If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

I relitti di Yassi Ada

Reading Time: 4 minutes

 

livello elementare
.
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA DELLE ACQUE
PERIODO: VII SECOLO
AREA: RELITTO
parole chiave: Yassi ada


l’articolo scritto da Ivan Lucherini è stato pubblicato per la prima volta su scubaportal.it e ripubblicato dietro sua autorizzazione
.
Yassi Ada
, nelle vicinanze di Bodrum, è una piccolissima isola, pressoché uno scoglio, posta fra la costa turca e l’isola greca Pserimos, in quel mare Egeo, testimone di tanta parte della nostra storia antica. Quella zona del Mediterraneo è stata nei secoli sempre temuta dai navigatori e dai marinai che vi si trovavano a passare, per le caratteristiche di pericolosità, che quei tratti di mare presentano ancora adesso. I numerosi relitti, che giacciono in quei fondali, sono i muti testimoni di quegli antichi naufragi. Si deve a Peter Throckmorton e alle sue prospezioni di oltre cinquanta anni fa, la scoperta di numerosi di essi. La bibliografia è particolarmente ricca di notizie sui relitti di Yassi Ada poiché per la prima volta, si effettuarono degli interventi archeologici subacquei, sperimentando tecniche innovative, con un rigore scientifico mai adottato fino ad allora, almeno nel lavoro archeologico sottomarino.
.

yassiada2
.
Un’equipe dell’Università della Pennsylvania, composta da membri dell’University Museum, guidati dal celebre archeologo George Bass, iniziò le indagini sui resti di un primo scafo, giacenti a circa 35 metri di profondità. Le indagini si effettuarono in tre successive campagne estive nei primi anni ’60 dello scorso secolo e riportarono, sotto i riflettori della storia, le vicende di una nave bizantina con un carico di circa 900 anfore vinarie. Fra i corredi di bordo, e tutto il materiale appartenente all’equipaggio, George Bass ritrovò alcune monete d’oro e di bronzo che gli consentirono di datare il naufragio al 625 d.C., quando sul trono di Costantinopoli sedeva l’imperatore Eraclio (610-641). Come detto in precedenza, le iniziali prospezioni e il successivo scavo furono scientificamente avanzatissimi e per la prima volta, un indagine archeologica sottomarina, vide l’impiego del rilievo stereo fotogrammetrico.

YassiAdaDrw_icon

disegni di ricostruzione dei relitti

L’indagine completa, del relitto bizantino, richiese 1244 ore di lavoro, svolto da un team di circa 15 subacquei, nel corso di oltre 3500 immersioni individuali, svolte in un periodo di tempo di circa sette mesi fra il 1961 e il 1964. Lo studio successivo dei residui dello scafo naufragato consentì a Frederich H. Van Doorninck di stabilire le dimensioni dell’imbarcazione corrispondenti ad una lunghezza totale di 18,60 metri per una larghezza di 5,10 metri.

Yassi image0v1.
Di forma slanciata, questo mercantile poteva vantare, un carico di circa 40 tonnellate. La sezione poppiera  era occupata da una piccola cabina, dotata di una copertura in tegole. All’interno, si trovava una piccola cucina, strutturata con un piano, rivestito di mattoni refrattari. A solo una decina di metri dal primo relitto, il team di George Bass indagò negli anni 1964/69 lo scafo di un secondo naufragio. Si trattava di una nave di età tardo romana. Anche in questo caso si effettuarono indagini con tecnologie mai provate in precedenza. Inizialmente fu utilizzato un piccolo sottomarino, denominato Hasherah, che alla profondità di circa quaranta metri effettuò un rilievo stereo fotogrammetrico dell’area archeologica. 

Successivamente durante la campagna di scavo, condotta dal 1967 al 1969, si utilizzarono una camera di decompressione ed una “cabina telefonica” subacquea che consentirono di innalzare, decisamente verso l’alto, i margini sulla sicurezza degli operatori subacquei impiegati in quelle operazioni. Occorre sottolineare, che a quel tempo, per uno scavo a quelle profondità, si effettuavano anche due immersioni al giorno per ogni operatore, di circa 30 minuti l’una con soste decompressive di oltre un ora per ogni immersione.

I tempi delle decompressioni accelerate e dei circuiti chiusi con pressione parziale dell’ossigeno prefissata, erano ancora nel limbo delle conoscenze subacquee e i gruppi ARA erano l’unico metodo adottato. Il carico del relitto indagato consisteva in circa millecento anfore di tre tipi diversi. Il corredo di bordo comprendeva lucerne, pignatte, vasi, tazze e vetri che consentirono di datare il relitto alla seconda metà del IV secolo d.C.. Quelle prime esperienze di scavo stratigrafico subacqueo, di rilievo stereo fotogrammetrico, l’utilizzo di camere di decompressione e di cabine telefoniche asciutte, posero le basi per dimostrare, che l’applicazione di un rigoroso metodo scientifico. Questo metodo poteva quindi essere applicato anche in condizioni estreme come quelle sottomarine, rendendo possibile agli archeologi subacquei, una più attenta e precisa analisi a tavolino dei risultati conseguiti sul campo, realizzando l’obiettivo di noi tutti: una corretta interpretazione e ricostruzione storica, attraverso il ritrovamento, il riordino, l’analisi di un singolo frammento, di questa storia del Mediterraneo.

Ivan Lucherini
archeologo subacqueo 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 492 times, 2 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

8 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
astronomia e astrofisica
Astronomia e Astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »