If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Breve storia dei mezzi subacquei – parte IV

Reading Time: 6 minutes

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: sommergibili, sottomarini, batiscafi
.

Impiego dei mezzi subacquei ricreativi e scientifici
Gli sviluppi in campo militare consentirono nel tempo di realizzare mezzi subacquei sempre più performanti divenuti poi di uso comune anche nel mondo civile, sia per attività scientifiche  che ricreative.

il  mini sommergibile C-Explorer 5 offre una gamma infinita di opportunità. Dall’esplorazione delle profondità degli oceani, per gli operatori turistici che vogliono offrire la loro clientela un’esperienza sottomarina. Questo battello subacqueo può operare fino a 200 metri di profondità portando 5 persone di equipaggio

Nel mondo civile i mezzi subacquei sono molto diversi fra loro ed sono stati adattati alle diverse esigenze. Le nuove tecnologie hanno aperto anche nuovi impieghi in campi, come quello turistico che un tempo erano considerati impensabili. Questo sviluppo incominciò negli anni ’80 e, già nel 1996, esistevano nel mondo più di cinquanta battelli privati che servivano circa due milioni di passeggeri all’anno. Il settore turistico intuì che dare la possibilità a tutti di poter vedere il fondo marino e le sue creature era un business da non perdere. I costi iniziali per l’acquisto di questi mezzi poteva essere ammortizzato in poco tempo.

submarinointerior

interno di un sommergibile turistico. I passeggeri siedono di fronte ai grandi oblo’ in modo da poter osservare l’ambiente marino spesso illuminato da fari esterni.

Oggigiorno, non è raro ritrovarli nelle zone di villeggiatura tropicali, dove, grazie alla buona visibilità subacquea, trasportano i villeggianti a scoprire, stando comodamente all’asciutto, le bellezze delle profondità marine. Questi sommergibili sono di norma alimentati a batteria ed impiegati nei primi 100 metri d’acqua (oltre non avrebbe ovviamente senso a causa della diminuzione della luce ambientale). La maggior parte di essi trasporta dai 25 ai 50 passeggeri alla volta effettuando anche dieci immersioni al giorno. Nel design, questi sommergibili rassomigliano a quelli impiegati nella ricerca scientifica e nell’off-shore, con grandi oblò che permettono ai turisti di poter osservare l’esterno.  L’effetto scenico è decisamente garantito.

atlantis XIV

Atlantis XIV e’ uno dei più grandi sommergibili impiegati nel settore turistico nel mondo. Ad oggi, circa dodici milioni di turisti hanno effettuato un immersione a bordo di un battello Atlantis nel mondo

Nel 2005, il più grande sottomarino ad uso turistico era l’Atlantis XIV dislocato a Waikiki nelle Hawaii,  con la possibilità di trasportare sessantaquattro passeggeri e tre membri dell’equipaggio (due guide e un pilota) fino a cinquanta metri di profondità. Il sommergibile, nella foto a lato, è ancora in servizio ed appartiene alla flotta della compagnia Atlantis Submarines che correntemente impiega ben dodici battelli dislocati ad Aruba, Barbados, Cozumel, Guam, e nelle Hawaii a Waikiki, Maui, e Kona.

I mezzi senza pilota

2690894_origNegli anni ’70 del secolo scorso , si assistette allo sviluppo di veicoli subacquei senza equipaggio filo guidati  dall’esterno (ROV). Storicamente il primo veicolo capace di navigare sott’acqua fu un siluro costruito da Luppis-Whitehead Automobile in Austria nel 1864, ma il primo ROV,  dotato di un ombelicale di guida, fu il POODLE, costruito da Dimitri Rebikoff nel 1953. La Marina degli Stati Uniti fu la prima a credere nello sviluppo e costruzione dei primi ROV che furono inizialmente usati per la ricerca e il recupero di ordigni subacquei riducendo i rischi per gli operatori subacquei.

Nel 1960 la US Navy finanziò un progetto basato su tecnologia ROV, chiamato CURV (Cable-Controlled Underwater Recovery Vehicle), ossia di un mezzo  subacqueo controllato con un cavo; questo progetto diede la possibilità di portare a termine importanti missioni e salvataggi come il recupero  della bomba nucleare B28RI persa nel 1966 nello schianto di un B-52 nel Mar Mediterraneo al largo della Spagna ed il salvataggio dei piloti del sommergibile PISCES III da parte del ROV CURV III nel 1973.
In quell’occasione il ROV fu usato per attaccare un cavo di acciaio al sommergibile in distress per poi riportarlo in superficie. Il passo successivo fu l’utilizzo di questa tecnologia nel campo petrolifero. Le imprese commerciali intuirono le notevoli potenzialità di questi strumenti nelle operazioni petrolifere offshore.  Dal 1980, i ROV sono diventati essenziali per lo sviluppo ad alta profondità dei giacimenti petroliferi; grazie alle moderne tecnologie sono oggi in grado di lavorare fino a 10.000 m di profondità. I mezzi sono guidati da un pilota che, seduto comodamente nella sua cabina di bordo, può osservare tramite la telecamera del ROV tutto ciò che vede il veicolo ed operare con sicurezza dirigendolo con le eliche di propulsione. Essi sono dotati di propri motori per la propulsione e possono essere equipaggiati con diversi tipi di telecamere e potenti bracci idro-meccanici per eseguire diversi tipi di lavoro (come l’apertura di valvole, etc).

L3 TACTICAL SYSTEMS - EXPLORER UUV - 1
In tempi relativamente più recenti (negli anni ’80) sono stati sviluppati mezzi completamente autonomi (UUV – unmanned underwater vehicle) che essendo autonomi non necessitano un collegamento continuo con una nave madre. Non necessitando di umani questi mezzi si prestano ad operare in aree dove possono esistere pericoli  per i subacquei, come le zone di guerra dove possono esistere ordigni, o con pericoli naturali come risorgenze gassose ad alta temperatura, anche a grandi profondità.

La grande praticità degli UUV consiste che i mezzi, una volta rilasciati in mare, eseguono i compiti assegnati secondo le istruzioni, pre-caricate tramite un programma, in totale indipendenza. Ne esistono di molti tipi e dimensioni, dalle poche decine di centimetri a oltre sei metri. Vengono normalmente usati in campo civile per la caratterizzazione  del fondo marino, specialmente  nelle ricerche in campo oceanografico ed archeologico, e per l’ispezione delle pipeline delle piattaforme petrolifere e dei cavi telefonici o elettrici sul fondo del mare. I dati raccolti  vengono normalmente scaricati al termine della missione e quindi valutati attraverso l’analisi della registrazione dei dati acustici necessari per costruire le mappature sonar ad alta definizione del fondale.

Il primo UUV fu sviluppato presso il Laboratorio di Fisica Applicata dell’Università di Washington, nel 1957 da Stan Murphy, Bob Francois e, Terry Ewart. Lo “Special Purpose Vehicle Underwater Research“, o SPURV, fu utilizzato per studiare dati fisici subacquei. Altri UUV furono sviluppati dal MIT  (Massachusetts Institute of Technology) nel 1970.  

Con gli anni il loro impiego si è moltiplicato grazie alla sempre maggiore capacità di integrazione ed elaborazione dei dati e dei sistemi di bordo.

salmoniIn campo civile, l’industria del petrolio e del gas li usa per ottenere  mappe dettagliate del fondo marino prima di iniziare la costruzione di infrastrutture sottomarine. Anche la ricerca pura ne ha giovato notevolmente; gli scienziati li usano per studiare i laghi, il mare, e il fondo dell’oceano. Anche la loro autonomia non è più un problema. Alcuni mezzi autonomi subacquei hanno un’endurance  di mesi; in questo caso possono essere programmati per riemergere ad orario e scaricare via satellite i dati oceanografici raccolti e quindi per riprendere la loro missione. La modularità di questi mezzi consente di imbarcare una varietà di sensori: da quelli per misurare i parametri fisici nel volume d’acqua all’inquinamento chimico. Alcuni sensori consentono anche di valutare la densità e le concentrazioni di ittiofauna in determinate aree. Forse l’uso più classico degli UUV è la raccolta di dati sulle morfologie dei fondali. Utilizzando Side Scan Sonar (SSS) parametrici ad altissima risoluzione si possono  ottenere immagini tridimensionali dei fondali che trovano interesse in numerosi campi, dal militare allo scientifico (archeologico, geologico, industriale, etc).

In sintesi, da gusci di legno e pelle ai maneggevoli UUV, il progresso dei mezzi subacquei ha camminato pari passo con la storia dell’Uomo. Nessuno sa che cosa ci riserverà il domani ma con questi mezzi avremo la possibilità di monitorare meglio il mare, di studiarlo e comprendere i suoi meccanismi  e per poterlo preservare.

andrea mucedola

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo


PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

PARTE I
PARTE II
PARTE III
PARTE IV

print
(Visited 53 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »