If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

L’importanza del turismo subacqueo

Reading Time: 3 minutes

livello elementare
.
ARGOMENTO: ECOLOGIA E BIOLOGIA MARINA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANI
parole chiave: subacquea ricreativa

 

Turismo subacqueo
Il subacqueo, oltre a seguire le regole generali di immersione e quelle locali, se si immerge in un’area gestita, deve cercare di evitare di danneggiare l’ambiente in cui si muove. Non deve in alcuna caso portare via nulla e curare bene l’assetto per non danneggiare ambienti sensibili come il coralligeno. Per l’immersione in grotta, ambiente estremamente fragile, occorre prestare particolare attenzione ai movimenti, limitare il numero di persone e il tempo di permanenza. Anche dare cibo ai pesci è una pratica da evitare, in quanto può modificare profondamente i comportamenti degli animali.

La conoscenza crea il rispetto in modo del tutto naturale.

È consigliabile sempre rivolgersi a centri di immersione che utilizzano guide ambientali e che siano rispettosi dell’ambiente; è importante che questo venga richiesto dagli stessi subacquei in modo da spingere anche i centri di immersione più restii a adeguarsi alle giuste norme di rispetto ambientale. Infine, sarebbe bene che i subacquei, così come gli altri turisti della fascia costiera, imparassero a conoscere sempre meglio l’ambiente che utilizzano, gli organismi che lo abitano e i meccanismi che ne regolano il funzionamento. La conoscenza crea il rispetto in modo del tutto naturale.

Il turismo subacqueo rappresenta un’attività in forte aumento che può sostenere la protezione degli ambienti marini costieri.

Per concludere… “Allora ci immergevamo sui 25 metri nella zona di Marsiglia, passeggiavamo tra lecce e razze, mentre cernie superbe mettevano il naso fuori dalle tane per scrutarci e nuvole di sardine, di orate, di salpe intrecciavano le loro danze acquatiche in un modo rimasto intatto per secoli e secoli. Da allora con gli stessi compagni e con altri ho percorso i mari del mondo; ma poi sono tornato a Marsiglia, trent’anni dopo, ed è stato un duro colpo. Il paesaggio è mutato, le grotte un tempo sovrappopolate si sono trasformate in nere caverne deserte. Cosa è accaduto? Perché è accaduto? Chi ha lasciato che accadesse? Soprattutto, cosa si può fare per fermare la marcia della morte? Bisogna intervenire, far comprendere a tutti l’importanza del mare. Oggi cominciamo a renderci conto che non è per carità arrogante o per sentimento pietistico che dobbiamo sentirci compagni dei pesci, dei granchi, dei calamari, delle alghe che vivono nelle profondità lontani dai nostri sguardi. La loro esistenza è solidale con la nostra. Dalla loro sopravvivenza dipende la nostra stessa vita.

Con queste parole Jacques-Yves Cousteau, pioniere dell’esplorazione degli oceani, denunciava al mondo, più di 30 anni fa, l’impoverimento e il degrado ambientale del Mediterraneo. Da allora molto è stato fatto per proteggere il nostro mare, ma molto, forse troppo, rimane ancora da fare. Di fronte all’immensità del mare siamo portati a pensare che i nostri piccoli gesti possano perdersi nell’enormità dell’abisso infinito. E ci domandiamo in quale modo, le nostre semplici azioni possano contribuire davvero a salvaguardare un mondo minacciato da eventi e da azioni umane di gran lunga più grandi di noi.

Che cosa può fare un gesto di buon senso in questo mare di non senso?
Poco, se rimane isolato, ma tanto se è consapevole e condiviso da più persone e se può valere da esempio per i nostri figli e per la collettività. Sempre di più è importante che ognuno di noi segua la strada del rispetto e del buon senso affinché ogni nostro gesto non rimanga soltanto un “piccolo gesto” ma diventi uno strumento capace di proteggere e di valorizzare il mare e di salvaguardare le creature che lo popolano.

 

Luigi Piazzi
Ricercatore e docente dell’Università di Sassari

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 123 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »