If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Nautilus, dai flutti del tempo di Pamela Baiocchi e Andrea Petri

Reading Time: 5 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: MALACOLOGIA

PERIODO: 550 mya – odierno
AREA: OCEANO
parole chiave: Nautilus, nautiloidi
.

Il  nome Nautilus deriva dal greco e significa navigatore; già da questo e facile comprendere come sia un organismo marino ampiamente diffuso in tutti i mari del mondo. Per la sua forma e movimento ha sempre suscitato simpatia e curiosità. Sebbene ammirato nelle sue forme fossili, la specie animale cominciò ad essere studiata nella sua forma vivente solo dal 1829. In precedenza il nautilus era conosciuto solo per gli abbondanti resti fossili, i Nautiloidi, provenienti dai famosi  giacimenti  fossiliferi del  Madagascar e del Marocco. Di fatto il  Nautilus è inserito di diritto tra i cosiddetti “fossili viventi” essendo conosciuto sin dal primo paleozoico, circa  550  milioni  di  anni  fa,  ed avendo conservato i suoi caratteri distintivi praticamente inalterati senza particolari modificazioni evolutive.

images (4)

Il meccanismo che ha permesso la sopravvivenza dei Nautilus deve essere ancora spiegato; è difficile comprendere come le Ammoniti, di forma molto simili (si pensa che avessero una struttura analoga), si siano completamente estinte mentre i Nautilus abbiano superato indenni la grande estinzione di massa, in particolare senza subire grosse modificazioni. La conchiglia del Nautilus, per la sua bellezza, è stata sempre usata come ornamento e si ritrovano notizie del suo uso in gioielleria fin dal 1600, addirittura  prima di essere studiata dalla scienza ufficiale.

Biologia dell’animale
II Nautilus appartiene ad una sottoclasse dei molluschi cefalopodi, con un guscio sottile calcareo a volte bianchissimo. Possiede una serie di setti interni, che formano delle camere tra loro collegate che permettono all’animale di incamerare aria e acqua (che viene utilizzata per creare un perfetto meccanismo di galleggiamento e di spostamento). Lo sviluppo in accrescimento della conchiglia non ha termine con l’età adulta (come per molte altre conchiglie) ma la sua crescita continua praticamente fino alla sua morte. Di fatto, l’animale occupa solo l’ultima camera della conchiglia.

download (2)

II Nautilus si presenta con una grossa conchiglia che raggiunge  oltre  i 20 centimetri di diametro, mentre per gli esemplari fossili sono stati rinvenuti esemplari  con una dimensione fino a tre metri. Il guscio ha una sezione a spirale logaritmica (la famosa spirale obbediente alla regola aurea) con apertura rivolta verso l’alto. L’animale vive nel suo interno ed il corpo molle possiede una testa composta da grandi occhi (anche se non sembrano molto funzionali), un rugoso mantello posto  a protezione del metacapo e dei carnosi  tentacoli. I tentacoli sono molto numerosi, disposti in diversi ordini o anelli concentrici attorno alla bocca dell’animale. 

Parte  di questi  tentacoli è fissata alla base da una sorta di membrana con cui il Nautilus può estenderli o ritrarli. La loro superficie è ruvida ed irregolare  per permettere una presa molto salda su qualunque oggetto solido. La parte molle del mollusca ha una serie di circa novanta tentacoli, non provvisti di ventose, con un mantello esterno ed  una specie di becco formato da tessuto connettivo duro che funge da coperchio della conchiglia. Esso può essere richiuso in caso di pericolo. II Nautilus possiede un meccanismo simile a quello di un sommergibile che gli permette di fluttuare nelle profondità marine fino a circa 500 metri di profondità e di farsi trasportare per lunghe distanze dalle correnti sottomarine. Inoltre, riesce a spostarsi con un meccanismo a reazione espellendo acqua da un sifone interno.

Una curiosità: proprio per le sue capacità di spostamento in acqua,  il nome  Nautilus fu usato da Jules Verne nel suo romanzo  “20000 leghe sotto i mari”  come nome per il futuristico sottomarino di Capitan Nemo.

La conchiglia del Nautilus è una delle tante incredibili forme naturali che possono essere rappresentate tramite un numero matematico obbediente alla sezione  aurea.

images (6)La sezione aurea, o la costante di Fidia, indica in matematica il rapporto fra due lunghezze disuguali delle quali la maggiore è medio proporzionale tra la minore e la somma delle due.

Ovvero se a è la lunghezza maggiore e b è quella minore avremo che :

 b:a=a:(a+b)
da cui :

\phi = \frac{1 + \sqrt{5}}{2}\approx 1{,}6180339887

images (3)

Come sappiamo, in natura, numerosi animali e vegetali sembrano obbedire con le loro strutture a tale regola. Platone ed i filosofi greci conoscevano già questo numero e lo definivano “la chiave della fisica dell’universo“. Oggi sappiamo che questa misteriosa relazione matematica si ritrova anche in astronomia, nella forma delle galassie, e nei fenomeni meteorologici (ad esempio i bracci dei cicloni tropicali). La ragione è sconosciuta ma alcuni pensano sia la relazione che può gestire meglio gli spazi (la più razionale) in un rapporto armonico universale. Infatti nell’arte questo numero fu considerato il rapporto perfetto a cui mirare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è aurea-schema.pngNumerosi artisti,  come ad esempio Leonardo da Vinci, hanno usato le regole della sezione aurea nelle loro  opere d’arte. Anche molti architetti, pittori, fotografi  ed artisti contemporanei  la  usano nei propri progetti. Ad esempio, il famoso Museo Guggenheim fu progettato da Frank Lloyd Wright proprio seguendo la regola della sezione aurea, utilizzando una forma a conchiglia.

Ecologia
II Nautilus, pur essendo un sopravvissuto alle Ere geologiche, è oggi a rischio di estinzione a causa della pesca da parte dell’Uomo, nonostante essa sia vietata. Oggi le specie della famiglia dei Nautiloidi vivono soprattutto nell’Oceano Indiano orientale e nell’Oceano Pacifico  occidentale.

Nautilus-in-accoppiamento-copy

Nautilus pompilius in accoppiamento

La specie più comune è il Nautilus pompilius, diffusa nei mari delle Filippine, dell’Indonesia, nelle isole Andamane, in Papua  Nuova Guinea, in Australia (in prossimità della grande barriera corallina) e nelle isole Salomone fino alle isole Fiji. Della famiglia dei Nautilidae sopravvivono oggi solo cinque specie ma, sfortunatamente, la loro sopravvivenza è minata dalla pesca per la vendita delle conchiglie.

Pamela Baiocchi

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE


Bibliografia
www.associazionenautilus.org
Peter Douglas Ward, In Search of Nautilus, Simon and Schuster, 1988
Genere: (EN) Nautilus in WoRMS 2015 (World Register of Marine Species).

print
(Visited 555 times, 1 visits today)
Share

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »