If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Circolo Amici Magnaghi e Staziografo, due strumenti nautici antichi ma ancora validissimi

Reading Time: 7 minutes

..
livello elementare
.
ARGOMENTO: NAUTICA

PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: differenza di azimut,  angolo, navigazione piana, strumentazione nautica, Circolo Amici Magnaghi, Staziografo
.

Non tutte le imbarcazioni hanno a bordo un Circolo Amici Magnaghi ma i naviganti professionisti, almeno di nome, lo conoscono tutti.  Immagino la perplessità di molti di voi in quanto questo strumento nautico è in realtà poco noto, a meno di aver frequentato l’istituto nautico o l’Accademia Navale. A volte viene citato da alcune scuole nautiche ma nella maggior parte dei casi non ne viene spiegato l’impiego. Eppure questo strumento, anche in tempi di GPS, ha ancora la sua funzione e, in caso di emergenza, può essere molto preciso.

Uno strumento non un … club nautico
Una volta mi capitò a bordo la visita di un gruppo di velisti di un noto Yachting nautico. Mentre visitavano la plancia rimasero incuriositi da due strumenti che facevano bella mostra sul tavolo di carteggio. Chiesero al mio ufficiale di rotta che cosa fossero e lui rispose che si trattava di un Circolo Amici Magnaghi e di uno Staziografo. I visitatori annuirono ma, nel gruppo, una signora ingenuamente chiese dove si trovava questo circolo visto che non lo aveva mai sentito nominare. Calò il silenzio e il mio ufficiale, alquanto imbarazzato, spiegò che il nome Circolo Amici Magnaghi in realtà si riferiva ad uno strumento nautico. L’imbarazzo crebbe quando un membro del Circolo nautico si lanciò in una quanto fantasiosa descrizione sul suo impiego confondendolo con il sestante.

Circolo Amici Magnaghi

Al di là del divertente aneddoto, parliamo ora di questi due importanti, anche se poco usuali, strumenti partendo proprio dal Circolo Amici Magnaghi. Questo strumento porta il nome di due scienziati italiani, accomunati, oltre che dallo stesso nome, anche dalla passione per la ricerca e la scienza. 

Il primo, Giovanni Battista Amici, fu un eclettico astronomo, ottico e naturalista che, tra i tanti lavori, pubblicò nel 1836, una “Descrizione di alcuni istrumenti da misurare gli angoli per riflessione”. Tra di essi descrisse un Circolo di riflessione a prismi da lui ideato ad uso dei geografi e dei naviganti. Il principio dello strumento di G. B. Amici era basato sulla combinazione di due prismi di vetro, attraverso il cui movimento si poteva misurare una differenza angolare orizzontale di due oggetti  lungo la costa fino a 180°.

Circolo di riflessione a prismi

Era la prima realizzazione di uno strumento nautico in grado di superare i limiti del sestante di Hadley e del circolo di riflessione di Borda, che non misuravano archi superiori a 120-130°. Qualche anno dopo, l’allora Luogotenente di Vascello di 1ª classe Giovan Battista Magnaghi, in attesa dell’istituzione di uno stabilimento cartografico da parte del neocostituito Stato italiano, venne inviato in missione presso altri Enti idrografici in Europa (Principato di Monaco, Parigi e Londra) per studiarne l’organizzazione e il funzionamento e per acquistare gli strumenti nautici più avanzati per la flotta del Regno. La sua passione per la materia e la strumentazione lo portò a ideare strumenti sempre più sofisticati, in particolare nel campo dell’ottica applicata alla navigazione. Gli scritti di Amici sull’impiego del Circolo di riflessione a prismi lo portarono ad elaborare un nuovo strumento che prese poi i loro due nomi (Circolo Amici – Magnaghi).

I suoi elaborati di ottica furono  consolidati in un opera, “Gli Strumenti a riflessione per misurare angoli”, che fu detto «maggiormente contribuì alla sua fama di scienziato, per completezza a oggi insuperata, alla quale si affiancò l’ideazione o il perfezionamento di strumenti specifici». In concomitanza con la direzione dell’Istituto, effettuò con cadenza annuale campagne di studio, e come comandante della nave idrografica “Washington” (in origine “Helvetie” della Marina Sarda), « dette avvio ad un’intensa attività di rilevamento astronomico, geodetico, idrografico e oceanografico, allo stesso tempo iniziando la costruzione di un cospicuo portafoglio cartografico e la pubblicazione dei complementari documenti nautici». La sua lunga carriera si concluse nel 1888 quando, promosso Ammiraglio, lasciò l’Istituto per assumere incarichi ministeriali. Magnaghi è ricordato per aver inventato nuovi strumenti nautici e oceanografici come:

  • lo scandaglio a filo “Magnaghi”, particolarmente idoneo a misurazioni di profondità non superiori a  100 metri;
  • la bussola a liquido piccola “Magnaghi”, primo modello di bussola magnetica a liquido in uso alla Marina italiana;
  • la rosa per bussola “Magnaghi”;
  • la bottiglia a rovesciamento “Magnaghi”, che consentiva di prelevare campioni d’acqua per analisi di laboratorio;
  • il termometro a rovesciamento “Magnaghi”, per misurare la temperatura dell’acqua ad una profondità data;

e naturalmente il Circolo a riflessione “Amici-Magnaghi”, che all’occorrenza può essere impiegato ancora oggi per misurare angoli azimutali sotto costa.

