Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Attività sostenibili e gestione della fascia costiera

tempo di lettura: 6 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: ECOLOGIA E BIOLOGIA MARINA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANI
parole chiave: attività umane

.
Le numerose attività umane che gravitano sulle aree marine costiere, in ultima analisi, possono essere ascritte a due principali categorie: attività produttive, come la pesca, l’acquacoltura e il traffico marittimo, e ludiche, cioè il turismo.. Queste attività sono importanti per l’economia locale e per la valorizzazione della fascia costiera, ma, se mal gestite, possono portare ad un forte impatto sull’ambiente. L’incremento della pressione umana senza una corretta politica gestionale ha condotto ad una generalizzata distruzione o trasformazione degli habitat costieri, ad una erosione degli stock ittici e ad una diminuzione della biodiversità. È quindi importante attivare una politica gestionale idonea a permettere lo sviluppo di attività legate alla fascia costiera in modo sostenibile per l’ambiente.

Pesca
La pesca è una delle attività umane più antiche; da sempre l’uomo ha attinto dal mare una larga parte delle risorse necessarie per il suo sostentamento. Come qualsiasi altra azione umana, anche la pesca, se non tiene conto delle regole e dei ritmi della natura, può avere serie ripercussioni sull’ambiente.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è PESCA-FMIB_37801_Trawl-Heads_Beam_Mouth_of_Net_Etc_-_Shows_How_Bridles_are_Attached.jpeg

.
Un’attività di pesca mal gestita può portare in breve tempo all’esaurimento delle risorse, alla scomparsa delle specie più sensibili, come quelle che hanno bassi tassi di riproduzione, e a cambiamenti importanti nella struttura delle popolazioni e nelle interazioni tra le specie. Sistemi di pesca che causano la distruzione o la modificazione dell’ambiente possono avere forti ripercussioni negative anche su tutte quegli organismi che non sono oggetto di pesca. Allo scopo di trovare un giusto equilibrio tra le esigenze economiche, sociali e ambientali, l’Unione Europea ha stabilito una politica comune per la pesca che ha come finalità la scelta di misure idonee alla protezione e conservazione delle risorse. Queste misure devono permettere uno sfruttamento sostenibile ed economicamente redditizio e allo stesso tempo ridurre al minimo l’impatto indesiderato sugli ecosistemi marini. Per ottenere ciò è necessario un approccio che consideri l’intero ecosistema marino costiero e le interazioni fra le diverse attività antropiche e le risorse ittiche. Le principali misure individuate sono state la protezione delle popolazioni ittiche, limitando la cattura e permettendo ai pesci di riprodursi, e la gestione delle flottiglie di pescherecci, in modo tale da adattare l’industria della pesca alle regole imposte dal mercato e alla disponibilità delle risorse. Gli obiettivi specifici di questa politica sono il prelievo eco-compatibile (per specie, periodo, quantità, taglia), lo sviluppo della pesca artigianale, la riduzione dell’impatto ambientale degli attrezzi e la riduzione dello scarto.

.
Tali risultati possono essere raggiunti tramite una serie di strumenti gestionali quali il fermo pesca, l’istituzione di zone di tutela, gli interventi sul naviglio o sulla tipologia degli attrezzi utilizzati, l’incentivazione dell’attività di pesca-turismo. Quest’ultima è una attività che nasce come opportunità di integrazione del reddito dei pescatori artigianali, i quali, previa specifica autorizzazione, possono ospitare a bordo dei pescherecci un certo numero di persone diverse dall’equipaggio. Attraverso uscite giornaliere, viene offerta ai turisti la possibilità di osservare e di partecipare ad attività di pesca professionale, con l’obiettivo ultimo di valorizzare il patrimonio di conoscenze e conoscenze legate ai mestieri e alle tradizioni marinare e di educare ad una corretta fruizione delle risorse della pesca.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 20230908_102344-1024x768.jpg

.
La pesca sportiva, pur rappresentando una realtà ben lontana dalle quantità interessate dalla pesca commerciale, può causare importanti danni su aree ristrette e a specie sensibili. È quindi estremamente importante che venga anch’essa gestita e che vengano fatte rispettare le regole necessarie ad evitare impatti che possono avere ripercussioni sia sull’ambiente che sull’attività stessa di pesca.

Acquacoltura
Con il termine “acquacoltura” si intende la produzione di organismi acquatici in ambienti confinati e controllati dall’uomo. L’acquacoltura estensiva viene esercitata nelle lagune e consiste nel bloccare, mediante speciali “lavorieri”, il ritorno verso il mare dei pesci cresciuti all’interno del bacino.

I pesci possono entrare naturalmente nelle lagune o il novellame può essere seminato dall’uomo. In questo tipo di acquacoltura l’attività dell’uomo si limita al mantenimento dei bacini, a favorire eventualmente la produttività e alla pesca e selezione del pescato, ma il pesce cresce in funzione delle condizioni ambientali.

Nell’allevamento intensivo, invece, il cibo viene fornito esclusivamente dall’uomo. Vi sono sia allevamenti intensivi in vasche a terra, dove le condizioni ambientali sono controllate , che impianti di acquacoltura in mare aperto tramite gabbie offshore superficiali o sommerse. Le principali specie allevate sono spigole e orate, anche se alcune sperimentazioni hanno permesso l’allevamento di ombrine, sogliole, rombi, saraghi e cernie.

