If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Grace O’Malley, la regina del mare di Connacht

Reading Time: 6 minuteslivello elementare

.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVI SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO, IRLANDA
parole chiave: Grace O’Malley, Clan irlandesi, Inghilterra, Elizabeth I

 

Abbiamo incontrato su queste pagine molte donne guerriere, dalla bellissima Teuta, regina dell’Illiria, alla misteriosa Chin pirata dei mari della Cina, fino alle spregiudicate e libere donne dei Caraibi. Oggi raccontiamo la storia di Grace O’Malley, patriota della verde Irlanda che combatté la corona inglese per terra, ma soprattutto per mare, per l’indipendenza della sua Patria. Leggendo le fonti scopriamo che Grace ebbe molte cose in comune con le altre donne che abbiamo raccontato nelle nostre pagine: uno spirito libero e la ricerca di indipendenza dai poteri forti.

Grace O’Malley apparteneva al clan Ó Máille dell’Irlanda occidentale ed era nata da stirpe nobile. Avrebbe potuto avere una vita regale, una famiglia o comunque una vita comoda ma la passione per l’oceano tempestoso, per i venti sferzanti dell’Atlantico la portarono a solcare i mari.

non avendo trovato ritratti affidabili, vogliamo immaginarcela così, bella e indomita nei mari del Nord, intrepido capitano al servizio della causa irlandese

Donna intelligente  e volitiva, non accettò mai compromessi e seppe creare importanti legami politici tra i clan e con le nazioni vicine. A comando delle sue navi si dedicò alla guerra in mare in prima persona accumulando grandi ricchezze. Come spesso accade questi personaggi, tra verità e fantasie, si trasformano in  leggende. Così accadde per Grace che divenne una delle figure più importanti della storia e del folclore irlandese. Oggi raccontiamo la sua storia, la vita della “regina del mare di Connacht“.

Grace O’Malley nacque sotto il nome di Gráinne Ní Mháille, Irlanda, intorno al 1530, figlia di un ricco nobile e commerciante marittimo Owen O’Malley (Eoghan Dubhdara Ó Máille). Durante la sua gioventù l’Irlanda era sotto il controllo inglese, governato dal re d’Inghilterra Enrico VIII, che la costrinse con la forza a rinunciare alla sua indipendenza.

Ma non tutti i clan si assoggettarono, certamente non quello degli O’Malley. Grace fu allevata nelle residenze di famiglia di Belclare e Clare Island come figlia del capo clan, la cui eredità risaliva al Maille Mac Conall, nipote del re Ui Maill che aveva regnato nel Medioevo irlandese. Non dobbiamo pensare ad un ambiente di corte tribale. Grace, nonostante la sua indole ribelle, ricevette un’istruzione formale ed apprese a parlare molte lingue compreso il latino, una conoscenza che come vedremo le fu in seguito molto utile. 

Il clan degli O’Malleys si impose come uno dei rari clan marinareschi del popolo irlandese, riuscendo non solo a trovare fortuna nel commercio ma anche nella guerra navale. A quell’epoca la differenza tra guerra e pirateria era molto sottile e spesso diversificata solo dalla firma di lettere di marca (di corsa). Gli uomini del clan solcavano quei mari con perizia e all’occasione depredavano i mercantili tornando poi al porto con ricchi bottini. Un’atmosfera “eroica” che affascinava i giovani che ambivano a seguire le gesta dei loro antenati. Non c’è quindi da meravigliarsi se Grace,  cresciuta tra marinai e pescatori, fu affascinata dall’oceano. La leggenda racconta che in giovane età si tagliò i capelli e si vestì da ragazzo nel tentativo di imbarcarsi come  marinaio su una delle navi di suo padre. Dopo essere stata scoperta, la famiglia le diede il soprannome di “Grainne Mhaol“, epiteto con il quale è conosciuta ancora oggi. Spesso imbarcava con il padre e si racconta che durante una traversata subirono l’attacco di pirati. Grace non si diede per vinta e non solo salvò la vita del padre ma riuscì, spada alla mano, a cambiare l’andamento della battaglia ricacciando gli avversari  in mare. 

All’età di 17 anni, nel 1546, O’Malley, forse suo malgrado o forse per amore, si sposò con il Dónal a Chogaidh Ó Flaithbheartaigh, noto anche come “Donal of the Battle“, erede del clan O’Flaherty e possessore di grandi appezzamenti terrieri nello Iar Connacht. Da Donal ebbe tre figli: due maschi Owen e Murrough ed una femmina Margaret. Nel 1566 O’Malley si risposò con Risdeárd an Iarainn Bourke, noto come “Iron Richard”. Non fu un matrimonio d’amore: oltre alla sue terre questi possedeva una discreta flotta navale e controllava molti porti necessari al clan O’Malley per i suoi traffici. La natura politica di questo matrimonio si rivelò in breve tempo e, un anno dopo il matrimonio, Grace divorziò da Burke tenendosi il castello ed il porto di Rockfleet, località strategicamente molto importante per la flotta del suo clan. Ben presto i comuni interessi marittimi portarono il clan a scontrarsi contro la corona inglese di Elisabetta I

Non fu una scelta sofferta. Grace non amava molto gli Inglesi che, nell’anno precedente, avevano acquisito ancora molte terre irlandesi ponendole sotto il loro duro dominio.

Elisabetta I

Una via senza uscita per il suo clan che, negli anni seguenti, iniziò a combattere Elisabetta, schierandosi con il Lord Deputy of Ireland che cercava di proteggere gli interessi irlandesi e scozzesi contro l’Inghilterra. La sua fama di donna risoluta che non scendeva a compromessi crebbe e nacquero le prime leggende alimentate anche dalle sue reazioni,  per il tempo decisamente maschili e poco politiche. 

Ad esempio nel 1576 O’Malley salpò con la sua nave per recarsi al castello di Howth per visitare il Lord locale. Arrivata alle porte del maniero, non essendoci il padrone di casa, non le fu permesso di entrare. Sentendosi insultata,  Grace non ci pensò due volte, entrò con la forza e rapì il nipote del Lord Howth, Christopher St Lawrence. Il suo “brutto carattere” divenne leggendario e, nel 1593, Grace O’Malley entrò in conflitto non solo con l’usurpatore inglese, ma anche con il Regno d’Irlanda, che aveva cercato di limitare l’influenza del clan sui suoi possedimenti. Dovette combattere più volte contro gli altri clan irlandesi sotto le mura dei suoi castelli ma, quello stesso anno, il governatore inglese del Connacht, Sir Richard Bingham, riuscì a catturare i suoi figli Tibbot Burke e Murrough O’Flaherty e il suo fratellastro Dónal na Píopa. Grace infuriata decise allora di recarsi a Londra per parlare personalmente con Elisabetta I, regina d’Inghilterra, per chiederle di garantire la loro liberazione.

Quando arrivò al suo cospetto, non le si inchinò di fronte, non considerandola legittima governante dell’Irlanda, e le parlò in latino. Al termine del colloquio la Regina e Grace O’Malley giunsero ad un accordo: Bingham sarebbe stato rimosso ma Grace O’Malley avrebbe smesso di sostenere i signori irlandesi che combattevano per l’indipendenza delle loro terre. In realtà al suo ritorno in Irlanda, Grace vide che non tutte le promesse erano state soddisfatte ed i castelli e le terre dalla famiglia O’Malley erano rimaste in mani inglesi. All’eroina irlandese non restò che continuare a sostenere l’indipendenza irlandese nella sanguinosa guerra dei nove anni (1594-1603), il maggiore conflitto contro il dominio inglese in Irlanda durante l’era elisabettiana.

Le fonti storiche

Durante tutti i 70 anni della sua vita, Grace O’Malley mantenne la reputazione di leader politico spietato con i nemici ed intelligente, proteggendo con successo per terra e per mare l’indipendenza delle sue terre, in un  periodo non facile nel quale gran parte dell’Irlanda cadde sotto il dominio inglese. La sua biografia è stata scritta dallo storico Anne Chambers, basata su fonti documentali inglesi. Non è menzionata negli annali irlandesi in quanto il “libro” della famiglia O’Malley, una raccolta di poesie bardiche sulle famiglie aristocratiche gaeliche del periodo, non è sopravvissuto.  Un’importante fonte storica sulla sua vita sono i diciotto “Articoli di interrogatorio“, quesiti che le furono poste per iscritto a nome di Elisabetta I. Tra i tanti documenti di stato inglesi vi è anche una lettera inviata dal Lord Deputy, Sir Henry Sidney a suo figlio Phillip nel 1577 che riporta: “There came to mee a most famous femynyne sea captain called Grace Imallye, and offred her service unto me, wheresoever I woulde command her, with three gallyes and two hundred fightinge men...“. 

La regina del mare di Irlanda O’Malley morì nel castello di Rockfleet nel 1603, per ironia lo stesso anno di  Elizabeth I, regina d’Inghilterra che Grace non volle mai riconoscere come tale.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 311 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

8 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »