Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

L’importanza del turismo subacqueo

tempo di lettura: 3 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: ECOLOGIA E BIOLOGIA MARINA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANI
parole chiave: subacquea ricreativa

 

Turismo subacqueo
Il subacqueo, oltre a seguire le regole generali di immersione e quelle locali, se si immerge in un’area gestita, deve cercare di evitare di danneggiare l’ambiente in cui si muove. Non deve in alcuna caso portare via nulla e curare bene l’assetto per non danneggiare ambienti sensibili come il coralligeno. Per l’immersione in grotta, ambiente estremamente fragile, occorre prestare particolare attenzione ai movimenti, limitare il numero di persone e il tempo di permanenza. Anche dare cibo ai pesci è una pratica da evitare, in quanto può modificare profondamente i comportamenti degli animali.

La conoscenza crea il rispetto in modo del tutto naturale – photo credit @andrea mucedola

È consigliabile sempre rivolgersi a centri di immersione che utilizzano guide ambientali e che siano rispettosi dell’ambiente; è importante che questo venga richiesto dagli stessi subacquei in modo da spingere anche i centri di immersione più restii a adeguarsi alle giuste norme di rispetto ambientale. Infine, sarebbe bene che i subacquei, così come gli altri turisti della fascia costiera, imparassero a conoscere sempre meglio l’ambiente che utilizzano, gli organismi che lo abitano e i meccanismi che ne regolano il funzionamento. La conoscenza crea il rispetto in modo del tutto naturale.

Il turismo subacqueo rappresenta un’attività in forte aumento che può sostenere la protezione degli ambienti marini costieri.

Per concludere… “Allora ci immergevamo sui 25 metri nella zona di Marsiglia, passeggiavamo tra lecce e razze, mentre cernie superbe mettevano il naso fuori dalle tane per scrutarci e nuvole di sardine, di orate, di salpe intrecciavano le loro danze acquatiche in un modo rimasto intatto per secoli e secoli. Da allora con gli stessi compagni e con altri ho percorso i mari del mondo; ma poi sono tornato a Marsiglia, trent’anni dopo, ed è stato un duro colpo. Il paesaggio è mutato, le grotte un tempo sovrappopolate si sono trasformate in nere caverne deserte. Cosa è accaduto? Perché è accaduto? Chi ha lasciato che accadesse? Soprattutto, cosa si può fare per fermare la marcia della morte? Bisogna intervenire, far comprendere a tutti l’importanza del mare. Oggi cominciamo a renderci conto che non è per carità arrogante o per sentimento pietistico che dobbiamo sentirci compagni dei pesci, dei granchi, dei calamari, delle alghe che vivono nelle profondità lontani dai nostri sguardi. La loro esistenza è solidale con la nostra. Dalla loro sopravvivenza dipende la nostra stessa vita.

Con queste parole Jacques-Yves Cousteau, pioniere dell’esplorazione degli oceani, denunciava al mondo, più di 30 anni fa, l’impoverimento e il degrado ambientale del Mediterraneo. Da allora molto è stato fatto per proteggere il nostro mare, ma molto, forse troppo, rimane ancora da fare. Di fronte all’immensità del mare siamo portati a pensare che i nostri piccoli gesti possano perdersi nell’enormità dell’abisso infinito. E ci domandiamo in quale modo, le nostre semplici azioni possano contribuire davvero a salvaguardare un mondo minacciato da eventi e da azioni umane di gran lunga più grandi di noi.

Che cosa può fare un gesto di buon senso in questo mare di non senso?
Poco, se rimane isolato, ma tanto se è consapevole e condiviso da più persone e se può valere da esempio per i nostri figli e per la collettività. Sempre di più è importante che ognuno di noi segua la strada del rispetto e del buon senso affinché ogni nostro gesto non rimanga soltanto un “piccolo gesto” ma diventi uno strumento capace di proteggere e di valorizzare il mare e di salvaguardare le creature che lo popolano.

 

Luigi Piazzi
Ricercatore e docente dell’Università di Sassari

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 328 times, 1 visits today)
Share
5 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

22 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
22 visitatori online
22 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 45 alle 03:29 pm
Mese in corso: 65 alle 12-05--2024 04:06 pm
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x