.
L’attività di maricoltura può avere impatti importanti sull’ambiente legati a fenomeni di eutrofizzazione causati dai reflui degli impianti.
L’entità di questi effetti è però strettamente legata alle caratteristiche dell’area dove l’impianto è stato posizionato. Infatti, se impatti importanti sono stati osservati per impianti molto grandi e situati in bacini chiusi o semichiusi, è stato anche messo in evidenza che, se vengono realizzati impianti di dimensioni ridotte in aree con buon ricambio idrico e dove non vi siano ecosistemi sensibili, non si vengono a creare alterazioni significative sull’ambiente marino. Previa una seria valutazione di impatto e un monitoraggio costante, le attività di maricoltura possono rappresentare un’ottima un’alternativa alla pesca per fornire proteine nobili ad un prezzo contenuto e senza incidere sulle popolazioni naturali.

Turismo
Le aree marine costiere rappresentano una delle principali mete turistiche. Il turismo subacqueo, in particolare, ha visto ovunque nel mondo una crescita costante negli ultimi decenni e possiede ancora grosse potenzialità di crescita. Questa attività, nata in stretto legame alla pesca sportiva, ha assunto negli ultimi anni una connotazione completamente diversa, divenendo il miglior strumento per permettere al grande pubblico di avvicinarsi alla conoscenza del mare e dei suoi ecosistemi.

Una crescita della domanda di escursionismo subacqueo ha portato ad acquisire una maggiore attenzione verso la tutela degli ecosistemi marini e ha spesso favorito la nascita di aree marine protette. Il Turismo subacqueo rappresenta un’attività in grado, se opportunamente promossa, di diversificare l’offerta turistica di una determinata area portando a indotti anche importanti. È però necessario che l’attività subacquea sia gestita in modo tale da evitare il più possibile impatti anche involontari sull’ambiente. Deve quindi essere favorito lo sviluppo di un turismo subacqueo curato da personale professionalmente qualificato, in grado di far svolgere queste attività in tutta sicurezza e nel rispetto degli ecosistemi sommersi. Anche altre forme di turismo legate alla fascia costiera, dal semplice turismo balneare al diporto o all’escursionismo naturalistico, devono essere regolamentate per evitare danni all’ambiente e mantenere il valore turistico delle aree interessate.

Infatti la diminuzione della qualità ambientale, la scomparsa dei pesci e degli altri organismi marini e la distruzione degli habitat conducono ad una perdita di interesse nei confronti di certe aree con conseguente decremento dell’attività turistica nel suo insieme.

Se ben gestito e rispettoso dell’ambiente e delle regole esistenti, il turismo può rappresentare un’attività del tutto sostenibile e, anzi, contribuire alla salvaguarda degli ambienti marini costieri.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 20230908_102353-1024x768.jpg

Gestione integrata
Gli ambienti naturali, a differenza di quello che a volte ingenuamente si pensa, non sono isolati gli uni dagli altri, ma sono strettamente connessi, attraverso meccanismi difficilmente comprensibili. Anche senza considerare i cosiddetti “cambiamenti globali” che interessano tutto il pianeta, come le modificazioni delle caratteristiche dell’atmosfera o del clima di cui oggi si parla molto, anche nelle realtà locali occorre fare attenzione alle conseguenze che possono avere le azioni compiute sull’ambiente. Infatti, una qualsiasi attività che si svolge all’interno di un certo bacino idrografico avrà sicuramente una qualche ripercussione sull’ambiente marino adiacente. Un incendio avvenuto in un’area situata a centinaia di chilometri dal mare condurrà ad una maggiore erosione del suolo e quindi ad un incremento di sedimentazione prima nei fiumi e successivamente nelle acque costiere, causando il soffocamento di organismi sensibili, come ad esempio i filtratori. E così è per qualsiasi tipo di alterazione fisica o chimica dell’ambiente. Inoltre gli effetti di più alterazioni che agiscono sulla stessa area possono essere molto maggiori o comunque diversi rispetto a quelli delle differenti azioni prese singolarmente; tali effetti sinergici sono estremamente difficili da prevedere, quindi anche difficili da evitare.

.
Per tutti questi motivi è impensabile gestire un ambiente complesso come la fascia marina costiera con interventi troppo ristretti. Questi ultimi, come ad esempio la creazione di un’area marina protetta, sono certamente importanti ma privi di effetti reali se non inseriti in progetto gestionale che interessi ampie aree e che prenda in considerazione tutte le attività umane che agiscono sull’ambiente.

Un’altra considerazione da fare è che il mare ha molti meno confini geografici rispetto alle terre emerse. Anche se la circolazione delle acque o la configurazione morfologica dei fondali concorrono a separare bacini con differenti caratteristiche, è anche vero che il mare ha ben poche barriere e che la protezione di un’area marina non può prescindere da quella delle aree marine adiacenti. È quindi estremamente importante sviluppare sempre più progetti gestionali e di ricerca transfrontalieri, che permettano delle cooperazioni su ampia scala necessarie ad assicurare una protezione veramente efficace del mare e delle aree terrestri che con questo sono intimamente connesse.
.

Luigi Piazzi

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 302 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
4 visitatori online
4 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 16 alle 12:17 am
Mese in corso: 65 alle 12-05--2024 04:06 pm
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x