Il Circolo Amici Magnaghi
Questo strumento è un goniometro a doppia riflessione a prismi. Si basa sul principio ottico che i prismi, in determinate condizioni, si comportano come degli specchi e consentono di ottenere delle riflessioni per angoli di incidenza compresi tra 35 e 135 gradi. Questo comporta che utilizzando un goniometro a prismi si possono misurare angoli molto più grandi di quelli ottenibili utilizzando il sestante (che è un goniometro a specchi e non a prismi).

Circolo Amici Magnaghi – immagine dal manuale dell’ufficiale di rotta – edito dall’Istituto Idrografico della marina

Le parti principali dello strumento sono:
– una cassa metallica C, di forma cilindrica corredata da un supporto a T in fuori e , nella parte inferiore, un’impugnatura abbattibile in legno;
– un prisma mobile M, imperniato al centro della cassa con le due alette  che limitano i raggi luminosi  raccolti dal prisma a quelli riflessi;
– un prisma minore m montato sul supporto T;
– un cannocchiale da avvitarsi nell’anello N;
– un cerchio graduato in gradi;
– un indice fisso sulla cassa.

Sebbene questo strumento sia usato raramente può essere particolarmente utile per determinare il punto di fonda, la posizione di una boa, oppure per effettuare punti di precisione per la taratura di strumenti di posizionamento radioelettrici.  

Come si usa
Supponiamo di voler misurare la differenza angolare orizzontale tra due punti cospicui, ad esempio un faro ed un campanile, ben visibili sulla carta nautica e dal mare.

collimazione di due punti cospicui per il calcolo della differenza angolare – immagine dal manuale dell’ufficiale di rotta – edito dall’Istituto Idrografico della marina

Impugniamo con fermezza lo strumento e puntiamo il cannocchiale, attraverso la parte superiore del suo campo, su un oggetto. Quindi sblocchiamo, con l’apposita leva, il prisma grande e lo ruotiamo fino a quando nella parte inferiore del campo del cannocchiale compaia il secondo oggetto. A questo punto blocchiamo il prisma e affiniamo con la vite di richiamo la collimazione dei due oggetti. Potremo quindi leggere la differenza angolare tra i due (nell’esempio 45° 20’). Nell’uso del Circolo Amici Magnaghi conviene sempre prendere oggetti bassi sull’orizzonte o comunque collimare le loro proiezioni sull’orizzonte. 

Le prime volte non è semplice ma con un pò di pratica il risultato è molto preciso.

Ora entra in gioco il secondo strumento, lo Staziografo.
Attraverso questo semplice strumento sarà possibile impostare l’angolo misurato con il Circolo Amici Magnaghi e trovare la vostra posizione.

staziografo

Lo staziografo è in pratica un rapportatore metallico graduato circolare, da 0 a 180° nei due sensi. Nel suo centro sono impernierate tre aste metalliche (chiamate alidade) di cui una fissata sullo  0° mentre le altre due possono ruotare ed essere fissate secondo la differenza angolare voluta. Il suo impiego è semplicissimo. Il posizonamento ottimale si ottiene utilizzando due differenze angolari (o differenze di azimut). In pratica si sposano le due alidade in modo da fissare con la alidada centrale due angoli uguali alle due differenze angolari misurate.  A questo punto si appoggia lo staziografo alla carta nautica facendo coincidere gli spigoli delle tre alidade ai tre punti che avevamo usato per determinare le due differenze angolare. Il punto centrale dello staziografo ci mostrerà la nostra posizione.

metodo di posizionamento nautico ottenuto con diverse differenze angolari tra i punti costieri A, B, C D, E, e G – immagine dal manuale dell’ufficiale di rotta – edito dall’Istituto Idrografico della marina

L’errore sarà sempre minore per angoli vicini a 90° e tenderà ad aumentare man mano ci allontaneremo verso destra  o verso sinistra (in genere è preferibile evitare punti posti ad un angolo minore di 30 gradi o maggiore di 150). Più misure di differenze angolari ci consentono una migliore precisione.

Questi due strumenti, relativamente semplici forniscono, se saputi usare una grande precisione che può aiutarvi in caso di rottura della bussola. Provare per credere.

Andrea Mucedola

.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 585 times, 1 visits today)
Share

1 commento

  1. Virginio Trucco Virginio Trucco
    02/06/2021    

    Quante volte li ho usati durante la navigazione di precisione per il dragaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »