Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

I cannoni navali inglesi sul lungomare di La Spezia

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XIX SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Blomefield, cannoni, La Spezia
.

Un interessante articolo di Aldo Antonicelli sui cannoni esposti sul mare lungo la passeggiata Costantino Morin, sulla banchina intitolata al grande ammiraglio italiano  Paolo Thaon di Revel (Torino, 10 giugno 1859 – Roma, 24 marzo 1948), ammiraglio e politico italiano. 

Nota della redazione
Thaon di Revel
entrò nella Regia Marina nel 1873, alla giovane età di quattordici anni, formandosi prima per due anni a Napoli e poi altri tre a Genova. Promosso guardiamarina nel 1877, nel 1879 partecipò alla circumnavigazione del globo a bordo della fregata RN Garibaldi. Il 1º gennaio 1900, Revel fu promosso capitano di fregata e designato comandante della torpediniera-avviso Sparviero dove si distinse come brillante manovratore e severo educatore. 

Fotografia del 1879 di Paolo di Thaon di Revel con il grado di tenente di vascello quando, dal 1886 al 1895, rivestì l’incarico di ufficiale d’ordinanza del principe Eugenio di Savoia-Carignano

Il 1º gennaio 1900 fu promosso capitano di fregata e designato comandante della torpediniera avviso Sparviero, dove si distinse come brillante manovratore e severo educatore. Grazie a queste sue caratteristiche gli fu in seguito assegnato il comando della Scuola macchinisti di Venezia e della Regia Accademia Navale di Livorno (1900-1907). Promosso capitano di vascello nel 1904, dal 1907-1909 comandò la corazzata veloce RN Vittorio Emanuele. Nel 1908, a seguito del terremoto che colpì Messina, Thaon schierò la corazzata e le altre navi della squadra per il primo intervento di protezione civile del regno di Italia. Nel 1910, Thaon fu nominato e presidente di una commissione ministeriale incaricata del riordino degli studi negli istituti d’istruzione della Regia Marina. Grazie alla sua non comune visione venne varata la riforma dei corsi dell’Accademia navale necessaria per formare gli ufficiali della futura marina italiana. Sebbene di facile penna nell’epistolario privato e di servizio, si mantenne a debita distanza dai giornali e dalla storiografia contemporanea, nella convinzione che “chi fa la storia non deve scriverla” e che “la storia in fondo è quella che si crede“. Un esempio per tanti uomini politici e militari dei giorni nostri. A lui è intitolata una delle navi più moderne della marina militare italiana, consegnata nel 2022, ed un futuristico ponte, inaugurato il 2 luglio 2013, che si affaccia lungo la passeggiata Morin di La Spezia. Dopo questa disgressione, torniamo ora all’articolo di Aldo Antonicelli sui cannoni che molti di voi hanno visto lungo la passeggiata Morin. 

Sulla banchina Thaon di Revel della Spezia, come in molte altre città della Liguria, si trovano quattro cannoni ottocenteschi. Si tratta di quattro esemplari del cannone britannico modello Blomefield da 18 lb di peso palla (peso inglese, pari a circa 8 kg), nella versione lunga 8 piedi (2,438 m, lunghezza nominale dalla piattabanda di culatta alla bocca, escluso il codone), del peso di 1,927 t e del calibro di 134 mm.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cannoni-morin-3-1024x768.jpg

Sull’orecchione sinistro di uno degli esemplari è ben visibile il nome della fonderia scozzese di Carron e l’anno di fusione, 1812, sovrastati dal numero di serie del pezzo. Sull’orecchione destro dei quattro pezzi è visibile, anche se alquanto deteriorata, l’indicazione del calibro del pezzo: 18 P, abbreviazione di “18 Pounder” (ossia cannone da 18 libbre).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cannoni-morin-4-1024x768.jpg

I cannoni portano sulla volata le armi del re Giorgio III. Tutti i pezzi presentano la predisposizione per il fissaggio dell’acciarino a pietra focaia per l’innesco della carica di lancio, consistente in un incavo praticato nella piattabanda di culatta e in due fori sul lato verticale del campo del focone.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cannoni-morin-5-1024x768.jpg I cannoni modello Blomefield furono in dotazione alla Marina britannica, e anche all’artiglieria terrestre da assedio, da fortezza e da costa, a partire dal 1787 fino ad oltre la seconda metà dell’800; furono realizzati in numerosi calibri e, a parità di calibro, in differenti versioni di lunghezza, diametri e pesi diversi. In particolare, il cannone da 18 lb fu realizzato in tre versioni lunghe rispettivamente 9, 8 e 6 piedi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cannoni-morin-2-1024x768.jpg

E’ problematico stabilire la provenienza dei quattro cannoni di La Spezia, in quanto il Regno di Sardegna acquistò in Gran Bretagna molti pezzi di questo modello sia per la Marina, prima nel 1819 e poi nel 1826-28, sia per l’esercito nel triennio 1832-34. Qualora si trattasse di pezzi della Marina è però possibile ipotizzare con un certo grado di precisione a quale nave potrebbero essere appartenuti, grazie all’esame dei documenti conservati nel fondo Marina dell’Archivio di Stato di Torino. Nel 1819, per armare la fregata di secondo ordine Cristina che era stata varata in quell’anno, la Marina acquistò in Gran Bretagna dal Board of Ordnance (Ufficio di Artiglieria) ventisei cannoni da 18 libbre del peso ciascuno di circa 1.912 kg. Si trattava di pezzi prelevati dalle scorte e quindi certamente portavano le armi di Giorgio III. Una tabella non datata ma probabilmente coeva all’acquisto dei pezzi riporta alcune dimensioni dei cannoni da 18 libbre “venus d’Angleterre pour l’Armament de la fregate La Cristine”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cannoni-morin-1024x768.jpg

Esse sono uguali a quelle dei cannoni del lungomare. In seguito, sempre in Gran Bretagna furono acquistati altri cannoni da 18 lb ma erano di versioni differenti sia in peso che in lunghezza; in totale nel 1851 la Marina possedeva 72 cannoni da 18 lb di quattro modelli differenti, di cui però solo 26 avevano le dimensioni di quelli del lungomare, fatte salve minime differenze, come nel caso del peso. Tali differenze erano del tutto normali e facevano parte delle tolleranze previste nella fusione dei pezzi.

Qualora fossero esatte le ipotesi che i cannoni del lungomare siano appartenuti alla Marina e siano stati imbarcati su una nave, questa potrebbe quindi quasi certamente essere stata la fregata Cristina.

Gli affusti non sono originali ma, come mi è stato comunicato dal contrammiraglio del Genio Navale (ris) Piero Carpani, che mi ha anche indicato l’esistenza di questi pezzi, sono copie realizzate sotto la sua direzione nell’Arsenale della Marina e riproducono molto fedelmente i tipici affusti navali “a carretta” dell’epoca. L’armamento completo della Cristina era composto da 26 cannoni da 18 lb collocati sul ponte di batteria e da dodici carronate da 18 lb e due cannoni di bronzo da otto collocati in coperta. In realtà ciò è del tutto errato e smentito dai documenti dell’Archivio di Stato di Torino in merito all’armamento della Cristina riportato da L. Radogna in “Cronistoria delle unità da guerra delle Marine preunitarie”, Roma, 1981, p. 395. Secondo l’Autore esso consisteva in 26 cannoni da 24 lb, 20 carronate da 18 lb e due obici da 60 lb, un dato che poi è stato ripetuto anche da altri storici. 

Aldo Antonicelli

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 266 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »