione ben due timoni a perno. Non doveva essere una manovra facile. Queste navi risalivano il fiume contro corrente ricorrendo all’alaggio per risalire il fiume, impiegando tre gironi per arrivare ai moli in città dove scaricare le merci. Una necessità voluttuaria, nel caso dei generi di prima importanza tutt’altro che trascurabile tenendo conto che Roma, già nel I secolo d.C., annoverava un milione di abitanti. L’organizzazione portuale straordinariamente efficiente che dava lavoro a diverse maestranze specialistiche tra cui gli Urinatores, i primi palombari organizzati in una Corporazione dedicata e protetta da una legge/contratto specifica della storia.

In sintesi, i Romani in epoca imperiale seppero gestire le rotte marittime nel loro insieme con profitto, proteggendo il traffico delle navi commerciali con una flotta addestrata ed efficiente. L’eredità romana non andò perduta e, dopo la caduta dell’impero di Occidente, la marina bizantina seppe sfruttare molte delle lezioni acquisite, ma questa è un’altra storia.

Andrea Mucedola

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 62 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

32 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
astronomia e astrofisica
Astronomia e Astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »