If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Scopriamo come pianificare le nostre immersioni con il nitrox

Reading Time: 4 minutes

.
livello medio

.,
ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Miscele

.

Dopo aver introdotto vantaggi e svantaggi nell’uso delle miscele iperossigenate entriamo nel vivo del loro uso.

Una manciata di formulette
Proviamo adesso a ripartire da dove il nostro corso nitrox era terminato, ovvero da quelle  formulette citate nel manuale, quasi mai prese in considerazione dall’istruttore di turno, e considerate erroneamente da molti una superflua digressione sul tema. Esse sono invece la base di partenza per il subacqueo che pianifica l’immersione sia con aria che con le miscele iperossigenate. La prima relazione coincide con la legge di Dalton applicata alla nostra miscela, che lega tre parametri fondamentali: la pressione ambiente, PA, la frazione di ossigeno, FO2,  e la sua pressione parziale, PO2. Da questa prima relazione fondamentale ricaviamo le altre due formule, che si ottengono ricavando il parametro che ci interessa dopo aver fissato gli altri due.   Dipende da ciò che ci possiamo fissare e ciò che desideriamo ottenere. Nelle relazioni non compare direttamente la profondità, ma la pressione ambiente, PA

La profondità dovrà essere quindi poi ricavata da essa, semplicemente moltiplicando per 10 e aggiungendo 1, come ben noto.  Infine, la frazione di ossigeno non è altro che la percentuale di questo gas divisa per 100.  Ad esempio la miscela EAN 36, contenente ossigeno al 36%, ha una frazione di ossigeno pari a 0,36. Ognuna delle tre formulette fornisce quindi la risposta ad una domanda, l’esigenza cioè di conoscere uno dei tre parametri in gioco.  Vediamole:

Quale pressione di ossigeno raggiungo usando una data miscela nitrox ad una data profondità? 

PO2  =  FO2  x  PA    (legge di Dalton)

Questa prima relazione è utilizzata per calcolare la pressione parziale di ossigeno ad una certa profondità. Serve soprattutto per verificare che la miscela nitrox che abbiamo a disposizione sia compatibile con la profondità che vogliamo raggiungere, ovvero la pressione parziale di ossigeno non superi 1,4 bar. 

Vediamolo con un esempio.

Abbiamo a disposizione una miscela nitrox EAN 36.   Vogliamo conoscere  la pressione parziale di ossigeno respirando questa miscela a  una profondità di 25 metri, alla quale corrisponde una pressione ambiente  PA di (25/10 +1 )= 3,5 bar.  

PO2  =  FO2  x  PA ;              0,36 x 3,5  =  1,26 bar

Tale miscela è quindi utilizzabile alla profondità di 25 mt, poiché non eccede il limite di 1,4 bar.

Quale pressione ambiente posso raggiungere usando una data miscela nitrox entro una data  pressione di ossigeno?

PA  =  PO2  /  FO2

Questa seconda relazione è la più utilizzata perché fornisce la  MOD= Max profondità operativa per una data frazione di ossigeno.  Ad esempio  vogliamo sapere quale è la max profondità operativa, respirando miscela nitrox al 40% di ossigeno, considerando che  il valore limite di PO2 è sempre fissato a 1,4  bar.

PA  =  PO2  /  FO2                1,4 / 0,4  =  3,5 bar

A questa pressione ambiente di 3,5 bar corrisponde una profondità di:  3,5 x 10 -10 = 25 metri che rappresenta il limite di utilizzo di tale miscela, (MOD).

Quale miscela nitrox debbo usare per raggiungere una certa profondità entro una data pressione di ossigeno?

FO2  =  PO2  /  PA

Questa terza relazione consente di calcolare la miscela nitrox più adatta alla profondità che stiamo pianificando. Ad esempio vogliamo fare un’immersione su un relitto che poggia su un fondale di 37 metri, con una miscela nitrox che consenta la massima estensione del limite di non decompressione. 

A 37 metri di profondità corrisponde una PA di 4,7 bar.   Quindi:

FO2  =  PO2  /  PA    1,4 / 4,7  =  0,3

da cui  una miscela nitrox al 30 % di ossigeno, (EAN 30).  

Ricapitolando
Se usassimo delle miscele nitrox EAN 32 o EAN 36 avremmo facilmente a disposizione delle tabelle decompressive specifiche per queste percentuali di ossigeno, e potremmo usarle direttamente per pianificare l’immersione.  

Se usassimo una qualunque diversa percentuale di ossigeno, dovremmo utilizzare tabelle per l’aria alla profondità equivalente (EAD), calcolata in base alla profondità reale ed alla percentuale di ossigeno utilizzata.  La profondità da utilizzare nelle tabelle ad aria è la più vicina, per eccesso, alla EAD che risulta dal calcolo.  

Bisognerà inoltre controllare di rimanere entro la massima pressione parziale di ossigeno prevista ed entro i limiti di tossicità CNS.

Nel caso si utilizzi invece un computer subacqueo, sarà lui ad effettuare tutti i calcoli decompressivi, tenendo conto della ridotta percentuale di inerte nella miscela, e terrà sotto controllo anche la percentuale di esposizione all’ossigeno in tempo reale (cumulo delle OTU oxigen toxicity units e del % CNS). Il computer, lavorando sulla base di algoritmi matematici, calcolerà dati esatti senza fare arrotondamenti grossolani; inoltre considererà la reale percentuale di azoto anche nella fase di risalita, che viene quindi ottimizzata in termini di tempo. 

Luca Cicali

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 3.486 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

6 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »