Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Lo studio delle risorse ittiche

tempo di lettura: 6 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: biologia e ecologia
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: pesca, risorse ittiche

 

Un aspetto del monitoraggio marino fondamentale anche per la sua ricaduta in campo ambientale è quello legato all’attività di pesca.
Nell’ottica di ridurre gli impatti e mantenere l’attività economicamente valida, è fondamentale acquisire il maggior numero possibile di informazioni per permettere agli organismi gestori di impostare piani di sostenibilità a corto e lungo termine.

L’obiettivo della valutazione degli stock ittici non è quindi esclusivamente quello di stimare le abbondanze in mare delle diverse specie commercializzate o di fornire indicazioni gestionali per massimizzare le rese, ma deve anche garantire la sostenibilità nel tempo, individuando i quantitativi massimi da prelevare o i limiti dello sforzo di pesca che garantiscano buone rese pur mantenendo una biomassa riproduttrice sufficiente. L’Unione Europea e il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (MiPAAF) richiedono la valutazione degli stock ittici attraverso un programma internazionale di monitoraggio definito “MEDITS”.

Nell’ambito di questo programma vengono eseguite campagne specifiche di campionamento mediante reti a strascico da parte di unità operative locali: nei mari di Sardegna, Corsica e Toscana operano rispettivamente l’Università di Cagliari, l’IFREMER, l’ARPA Toscana e il Centro di Biologia Marina di Livorno. Parallelamente a questo monitoraggio, sono stati attivati altri programmi di raccolta di informazioni sullo sbarcato commerciale, su aspetti economici e di mercato, sulle zone di riproduzione delle specie ittiche e sullo sfruttamento di particolari risorse marine ad interesse locale. Le campagne scientifiche sono indirizzate principalmente a conoscere le specie presenti in ogni area di pesca, la loro abbondanza e la struttura delle loro popolazioni. Tali ricerche permettono anche la raccolta di molte altre importanti informazioni di carattere biologico, ad esempio su aspetti riproduttivi o trofici delle singole specie. Tutte le informazioni raccolte possono fornire indicazioni sugli effetti della pesca sull’ambiente, come la riduzione dell’abbondanza di certe specie, le modifiche della struttura per taglia, la sostituzione di specie, ecc. Inoltre, dall’analisi di serie temporali possono essere fatte previsioni a breve termine relative all’andamento delle catture. Queste informazioni possono essere utilizzate da un punto di vista gestionale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è PESCA-OVERFISHING-Trawlers_overfishing_cod.jpg

sciabica non controllata: la maggior responsabile dell’overfishing – autore Asc1733 Trawlers overfishing cod.jpg – Wikimedia Commons

Quando viene registrato un eccesso di prelievo si possono attivare provvedimenti indirizzati a ridurre la pressione, sia attraverso una riduzione dell’attività di pesca, ad esempio inserendo dei periodi di fermo, sia attraverso la riduzione complessiva della flotta peschereccia.

Un’altra importante informazione ottenuta dagli studi sugli stock ittici riguarda le aree e i periodi sensibili. Gli organismi, infatti, non si distribuiscono in modo casuale, ma sono condizionati dal tipo di fondale, profondità, salinità, correnti, ecc. Spesso si osservano concentrazioni di individui di una specie in periodi e aree che risultano le più idonee per i loro bisogni in una ben definita fase vitale. È comune ad esempio trovare concentrazioni di individui adulti nei periodi di riproduzione o di giovani densamente concentrati in aree “di nursery”. Risulta quindi necessario definire queste aree e prendere speciali provvedimenti di protezione in modo da evitare eccessivi prelievi quando le popolazioni sono molto concentrate e vulnerabili.

Gli strumenti da pesca
I principali tipi di pesca commerciale sono lo strascico, la circuizione e la pesca artigianale.

Lo strascico viene effettuato grazie ad una rete a sacco collegata a delle strutture dette “divergenti” che consentono l’apertura della bocca della rete una volta che questa è trascinata in mare. Vi sono quattro principali tipologie di attrezzo: la tartana, la volantina, la francese e il rapido. La tartana è una rete asimmetrica che raggiunge un’apertura orizzontale di 5-20 m e un metro in verticale e mantiene uno stretto contatto con il fondo.

La volantina e la francese comportano un minor contatto con il fondo ma hanno aperture che in verticale variano da 2 a 4 metri. Il rapido ha un’intelaiatura rigida alla bocca con denti arcuati che consentono la penetrazione nel fondo ed è specificatamente indirizzato a specie legate ai fondi sabbiosi, come sogliole, rombi e razze. La volantina e la francese pescano specie quali naselli, cicale, seppie e triglie; la tartana, utilizzata in profondità, può permettere la pesca dello scampo, della mostella e del potassolo.

La pesca a circuizione può essere effettuata sia per il pesce azzurro che per il pesce bianco. La prima si effettua col “cianciolo” e con l’ausilio di fonti luminose: la rete viene calata dal peschereccio con l’impiego di barche più piccole sui banchi di pesce attirati dalle luci. È utilizzata soprattutto per acciughe, sardine, sardinelle. La circuizione al pesce bianco viene effettuata senza fonti luminose e permette la pesca di orate, dentici, ricciole e palamite.

La pesca artigianale o piccola pesca utilizza reti da posta, palangari, sciabiche e nasse.

rete da posta derivante

Le reti da posta possono avere un solo pannello di rete (imbrocco) o tre pannelli nel caso del tramaglio. La rete a imbrocco cattura i pesci che rimangono stretti nelle maglie a livello delle aperture branchiali.

tramaglio è costituito da reti con uno o più pannelli, armate in alto da una linea dei sugheri che permette il galleggiamento, ed in basso da una corda appesantita con dei piombi.Tramaglio (rete) | MarePesca

Il tramaglio è costituito da due pannelli esterni a maglie grandi e uno interno a maglie piccole: la cattura avviene per ammagliamento alla rete interna dopo aver attraversato il primo pannello. Una variante del tramaglio è la rete incastellata, o ingarzellata, costituita da un tramaglio sormontato da una rete a imbrocco.

Palangaro fisso di fondale – da regione siciliana Regione Siciliana – Sito Ufficiale

Il palangaro è l’attrezzo ad ami più utilizzato a livello professionale: è costituito da una serie di lenze appese ad un cavo, ognuna portante un amo. La pesca con la sciabica è mirata alla cattura del rossetto (Aphia minuta): i pescatori calano la rete in modo da circondare i banchi di rossetto precedentemente individuati mediante l’ecoscandaglio.

una pesca antica: le nasse – fotografia di Ezio Quiresi scattata alla fine degli anni Cinquanta ad Aci Trezza ReportageSicilia: ACI TREZZA, TUTTO CAMBIO’ DOPO ‘LA TERRA TREMA’

Le nasse sono realizzate secondo varie tipologie, il sistema di cattura è rappresentato da una struttura ad imbuto che permette l’entrata ma non l’uscita degli organismi. Al suo interno possono essere messe esche che attirano le prede. I molluschi lamellibranchi vengono pescati con i rastrelli, solitamente retini di metallo con denti o lama che si infossano nel substrato in acque di limitata profondità; possono essere azionate a mano o con imbarcazioni.

La pesca subacquea ai cannolicchi viene esercitata da operatori in immersione con l’utilizzo di un’asta lunga 40 cm che presenta alla sua estremità un’ogiva a forma di cono: l’ogiva viene introdotta nei sifoni del mollusco che appaiono come fori del fondale sabbioso, permettendo l’estrazione dell’animale.

Luigi Piazzi

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

<

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

Loading

(Visited 621 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
13 visitatori online
13 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 26 alle 08:59 am
Mese in corso: 65 alle 12-05--2024 04:06 pm
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x