If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Viaggio nel Mediterraneo

Reading Time: 5 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: ECOLOGIA
PERIODO: NA
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: biogeografia, mar Mediterraneo, evoluzione
.

Iniziamo oggi un viaggio a più tappe nel mare nostrum. Il dottor Luigi Piazzi, ricercatore e docente presso l’Università di Sassari, ci accompagnerà in questa navigazione per scoprirne le sue caratteristiche ma anche i suoi problemi. Da non perdere.

Il Mediterraneo è stato da sempre il mare più sfruttato dall’Uomo; sulle sue rive sono nate alcune delle più grandi civiltà del pianeta che ne hanno utilizzato con avidità le sue risorse. L’eccessivo sfruttamento delle stesse ha portato negli ultimi decenni del secolo scorso a compromettere in modo preoccupante l’equilibrio che da sempre aveva regolato i rapporti tra l’Uomo ed il grande mare. Oggi una generale presa di coscienza da parte delle popolazioni rivierasche ha condotto ad un differente atteggiamento nei confronti dell’ambiente e sono state intraprese molte azioni per arrestare il degrado e ripristinare, per quanto è possibile, la situazione originale di equilibrio. Esistono leggi nazionali e internazionali che regolano le interazioni umane sull’ambiente e sono stati intrapresi studi su grande scala per monitorare la situazione ecologica dei principali ecosistemi creando molte aree marine protette. Nonostante ciò risanare l’ambiente non è un’impresa facile. Molte aree sono state talmente compromesse da far apparire il degrado irreversibile; molti impatti causati all’ambiente sono difficili da arginare e richiedono interventi a larga scala che per ora non sono stati ancora attuati.

Il Mediterraneo rappresenta un hot spot di biodiversità, cioè un’area caratterizzata da una diversità biologica tra le più alte del pianeta dove vivono moltissimi organismi esclusivi di questo mare. L’alta biodiversità rende i fondali estremamente belli e interessanti sia per lo scienziato che per il turista; gli ambienti mediterranei, laddove hanno mantenuto il loro aspetto naturale, non hanno niente da invidiare ai più blasonati mari tropicali; il problema è che è sempre più difficile trovare aree del Mediterraneo non degradate o sovra sfruttate.
Il Mediterraneo ha quindi urgente bisogno di interventi di gestione che prendano in considerazione l’intera fascia costiera, cioè tutta quella zona che comprende non solo le coste propriamente dette, ma anche un’ampia porzione di mare prospiciente le coste e le  terre emerse interessate dallo stesso bacino idrografico.

Se gli interventi locali sono importanti, questi non possono prescindere dall’attuazione di piani di gestione a larga scala in quanto in natura non esistono compartimenti stagni e si stabiliscono complesse interazioni tra compartimenti marini anche molto distanti tra loro, a volte apparentemente completamente scollegati. Proliferazioni algali possono essere legate all’utilizzo di sostanze fertilizzanti drenate dai corsi d’acqua centinaia di chilometri dal mare. Ad esempio lungo le coste toscane, la scomparsa di ampi tratti di pineta, è stata causata dai tensioattivi trasportati in mare dai fiumi e risospinti dal vento sotto forma di aerosol. Nella protezione dell’ambiente marino è quindi necessario prendere in considerazione le interconnessioni che si creano tra i differenti ecosistemi e prevedere piani di gestione che comprendono azioni ad ampio raggio.

E’ importante quindi conoscere i principali habitat dell’ambiente marino costiero mediterraneo, la situazione attuale, metterne in evidenza le criticità e le minacce e mostrare le azioni che sono state intraprese per proteggerne la biodiversità e gestirne le risorse. Se vogliamo che la natura che ci circonda si mantenga in tutto il suo splendore occorre che tutti noi ci impegniamo da una parte a conoscerla, perché senza la conoscenza è difficile comprenderne le problematiche, e dall’altra a rispettarla con azioni anche apparentemente insignificanti ma che possono risultare fondamentali per il mantenimento della biodiversità. Iniziamo ora il nostro viaggio dalle caratteristiche ecologiche e biogeografiche del Mediterraneo.

Aspetti biogeografici
Con il termine “biogeografia” viene indicata la disciplina che studia la distribuzione geografica degli animali e delle piante, indagando sulle origini di tale distribuzione. Nel Mediterraneo si trovano principalmente organismi di origine atlantica, dal momento che il nostro mare è, di fatto, un grande bacino collegato all’oceano attraverso lo stretto di Gibilterra. Rispetto all’oceano, però, il Mar Mediterraneo presenta molte peculiarità la cui origine va ricercata nelle vicissitudini geologiche che hanno portato alla sua formazione. Tra le molte specie atlantiche possiamo trovare organismi ad affinità fredda, caratteristici delle coste del nord Europa e penetrati nel mar Mediterraneo durante le ere glaciali, ed organismi ad affinità calda, tipici delle coste africane ed arrivati durante i periodi interglaciali. Gli uni e gli altri sono in massima parte scomparsi rimanendo segregati in aree del bacino con particolari caratteristiche di temperatura delle acque.

Molti animali e vegetali atlantici, una volta isolati dalle popolazioni di origine e sottoposti a nuove condizioni ambientali, si sono evoluti in nuove specie, andando a costituire degli endemismi cioè specie esclusive del bacino. Alcuni di essi non ebbero però origine atlantica, ma derivarono direttamente dalla fauna e dalla flora originaria del paleoceano Tetide, da cui è derivato il Mediterraneo che subì nelle epoche drammatiche vicissitudini geologiche tra le quali anche un quasi completo disseccamento.

Il paleoendemismo mediterraneo più conosciuto è una fanerogama marina, la Posidonia oceanica. Nella seconda metà del XX secolo, il Mediterraneo si è arricchito anche di specie di origine indopacifica, che penetrarono in parte attraverso il Canale di Suez, ma soprattutto furono introdotte dall’Uomo sia volontariamente, per scopi di allevamento e pesca, sia in maniera non volontaria, arrivando nel Mediterraneo attaccate alle chiglie di imbarcazioni, nelle acque di zavorra delle navi o associate a detriti galleggianti ed altre specie importate.

Gradienti mediterranei
Possiamo oggi riconoscere in Mediterraneo due principali gradienti: il primo (orizzontale) che vede una preponderanza di specie atlantiche nel settore occidentale e di tipiche mediterranee in quello orientale, il secondo (verticale) che mostra specie ad affinità fredda distribuite soprattutto nelle aree più settentrionali e specie ad affinità calda in quelle meridionali. Questo schema di massima è poi modificato sia da situazioni locali particolari e da una continua evoluzione negli areali degli organismi, sia dall’arrivo casuale delle specie introdotte.

spiaggia della Saleccia, Corsica

La Toscana, la Corsica e la Sardegna da un punto di vista biogeografico possono essere inserite nella provincia calda del Mediterraneo centrale, comprendente fra l’altro le Baleari. Tale zona, posta al centro del bacino occidentale del Mediterraneo, è caratterizzata dalla presenza di molte specie termofile, ovvero ad affinità calda. Le specie di origine atlantica sono preponderanti, ma appaiono ben rappresentate anche le specie tipicamente mediterranee, con percentuali da considerare alte nella regione geografica considerata. Nella nostra prossima tappa affronteremo la suddivisione degli organismi marini e scopriremo come questi si distribuiscono nelle profondità.

 

Luigi Piazzi

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 159 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

24 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »